TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 6 giugno 2012, n. 74 - Testo del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 131 del 7 giugno 2012), coordinato con la legge di conversione 1° agosto 2012, n. 122 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 1 ), recante: «Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012.». (12A08784) - (GU n. 180 del 3-8-2012 | Edilone.it

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 6 giugno 2012, n. 74 – Testo del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 131 del 7 giugno 2012), coordinato con la legge di conversione 1° agosto 2012, n. 122 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 1 ), recante: «Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012.». (12A08784) – (GU n. 180 del 3-8-2012

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 6 giugno 2012, n. 74 - Testo del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 131 del 7 giugno 2012), coordinato con la legge di conversione 1° agosto 2012, n. 122 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 1 ), recante: «Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012.». (12A08784) - (GU n. 180 del 3-8-2012 )

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 6 giugno 2012 , n. 74
Testo del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74 (in Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 131 del 7 giugno 2012), coordinato con la legge
di conversione 1° agosto 2012, n. 122 (in questa stessa Gazzetta
Ufficiale alla pag. 1 ), recante: «Interventi urgenti in favore delle
popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il
territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova,
Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012.». (12A08784)

Capo I

INTERVENTI IMMEDIATI PER IL SUPERAMENTO DELL’EMERGENZA

Avvertenza:
Il testo coordinato qui pubblicato e’ stato redatto dal Ministero
della giustizia ai sensi dell’art. 11, comma 1, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni
ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre
1985, n. 1092, nonche’ dell’art. 10, comma 3, del medesimo testo
unico, al solo fine di facilitare la lettura sia delle disposizioni
del decreto-legge, integrate con le modifiche apportate dalla legge
di conversione, che di quelle richiamate nel decreto, trascritte
nelle note. Restano invariati il valore e l’efficacia degli atti
legislativi qui riportati.

Le modifiche apportate dalla legge di conversione sono stampate
con caratteri corsivi.

Tali modifiche sono riportate in video tra i segni ((….))

A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1988, n. 400
(Disciplina dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza
del Consiglio dei Ministri), le modifiche apportate dalla legge di
conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua
pubblicazione.

Art. 1

Ambito di applicazione e coordinamento
dei presidenti delle regioni

1. Le disposizioni del presente decreto sono volte a disciplinare
gli interventi per la ricostruzione, l’assistenza alle popolazioni e
la ripresa economica nei territori dei comuni delle province di
Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo,
interessate dagli eventi sismici dei giorni 20 e 29 maggio 2012, per
i quali e’ stato adottato il decreto del Ministro dell’economia e
delle finanze 1º giugno 2012 di differimento dei termini per
l’adempimento degli obblighi tributari, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 130 del 6 giugno 2012, nonche’
di quelli ulteriori indicati nei successivi decreti adottati ai sensi
dell’articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212.
2. Ai fini del presente decreto i Presidenti delle Regioni
Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto operano in qualita’ di Commissari
delegati.
3. In seguito agli eventi sismici di cui al comma 1, considerati
l’entita’ e l’ammontare dei danni subiti ed al fine di favorire il
processo di ricostruzione e la ripresa economica dei territori
colpiti dal sisma, lo stato di emergenza dichiarato con le delibere
del Consiglio dei Ministri del 22 e del 30 maggio 2012 e’ prorogato
fino al 31 maggio 2013. Il rientro nel regime ordinario e’
disciplinato ai sensi dell’articolo 5, commi 4-ter e 4-quater, della
legge 24 febbraio 1992, n. 225.
4. Agli interventi di cui al presente decreto provvedono i
presidenti delle regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, i quali
coordinano le attivita’ per la ricostruzione dei territori colpiti
dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 nelle regioni di rispettiva
competenza, a decorrere dall’entrata in vigore del presente decreto e
per l’intera durata dello stato di emergenza, operando con i poteri
di cui all’articolo 5, comma 2, della legge 24 febbraio 1992, n. 225,
e con le deroghe alle disposizioni vigenti stabilite con delibera del
Consiglio dei Ministri adottata nelle forme di cui all’articolo 5,
comma 1, della citata legge.
5. I presidenti delle regioni possono avvalersi per gli interventi
dei sindaci dei comuni e dei presidenti delle province interessati
dal sisma, adottando idonee modalita’ di coordinamento e
programmazione degli interventi stessi.

