MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 4 agosto 2006 | Edilone.it

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 4 agosto 2006

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 4 agosto 2006 - Misure per la ricostituzione degli stoccaggi di modulazione, per far fronte a possibili situazioni di emergenza del sistema nazionale del gas naturale per il prossimo periodo invernale 2006-2007. (GU n. 193 del 21-8-2006)

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 4 agosto 2006

Misure per la ricostituzione degli stoccaggi di modulazione, per far
fronte a possibili situazioni di emergenza del sistema nazionale del
gas naturale per il prossimo periodo invernale 2006-2007.

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164 (di seguito:
decreto legislativo n. 164/2000) ed in particolare l’art. 18, che
stabilisce che le imprese di vendita del gas hanno l’obbligo di
fornire ai propri clienti la modulazione loro necessaria;
Visto l’art. 28, comma 2, del decreto legislativo n. 164/2000, che
dispone che il Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, ora Ministero dello sviluppo economico provvede
alla sicurezza, all’economicita’ e alla programmazione del sistema
nazionale del gas e persegue tali obiettivi anche mediante specifici
indirizzi con la finalita’ di salvaguardare il funzionamento
coordinato del sistema degli stoccaggi e di ridurre la vulnerabilita’
del sistema nazionale del gas;
Visto l’art. 28, comma 3, del decreto legislativo n. 164/2000, che
dispone che il Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato puo’ adottare misure temporanee di salvaguardia in
caso di crisi del mercato dell’energia o di gravi rischi per la
sicurezza della collettivita’;
Visti i dati a consuntivo della situazione di emergenza climatica
durante il periodo invernale 2005/2006, che ha comportato
l’erogazione dello stoccaggio di modulazione e di 1,2 miliardi di
metri cubi dallo stoccaggio strategico;
Viste le risultanze delle analisi svolte, per il periodo invernale
2006/2007, dal Comitato tecnico di emergenza e monitoraggio del
sistema del gas di cui all’art. 8 del decreto del Ministro delle
attivita’ produttive 26 settembre 2001 (di seguito: il Comitato), che
evidenziano un ricorso totale, in caso di inverno globalmente freddo,
allo stoccaggio di modulazione con rischio di ricorso allo stoccaggio
strategico;
Considerato che, su parere favorevole del Comitato, in attuazione
delle disposizioni previste dalla procedura di emergenza per
fronteggiare la mancanza di copertura del fabbisogno di gas naturale
in caso di eventi climatici sfavorevoli approvata con decreto
ministeriale in data 12 dicembre 2005 (di seguito: la procedura di
emergenza climatica), al fine di accelerare la ricostituzione dello
stoccaggio strategico erogato e la fase di iniezione dello stoccaggio
di modulazione, sono state sospese per tutto il periodo 1° aprile –
30 giugno 2006 le penali relative ai punti di entrata negli stoccaggi
nonche’ i corrispettivi per superamento delle capacita’ di iniezione
giornaliera, di cui nella deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita) 6 aprile 2006 n. 71/2006;
Considerato che il Comitato nel corso delle riunioni del 17 e
28 luglio 2006, nella logica di rendere massime le importazioni per
la sicurezza del sistema, si e’ espresso favorevolmente, per
analogia, alla non applicazione, per tutto il periodo
1° aprile-30 giugno 2006, dei corrispettivi previsti dall’art. 15.7
della deliberazione n. 119/05 come modificata dalla deliberazione
dell’Autorita’ 3 marzo 2006 n. 50/06, dato che l’obbligo di
massimizzare le importazioni produce automaticamente effetti sia
sull’utilizzo della capacita’ di iniezione, sia sul volume
complessivo iniettato dagli utenti;
Considerato il progresso fatto nella ricostituzione degli
stoccaggi, che ha evidenziato nelle ultime settimane del mese
di luglio un rallentamento da cui consegue un volume globale di gas
iniettato inferiore al volume ottimale atteso;
Considerato che il Comitato nella riunione del 28 luglio 2006,
sulla base dei risultati dell’aggiornamento «straordinario» del
programma di ricostituzione condotto dall’impresa maggiore di
stoccaggio su incarico dello stesso Comitato, ha ritenuto opportuno
che vengano promosse le immissioni in stoccaggio degli utenti nella
misura massima possibile, fino al termine della campagna di
iniezione; e considerato che in tale azione hanno rilievo i soli
vincoli fisici del sistema e gli aspetti gestionali e non devono
pertanto essere tenuti in conto i previsti profili di utilizzo e
corrispettivi di bilanciamento, anche mediante la sospensione dei
corrispettivi di bilanciamento per il superamento della capacita’
giornaliera di iniezione e del profilo di volume massimo mensile;
Considerato che alcuni utenti hanno anticipato, gia’ dal mese di
luglio, quanto stabilito con il presente decreto mediante iniezioni
in stoccaggio oltre i limiti consentiti per la capacita’ di iniezione
giornaliera e per il profilo massimo mensile;
Ritenuta necessaria una tempestiva azione per l’attivazione di
misure atte a completare la ricostituzione degli stoccaggi di
modulazione al fine di far fronte alla domanda di gas naturale del
prossimo inverno;

