MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 30 aprile 2012 | Edilone.it

MINISTERO DELL’INTERNO – DECRETO 30 aprile 2012

MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 30 aprile 2012 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di apparecchi di erogazione ad uso privato, di gas naturale per autotrazione. (12A05573) - (GU n. 115 del 18-5-2012 )

MINISTERO DELL’INTERNO

DECRETO 30 aprile 2012

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per
l’installazione e l’esercizio di apparecchi di erogazione ad uso
privato, di gas naturale per autotrazione. (12A05573)

IL MINISTRO DELL’INTERNO

Visto il decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139, recante
«Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell’art. 11 della
legge 29 luglio 2003, n. 229»;
Visto il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, recante
«Attuazione dell’art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia
di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro» e
successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 17, recante
«Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che
modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori;
Visto l’art. 51 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n.112, che
reca norme sulla semplificazione dell’installazione di piccoli
impianti di distribuzione di gas naturale;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n.
126 concernente il regolamento recante norme per l’attuazione della
direttiva 94/9/CE (ATEX) in materia di apparecchi e sistemi di
protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente
esplosiva;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n.
151, concernente «Regolamento recante semplificazione della
disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi,
a norma dell’art. 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio
2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio
2010, n. 122»;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico, adottato di
concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio
e del mare, 22 gennaio 2008 n. 37, recante «Regolamento concernente
l’attuazione dell’art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della
legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni
in materia di attivita’ di installazione degli impianti all’interno
degli edifici»;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 30 novembre 1983,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 339
del 12 dicembre 1983, recante «Termini, definizioni generali e
simboli grafici di prevenzione incendi» e successive modificazioni;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 12 aprile 1996,
pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 103, del 4 maggio 1996, recante «Approvazione
della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la
costruzione e l’esercizio degli impianti termici alimentati da
combustibili gassosi» e successive modificazioni;
Visto il decreto del Ministro dell’interno, adottato di concerto
con il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, 10 marzo 1998,
pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 81, del 7 aprile 1998, recante «Criteri
generali di sicurezza antincendio per la gestione dell’emergenza nei
luoghi di lavoro»;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 24 maggio 2002,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 131,
del 6 giugno 2002, recante «Norme di prevenzione incendi per la
progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di
distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione» e successive
modificazioni;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico, 19 febbraio
2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
n. 65, del 19 marzo 2007, recante «Approvazione della regola tecnica
sulle caratteristiche chimico-fisiche e sulla presenza di altri
componenti nel gas combustibile da convogliare»;
Rilevata la necessita’ di emanare disposizioni di sicurezza
antincendio per l’installazione ed esercizio di apparecchi di
erogazione ad uso privato, di gas naturale per autotrazione,
alimentati direttamente dalla rete di distribuzione;
Acquisito il parere del Comitato centrale tecnico-scientifico per
la prevenzione incendi, di cui all’art. 21 del decreto legislativo 8
marzo 2006, n. 139;
Espletata la procedura di informazione ai sensi della direttiva
98/34/CE, come modificata dalla direttiva 98/48/CE;

Decreta:

Art. 1

Finalita’ e ambito di applicazione

1. Il presente decreto ha per scopo l’emanazione di disposizioni di
prevenzione incendi per l’installazione e l’esercizio di apparecchi
di erogazione (VRA), ad uso privato, di gas naturale per
l’autotrazione, di portata massima 20 m³/h (s.t.p.), alimentati
direttamente da rete di distribuzione, ivi compresi l’installazione e
l’esercizio di impianti fissi senza serbatoio di accumulo, derivati
da rete domestica adibiti al rifornimento a carica lenta di gas
naturale per l’autotrazione, con capacita’ di compressione non
superiore a 3 m³/h, di cui all’art. 51 del decreto-legge 31 maggio
2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio
2010, n.112.
2. Sono escluse dal campo di applicazione del presente decreto le
installazioni finalizzate alla erogazione del gas naturale mediante
apparecchiature collegate ad uno stoccaggio e gli impianti con
apparecchiature comunque interconnesse sul lato erogazione, eccedenti
la portata massima di 20 m³/h (s.t.p.).
3. Le installazioni oggetto del presente decreto, destinate al
rifornimento di veicoli alimentati a gas naturale compresso (CNG),
utilizzano apparecchi di erogazione, costituiti da un gruppo di
compressione, non comprensivo di stoccaggio, che riempiono i serbatoi
dei veicoli fino ad una pressione di 20 MPa (200 bar) a 15 °C oppure,
per temperature differenti, ad una pressione equivalente comunque mai
superiore in qualsiasi situazione a 22 MPa (220 bar).
4. Il veicolo da rifornire deve essere conforme a quanto
specificato dal regolamento ECEONU R110, con l’alloggiamento del
connettore di carica di gas naturale conforme agli standard ISO
15501-1:2000 e ISO 15501-2:2000.
5. Le disposizioni del presente decreto si applicano agli impianti
di nuova realizzazione. Non sussiste l’obbligo dell’adeguamento per
gli impianti di erogazione:
a) per i quali sia gia’ stata rilasciata dal competente Comando
provinciale dei vigili del fuoco l’approvazione all’esercizio;
b) per i quali siano stati pianificati, o siano in corso, lavori
di modifica, adeguamento, ristrutturazione o ampliamento sulla base
di un progetto approvato dal competente Comando provinciale dei
vigili del fuoco.