Riferimenti normativi

La delibera del Consiglio dei Ministri del 22 maggio
2012 e’ pubblicata sulla Gazzetta ufficiale della
Repubblica italiana n. 119 del 23 maggio 2012;
La delibera del Consiglio dei Ministri del 30 maggio
2012 e’ pubblicata sulla Gazzetta ufficiale della
Repubblica italiana n. 125 del 30 maggio 2012;
Si riporta il testo dell’articolo 5 della legge 24
febbraio 1992, n. 225 (Stato di emergenza e potere di
ordinanza):
“Art. 5. Stato di emergenza e potere di ordinanza.
1. Al verificarsi degli eventi di cui all’articolo 2,
comma 1, lettera c), ovvero nella loro imminenza, il
Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente del
Consiglio dei Ministri, ovvero, per sua delega, di un
Ministro con portafoglio o del Sottosegretario di Stato
alla Presidenza del Consiglio dei Ministri segretario del
Consiglio, anche su richiesta del presidente della regione
o delle regioni territorialmente interessate e comunque
acquisita l’intesa delle medesime regioni, delibera lo
stato di emergenza, determinandone durata ed estensione
territoriale in stretto riferimento alla qualita’ ed alla
natura degli eventi, disponendo in ordine all’esercizio del
potere di ordinanza, nonche’ indicando l’amministrazione
pubblica competente in via ordinaria a coordinare gli
interventi conseguenti all’evento successivamente alla
scadenza del termine di durata dello stato di emergenza.
Con le medesime modalita’ si procede alla eventuale revoca
dello stato di emergenza al venire meno dei relativi
presupposti.
1-bis. La durata della dichiarazione dello stato di
emergenza non puo’, di regola, superare i novanta giorni.
Uno stato di emergenza gia’ dichiarato, previa ulteriore
deliberazione del Consiglio dei Ministri, puo’ essere
prorogato ovvero rinnovato, di regola, per non piu’ di
sessanta giorni.
2. Per l’attuazione degli interventi da effettuare
durante lo stato di emergenza dichiarato a seguito degli
eventi di cui all’articolo 2, comma 1, lettera c), si
provvede anche a mezzo di ordinanze in deroga ad ogni
disposizione vigente, nei limiti e secondo i criteri
indicati nel decreto di dichiarazione dello stato di
emergenza e nel rispetto dei principi generali
dell’ordinamento giuridico. Le ordinanze sono emanate,
acquisita l’intesa delle regioni territorialmente
interessate, dal Capo del Dipartimento della protezione
civile, salvo che sia diversamente stabilito con la
deliberazione dello stato di emergenza di cui al comma 1.
L’attuazione delle ordinanze e’ curata in ogni caso dal
Capo del Dipartimento della protezione civile. Con le
ordinanze, nei limiti delle risorse a tali fini disponibili
a legislazione vigente, si dispone in ordine
all’organizzazione e all’effettuazione dei servizi di
soccorso e di assistenza alla popolazione interessata
dall’evento, alla messa in sicurezza degli edifici pubblici
e privati e dei beni culturali gravemente danneggiati o che
costituiscono minaccia per la pubblica e privata
incolumita’, nonche’ al ripristino delle infrastrutture e
delle reti indispensabili per la continuita’ delle
attivita’ economiche e produttive e per la ripresa delle
normali condizioni di vita, e comunque agli interventi
volti ad evitare situazioni di pericolo o maggiori danni a
persone o a cose.
2-bis. Le ordinanze di cui al comma 2 sono trasmesse
per informazione al Ministro con portafoglio delegato ai
sensi del comma 1 ovvero al Presidente del Consiglio dei
Ministri. Le ordinanze emanate entro il trentesimo giorno
dalla dichiarazione dello stato di emergenza sono
immediatamente efficaci e sono altresi’ trasmesse al
Ministero dell’economia e delle finanze perche’ comunichi
gli esiti della loro verifica al Presidente del Consiglio
dei Ministri. Successivamente al trentesimo giorno dalla
dichiarazione dello stato di emergenza le ordinanze sono
emanate previo concerto del Ministero dell’economia e delle
finanze, limitatamente ai profili finanziari
3.
4. Il Capo del Dipartimento della protezione civile,
