Ordinanza 04/04/2001 | Edilone.it

Ordinanza 04/04/2001

Ordinanza 04/04/2001 n. 3121 - Interventi urgenti di protezione civile. Gazzetta Ufficiale 13/04/2001 n. 87

Ordinanza 04/04/2001 n. 3121
Interventi urgenti di protezione civile.

Gazzetta Ufficiale 13/04/2001 n. 87

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI
MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

IL MINISTRO
DELL’INTERNO
delegato per il coordinamento
della protezione
civile
Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto il
decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300;
Vista la legge 27 marzo
1987, n. 120;
Visto il decreto legge 12 novembre 1996, n. 576,
convertito, con modificazioni, dalla legge 31 dicembre 1996, n. 677,
come integrato dal decreto-legge 19 maggio 1977, n. 130, convertito,
con modificazioni dalla legge 16 luglio 1997, n. 228;
Vista la legge 3
agosto 1998, n. 267;
Viste le ordinanze n. 2816 del 24 luglio 1998,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 177
del 31 luglio 1998, e n. 2878 del 20 ottobre 1998, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 254 del 30 ottobre
1998, concernenti i dissesti idrogeologici nella regione
Abruzzo;
Vista l’ordinanza n. 2864, del 9 ottobre 1998, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 243 del 17
ottobre 1998, concernente dissesti idrogeologici in Toscana;
Vista
l’ordinanza n. 2994, del 29 luglio 1999, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 181 del 4 agosto 1999,
concernente misure urgenti di protezione civile;
Vista l’ordinanza n.
3055, del 21 aprile 2000, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 107 del 10 maggio 2000, concernente, tra
l’altro, interventi per danni conseguenti le mareggiate in
Campania;
Vista l’ordinanza n. 3081 del 12 settembre 2000, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 220 del 20
settembre 2000, concernente interventi urgenti a seguito di alluvioni
del settembre e ottobre 2000 in Calabria;
Vista l’ordinanza n. 3090
del 18 ottobre 2000, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 246 del 20 ottobre 2000, concernente interventi
urgenti a seguito di alluvioni e dissesti idrogeologici;
Considerato
che occorre procedere al completamento degli interventi avviati nei
comuni di Chieti e Celano in Abruzzo, nei comuni di Gavorrano e
Cinigiano in Toscana e nei comuni di Barano d’Ischia, Serrara Fontana
e Forio nell’isola di Ischia;
Considerato che occorre velocizzare le
procedure di attivazione dei mutui per fronteggiare le emergenze del
settembre-novembre 2000 in Calabria e nelle regioni del nord;
Sentite
le regioni interessate;
Su proposta del direttore dell’Agenzia di
protezione civile, prof. Franco Barberi;
Dispone:

Art. 1.

1. Per
l’attuazione del piano di cui all’ordinanza n. 2816/1998, sono
assegnati al presidente della regione Abruzzo, commissario delegato,
le ulteriori somme di lire 17,4 miliardi per interventi urgenti nel
comune di Chieti e di lire 800 milioni per interventi urgenti nel
comune di Celano. Possono essere inseriti nel piano altri interventi
finanziati con fondi comunitari, nazionali, regionali e degli enti
locali e il comitato tecnico-scientifico di cui all’art. 3 della
predetta ordinanza è integrato con il direttore regionale della
protezione civile o suo delegato.

Art. 2.

1. Per la prosecuzione
degli interventi urgenti di eliminazione del pericolo e per la
riduzione del rischio idrogeologico di cui all’ordinanza n. 2864/1998,
nei comuni di Cinigiano e di Gavorrano in provincia di Grosseto è
assegnata alla regione Toscana un ulteriore contributo di lire 10
miliardi.

Art. 3.

1. Per gli interventi urgenti di cui all’ordinanza
n. 3055/2000, volti all’eliminazione del pericolo e alla riduzione del
rischio idrogeologico, e al ripristino di infrastrutture portuali
danneggiate da mareggiate, è assegnato un contributo di lire 7
miliardi al comune di Barano d’Ischia e di lire 4 miliardi al comune
di Forio nell’isola d’Ischia.

2. Al completamento degli interventi di
cui al comma 1, provvede la regione Campania a carico del proprio
bilancio.

3. Il presidente della regione Campania, commissario
delegato ai sensi dell’art. 4 dell’ordinanza n. 2994/1999, assicura
l’alta vigilanza sugli interventi e provvede all’approvazione dei
progetti e al collaudo delle opere realizzate.

Art. 4.

1. Ove, ai
sensi dell’art. 3, comma 5, dell’ordinanza n. 3081/2000 e dell’art. 7
dell’ordinanza n. 3090/2000 e successive modifiche e integrazioni, le
amministrazioni regionali o provinciali facciano ricorso al
finanziamento tramite la Cassa depositi e prestiti, la stessa è
autorizzata a far decorrere i mutui quindicennali dal 1° luglio 2001,
con oneri di preammortamento a carico dei mutui stessi. Le
amministrazioni interessate sono tenute, nel periodo di
preammortamento, al tiraggio delle sole risorse strettamente
necessarie per esigenze urgenti e indilazionabili.

Art. 5.

1. Per
l’attuazione degli interventi di cui alla presente ordinanza si
applicano le procedure e deroghe già stabilite nelle ordinanze di
riferimento.

Art. 6.

1. All’onere derivante dall’applicazione della
presente ordinanza pari a lire 39,2 miliardi si provvede con le
disponibilità di cui all’unità previsionale di base 20.2.1.2 (cap.
9339) dello stato di previsione del Ministero del tesoro, bilancio e
programmazione economica.

Art. 7.

1. Il Dipartimento della
protezione civile è estraneo ad ogni rapporto contrattuale scaturito
dalla applicazione della presente ordinanza e pertanto eventuali oneri
derivanti da ritardi, inadempienze o contenzioso, a qualsiasi titolo
insorgente, sono a carico dei bilanci degli enti attuatori.La presente
ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.

Ordinanza 04/04/2001

Edilone.it