TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE: Testo del decreto-legge 24 giugno 2003, n. 147 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale | Edilone.it

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE: Testo del decreto-legge 24 giugno 2003, n. 147 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE: Testo del decreto-legge 24 giugno 2003, n. 147 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 145 del 25 giugno 2003), coordinato con la legge di conversione 1° agosto 2003, n. 200 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale, alla pag. 5), recante: «Proroga di termini e disposizioni urgenti ordinamentali». (GU n. 178 del 2-8-2003)

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE

Testo del decreto-legge 24 giugno 2003, n. 147 (in Gazzetta Ufficiale
– serie generale – n. 145 del 25 giugno 2003), coordinato con la
legge di conversione 1° agosto 2003, n. 200 (in questa stessa
Gazzetta Ufficiale, alla pag. 5), recante: «Proroga di termini e
disposizioni urgenti ordinamentali».

Avvertenza:

Il testo coordinato qui pubblicato e’ stato redatto dal Ministero
della giustizia ai sensi dell’art. 11, comma 1, del testo unico delle
disposizioni, sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni
ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre
1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la lettura delle
disposizioni del decreto-legge, integrate con le modifiche apportate
dalla legge di conversione. Restano invariati il valore e l’efficacia
degli atti legislativi qui riportati.
Le modifiche apportate dalla legge di conversione sono stampate
con caratteri corsivi.
Tali modifiche sono riportate sul terminale tra i segni (( … )).
A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1988, n. 400
(Disciplina dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza
del Consiglio dei Ministri), le modifiche apportate dalla legge di
conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua
pubblicazione.
Nella Gazzetta Ufficiale del 10 settembre 2003 si procedera’ alla
ripubblicazione del presente testo coordinato, corredato delle
relative note.
Art. 1.
Sospensione delle procedure esecutive di rilascio per finita
locazione

1. La sospensione delle procedure esecutive di rilascio per finita
locazione di cui all’articolo 1, comma 1, del decreto-legge 20 giugno
2002, n. 122, convertito, con modificazioni, dalla legge 1° agosto
2002, n. 185, e’ prorogata fino al 30 giugno 2004.

Art. 1-bis.
Proroga delle agevolazioni tributarie a favore degli interventi di
ristrutturazione edilizia

(( 1. Al comma 5 dell’articolo 2 della legge 27 dicembre 2002, n.
289, le parole: «30 settembre 2003», ovunque ricorrono, sono
sostituite dalle seguenti: «31 dicembre 2003».
2. Alle minori entrate derivanti dall’attuazione del presente
articolo, pari a 1,5 milioni di euro per l’anno 2003, a 16 milioni di
euro per l’anno 2004 e a 10 milioni di euro a decorrere dall’anno
2005, si provvede mediante corrispondente riduzione dello
stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2003-2005,
nell’ambito dell’unita’ previsionale di base di parte corrente «Fondo
speciale» della stato di previsione del Ministero dell’economia e
delle finanze per l’anno 2003, allo scopo parzialmente utilizzando
l’accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri.
3. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
))

Art. 2.
Liberalizzazione dell’accesso al mercato dell’autotrasporto di merci
per conto di terzi

1. All’articolo 22, comma 1-bis, del decreto legislativo
22 dicembre 2000, n. 395, le parole: «30 giugno 2003» sono sostituite
dalle seguenti: (( 31 dicembre 2004 )).

Art. 3.
Riqualificazione urbana della citta’ di Palermo

1. Nell’articolo 1, comma 1, della legge 29 novembre 2001, n. 436,
le parole: «entro il 30 giugno 2003» sono sostituite dalle seguenti:
«entro il 31 dicembre 2003».

Art. 4.
Norme per la sicurezza degli impianti

1. Le disposizioni del capo quinto della parte seconda del testo
unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia
edilizia, (( di cui )) al decreto del Presidente della Repubblica 6
giugno 2001, n. 380, hanno effetto a decorrere dal 1° gennaio 2004.
(( La proroga non si applica agli edifici scolastici di ogni ordine e
grado. ))

Art. 5.
Interventi per la ricostruzione nei comuni colpiti da eventi sismici

1. Il termine previsto dall’articolo 86, comma 2, secondo periodo,
della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e’ prorogato di sei mesi.

