MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 28 maggio 2010 | Edilone.it

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 28 maggio 2010

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 28 maggio 2010 - Nuove graduatorie dei programmi ammissibili presentati ai sensi del decreto del Ministro dello sviluppo economico del 10 luglio 2008, concernente il bando per la concessione di agevolazioni a favore di programmi di ricerca, sviluppo e innovazione nell'ambito del progetto di Innovazione industriale «Nuove tecnologie per il Made in Italy». (10A08205) - (GU n. 155 del 6-7-2010 - Suppl. Ordinario n.147)

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 28 maggio 2010

Nuove graduatorie dei programmi ammissibili presentati ai sensi del
decreto del Ministro dello sviluppo economico del 10 luglio 2008,
concernente il bando per la concessione di agevolazioni a favore di
programmi di ricerca, sviluppo e innovazione nell’ambito del progetto
di Innovazione industriale «Nuove tecnologie per il Made in Italy».
(10A08205)

IL DIRETTORE GENERALE
per l’incentivazione delle attivita’ imprenditoriali

Visto l’art. 1, comma 841 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 che
ha istituito il Fondo per la competitivita’ e lo sviluppo;
Visto l’art. 1, comma 842 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che
prevede la realizzazione di progetti di innovazione industriale
nell’ambito di specifiche aree tecnologiche;
Visto l’art. 1, comma 845 della citata legge n. 296/2006, che
prevede che il Ministro dello sviluppo economico, con proprio
decreto, istituisca appositi regimi di aiuto in conformita’ alla
normativa comunitaria;
Visto il decreto interministeriale del 6 marzo 2008 con il quale e’
stato adottato il progetto di innovazione industriale «Nuove
tecnologie per il Made in Italy»;
Vista la disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato a
favore di ricerca, sviluppo e innovazione (2006/C 323/01);
Vista la decisione della Commissione europea C(2007) 6461 del 12
dicembre 2007 – Aiuto di Stato n. 302/2007, con la quale e’ stato
autorizzato il regime di aiuto per la concessione di agevolazioni in
favore di programmi di ricerca, sviluppo e innovazione;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 27 marzo
2008 con il quale e’ stato istituito, ai sensi del citato art. 1,
comma 845 della legge n. 296/2006, il predetto regime di aiuto;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 10
luglio 2008, con il quale e’ stato emanato il bando relativo al
citato progetto di innovazione industriale «Nuove tecnologie per il
Made in Italy» e sono stati stabiliti condizioni, criteri e modalita’
per la concessione di agevolazioni a favore di programmi di ricerca e
sviluppo, destinando alle finalita’ del bando medesimo l’importo di
190.000.000 di euro;
Visto il Programma Operativo Nazionale (PON) «Ricerca e
competitivita’» 2007-2013 per le regioni convergenza, approvato con
decisione CE (2007) 6882 del 21 dicembre 2007 della Commissione
europea, ed in particolare l’Azione 1 «Progetti di innovazione
industriale e interventi collegati» nell’ambito dell’Obiettivo
operativo «Aree tecnologico-produttive per la competitivita’ del
sistema» (asse 1, obiettivo operativo 4.1.1.2);
Considerato che, sulla base dell’art. 6, comma 3 del citato decreto
10 luglio 2008, le risorse del bando possono essere integrate con
risorse del Programma Operativo Nazionale (PON) Ricerca e
competitivita’ 2007-2013 da utilizzare per la concessione di
agevolazioni a fronte di programmi riferibili alle regioni di
intervento del PON medesimo (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia);
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 1 °
agosto 2008, con il quale e’ stata estesa l’ammissibilita’ alle
agevolazioni ad alcuni codici di attivita’ economica individuati
nell’ambito della classificazione ISTAT 2007;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 23
luglio 2009, con il quale e’ stato concesso un prolungamento dei
termini per la presentazione dei programmi definitivi;
Visto l’art. 10 comma 13 del citato bando, che, in conformita’ a
quanto previsto all’art. 6, comma 4 del decreto interministeriale del
6 marzo 2008 di adozione del progetto di innovazione industriale di
riferimento, prevede che la valutazione dei programmi sia svolta dal
Ministero, attraverso un comitato di esperti appositamente
costituito, nel caso in cui, al momento dell’avvio della fase di
valutazione, non sia pienamente operativa l’Agenzia per la diffusione
delle tecnologie per l’innovazione;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 30 marzo
2009, con il quale, preso atto del mancato avvio operativo della
predetta Agenzia, e’ stato costituito un Comitato di esperti per
l’espletamento delle attivita’ di istruttoria e valutazione relative
alla prima fase prevista dall’art. 9 del citato decreto del Ministro
dello sviluppo economico del 10 luglio 2008;
Visti i decreti del Ministro dello sviluppo economico del 30 marzo,
del 10 aprile e del 16 giugno 2009, con i quali sono stati nominati i
componenti del predetto Comitato di esperti;
Visti i decreti del Ministro dello sviluppo economico del 17
dicembre 2009 e 18 febbraio 2010, con i quali e’ stato istituito e
sono stati nominati i componenti del Comitato di esperti per la
valutazione dei programmi definitivi;
Visti gli esiti della valutazione effettuata dal Comitato di
esperti, risultanti conclusivamente dal verbale della seduta del 15 e
16 marzo 2010;
Visto l’art. 10, comma 10 del citato bando, ai sensi del quale il
Ministero dello sviluppo economico, sulla base dei risultati della
valutazione, inserendo i programmi ammissibili in ordine decrescente
in relazione al punteggio assegnato ed individuando quelli
agevolabili sulla base delle risorse finanziarie disponibili e fino
ad esaurimento delle stesse, forma le seguenti graduatorie:
a) una graduatoria relativa ai programmi di cui all’art. 3, comma
6 comportanti costi agevolabili di importo complessivo pari o
superiore a 2,5 milioni di euro e inferiore a 6 milioni di euro e nei
quali tutte le imprese partecipanti sono classificate come micro o
piccole imprese, secondo i criteri di cui all’art. 2, comma 1,
lettera d);
b) una graduatoria relativa agli altri programmi non rientranti
tra quelli indicati alla lettera a);
Considerato che per la formazione delle graduatorie si e’ tenuto
conto, altresi’, dell’entita’ dei contributi concedibili in
applicazione delle intensita’ massime di aiuto stabilite dal bando
medesimo, in conformita’ alla normativa comunitaria, per tipologia di
attivita’ e per dimensione d’impresa;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive
modifiche ed integrazioni, per quanto dispone in materia di indirizzo
politico-amministrativo del Ministro e di competenze e
responsabilita’ dirigenziali;
Visto il decreto direttoriale del 24 maggio 2010 con il quale sono
state approvate le graduatorie dei programmi ammissibili relative al
citato bando;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 26
maggio 2010 con il quale le risorse finanziarie di cui all’art. 6
comma 1 del citato bando sono incrementate di 36.975.000 di euro;