per l’attuazione degli interventi previsti nelle ordinanze
di cui al comma 2, si avvale delle componenti e delle
strutture operative del Servizio nazionale della protezione
civile, di cui agli articoli 6 e 11, coordinandone
l’attivita’ e impartendo specifiche disposizioni operative.
Le ordinanze emanate ai sensi del comma 2 individuano i
soggetti responsabili per l’attuazione degli interventi
previsti ai quali affidare ambiti definiti di attivita’,
identificati nel soggetto pubblico ordinariamente
competente allo svolgimento delle predette attivita’ in via
prevalente, salvo motivate eccezioni. Qualora il Capo del
Dipartimento si avvalga di commissari delegati, il relativo
provvedimento di delega deve specificare il contenuto
dell’incarico, i tempi e le modalita’ del suo esercizio. I
commissari delegati sono scelti, tranne motivate eccezioni,
tra i soggetti per cui la legge non prevede alcun compenso
per lo svolgimento dell’incarico. Le funzioni del
commissario delegato cessano con la scadenza dello stato di
emergenza. I provvedimenti adottati in attuazione delle
ordinanze sono soggetti ai controlli previsti dalla
normativa vigente.
4-bis. Per l’esercizio delle funzioni loro attribuite
ai sensi del comma 4, non e’ prevista la corresponsione di
alcun compenso per il Capo del Dipartimento della
protezione civile e per i commissari delegati, ove nominati
tra i soggetti responsabili titolari di cariche elettive
pubbliche. Ove si tratti di altri soggetti e ne ricorrano i
requisiti, ai commissari delegati e ai soggetti che operano
in attuazione delle ordinanze di cui al comma 2 si applica
l’articolo 23-ter del decreto-legge 6 dicembre 2011, n.
201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre
2011, n. 214; il compenso e’ commisurato proporzionalmente
alla durata dell’incarico, nel limite del parametro massimo
costituito dal 70 per cento del trattamento economico
previsto per il primo presidente della Corte di cassazione.
4-ter. Almeno dieci giorni prima della scadenza del
termine di cui al comma 1-bis, il Capo del Dipartimento
della protezione civile emana, di concerto con il Ministero
dell’economia e delle finanze, apposita ordinanza volta a
favorire e regolare il subentro dell’amministrazione
pubblica competente in via ordinaria a coordinare gli
interventi, conseguenti all’evento, che si rendono
necessari successivamente alla scadenza del termine di
durata dello stato di emergenza. Ferma in ogni caso
l’inderogabilita’ dei vincoli di finanza pubblica, con tale
ordinanza possono essere altresi’ emanate, per la durata
massima di sei mesi non prorogabile e per i soli interventi
connessi all’evento, disposizioni derogatorie a quelle in
materia di affidamento di lavori pubblici e di acquisizione
di beni e servizi.
4-quater. Con l’ordinanza di cui al comma 4-ter puo’
essere individuato, nell’ambito dell’amministrazione
pubblica competente a coordinare gli interventi, il
soggetto cui viene intestata la contabilita’ speciale
appositamente aperta per l’emergenza in questione, per la
prosecuzione della gestione operativa della stessa, per un
periodo di tempo determinato ai fini del completamento
degli interventi previsti dalle ordinanze adottate ai sensi
dei commi 2 e 4-ter. Per gli ulteriori interventi da
realizzare secondo le ordinarie procedure di spesa con le
disponibilita’ che residuano alla chiusura della
contabilita’ speciale, le risorse ivi giacenti sono
trasferite alla regione o all’ente locale ordinariamente
competente ovvero, ove si tratti di altra amministrazione,
sono versate all’entrata del bilancio dello Stato per la
successiva riassegnazione.
4-quinquies. Il Governo riferisce annualmente al
Parlamento sulle attivita’ di protezione civile riguardanti
le attivita’ di previsione, di prevenzione, di mitigazione
del rischio e di pianificazione dell’emergenza, nonche’
sull’utilizzo del Fondo per la protezione civile.
5. Le ordinanze emanate in deroga alle leggi vigenti