Art. 5-bis.
Proroga delle agevolazioni tributarie a favore degli interventi di
ristrutturazione edilizia nella regione Piemonte

(( 1. Per i soggetti che alla data dell’11 aprile 2003 erano
residenti nei territori individuati ai sensi dell’ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3284 del 30 aprile 2003,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 106 del 9 maggio 2003, le
disposizioni di cui all’articolo 2, comma 5, della legge 27 dicembre
2002, n. 289, si applicano per le spese sostenute fino al 31 marzo
2004.
2. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo, pari
a 100.000 euro per il 2004, a 300.000 euro per il 2005 e a 100.000
euro a decorrere dal 2006, si provvede mediante corrispondente
riduzione delle proiezioni per gli anni 2004 e 2005 dello
stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2003-2005,
nell’ambito dell’unita’ previsionale di base di parte corrente «Fondo
speciale» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e
delle finanze per l’anno 2003, alla scopo parzialmente utilizzando
l’accantonamento relativo al medesimo Ministero.
3. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
))

Art. 5-ter.
Proroga delle agevolazioni tributarie per gli investimenti nella
regione Piemonte

(( 1. Le disposizioni di cui all’articolo 4, comma 1, della legge
18 ottobre 2001, n. 383, sono prorogate fino al secondo periodo di
imposta successivo a quello in corso alla data del 25 ottobre 2001,
limitatamente agli investimenti realizzati fino al 31 dicembre 2003
in sedi operative ubicate nei comuni interessati dagli eventi sismici
dell’11 aprile 2003, come individuati ai sensi dell’ordinanza del
Presidente dei Consiglio dei Ministri n. 3284 del 30 aprile 2003,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 106 del 9 maggio 2003. Per gli
investimenti immobiliari la proroga di cui al primo periodo riguarda
quelli realizzati fino al terzo periodo di imposta successivo a
quello in corso alla data del 25 ottobre 2001 e, comunque, entro il
31 luglio 2004.
2. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo, pari
a 6,7 milioni di euro per l’anno 2004 e a 0,4 milioni di euro per
l’anno 2005, si provvede mediante corrispondente riduzione delle
proiezioni per gli anni 2004 e 2005 dello stanziamento iscritto, ai
fini del bilancio triennale 2003-2005, nell’ambito dell’unita’
previsionale di base di parte corrente «Fondo speciale» dello stato
di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno
2003, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo
al Ministero degli affari esteri.
3. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
))

Art. 5-quater.
Proroga di interventi in favore del settore agricolo

(( 1. E’ autorizzata la spesa di 1.830.000 euro per l’anno 2003, di
1.830.000 euro per l’anno 2004 e di 2.330.000 euro per l’anno 2005,
da destinare all’«Institut Agricole Regional» della Valle d’Aosta, al
fine di garantire lo sviluppo e gli investimenti previsti per la
ricerca e per la sperimentazione nel settore agricolo e zootecnico.
2. All’onere derivante dal comma 1, per ciascuno degli anni 2003,
2004 e 2005, si provvede mediante corrispondente riduzione dello
stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2003-2005,
nell’ambito dell’unita’ previsionale di base di conto capitale «Fondo
speciale» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e
delle finanze per l’anno 2003, allo scopo parzialmente utilizzando
l’accantonamento relativo al medesimo Ministero.
3. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad
apportare, con proprio decreto, le occorrenti variazioni di bilancio.
))

Art. 6.
Disposizioni in materia di trasporto ferroviario

1. All’articolo 38, comma 3, della legge 1° agosto 2002, n. 166, le
parole: «e comunque non oltre il 31 dicembre 2003» sono sostituite
dalle seguenti: «e comunque non oltre il 31 dicembre 2005».
(( 1-bis. Per l’anno 2002 l’ammontare delle somme da corrispondere
in relazione agli obblighi di servizio pubblico nel settore dei
trasporti per ferrovia, previsti dal regolamento (CEE) n. 1191/69 del
Consiglio, del 26 giugno 1969, e in conformita’ all’articolo 5 della
direttiva 91/440/CEE del Consiglio, del 29 luglio 1991, relativo alla
disciplina della modalita’ della fornitura e commercializzazione dei
servizi, in attesa della stipula del contratto di servizio pubblico,
e’ accertato, in via definitiva e senza dare luogo a conguagli, in
misura pari a quella complessivamente prevista per lo stesso anno e
per lo stesso contratto dal bilancio di previsione dello Stato; il
Ministero dell’economia e delle finanze e’ autorizzato a
corrispondere alla Societa’ Trenitalia spa, alle singole scadenze, le
somme spettanti. ))

Art. 7.
Enti pubblici

1. Nell’articolo 28, comma 1, della legge 28 dicembre 2001, n. 448,
e successive modificazioni, le parole: «entro il 30 giugno 2003» sono
sostituite dalle seguenti:
«entro sei …

[Continua nel file zip allegato]

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE: Testo del decreto-legge 24 giugno 2003, n. 147 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale

Edilone.it