Decreta:

Art. 1.
1. Ai sensi dell’art. 18 del decreto legislativo 23 maggio 2000, n.
164, gli utenti del sistema nazionale del gas naturale che hanno
ottenuto il conferimento di spazio di stoccaggio di gas naturale e
hanno in corso l’immissione in stoccaggio dei volumi da utilizzare in
erogazione nel corso del prossimo ciclo invernale 2006-2007, hanno
l’obbligo di rendere massime, fino al termine delriempimento dello
spazio conferito, le immissioni in stoccaggio nella misura massima
possibile compatibile con i soli vincoli fisici del sistema e gli
aspetti gestionali dello stesso stabiliti dalle imprese di stoccaggio
interessate.
2. Ai fini di quanto previsto al comma 1, sono sospesi con
deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas, a
partire dal 1° luglio 2006 e fino al termine della fase di iniezione
in corso, le penali relative al punto di entrata negli stoccaggi, i
corrispettivi di bilanciamento per il superamento della capacita’ di
punta giornaliera in iniezione e del profilo di giacenza massima
mensile, nonche’ i corrispettivi di bilanciamento riguardanti
l’immissione di gas ai punti di entrata sulla rete nazionale di
trasporto del gas.
3. Le imprese di stoccaggio effettuano il monitoraggio
dell’andamento della costituzione dei volumi in stoccaggio realizzata
dagli utenti e ne trasmettono settimanalmente i risultati alla
Direzione generale per l’energia e le risorse minerarie del Ministero
dello sviluppo economico, al fine di valutare l’opportunita’ di
introdurre eventuali ulteriori provvedimenti.
4. Si conferma la sospensione disposta ai sensi della procedura di
emergenza climatica, per tutto il periodo 1° aprile-30 giugno 2006,
delle penali relative al punto di entrata negli stoccaggi e la non
applicazione dei corrispettivi di superamento delle capacita’ di
punta giornaliera in iniezione di cui alla deliberazione
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas 6 aprile 2006 n.
71/2006, nonche’, per analogia, anche di quelli previsti dall’art.
15.7 della deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas 21 giugno 2005, n. 119/05 come modificata dalla deliberazione
3 marzo 2006, n. 50/2006 della stessa Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas.
5. Le imprese di stoccaggio adeguano i profili di giacenza minima
in coerenza con l’esigenza di assicurare il massimo riempimento dei
loro stoccaggi.
6. Le imprese di stoccaggio offrono, a decorrere dalla data del
presente decreto, capacita’ di iniezione in stoccaggio di tipo
interrompibile, in accordo con quanto stabilito dall’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas.
7. L’impresa maggiore di trasporto si coordina con le imprese di
stoccaggio al fine di gestire il sistema di trasporto in modo da
rendere il profilo giornaliero delle iniezioni in stoccaggio il piu’
aderente possibile al programma concordato.
8. Le imprese di stoccaggio sono tenute a gestire in modo ottimale
le fasi finali di ricostituzione degli stoccaggi, anche mediante le
disposizioni di cui all’art. 19, comma 1, del disciplinare tipo
approvato con decreto del Ministro delle attivita’ produttive
26 agosto 2005. Nella fase finale del riempimento le stesse imprese
gestiranno le eventuali disponibilita’ aggiuntive divolume di gas
iniettato in accordo con le esigenze di massimizzazione e
considerando anche la tolleranza del sistema.
Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e nel sito internet del Ministero dello sviluppo
economico ed entra in vigore dalla data della sua prima
pubblicazione.
Roma, 4 agosto 2006
Il Ministro: Bersani

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 4 agosto 2006

Edilone.it