devono contenere l’indicazione delle principali norme a cui
si intende derogare e devono essere motivate.
5-bis. Ai fini del rispetto dei vincoli di finanza
pubblica, i Commissari delegati titolari di contabilita’
speciali, ai sensi degli articoli 60 e 61 del regio decreto
18 novembre 1923, n. 2440, e dell’articolo 333 del regio
decreto 23 maggio 1924, n. 827, rendicontano, entro il
quarantesimo giorno dalla chiusura di ciascun esercizio e
dal termine della gestione o del loro incarico, tutte le
entrate e tutte le spese riguardanti l’intervento delegato,
indicando la provenienza dei fondi, i soggetti beneficiari
e la tipologia di spesa, secondo uno schema da stabilire
con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze,
d’intesa con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, da
adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in
vigore del presente comma. Il rendiconto contiene anche una
sezione dimostrativa della situazione analitica dei
crediti, distinguendo quelli certi ed esigibili da quelli
di difficile riscossione, e dei debiti derivanti da
obbligazioni giuridicamente perfezionate assunte a
qualsiasi titolo dai commissari delegati, con l’indicazione
della relativa scadenza. Per l’anno 2008 va riportata anche
la situazione dei crediti e dei debiti accertati al 31
dicembre 2007. Nei rendiconti vengono consolidati, con le
stesse modalita’ di cui al presente comma, anche i dati
relativi agli interventi delegati dal commissario ad uno o
piu’ soggetti attuatori. I rendiconti corredati della
documentazione giustificativa, nonche’ degli eventuali
rilievi sollevati dalla Corte dei conti, sono trasmessi al
Ministero dell’economia e delle finanze-Dipartimento della
Ragioneria generale dello Stato-Ragionerie territoriali
competenti, all’Ufficio del bilancio per il riscontro di
regolarita’ amministrativa e contabile presso la Presidenza
del Consiglio dei Ministri, nonche’, per conoscenza, al
Dipartimento della protezione civile, alle competenti
Commissioni parlamentari e al Ministero dell’interno. I
rendiconti sono altresi’ pubblicati nel sito internet del
Dipartimento della protezione civile. Le ragionerie
territoriali inoltrano i rendiconti, anche con modalita’
telematiche e senza la documentazione a corredo, alla
Presidenza del Consiglio dei Ministri, all’ISTAT e alla
competente sezione regionale della Corte dei conti. Per
l’omissione o il ritardo nella rendicontazione si applica
l’articolo 337 del regio decreto 23 maggio 1924, n. 827. Al
fine di garantire la trasparenza dei flussi finanziari e
della rendicontazione di cui al presente comma sono vietati
girofondi tra le contabilita’ speciali. Il presente comma
si applica anche nei casi di cui al comma 4-quater.
5-ter. In relazione ad una dichiarazione dello stato di
emergenza, i soggetti interessati da eventi eccezionali e
imprevedibili che subiscono danni riconducibili all’evento,
compresi quelli relativi alle abitazioni e agli immobili
sedi di attivita’ produttive, possono fruire della
sospensione o del differimento, per un periodo fino a sei
mesi, dei termini per gli adempimenti e i versamenti dei
tributi e dei contributi previdenziali e assistenziali e
dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli
infortuni e le malattie professionali. La sospensione
ovvero il differimento dei termini per gli adempimenti e
per i versamenti tributari e contributivi sono disposti con
legge, che deve assicurare piena corrispondenza, anche dal
punto di vista temporale, tra l’onere e la relativa
copertura finanziaria, e disciplinati con decreto del
Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la
Presidenza del Consiglio dei Ministri nonche’, per quanto
attiene ai versamenti contributivi, il Ministro del lavoro
e delle politiche sociali. Il diritto e’ riconosciuto,
esclusivamente in favore dei predetti soggetti, con decreto
del Ministro dell’economia e delle finanze. La sospensione
non si applica in ogni caso agli adempimenti e ai