Art. 2

Obiettivi

1. Ai fini della prevenzione degli incendi ed allo scopo di
raggiungere i primari obiettivi di sicurezza relativi alla
salvaguardia delle persone ed alla tutela dei beni, gli apparecchi di
erogazione ad uso privato di gas naturale per autotrazione sono
costruiti, installati e gestiti in modo da garantire i seguenti
obiettivi:
a) minimizzare le cause di dispersione accidentale di gas, di
incendio e di esplosione;
b) limitare, in caso di evento incidentale, danni alle persone;
c) limitare, in caso di evento incidentale, danni ad edifici e
locali contigui all’impianto;
d) permettere ai soccorritori di operare in condizioni di
sicurezza.

Art. 3

Disposizioni tecniche

1. Ai fini del raggiungimento degli obiettivi di cui all’art. 2, e’
approvata la regola tecnica allegata al presente decreto.

Art. 4

Componenti e prodotti degli impianti

1. Ai fini della sicurezza antincendio e per conseguire gli
obiettivi di incolumita’ delle persone e tutela dei beni, le
apparecchiature di erogazione, ad uso privato, di gas naturale per
autotrazione ed i relativi dispositivi di sicurezza, regolazione e
controllo devono essere installati secondo la normativa vigente e le
norme di buona tecnica definite in relazione allo specifico uso e al
luogo di utilizzo dell’apparecchiatura.
2. Sono impiegabili nel campo di applicazione disciplinato dal
presente decreto i prodotti regolamentati dalle disposizioni
comunitarie applicabili ed a queste conformi.
3. Le tipologie di prodotti non contemplati dal comma 2, possono
essere impiegati nel campo di applicazione del presente decreto,
purche’ legalmente fabbricati o commercializzati in uno degli Stati
membri dell’Unione europea o in Turchia, o legalmente fabbricati in
uno degli Stati firmatari dell’Associazione europea di libero scambio
(EFTA), parte contraente dell’accordo sullo spazio economico europeo
(SEE), per l’impiego nelle stesse condizioni che permettono di
garantire un livello di protezione, ai fini della sicurezza
antincendio, equivalente a quello prescritto dal decreto stesso.

Art. 5

Realizzazione, manutenzione ed installazione degli impianti

1. Le imprese abilitate ai sensi del decreto del Ministro dello
sviluppo economico, adottato di concerto con il Ministro
dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, 22 gennaio
2008 n. 37, realizzano l’installazione in conformita’ alla presente
normativa e sono responsabili della corretta esecuzione della stessa,
al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche sulla
sicurezza e corretta funzionalita’ dell’impianto, rilasciano la
dichiarazione di conformita’ e forniscono il libretto delle
istruzioni per l’uso e la manutenzione del VRA.

Art. 6

Disposizioni finali

1. Sono abrogate tutte le disposizioni di prevenzione incendi in
contrasto con l’allegata Regola Tecnica.
2. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo alla
data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 30 aprile 2012

Il Ministro: Cancellieri

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER L’INSTALLAZIONE ED
ESERCIZIO DI APPARECCHI DI EROGAZIONE, AD USO PRIVATO, DI GAS
NATURALE, PER AUTOTRAZIONE.

