MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 12 dicembre 2008 | Edilone.it

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 12 dicembre 2008

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 12 dicembre 2008 - Approvazione del bando di gara per la selezione di progetti di ricerca di sistema. (GU n. 64 del 18-3-2009 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 12 dicembre 2008

Approvazione del bando di gara per la selezione di progetti di
ricerca di sistema.

IL DIRETTORE GENERALE
per l’energia e le risorse minerarie

Visto il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 75 del 31 marzo 1999, di attuazione della
direttiva n. 96/92/CE, recante norme comuni per il mercato interno
dell’energia elettrica ed in particolare l’art. 3, comma 11,
concernente gli oneri generale afferenti al sistema elettrico;
Visto il decreto interministeriale in data 26 gennaio 2000,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 27 del 3 febbraio 2000,
concernente l’individuazione degli oneri generali afferenti al
sistema elettrico ed in particolare l’art. 11, comma 2, che dispone
che il Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato
definisce le modalita’ per la selezione dei progetti di ricerca da
ammettere all’erogazione degli stanziamenti a carico di un Fondo per
il finanziamento dell’attivita’ di ricerca istituito presso la Cassa
conguaglio per il settore elettrico;
Visto il citato decreto interministeriale in data 26 gennaio 2000
ed in particolare l’art. 10, comma 2, lettera b), che dispone che le
attivita’ di ricerca e sviluppo finalizzate all’innovazione tecnica e
tecnologica di interesse generale per il settore elettrico possono
essere a beneficio degli utenti del sistema elettrico nazionale e
contestualmente di interesse specifico di soggetti operanti nel
settore dell’energia elettrica nazionale o internazionale;
Visto il decreto interministeriale in data 17 aprile 2001,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 97 del 27 aprile 2001, che
reca modifiche al citato decreto in data 26 gennaio 2000;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 8 marzo
2006 (di seguito: il decreto 8 marzo 2006), pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006, recante nuove modalita’ di
gestione del Fondo per il finanziamento delle attivita’ di ricerca e
sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale (di
seguito: Fondo);
Visto in particolare l’art. 2, comma 1, del citato decreto 8 marzo
2006, che prevede la predisposizione da parte del Comitato di Esperti
di Ricerca per il Sistema Elettrico (di seguito: CERSE) del Piano
triennale, contenente le priorita’ delle attivita’ di ricerca e
sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale,
gli obiettivi, i progetti di ricerca e sviluppo ed i risultati
attesi, la previsione del fabbisogno per il finanziamento del Fondo
per le attivita’ di ricerca e sviluppo di interesse generale per il
sistema elettrico nazionale, previa consultazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica ed il gas, del Ministero dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca e del Ministero dell’ambiente e
della tutela del territorio (ora denominato: Ministero dell’ambiente
e della tutela del territorio e del mare) e della Cassa conguaglio
per il settore elettrico;
Visto, in particolare, l’art. 2, comma 3, del medesimo decreto, che
prevede l’approvazione del Piano triennale e della relativa
previsione di fabbisogno da parte del Ministero delle attivita’
produttive (ora Ministero dello sviluppo economico);
Visto, in particolare, l’art. 5, comma 1, del decreto 8 marzo 2006,
che prevede che la procedura concorsuale per la selezione dei
progetti di ricerca non compresi negli accordi di programma, proposti
per l’ammissione a contributo, e’ preceduta dalla pubblicazione di un
bando di gara, contenente l’indicazione dell’oggetto, la descrizione
degli aspetti scientifici, tecnici, organizzativi e finanziari dei
progetti di ricerca da presentare, l’indicazione delle eventuali
garanzie finanziarie od assicurative richieste, dei criteri di
ammissibilita’ dei costi e dei criteri per la valutazione delle
proposte di progetti di ricerca presentate;
Visto, altresi’, l’art. 5, comma 1, del decreto 8 marzo 2006, che
prevede che il bando di gara e’ approvato dal Ministero delle
attivita’ produttive (ora dello sviluppo economico), su proposta del
Comitato di Esperti di Ricerca per il Settore Elettrico (di seguito
CERSE) e trasmesso alla Cassa conguaglio per il settore elettrico;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive in data 23
marzo 2006 (di seguito: il decreto 23 marzo 2006), pubblicato nel
supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 111 del 4 maggio
2006, recante approvazione del Piano triennale della ricerca di
sistema e Piano operativo annuale per le attivita’ di ricerca e
sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale e
l’attribuzione delle risorse del Fondo di cui al citato decreto
interministeriale 26 gennaio 2000;
Visto che il decreto 23 marzo 2006 prevede all’art. 3, comma 1,
l’individuazione, come esigenze prioritarie di ricerca a totale
