MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 1 marzo 2012 | Edilone.it

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 1 marzo 2012

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 1 marzo 2012 - Accantonamento delle risorse necessarie al finanziamento di progetti di ricerca e sviluppo inseriti in accordi di programma sottoscritti ai sensi dell'articolo 2, commi 1 e 2, della legge 23 luglio 2009, n. 99. (12A04541) - (GU n. 94 del 21-4-2012 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 1 marzo 2012

Accantonamento delle risorse necessarie al finanziamento di progetti
di ricerca e sviluppo inseriti in accordi di programma sottoscritti
ai sensi dell’articolo 2, commi 1 e 2, della legge 23 luglio 2009, n.
99. (12A04541)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l’art. 14, comma 1, della legge 17 febbraio 1982, n. 46, che
istituisce presso il Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato il Fondo speciale rotativo per l’innovazione
tecnologica;
Visto il decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297, recante
«Riordino della disciplina e snellimento delle procedure per il
sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione
delle tecnologie, per la mobilita’ dei ricercatori»;
Vista la direttiva del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 16 gennaio 2001, contenente direttive per la
concessione delle agevolazioni del Fondo speciale rotativo per
l’innovazione tecnologica;
Vista la direttiva del Ministro dello sviluppo economico 10 luglio
2008 relativa all’adeguamento della citata direttiva 16 gennaio 2001
alla nuova disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato a
favore di ricerca, sviluppo e innovazione;
Visto in particolare l’art. 2, comma 3, della direttiva 10 luglio
2008 che prevede che il Ministro dello sviluppo economico, con
apposito provvedimento, stabilisce per ciascun anno, tenuto conto
delle risorse disponibili, gli interventi da realizzare, anche
individuando specifiche tematiche tecnologiche e territoriali di
intervento, le procedure e i termini di attuazione;
Considerato che risultano disponibili per l’anno 2012 risorse pari
a circa euro 240.000.000,00, derivanti dai rimborsi delle rate di
ammortamento e degli interessi di preammortamento da parte delle
imprese che hanno usufruito dei benefici del Fondo speciale rotativo
per l’innovazione tecnologica;
Visto inoltre l’art. 2, comma 2, della medesima direttiva 10 luglio
2008 che prevede che, al fine di promuovere programmi di rilevante
interesse per lo sviluppo tecnologico del Paese, gli interventi
possono essere attuati altresi’ con le modalita’ previste per la
procedura negoziale dall’art. 6 del decreto legislativo 31 marzo
1998, n. 123;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 5 febbraio
2009 recante le modalita’ di attuazione degli interventi previsti
dalla piu’ volte citata direttiva 10 luglio 2008 con detta procedura
negoziale;
Considerato che, ai sensi dall’art. 2, commi 1 e 2, della legge 23
luglio 2009, n. 99, nelle aree o distretti in situazione di crisi
industriale, e’ possibile assicurare l’efficacia e la tempestivita’
delle iniziative di reindustrializzazione tramite appositi accordi di
programma che disciplinano le iniziative di rilevante complessita’ e
con impatto significativo sulla politica industriale nazionale, nelle
quali sia richiesta l’attivita’ integrata e coordinata di regioni,
enti locali e altri soggetti pubblici e privati e di amministrazioni
statali ovvero la confluenza di risorse finanziarie da bilanci di
istituzioni diverse;
Ritenuto di sostenere la realizzazione di progetti di ricerca e
sviluppo localizzati in aree o distretti in situazione di crisi
industriale, aventi un rilevante impatto all’interno dei processi di
reindustrializzazione delle aree stesse;

Decreta:

Art. 1

Accantonamento delle risorse

1. Al finanziamento mediante la procedura negoziale prevista dal
decreto del Ministro dello sviluppo economico 5 febbraio 2009 di
progetti di ricerca e sviluppo inseriti in accordi di programma
sottoscritti ai sensi dell’art. 2, commi 1 e 2, della legge 23 luglio
2009, n. 99, e’ destinato l’importo di euro 30.000.000,00 a valere
sul Fondo speciale rotativo per l’innovazione tecnologica.

Art. 2

Procedure

1. Qualora l’accordo di programma sia stato gia’ sottoscritto dalle
imprese destinatarie delle agevolazioni, la fase di accesso e
negoziazione ai benefici del Fondo speciale rotativo per
l’innovazione tecnologica, prevista dall’art. 4 del citato decreto 5
febbraio 2009, si intende realizzata mediante le procedure attuate
anteriormente alla sottoscrizione dell’accordo stesso.
2. Con successivo decreto ministeriale saranno adeguate le
modalita’ di svolgimento degli adempimenti tecnici e amministrativi
relativi alla concessione e all’erogazione delle agevolazioni, tenuto
conto delle peculiarita’ degli accordi di programma e di quanto in
essi previsto.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.

Roma, 1° marzo 2012

Il Ministro: Passera

Registrato alla Corte dei conti il 26 marzo 2012
Ufficio di controllo atti MISE – MIPAAF, registro n. 3, foglio n. 349

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 1 marzo 2012

Edilone.it