Titolo I
Disposizioni generali

1.1. Termini, definizioni e tolleranze dimensionali.
Per i termini, le definizioni e le tolleranze dimensionali si
rimanda a quanto stabilito con decreto ministeriale 30 novembre 1983
(pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) e
successive modifiche ed integrazioni. Inoltre, ai fini della presente
regola tecnica, si definisce:
a) VRA (vehicle refuelling appliance): apparecchio di
erogazione di gas naturale di portata massima 20 m ³/h (s.t.p.) per
il rifornimento di veicoli alimentati a gas naturale compresso;
b) Reflusso: Situazione anormale in cui il compressore e’
esposto ad un flusso di gas di ritorno dalla bombola a bordo del
veicolo;
c) Pressione massima ammissibile (p s ): Massima pressione per
la quale il VRA e’ progettato. Tale pressione deve essere specificata
dal costruttore;
d) Pressione di scoppio: pressione che causa la rottura e la
conseguente perdita di fluido dal VRA;
e) Dispositivo antistrappo: dispositivo progettato per
fratturarsi o sganciarsi nel caso di rottura accidentale, posto tra
la manichetta di erogazione e il VRA. Il dispositivo deve chiudere la
l’alimentazione al fine di fermare la fuoriuscita di gas naturale,
minimizzandone le perdite;
f) Valvola di eccesso di flusso: dispositivo, posto tra la
condotta di alimentazione e il VRA, progettato per interrompere il
flusso di gas nel caso di asportazione accidentale del VRA. Il
dispositivo deve arrestare la fuoriuscita di gas naturale,
minimizzandone le perdite.
g) Tettoia: sistema di protezione dagli agenti atmosferici,
eventualmente gia’ previsto dal costruttore;
h) Persona competente: persona che e’ addestrata, esperta ed
abilitata ad eseguire gli interventi sulle reti di alimentazione del
gas, sulle tubazioni e sui VRA;
k) Persona istruita: persona che possiede un’adeguata
formazione, prestata a cura dell’installatore o fabbricante del VRA,
sulla conduzione del sistema di erogazione, sui pericoli ed
inconvenienti che possano derivare dall’uso e sui relativi
dispositivi e comandi di emergenza, in modo da garantire la corretta
esecuzione delle operazioni di erogazione;
i) Unita’ di compressione: Componente del VRA che consiste in
una unita’ che comprime il gas naturale mediante uno o piu’
compressori, incluse tutte le sue relative tubazioni e accessori;
l) Serbatoio di recupero: Serbatoio che riceve il gas dalla
sezione ad alta pressione dell’installazione e lo depressurizza alla
fine del ciclo di rifornimento fino alla pressione dell’ingresso del
VRA. Esso puo’ anche servire per raccogliere i liquidi drenati, e per
depressurizzare il VRA;
m) Sistema di erogazione: Insieme di dispositivi attraverso i
quali il gas naturale compresso viene erogato al veicolo; esso
include almeno un VRA, una manichetta di erogazione, un sistema
antistrappo ed un connettore;
n) Essiccatore: sistema che riduce il contenuto d’acqua del gas
naturale;
o) Dispositivo di trattamento gas: Dispositivo per filtrare e/o
rimuovere costituenti indesiderati (umidita’, polveri, liquidi e
vapori) dal gas naturale;
p) Separatore di liquido: Dispositivo che provoca la caduta di
qualsiasi liquido presente nel gas naturale, per la sua successiva
raccolta;
q) Gas naturale: gas come definito nel DECRETO 19 febbraio 2007
«Approvazione della regola tecnica sulle caratteristiche
chimico-fisiche e sulla presenza di altri componenti nel gas
combustibile da convogliare»;
r) Manichetta di erogazione: tubo di collegamento tra VRA e
connettore di erogazione. Puo’ essere avvolgibile a spirale o
lineare;
s) Connettore di erogazione: dispositivo che permette il
collegamento e lo scollegamento rapido della manichetta di erogazione
del carburante gassoso (CNG) all’attacco di rifornimento posto a
bordo del veicolo;
t) Attacco di rifornimento di bordo di gas naturale compresso
(CNG): dispositivo installato su un veicolo, che riceve il connettore
di erogazione e permette il trasferimento di carburante gassoso dal
