MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 16 aprile 2009 | Edilone.it

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 16 aprile 2009

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 16 aprile 2009 - Riconoscimento dell'equipollenza dei titoli conseguiti al termine di corsi di formazione generale professionale e di perfezionamento frequentati dagli arruolati e dai sottoufficiali e quelli rilasciati dagli Istituti professionali, anche ai fini dell'ammissione agli esami di Stato conclusivi dei corsi di istruzione secondaria di secondo grado. (09A08709) (GU n. 174 del 29-7-2009 )

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 16 aprile 2009

Riconoscimento dell’equipollenza dei titoli conseguiti al termine
di corsi di formazione generale professionale e di perfezionamento
frequentati dagli arruolati e dai sottoufficiali e quelli rilasciati
dagli Istituti professionali, anche ai fini dell’ammissione agli
esami di Stato conclusivi dei corsi di istruzione secondaria di
secondo grado. (09A08709)

IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE,
DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

di concerto con

IL MINISTRO DELLA DIFESA

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE

e

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE
E DELLE POLITICHE SOCIALI

Vista la legge 10 maggio 1983, n. 212, recante norme sul
reclutamento, gli organici e l’avanzamento dei sottufficiali
dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e della Guardia di
finanza;
Visto in particolare l’art. 52 della citata legge n. 212/1983, che
prevede l’emanazione di un decreto interministeriale ai fini del
riconoscimento dell’equipollenza dei titoli conseguiti al termine dei
corsi di formazione generale, professionale e di perfezionamento,
frequentati dagli arruolati e dai sottufficiali in applicazione della
legge medesima, con quelli rilasciati dagli istituti professionali,
ivi compresi quelli conseguibili con la frequenza dei corsi
sperimentali di cui al decreto del Presidente della Repubblica 19
marzo 1970, n. 253, anche ai fini dell’ammissione agli esami di
maturita’ professionale;
Visto l’art. 191 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297,
contenente il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in
materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado;
Visto in particolare il terzo comma del citato art. 191, il quale
stabilisce che il fine precipuo della formazione svolta dagli
istituti professionali e’ quello di fornire la specifica preparazione
teorico-pratica per l’esercizio di mansioni qualificate nei settori
commerciale, dei servizi, industriale ed artigiano, agrario e
nautico;
Visti gli articoli 1 e 2 del decreto del Ministro della pubblica
istruzione 14 aprile 1997, n. 250, recante la disciplina in materia
di diplomi di qualifica dei corsi dell’istruzione professionale, il
quale indica, nei diversi settori di attivita’, i diplomi di
qualifica che si conseguono presso gli istituti professionali di
Stato e ne determina la natura di titoli di studio nonche’ la
relativa validita’;
Visti gli articoli 3 e 12 del decreto del Presidente della
Repubblica 23 luglio 1998, n. 323, Regolamento degli esami di Stato
conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore
– tuttora vigente per le parti compatibili con la legge 11 gennaio
2007, n. 1 – che, nel disciplinare l’ammissione agli esami di Stato
dei candidati esterni, prevedono che i candidati esterni agli esami
di Stato negli Istituti professionali devono documentare di avere
esperienze di formazione professionale o lavorative coerenti, per
durata e contenuti, con quelle previste dall’ordinamento del tipo di
istituto cui si riferisce l’esame di Stato, nonche’, ai fini
dell’individuazione delle prove da sostenere, la valutabilita’ dei
crediti formativi eventualmente acquisiti e documentati;
Visto il decreto del Ministro della pubblica istruzione 24 febbraio
2000, n. 49, sulla individuazione delle tipologie di esperienze che
danno luogo a crediti formativi e sulle modalita’ necessarie per
documentare dette esperienze, ai fini dell’acquisizione dei crediti
formativi;
Visto l’art. 1 della legge 11 gennaio 2007, n. 1, recante
disposizioni in materia di esami di Stato conclusivi dei corsi di
studio di istruzione secondaria superiore e delega al Governo in
materia di raccordo tra la scuola e l’universita’, che, tra l’altro,
prevede le modalita’ per l’ammissione dei candidati esterni a detti
esami di Stato e la valutabilita’, a tal fine, dei crediti formativi
acquisiti attraverso le esperienze professionali documentabili;
Ravvisata l’esigenza di garantire una omogeneita’ di valutazione
degli studi e delle attivita’ formative svolte presso gli istituti di
formazione militare, delle esperienze lavorative, addestrative e di
specializzazione acquisite, ai sensi della legge 10 maggio 1983, n.
212, dal personale sottufficiale ed arruolato, anche ai fini
dell’ammissione agli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di
istruzione secondaria superiore e dell’acquisizione di crediti
formativi;
Considerata la necessita’ di dare una definitiva collocazione
normativa ed un equo riconoscimento culturale al personale arruolato
ai sensi della legge 10 maggio 1983, n. 212, tenuto anche conto delle
mutate condizioni cui sono chiamate ad operare le Forze Armate della
Repubblica;