beneficio degli utenti del sistema elettrico nazionale, delle
seguenti tematiche: economicita’, affidabilita’ e sicurezza del
sistema elettrico; tecnologie innovative per l’impiego pulito del
carbone e per il sequestro dell’anidride carbonica; tecnologie per
l’impiego dell’idrogeno e delle fonti rinnovabili; sistemi per la
generazione distribuita e l’uso efficiente dell’energia;
partecipazione italiana agli accordi di cooperazione tecnologica
internazionale; ricerca prenormativa;
Visto, altresi’, che il medesimo decreto 23 marzo 2006 prevede
all’art. 2, comma 2, che i temi di ricerca sono classificati in: temi
di ricerca di tipologia «a», che corrispondono ai progetti di ricerca
di cui all’art. 3, comma 1, lettera a) del decreto 8 marzo 2006,
interamente finanziati dal Fondo e i cui risultati sono a totale
beneficio degli utenti del sistema elettrico nazionale; temi di
ricerca di tipologia «b», che corrispondono ai progetti di ricerca di
cui all’art. 3, comma 1, lettera b) del gia’ citato decreto 8 marzo
2006, parzialmente finanziati dal Fondo;
Visto, inoltre, che il decreto 23 marzo 2006 prevede all’art. 4,
comma 2, che la restante parte delle disponibilita’ del Fondo
maturate al 31 dicembre 2005 e’ destinata al finanziamento dei
progetti di ricerca non compresi negli accordi di programma e che la
selezione dei suddetti progetti di ricerca proposti per l’ammissione
a contributo e’ effettuata tramite procedura concorsuale, secondo le
disposizioni del citato art. 5, del decreto 8 marzo 2006;
Considerato che la Commissione europea – DG concorrenza, in data 20
dicembre 2006, ha adottato la decisione n. C(2006)6681 def,
sull’aiuto di Stato NN. 27/05 – Ricerca e sviluppo nel settore
elettrico, con la quale e’ stato espresso parere favorevole circa la
compatibilita’ con il trattato del regime di finanziamento alle
attivita’ di ricerca e sviluppo nel settore elettrico, in quanto
riguarda progetti di ricerca fondamentale;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 21 giugno
2007, n. 383, registrato alla Corte dei conti il 28 giugno 2007,
registro 3, foglio 231, con il quale sono state attribuite
transitoriamente all’Autorita’ per l’energia elettrica ed il gas (di
seguito: Autorita’) le funzioni del Comitato di Esperti di Ricerca
per il Settore Elettrico (di seguito CERSE) di cui al decreto 8 marzo
2006;
Visto il decreto-legge in data 18 giugno 2007, n. 73, recante
«Misure urgenti per l’attuazione di disposizioni comunitarie in
materia di liberalizzazione dei mercati dell’energia», pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 139 del 18 giugno 2007, convertito nella
legge 3 agosto 2007, n. 125, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.
188 del 14 agosto 2007, che all’art. 1, comma 6, prevede che il
Ministero dello sviluppo economico attui le disposizioni in materia
di ricerca e sviluppo di sistema, indicate dal decreto 8 marzo 2006,
rientranti tra gli oneri generali di sistema gestiti dalla Cassa
conguaglio per il settore elettrico, anche mediante gli accordi di
programma triennali previsti dal decreto del Ministro delle attivita’
produttive 23 marzo 2006, per l’attuazione dei quali le attivita’
sono prorogate per gli anni 2007 e 2008 per pari importi;
Vista la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica ed il
gas 3 agosto 2007, n. 209/07, recante «Attivazione delle funzioni del
CERSE attribuite in via transitoria all’Autorita’ per l’energia
elettrica ed il gas con decreto ministeriale del 21 giugno 2007»;
Vista la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica ed il
gas RDS 4/08 del 18 giugno 2008, recante «Approvazione dei criteri di
cui all’art. 9, comma 1, lettera b) del decreto del Ministero delle
attivita’ produttive 8 marzo 2006, per la predisposizione dello
schema di bando per la selezione dei progetti di ricerca di cui
all’art. 10, comma 2, lettera b), del decreto 26 gennaio 2000,
previsti dal Piano triennale della ricerca di sistema elettrico
2006-2008 e piano operativo annuale 2006»;
Vista la delibera 6 novembre 2008 – RDS 8/08 dell’Autorita’ per
l’energia elettrica ed il gas nelle sue funzioni del CERSE,
denominata «Schema di bando di gara per la selezione di progetti di
ricerca di cui all’art. 10, comma 2, lettera b), del decreto 26
gennaio 2000, previsti dal Piano triennale della ricerca di sistema
elettrico 2006-2008 e piano operativo annuale 2006», trasmessa con
nota 35690 del 18 novembre 2008;
Ritenuto, pertanto, di dover procedere tempestivamente
all’approvazione dello schema di bando, al fine di consentire alla
Cassa conguaglio per il settore elettrico la valutazione e la
selezione delle proposte di progetti di ricerca presentate dai
soggetti interessati operanti nel settore dell’energia elettrica
nazionale o internazionale, parzialmente finanziate dal Fondo per il
finanziamento dell’attivita’ di ricerca, istituito presso la medesima
Cassa conguaglio per il settore elettrico, secondo l’indicazione
dell’oggetto, la descrizione degli aspetti scientifici, tecnici,
organizzativi e finanziari dei progetti di ricerca, l’indicazione
delle eventuali garanzie finanziarie od assicurative richieste, dei
criteri di ammissibilita’ dei costi e dei criteri per la valutazione;