VRA;
u) Distanza misurata con il metodo del filo teso: distanza tra
due punti in presenza di un ostacolo misurata lungo la linea di
minimo percorso (filo teso) che evita l’ostacolo (vedi esempi
allegato C).
1.2. Elementi costitutivi.
1.2.1 Gli elementi che costituiscono i sistemi di erogazione con
VRA sono schematicamente raffigurati nell’Allegato A.
Gli stessi devono essere specificamente costruiti per
l’installazione prevista, secondo quanto prescritto dalle vigenti
disposizioni nazionali e/o comunitarie.
1.2.2 I VRA possono essere equipaggiati con manichette di
rifornimento multiple connesse direttamente al VRA. E’ vietato
collegare le manichette di rifornimento su collettori esterni ai VRA.
1.3 Elementi pericolosi dell’impianto.
Ai fini della determinazione delle distanze di sicurezza, sono
considerati elementi pericolosi del sistema di erogazione, quelli di
seguito indicati:
il VRA;
il connettore di erogazione.
1.4. Condizioni di esercizio.
Le condizioni di esercizio ammesse nel funzionamento del sistema
di erogazione con VRA sono le seguenti:
Massima portata all’erogazione: 20 m³/h (s.t.p.);
Massima pressione di riempimento nelle bombole
dell’autoveicolo: 220 bar ( 22,0 MPa);
Pressione massima ammissibile (p s ) nel sistema di erogazione:
260 bar ( 26,0 MPa);
Massimo contenuto di gas naturale nel VRA (comprese
manichette): 0,5 m³ (s.t.p.).
1.5 Requisiti e dispositivi di sicurezza dell’apparecchio di
erogazione.
1.5.1 Il VRA deve essere costruito con caratteristiche tali da
assicurare il trasporto, l’installazione, la manutenzione e la
rimozione in sicurezza. Il VRA deve essere comunque dotato dei
seguenti componenti e dispositivi di sicurezza:
sistema di arresto correlato con la pressione;
dispositivo di protezione per sovrapressione sul lato
erogazione;
dispositivo di protezione per bassa pressione sul lato ingresso
compressore;
tubazione di sfiato;
dispositivo antistrappo;
dispositivo di eccesso di flusso;
sistema di arresto dell’erogazione alla massima pressione di
riempimento (220 bar) nelle bombole dell’autoveicolo;
sistema di monitoraggio di eventuali anomalie del VRA, che
attivi la messa in sicurezza del sistema.
1.5.2 Il VRA deve essere progettato in modo tale che la
temperatura del gas naturale erogato all’uscita del connettore di
rifornimento sia sempre minore di 65°C.
1.5.3 Il VRA deve essere dotato di dispositivo di sicurezza di
avvio esclusivamente manuale.
1.5.4 L’entrata in funzione dei dispositivi di sicurezza sui VRA,
deve essere segnalata da sistemi acustici e visivi e deve condurre ad
un arresto automatico ed in sicurezza dell’apparecchio.
1.5.5 L’apparecchio deve essere dotato di un dispositivo
automatico che ne arresti tempestivamente il funzionamento in caso di
perdite durante il rifornimento.
1.5.6 Il sistema deve essere equipaggiato con un dispositivo di
sicurezza che prevenga la sovrappressione, al di sopra della
pressione massima ammissibile (N), in qualsiasi modalita’ operativa
ed in qualsiasi delle varie parti dell’impianto. Le valvole di
sicurezza sull’impianto devono essere conformi alla EN ISO 4126-1.
1.5.7 Il VRA deve essere equipaggiato, sia per installazioni
all’aperto che in apposito locale, di una tubazione di sfiato, che
consenta lo scarico in sicurezza del gas in eccesso.
1.5.8 Il VRA deve essere equipaggiato con un dispositivo di
sicurezza che ne impedisca automaticamente il funzionamento, quando
la pressione del gas nella tubazione di alimentazione scende al di
sotto del valore minimo specificato dal costruttore del VRA.
1.6 Requisiti e dispositivi di sicurezza del sistema di erogazione.
1.6.1 Dispositivo antivibrante: tra la tubazione di alimentazione
e il VRA deve essere prevista l’installazione di un giunto flessibile
che smorzi le vibrazioni prodotte dal VRA.
1.6.2 I collegamenti delle tubazioni di alimentazione e di
erogazione devono resistere ad una forza di sgancio, in direzione
