MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 11 maggio 2011 | Edilone.it

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 11 maggio 2011

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 11 maggio 2011 - Termini e modalita' di deposito dei diritti di opposizione nonche' alcune modalita' di applicazione delle norme sulla procedura di opposizione. (11A09209) (GU n. 157 del 8-7-2011 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 11 maggio 2011

Termini e modalita’ di deposito dei diritti di opposizione nonche’
alcune modalita’ di applicazione delle norme sulla procedura di
opposizione. (11A09209)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30, recante
«Codice della proprieta’ industriale», a norma dell’art. 15 della
legge 12 dicembre 2002, n. 273 e successive modificazioni ed
integrazioni ed in particolare l’art. 226 che stabilisce che il
pagamento dei diritti per il deposito delle opposizioni e’ effettuato
nei termini e nelle modalita’ fissati dal Ministro delle attivita’
produttive, con proprio decreto e l’art. 187 concernente il
Bollettino ufficiale dei marchi di impresa;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico di concerto
con il Ministro dell’economia e delle finanze, recante
«Determinazione dei diritti sui brevetti e sui modelli», in
attuazione del comma 851, dell’art. 1, della legge 27 dicembre 2006,
n. 296, ed in particolare l’art. 6, comma 6, che stabilisce, tra
l’altro, che i diritti di deposito per le opposizioni ai marchi
entreranno in vigore nei termini e con le modalita’ fissati dal
Ministro dello sviluppo economico, con proprio decreto, ai sensi
dell’art. 226 del Codice della proprieta’ industriale;
Visto il proprio decreto del 13 gennaio 2010 n. 33, recante
«Regolamento di attuazione del Codice della proprieta’ industriale»
adottato con decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30;
Considerata la necessita’ di fissare la data a partire dalla quale
entra in vigore la procedura di opposizione, nonche’ il mese a
partire dal quale e’ pubblicato il Bollettino ufficiale dei marchi
d’impresa;
Considerata la necessita’ di individuare il temine e le modalita’
di deposito dei diritti di opposizione;
Ritenuto, altresi’, necessario individuare la modalita’ di deposito
della documentazione relativa alla prova d’uso del marchio da parte
dell’opponente o relativa alla esistenza di legittime ragioni per la
mancata utilizzazione, atta ad incentivare il risparmio dei costi
associati alla documentazione cartacea;

Decreta:

Art. 1

Termini

1. La procedura di opposizione di cui all’art. 174 e seguenti del
Codice della proprieta’ industriale si applica alle domande di
registrazione per marchio di impresa depositate in Italia a partire
dal 1° maggio 2011 e ai marchi internazionali pubblicati nel primo
numero del mese di luglio 2011 della Gazette de l’Organisation
Mondiale de la Propriete’ Intellectuelles des Marques
Internationales.
2. Il Bollettino ufficiale dei marchi di impresa di cui all’art.
187 del Codice della proprieta’ industriale, contenente notizie
relative alle domande nazionali di registrazione per marchio
d’impresa depositate a partire dal 1° maggio 2011, e’ pubblicato, con
cadenza mensile, a partire dal mese di luglio 2011 sul sito Web
www.uibm.gov.it.
3. Nel Bollettino ufficiale dei marchi di impresa sono pubblicate,
altresi’, le rinnovazioni concesse a partire dal 1° maggio 2011.

Art. 2

Modalita’ di deposito

1. L’atto di opposizione, indirizzato esclusivamente all’Ufficio
italiano brevetti e marchi, e’ redatto in conformita’ al modulo di
cui all’allegato 1 ed e’ inviato direttamente all’Ufficio in tre
copie, di cui l’originale in regola con l’imposta di bollo ai sensi
dell’art. 225 del Codice della proprieta’ industriale, ovvero in
quattro copie se depositato presso il medesimo Ufficio, che ne
rilascia una copia a titolo di ricevuta.
2. Se l’atto di opposizione e’ depositato direttamente presso
l’Ufficio italiano brevetti e marchi, la data di ricevimento
attestata dall’Ufficio e’ considerata data di deposito
dell’opposizione. Qualora l’atto di opposizione sia inviato tramite
servizio postale all’Ufficio italiano brevetti e marchi, mediante
raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite altri servizi di
spedizione che attestino la tempestiva ricezione, e’ considerata data
di deposito dell’atto di opposizione la data di ricevimento della
raccomandata o del plico.
3. L’atto di opposizione puo’ essere inviato con posta elettronica
certificata all’indirizzo
imp.lcuibm.div2@pec.sviluppoeconomico.gov.it, nel rispetto del d.lgs.
7 marzo 2005, n. 82 «Codice dell’amministrazione digitale».

Art. 3

Prove dell’uso

1. Le informazioni, le prove e i documenti, di cui all’art. 53,
comma 4, del decreto ministeriale 13 gennaio 2010 n. 33, depositati
in tre copie, devono essere riprodotti esclusivamente su DVD – ROM,
fatta salva la facolta’ dell’esaminatore di chiedere l’esibizione di
campioni ai sensi dell’art. 53, comma 4 del decreto ministeriale 13
gennaio 2010 n. 33.

Art. 4

Diritti

1. I diritti di deposito delle opposizioni di cui alla tabella A),
lettera D), allegata al decreto 2 aprile 2007 del Ministro dello
sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’economia e delle
finanze, si applicano agli atti di opposizione a partire dal 1°
maggio 2011 con le stesse modalita’ ivi previste.
2. L’attestazione dell’avvenuto pagamento dei diritti di deposito
di cui al comma 1, deve essere allegata all’atto di opposizione.
3. La mancata produzione dell’attestazione di pagamento al momento
del deposito dell’atto di opposizione comporta il ritiro di tale atto
ai sensi dell’art. 176, comma 3 del Codice.

Art. 5

Disposizioni applicative

1. Con provvedimento del direttore generale della Direzione
generale per la lotta alla contraffazione – UIBM, saranno rese note
le ulteriori istruzioni operative, tra cui le specifiche di cui
all’art. 1, comma 2, le modalita’ di utilizzo della posta elettronica
certificata di cui all’art. 2, comma 3, nonche’ le modalita’ di
riproduzione delle prove dell’uso di cui all’art. 3 ed eventuali
indicazioni per valorizzare nel sistema di deposito telematico il
campo «Titolo» per il deposito del marchio.
Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 11 maggio 2011

Il Ministro: Romani

Registrato alla Corte dei conti il 28 giugno 2011
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 5, foglio n. 11

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 11 maggio 2011

Edilone.it