versamenti da porre in essere in qualita’ di sostituti
d’imposta, salvi i casi nei quali i danni impediscono
l’ordinaria effettuazione degli adempimenti. In ogni caso
le ritenute effettuate sono versate. Gli adempimenti di cui
al presente comma scaduti nel periodo di sospensione sono
effettuati entro il mese successivo alla data di scadenza
della sospensione; i versamenti sono effettuati a decorrere
dallo stesso mese in un numero massimo di ventiquattro rate
di pari importo.
5-quater. A seguito della dichiarazione dello stato di
emergenza, la Regione puo’ elevare la misura dell’imposta
regionale di cui all’articolo 17, comma 1, del decreto
legislativo 21 dicembre 1990, n. 398, fino a un massimo di
cinque centesimi per litro, ulteriori rispetto alla misura
massima consentita.
5-quinquies. Agli oneri connessi agli interventi
conseguenti agli eventi di cui all’articolo 2,
relativamente ai quali il Consiglio dei Ministri delibera
la dichiarazione dello stato di emergenza, si provvede con
l’utilizzo delle risorse del Fondo nazionale di protezione
civile, come determinato annualmente ai sensi dell’articolo
11, comma 3, lettera d), della legge 31 dicembre 2009, n.
196. Qualora sia utilizzato il fondo di cui all’articolo 28
della legge 31 dicembre 2009, n. 196, il fondo e’
reintegrato in tutto o in parte, previa deliberazione del
Consiglio dei Ministri, mediante riduzione delle voci di
spesa rimodulabili indicate nell’elenco allegato alla
presente legge. Con decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri sono individuati l’ammontare complessivo delle
riduzioni delle dotazioni finanziarie da operare e le voci
di spesa interessate e le conseguenti modifiche degli
obiettivi del patto di stabilita’ interno, tali da
garantire la neutralita’ in termini di indebitamento netto
delle pubbliche amministrazioni. Anche in combinazione con
la predetta riduzione delle voci di spesa, il fondo di cui
all’articolo 28 della legge n. 196 del 2009 e’
corrispondentemente reintegrato, in tutto o in parte, con
le maggiori entrate derivanti dall’aumento, deliberato dal
Consiglio dei Ministri, dell’aliquota dell’accisa sulla
benzina e sulla benzina senza piombo, nonche’ dell’aliquota
dell’accisa sul gasolio usato come carburante di cui
all’allegato I del testo unico delle disposizioni
legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui
consumi e relative sanzioni penali e amministrative, di cui
al decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, e
successive modificazioni. La misura dell’aumento, comunque
non superiore a cinque centesimi al litro, e’ stabilita,
sulla base della deliberazione del Consiglio dei Ministri,
con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle dogane
in misura tale da determinare maggiori entrate
corrispondenti, tenuto conto dell’eventuale ricorso alla
modalita’ di reintegro di cui al secondo periodo
all’importo prelevato dal fondo di riserva. Per la
copertura degli oneri derivanti dalle disposizioni di cui
al successivo periodo, nonche’ dal differimento dei termini
per i versamenti tributari e contributivi disposti ai sensi
del comma 5-ter, si provvede mediante ulteriori riduzioni
delle voci di spesa e aumenti dell’aliquota di accisa di
cui al del terzo, quarto e quinto periodo. In presenza di
gravi difficolta’ per il tessuto economico e sociale
derivanti dagli eventi calamitosi che hanno colpito i
soggetti residenti nei comuni interessati, ai soggetti
titolari di mutui relativi agli immobili distrutti o
inagibili, anche parzialmente, ovvero alla gestione di
attivita’ di natura commerciale ed economica svolta nei
medesimi edifici o comunque compromessa dagli eventi
calamitosi puo’ essere concessa, su richiesta, la
sospensione delle rate, per un periodo di tempo
circoscritto, senza oneri aggiuntivi per il mutuatario. Con
ordinanze del Capo del Dipartimento della protezione
civile, di concerto con il Ministro dell’economia e delle
finanze, le risorse di cui al primo periodo sono destinate,