lineare, maggiore della forza di sgancio del dispositivo antistrappo.
1.6.3 La manichetta di erogazione deve essere dotata di un
connettore che sia in posizione di chiusura quando la manichetta non
e’ collegata al veicolo. La lunghezza della stessa deve essere la
minima necessaria per consentire un rifornimento in sicurezza, e non
deve superare 5 m.
1.6.4 Il connettore deve essere conforme a quanto specificato dal
regolamento ECE-ONU R110 e adatto all’alloggiamento del connettore di
carica di qualsiasi veicolo alimentato a gas naturale, che sia
conforme alle norme ISO 15501-1:2000 e ISO 15501-2:2000.
1.6.5 Il connettore deve garantire l’erogazione solo ad
accoppiamento avvenuto ed il suo impiego deve risultare agevole.
1.6.6 Il collegamento del connettore al veicolo deve sopportare
una forza in direzione lineare maggiore della massima forza di
sgancio specificata dal costruttore del dispositivo antistrappo.
1.6.7 Quando la manichetta di erogazione e’ scollegata,
l’afflusso di gas deve essere interrotto automaticamente ed
immediatamente. A fine rifornimento, la manichetta ed il connettore
devono essere riportati a pressione che consenta lo sgancio in
sicurezza.
1.6.8 Quando i tubi di sfiato per sovrappressione sono disposti
su un collettore comune, il collettore deve essere dimensionato in
modo che l’intervento di una valvola non provochi l’apertura
prematura delle altre valvole di sicurezza.
1.6.9 I dispositivi di sicurezza per sovrappressione devono
sfiatare all’atmosfera, ed il tubo di sfiato deve avere le seguenti
caratteristiche:
a) essere diretto verso l’alto, verticale e senza ostruzioni o
strozzature e culminare con una reticella tagliafiamma in posizione
lontana da qualsiasi culmine di tetti che possa causare accumulo di
gas;
b) essere progettato per tener conto degli effetti avversi di
pioggia, brina, condense, sostanze estranee;
c) avere diametro sufficiente a consentire lo scarico del gas
naturale dai dispositivi di sicurezza per sovrappressione del VRA, in
una posizione sicura all’aperto ad una altezza di almeno 3,0 m sopra
il livello del suolo e ad una distanza da ogni apertura posta
superiormente e lateralmente di almeno di 2,5 m e di 1,0 m da quelle
poste inferiormente, per evitare che il gas eventualmente disperso
possa penetrare negli edifici.
1.6.10 La sezione di uscita dell’eventuale sistema di
raffreddamento deve essere posta sempre all’aperto, facilmente
ispezionabile e opportunamente segnalata, evitando zone che
presentino possibili sorgenti di innesco, ostacoli/occlusioni, o in
prossimita’ di aperture verso locali confinanti.
1.7 Impianto di adduzione del gas e impianto elettrico di
alimentazione.
1.7.1 L’impianto di adduzione del gas e l’impianto elettrico a
servizio del VRA devono essere realizzati a regola d’arte,
conformemente a quanto previsto dal decreto ministeriale 22 gennaio
2008, n. 37.
1.7.1.1 Gli impianti di adduzione del gas relativi ai VRA con
portata del compressore fino a 5 m³/h (s.t.p.) possono essere
realizzati con l’impiego di materiali, modalita’ di installazione e
di verifica previsti dalla norma UNI 7129.
1.7.1.2 Gli impianti di adduzione relativi ai VRA con portata del
compressore superiore a 5 m3/h (s.t.p.) ma non superiore a 20 m3/h
(s.t.p.), devono essere realizzati con l’impiego di materiali,
modalita’ di installazione e di verifica previsti dal decreto
ministeriale 12 aprile 1996, recante «Approvazione della regola
tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e
l’esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili
gassosi».
1.7.2 Nell’area di installazione del VRA, devono essere
installati una valvola d’intercettazione, sulla tubazione di
alimentazione del gas al VRA, conforme alla norma UNI EN 331, ed un
comando di emergenza per l’interruzione di energia elettrica,
entrambi facilmente visibili, accessibili e segnalati.
1.7.3 Il gas naturale rifornito con il VRA deve essere odorizzato
ai sensi della legge n. 1083/1971.