Decreta:

Art. 1.

1. Ai sensi dell’art. 5, comma 1, del decreto 8 marzo 2006 e’
approvato il bando di gara allegato al presente decreto in quanto
parte integrante dello stesso, come proposto dall’Autorita’ per
l’energia elettrica ed il gas nelle sue funzioni del CERSE, con
delibera 6 novembre 2008 – RDS 8/08, denominata «Schema di bando di
gara per la selezione di progetti di ricerca di cui all’art. 10,
comma 2, lettera b), del decreto 26 gennaio 2000, previsti dal Piano
triennale della ricerca di sistema elettrico 2006-2008 e piano
operativo annuale 2006», trasmessa con nota n. 35690 del 18 novembre
2008.

Art. 2.

1. Il presente decreto, che non comporta oneri per il bilancio
dello Stato, sara’ trasmesso all’Ufficio centrale di bilancio per i
provvedimenti di competenza ed il successivo inoltro alla Corte dei
conti.
2. Il presente decreto sara’, altresi’, trasmesso alla Cassa
conguaglio per il settore elettrico, per il seguito di competenza, ai
sensi del decreto 8 marzo 2006, nelle attivita’ operative e
gestionali connesse alla svolgimento della procedura concorsuale.

Art. 3.

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 12 dicembre 2008
Il direttore generale: Romano

Allegato

—-> Vedere allegato da pag. 31 a pag. 45 <---- Allegato 1 ----> Vedere allegato da pag. 46 a pag. 52 <---- Allegato 2 ----> Vedere allegato da pag. 53 a pag. 63 <---- Allegato 3 ----> Vedere allegato da pag. 64 a pag. 67 <---- Allegato 4 ----> Vedere allegato da pag. 68 a pag. 74 <----

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 12 dicembre 2008

Edilone.it