Decreta:

Art. 1.

1. Al personale dei ruoli marescialli e sergenti delle Forze armate
nonche’ agli ispettori e sovrintendenti dell’Arma dei carabinieri e
della Guardia di finanza che abbiano frequentato e completato con
esito favorevole, i corsi di formazione generale, professionale e di
specializzazione presso scuole ed istituti di formazione militari,
presso i Reparti di impiego o presso scuole e centri di
specializzazione, qualificazione e aggiornamento professionale anche
non militari, sia in Italia che all’estero e’ riconosciuto, a
domanda, il corrispondente Diploma di qualifica dei corsi di studio
dell’istruzione professionale, secondo la tabella «A» annessa al
presente decreto.
2. Eventuali istanze presentate dal personale che risulti in
possesso di titoli professionali per i quali non siano stati
previsti, nella suddetta tabella, i corrispondenti diplomi di
qualifica, saranno esaminate dalla Forza armata di appartenenza del
militare e trasmesse, per la definitiva valutazione ai fini
dell’equipollenza, al Ministero dell’istruzione dell’universita’ e
della ricerca.
3. I titoli di studio di cui al comma 1, sono rilasciati ai sensi e
per gli effetti della legge n. 212/1983. Le domande, corredate da
specifica attestazione rilasciata dall’Amministrazione Militare di
appartenenza, dovranno essere presentate agli istituti professionali
nei quali e’ attivata la specializzazione richiesta, che rilasceranno
i relativi diplomi.

Art. 2.

1. I diplomi di qualifica rilasciati ai sensi del presente decreto
hanno la stessa natura di titoli di studio e la medesima validita’
cosi’ come indicato dall’art. 2 del decreto ministeriale 14 aprile
1997, n. 250 e consentono l’ammissione al quarto anno dei corsi di
studio di istruzione professionale.
2. E’ consentita, altresi’, sulla base del diploma di qualifica
riconosciuto ai sensi dell’art. 1, comma 1, del presente decreto,
l’ammissione agli esami di Stato per il conseguimento del diploma di
Stato di istruzione professionale conclusivo dei corsi di studio di
istruzione secondaria superiore, qualora gli interessati ne facciano
richiesta e risultino in possesso degli altri prescritti requisiti.
3. Ai fini dell’ammissione agli esami di cui al precedente comma 2
sono valutabili, quali crediti formativi ai sensi del decreto del
Presidente della Repubblica del 23 luglio 1998, n. 323 e della legge
11 gennaio 2007, n. 1, le esperienze lavorative e professionali
possedute dagli interessati e debitamente documentate.
Roma, 16 aprile 2009
Il Ministro dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca
Gelmini

Il Ministro della difesa
La Russa

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti

Il Ministro del lavoro, della salute
e delle politiche sociali
Sacconi

Registrato alla Corte dei conti il 5 giugno 2009
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 4, foglio n. 333

Allegato

—-> Vedere da pag. 20 a pag. 32 <----

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 16 aprile 2009

Edilone.it