Titolo II
Modalita’ e caratteristiche di installazione

2.1 Disposizioni comuni.
2.1.1 L’installazione del VRA deve essere realizzata in
conformita’ della presente Regola Tecnica e delle istruzioni del
fabbricante.
2.1.2 I componenti del sistema di erogazione devono essere
installati in modo tale che non venga mai pregiudicata la erogazione
in sicurezza dell’apparecchio.
2.1.3 Il collegamento in ingresso del VRA deve essere idoneo e
compatibile con le caratteristiche del relativo impianto di
alimentazione del gas. La tubazione e i collegamenti devono essere
fissati in modo tale da evitare qualsiasi accidentale scollegamento
durante l’esercizio normale, rispettando le istruzioni di
installazione fornite dal fabbricante relativamente ai metodi
raccomandati per il collegamento all’impianto di alimentazione.
2.1.4 Il VRA deve essere adeguatamente protetto con barriere
fisiche contro urti accidentali; devono comunque essere predisposte
le protezioni previste dal fabbricante nelle istruzioni per
l’installazione. Particolare cura deve essere riservata nella
protezione dei VRA installati ad una quota inferiore a 1,5 m dal
suolo.
2.1.5 Il sito prescelto per l’installazione del VRA deve
assicurare l’accesso agevole delle persone autorizzate per la
gestione e la manutenzione dell’apparecchio.
2.1.6 Se il VRA e’ dotato di un sistema di compensazione di
temperatura, esso deve essere installato in una posizione in cui la
temperatura ambiente sia uguale a quella del serbatoio del veicolo da
rifornire.
2.1.7 Il VRA deve essere installato esclusivamente in aree nelle
quali la sua presenza ed il suo funzionamento non comportino
situazioni di pericolo, in relazione anche ad altre apparecchiature
presenti. Nel caso di ambienti di lavoro, l’area prescelta per
l’installazione dell’apparecchio di erogazione non deve rientrare tra
quelle individuate a rischio di esplosione e di incendio, secondo la
valutazione del rischio condotta ai sensi del Decreto Legislativo 9
aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii..
2.1.8 Sulla proiezione verticale della area di cui al punto
precedente, non devono trovarsi linee elettriche aeree.
2.2 Modalita’ di installazione all’aperto.
2.2.1 Il VRA deve essere installato in area che abbia i requisiti
di «spazio scoperto», come definito dal decreto ministeriale 30
novembre 1983. Il VRA puo’ essere protetto dagli agenti atmosferici
mediante tettoia, purche’ l’area di installazione conservi i
requisiti di «spazio scoperto», sopra richiamati. Analoga
caratteristica deve presentare l’area destinata alla sosta del
veicolo in fase di rifornimento.
2.2.2 La posizione di installazione del VRA deve essere tale che
qualunque agente esterno non possa interferire col corretto
funzionamento dell’apparecchio.
2.2.3 L’area, individuata dal raggio in orizzontale
dall’apparecchio di almeno 3,0 m e comunque non inferiore alla
lunghezza della manichetta, compresa quella predisposta per la sosta
del veicolo durante il rifornimento, deve essere priva di depositi di
materiale combustibile e di vegetazione.
2.2.4 Qualora il VRA sia installato in aree di accesso al
pubblico, lo stesso deve essere idoneamente recintato. E’ vietata
temporaneamente l’erogazione qualora lo spazio antistante il VRA, per
un raggio pari alla distanza di sicurezza esterna, sia utilizzato
anche parzialmente con presenza di affollamento di persone.
2.2.5 Nell’installazione del VRA devono essere osservate le
distanze di sicurezza di cui ai seguenti punti.
2.2.5.1 Se l’apparecchio e’ installato sulla parete esterna di un
edificio, questa deve essere in materiale incombustibile e con
caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiori a REI/EI 60. La
parete deve essere priva di aperture per un raggio minimo, misurato
rispetto al perimetro del VRA, non inferiore a 2,5 m e comunque non
inferiore alla lunghezza della manichetta installata .
2.2.5.2 Qualora tra il VRA e la parete esterna dell’edificio
siano installati elementi di protezione incombustibile e resistenti
al fuoco REI/EI 60, il calcolo della distanza di cui al comma
precedente puo’ essere effettuato utilizzando il metodo del «filo
teso».
2.2.5.3 E’ vietata l’installazione dei VRA su pareti dei locali
destinati a depositi di sostanze infiammabili e/o combustibili con
quantitativi complessivi superiori a 5 t o dei locali destinati ad
affluenza di persone con densita’ di affollamento superiore a 0,4
persone/m² o nei quali sia previsto un affollamento superiore a 100
persone.
2.2.5.4 Nelle installazioni che prevedono piu’ VRA, tra loro
indipendenti, la distanza orizzontale fra due apparecchi di
erogazione deve essere non inferiore alla somma delle lunghezze delle
singole manichette in dotazione a ciascun erogatore e comunque non
inferiore a 5 m.
2.2.5.5 Distanze di sicurezza interne: dal perimetro del VRA
devono essere osservate le distanze minime di sicurezza riportate in
tabella, rispetto ad eventuali fonti di accensione e ai fabbricati,
escluse quelle fissate dai precedenti punti 2.2.5.1 e 2.2.5.2.

|=============================|===================|=================|
| Sezione interna utile della |Portata compressore| Distanza di |
| manichetta di erogazione | (m 3 /h) (s.t.p.) |sicurezza interna|
| (mm 2) | | D i (m) |
|=============================|===================|=================|
| ≤ 3,0 | ≤ 5 | 3 |
|—————————–|——————-|—————–|
| > 3,0 | ≤ 20 | 5 |
|=============================|===================|=================|