per gli interventi di rispettiva competenza, alla
Protezione civile ovvero direttamente alle amministrazioni
interessate. Lo schema del decreto di cui al terzo periodo,
corredato della relazione tecnica di cui all’articolo 17,
comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, e successive
modificazioni, e’ trasmesso alle Camere per l’espressione,
entro venti giorni, del parere delle Commissioni competenti
per i profili di carattere finanziario. Decorso inutilmente
il termine per l’espressione del parere, il decreto puo’
essere comunque adottato.
5-sexies. Il Fondo di cui all’articolo 28 del
decreto-legge 18 novembre 1966, n. 976, convertito, con
modificazioni, dalla legge 23 dicembre 1966, n. 1142, puo’
intervenire anche nei territori per i quali e’ stato
deliberato lo stato di emergenza ai sensi del comma 1 del
presente articolo. A tal fine sono conferite al predetto
Fondo le disponibilita’ rivenienti dal Fondo di cui
all’articolo 5 della legge 31 luglio 1997, n. 261. Con uno
o piu’ decreti di natura non regolamentare del Ministro
dell’economia e delle finanze, sentita la Conferenza
permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le
province autonome di Trento e di Bolzano, nel rispetto
della disciplina comunitaria, sono individuate le aree di
intervento, stabilite le condizioni e le modalita’ per la
concessione delle garanzie, nonche’ le misure per il
contenimento dei termini per la determinazione della
perdita finale e dei tassi di interesse da applicare ai
procedimenti in corso.
5-septies. Il pagamento degli oneri dei mutui attivati
sulla base di specifiche disposizioni normative a seguito
di calamita’ naturali e’ effettuato direttamente dal
Ministero dell’economia e delle finanze. Con apposito
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, si
procede ad una puntuale ricognizione dei predetti mutui
ancora in essere e dei relativi piani di ammortamento,
nonche’ all’individuazione delle relative risorse
finanziarie autorizzate per il loro pagamento ed iscritte
nello stato di previsione del Ministero dell’economia e
delle finanze ovvero nel bilancio autonomo della Presidenza
del Consiglio dei Ministri. Le relative risorse giacenti in
tesoreria, sui conti intestati alla Presidenza del
Consiglio dei Ministri, sono integralmente versate
all’entrata del bilancio dello Stato per la successiva
riassegnazione allo Stato di previsione del Ministero
dell’economia e delle finanze, al fine di provvedere al
pagamento del debito residuo e delle relative quote
interessi. Dall’attuazione del presente articolo non devono
derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza
pubblica. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’
autorizzato a provvedere, con propri decreti, alle
occorrenti variazioni di bilancio
6. Le ordinanze emanate ai sensi del presente articolo
sono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana, nonche’ trasmesse ai sindaci interessati
affinche’ vengano pubblicate ai sensi dell’articolo 47,
comma 1, della legge 8 giugno 1990, n. 142.
6-bis. La tutela giurisdizionale davanti al giudice
amministrativo avverso le ordinanze adottate in tutte le
situazioni di emergenza dichiarate ai sensi del comma 1 e
avverso i consequenziali provvedimenti commissariali e’
disciplinata dal codice del processo amministrativo ”

Capo I

INTERVENTI IMMEDIATI PER IL SUPERAMENTO DELL’EMERGENZA

Art. 2

Fondo per la ricostruzione
delle aree terremotate

—> TESTO COMPLETO IN FORMATO ZIP/PDF <---

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 6 giugno 2012, n. 74 – Testo del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74 (in Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 131 del 7 giugno 2012), coordinato con la legge di conversione 1° agosto 2012, n. 122 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 1 ), recante: «Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012.». (12A08784) – (GU n. 180 del 3-8-2012

Edilone.it