Decreta:

1. A seguito dell’incremento delle risorse finanziarie di cui al
citato decreto del Ministro dello sviluppo economico del 26 maggio
2010, le graduatorie dei programmi ammissibili alle agevolazioni di
cui all’articolo unico del decreto direttoriale del 24 maggio 2010
sono sostituite da quelle riportate nell’allegato n. 1 e
nell’allegato n. 3 al presente decreto, rispettivamente per le
graduatorie di cui all’art. 10, comma 10, lettera a) e lettera b) del
decreto del Ministro dello sviluppo economico del 10 luglio 2008;
negli allegati n. 2 e n. 4 e’ riportato, per ciascun programma,
l’elenco dei soggetti ammissibili, rispettivamente per le graduatorie
di cui all’art. 10, comma 10, lettera a) e lettera b).
2. Con appositi decreti si provvedera’ ad impegnare gli oneri delle
agevolazioni a carico del capitolo 7444 dello stato di previsione
della spesa del Ministero dello sviluppo economico, piano di gestione
n. 01 in conto residui 2009 per l’anno finanziario 2010 a favore dei
soggetti beneficiari indicati nell’allegato 2 e nell’allegato 4 per
ciascuno dei programmi agevolabili. Le successive erogazioni saranno
disposte a favore degli stessi soggetti su un conto corrente dedicato
al programma, come previsto dall’art. 12, comma 4 del bando.
3. I decreti di concessione delle agevolazioni saranno adottati in
relazione ai programmi inseriti nelle graduatorie e risultati
agevolabili in base alle risorse disponibili, indicando le
agevolazioni spettanti a ciascun soggetto beneficiario in
corrispondenza dei relativi costi agevolabili.
4. Si allega nota esplicativa delle graduatorie.
Roma, 28 maggio 2010

Il direttore generale: Esposito

Allegato 1

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 2

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 3

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 4

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato 5

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 28 maggio 2010

Edilone.it