Tali distanze devono essere comunque non inferiori alla lunghezza
della manichetta a corredo del VRA.
2.2.5.6 Distanze di protezione: i medesimi valori riportati nella
tabella del punto 2.2.5.5 devono essere rispettati tra il perimetro
del VRA e il confine di proprieta’ dell’area di installazione
dell’apparecchio di erogazione.
2.2.5.7 Distanze di sicurezza esterne: dal perimetro del VRA deve
essere osservata la distanza minima di 5,0 m rispetto a fabbricati o
eventuali fonti di accensione non pertinenti l’attivita’. Rispetto a
linee ferroviarie e tranviarie deve essere osservata una distanza di
sicurezza minima di 15,0 m, fatta salva in ogni caso l’applicazione
di specifiche disposizioni emanate in proposito.
2.2.5.8 I valori delle distanze di sicurezza interne ed esterne
devono essere raddoppiati nel caso di fabbricati e/o locali destinati
anche in parte a esercizi pubblici, a collettivita’, a luoghi di
riunione, di trattenimento o di spettacolo con affollamento superiore
a 100 persone, e maggiorati del 50 %, nel caso di depositi di
materiali combustibili e/o infiammabili costituenti attivita’
soggette ai controlli di prevenzione incendi.
2.3 Modalita’ di installazione in apposito locale.
2.3.1 Fermo restando il rispetto delle disposizioni comuni di cui
al punto 2.1, e’ consentita l’installazione di un VRA, avente una
portata non superiore a 3,0 m³/h (s.t.p.) e una sezione interna utile
della manichetta di erogazione inferiore a 3,0 mm², all’interno di
appositi locali destinati esclusivamente al rifornimento di veicoli,
di proprieta’ e/o gestione del titolare dell’attivita’. Nell’apposito
locale e’ inoltre vietata l’installazione di impianti, apparecchi e
attrezzature, non necessari al funzionamento dell’apparecchio di
erogazione, ed il deposito di materiali combustibili e/o
infiammabili. Il suddetto locale, deve inoltre possedere le seguenti
caratteristiche:
a) deve essere realizzato in materiale incombustibile, con
accesso diretto da «spazio scoperto». La separazione con eventuali
locali contigui deve essere realizzata con robuste pareti aventi
caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiore a REI/EI 60;
b) non deve essere contiguo a locali destinati ad affluenza di
persone con densita’ di affollamento superiore a 0,4 persone/m² o nei
quali sia previsto un affollamento superiore a 100 persone, nonche’ a
locali destinati a depositi di sostanze infiammabili e/o combustibli
con quantitativi complessivi superiori a 5 t;
c) deve avere una superficie massima di 25 m² ed un volume
minimo di 40 m³;
d) deve essere provvisto di aperture di ventilazione pari ad
almeno 1/30 della sua superficie in pianta. Parte delle suddette
aperture, pari ad almeno 1/50 della superficie in pianta del locale,
deve essere priva di infissi ed essere realizzata, per almeno il 50%,
nella parte piu’ alta della parete del locale, in modo da evitare la
formazione di sacche di gas;
e) non devono esistere zone o soffitti in cui si possa avere un
accumulo di gas;
f) il VRA deve essere equipaggiato con una singola manichetta
di rifornimento;
g) sono consentite comunicazioni tra il locale con altre
attivita’, comunque pertinenti, tramite un «filtro a prova di fumo»,
come definito dal decreto ministeriale 30 novembre 1983, nel caso di
attivita’ soggette al controllo dei Vigili del Fuoco, o mediante
porta EI 120 negli altri casi. Le suddette porte devono avere senso
di apertura verso l’interno del locale di installazione del VRA;
h) deve essere prevista l’installazione di un impianto di
rivelazione fughe di gas con doppia soglia di intervento, con sensori
da collocare a soffitto, che in caso di presenza di gas produca
almeno gli effetti di seguito riportati:
indicazione di allarme per l’utente all’esterno del luogo di
rifornimento e chiusura automatica della linea di alimentazione gas
in ingresso all’apparecchio, alla prima soglia di intervento;
interruzione dell’energia elettrica alla seconda soglia di
intervento;
l’impianto di rivelazione deve essere dotato di alimentazione
di emergenza o, in alternativa, dovra’ comandare la chiusura
dell’elettrovalvola in caso d mancanza dell’energia elettrica.
2.3.2 Nell’installazione del VRA devono essere osservate le
distanze di sicurezza di cui ai seguenti punti.
2.3.2.1 Distanze di sicurezza interne e di protezione: dal
perimetro del VRA devono essere osservate la distanza minima di 3,0 m
rispetto ai confini di proprieta’ e ad eventuali fonti di accensione.
Per un raggio, misurato rispetto al perimetro del VRA, non inferiore
a 2,5 m e comunque non inferiore alla lunghezza della manichetta
installata, non devono essere presenti aperture, escluse quelle a
servizio del locale di installazione del VRA, su pareti di
fabbricati.
Il calcolo delle suddette distanze puo’ essere effettuato
utilizzando il metodo del «filo teso», per tener conto della presenza
di elementi di protezione incombustibili e resistenti al fuoco REI/EI
60.
2.3.2.2 Distanze di sicurezza esterne: dal perimetro del VRA deve
essere osservata la distanza minima di 5,0 m rispetto a fabbricati o
eventuali fonti di accensione, non pertinenti l’attivita’. Il calcolo
delle suddette distanze puo’ essere effettuato utilizzando il metodo
del «filo teso» per tener conto della presenza di elementi di
protezione incombustibili e resistenti al fuoco REI/EI 60. Rispetto a
linee ferroviarie e tranviarie deve essere osservata una distanza di
sicurezza minima di 15,0 m, fatta salva in ogni caso l’applicazione
di specifiche disposizioni emanate in proposito.
2.3.2.3 I valori delle distanze di sicurezza interne ed esterne
devono essere raddoppiati nel caso di fabbricati e/o locali destinati
anche in parte a esercizi pubblici, a collettivita’, a luoghi di
riunione, di trattenimento o di spettacolo con affollamento superiore
a 100 persone, e maggiorati del 50 %, nel caso di depositi di
materiali combustibili e/o infiammabili costituenti attivita’
soggette ai controlli di prevenzione incendi.
2.4 – Caratteristiche dell’area di sosta per il rifornimento del
veicolo.
2.4.1 I perimetri delle aree destinate alla sosta del veicolo in
fase di rifornimento, devono possedere una distanza non inferiore a 1
m dal confine di proprieta’, dalle aperture di eventuali locali e
fonti di accensione.
2.4.2 L’area destinata alla sosta del veicolo per il suo
rifornimento deve essere in piano e opportunamente segnalata.

Titolo III
Norme di esercizio

3 Disposizioni comuni.
3.1Il sistema di erogazione (manichetta di erogazione,
dispositivo antistrappo e convettore di rifornimento) deve essere
sostituito completamente entro la data dichiarata dal fabbricante,
anche in caso di anomalia o danneggiamento e comunque almeno ogni 10
anni. La manichetta di erogazione quando non e’ in uso deve essere
riposta in una posizione sicura.
3.2 Nell’area di installazione del VRA, in zona segnalata, deve
essere installato almeno un estintore di capacita’ estinguente non
inferiore a 21A 133 B C.
3.3 Durante le operazioni di rifornimento e’ obbligatorio
rispettare e far rispettare le seguenti condizioni:
a) il divieto di fumare e usare fiamme libere o opeazioni
similari in prossimita’ del VRA e dell’area di rifornimento. Tali
divieti devono essere riportati con segnaletica appropriata ed
idonea;
b) il veicolo deve essere bloccato con il freno di
stazionamento per evitare che possa muoversi causando lo strappo
della manichetta;
c) il rifornimento deve avvenire a motore spento;
d) periodicamente e’ necessario controllare che la sezione di
ingresso e uscita dell’aria dell’eventuale impianto di raffreddamento
sia priva di ostacoli ed ostruzioni che possano diminuire la portata
di aria di raffreddamento aspirata dal sistema.
3.4 Le operazioni di rifornimento degli autoveicoli devono essere
eseguite da persone formalmente istruite dall’installatore o
fabbricante del VRA, sulla conduzione del sistema di erogazione, sui
pericoli ed inconvenienti che possano derivare dall’uso del sistema
di erogazione e sui relativi dispositivi e comandi di emergenza:
l’avvenuta istruzione deve essere attestata formalmente con il
rilascio di una dichiarazione congiunta con la persona istruita, resa
sulla base del modello riportato in Allegato B, prima che questa
inizi a utilizzare il VRA, che attesti la capacita’ della stessa a
svolgere le operazioni correttamente e in sicurezza.
3.5 Devono essere prese adeguate precauzioni in grado di
assicurare che la sicurezza operativa non sia compromessa
dall’accesso nell’area interessata dall’installazione, di persone non
autorizzate, mediante l’installazione di apposita cartellonistica e/o
recinzione.
3.6 Il VRA, compresi i dispositivi di erogazione, devono essere
sottoposti ad ispezioni e operazioni di manutenzione, effettuati ad
intervalli e secondo le modalita’ riportate nel libretto di
istruzioni e d’uso fornito dal fabbricante.
3.7 Le operazioni di primo avviamento, le ispezioni e la
manutenzione a cui il VRA va sottoposto, in particolare la
sostituzione del sistema di erogazione, devono essere effettuati da
persona competente, adeguatamente formata dal fabbricante.
3.8 L’installatore deve fornire all’utente il libretto delle
istruzioni per l’uso, in lingua italiana, comprendenti almeno quelle
relative al corretto funzionamento del VRA e dei dispositivi di
sicurezza e alle operazioni obbligatorie di manutenzione.

Allegato A

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato B

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato C

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’INTERNO – DECRETO 30 aprile 2012

Edilone.it