MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 15 Marzo 2004, n. 163: Regolamento per la definizione dei criteri e delle modalita' di accesso al Fondo per la tutela e lo sviluppo economico-sociale delle isole minori, ai sensi dell'articolo 25, commi 7, 8 e 9, della legge 28 dicembre 2001, n. 448. (GU n. 149 del 28-6-2004 | Edilone.it

MINISTERO DELL’INTERNO – DECRETO 15 Marzo 2004, n. 163: Regolamento per la definizione dei criteri e delle modalita’ di accesso al Fondo per la tutela e lo sviluppo economico-sociale delle isole minori, ai sensi dell’articolo 25, commi 7, 8 e 9, della legge 28 dicembre 2001, n. 448. (GU n. 149 del 28-6-2004

MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 15 Marzo 2004, n. 163: Regolamento per la definizione dei criteri e delle modalita' di accesso al Fondo per la tutela e lo sviluppo economico-sociale delle isole minori, ai sensi dell'articolo 25, commi 7, 8 e 9, della legge 28 dicembre 2001, n. 448. (GU n. 149 del 28-6-2004 )

MINISTERO DELL’INTERNO

DECRETO 15 Marzo 2004 , n. 163

Regolamento per la definizione dei criteri e delle modalita’ di
accesso al Fondo per la tutela e lo sviluppo economico-sociale delle
isole minori, ai sensi dell’articolo 25, commi 7, 8 e 9, della legge
28 dicembre 2001, n. 448.

IL MINISTRO DELL’INTERNO
Visto l’articolo 25, comma 7, della legge 28 dicembre 2001, n. 448,
che istituisce, presso il Ministero dell’interno, il Fondo per la
tutela e lo sviluppo economico-sociale delle isole minori individuate
tra gli ambiti territoriali indicati nell’allegato A della predetta
legge, da destinare ad interventi per la salvaguardia ambientale e lo
sviluppo economico-sociale delle predette isole;
Visto l’articolo 25, comma 8, della citata legge n. 448 del 2001
che quantifica, per l’anno 2002, le risorse del Fondo per la tutela e
lo sviluppo economico-sociale delle isole minori in 51.545.689,90
euro ridotte a 46.395.390 euro, in conseguenza dell’applicazione
delle disposizioni contenute nel decreto-legge 6 settembre 2002, n.
194, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 ottobre 2002, n.
246;
Visto l’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
7 marzo 2003, emanato ai sensi dell’articolo 25, comma 9, della legge
n. 448 del 2001, che individua la tipologia ed i settori degli
interventi che possono essere ammessi ad accedere al Fondo per la
tutela e lo sviluppo economico-sociale delle isole minori;
Visto l’articolo 25, comma 9, della legge n. 448 del 2001 che
demanda ad apposito decreto del Ministro dell’interno, sentita la
Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali, le modalita’ per
l’accesso al Fondo per la tutela e lo sviluppo economico-sociale
delle isole minori;
Sentita la Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali;
Udito il parere espresso dalla Sezione consultiva per gli atti
normativi del Consiglio di Stato nell’adunanza del 9 febbraio 2004;
Vista la comunicazione effettuata al Presidente del Consiglio dei
Ministri ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto
1988, n. 400;
Adotta
il seguente regolamento:
Art. 1.
Oggetto del decreto
1. Il presente decreto definisce le modalita’ di accesso e di
riparto del Fondo per la realizzazione di misure di salvaguardia
ambientale e sviluppo socio-economico delle isole minori previsto
dall’articolo 25, commi 7 e 8, della legge 28 dicembre 2001, n. 448.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della repubblica italiana,
approvato con decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la
lettura delle disposizioni di legge alle quali e’ operato
il rinvio. Restano invariati il valore e l’efficacia degli
atti legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
– Si riporta il testo dell’art. 25, commi 7, 8 e 9 e
dell’allegato A) della legge 28 dicembre 2001, n. 448
recante: «Disposizioni per la formazione del bilancio
annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2002)»
(in supplemento ordinario n. 285 alla Gazzetta Ufficiale,
29 dicembre, n. 301):
«Art. 25.
(omissis).
7. Per l’adozione urgente di misure di salvaguardia
ambientale e sviluppo socio-economico delle isole minori,
individuate tra gli ambiti territoriali indicati
nell’allegato A) annesso alla presente legge, e’ istituito
presso il Ministero dell’interno il Fondo per la tutela e
lo sviluppo economico-sociale delle isole minori.
8. Le risorse del Fondo di cui al comma 7 sono
determinate in 51.645.689,90 euro per l’anno 2002.
9. Entro due mesi dalla data di entrata in vigore della
presente legge, il Presidente del Consiglio dei Ministri,
su proposta del Ministro dell’interno, individua la
tipologia e i settori degli interventi ammessi ad accedere
al Fondo di cui al comma 7. Il Ministro dell’interno,
sentita la Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali, con
decreto da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in
vigore della presente legge, determina le modalita’ per
l’accesso al Fondo e provvede alla ripartizione delle
risorse. Resta fermo quanto stabilito dal decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281.».
«All. 1.
Allegato A)
(Art. 25, comma 7).
Isole Tremiti.
1. San Nicola: San Nicola, San Domino, Capraia,
Pianosa.
Mare: da 1 miglio dalla costa continentale fino al
limite delle acque territoriali.
Pantelleria.
2. Pantelleria.
Mare: per un raggio di 20 miglia intorno all’isola.
Isole Pelagie.
3. Lampedusa: Lampedusa, Lampione, Linosa.
Mare: per un raggio di 40 miglia intorno a ciascuna
isola.
Isole Egadi.
4. Favignana: Favignana, Levanzo, Marettimo, Formica.
Mare: fino a 1 miglio dalla costa siciliana e per un
raggio di 20 miglia nelle altre direzioni.
5. Ustica: Ustica.
Mare: fino a 1 miglio dalla costa siciliana e per un
raggio di 20 miglia nelle altre direzioni.
Isole Eolie.
6. Lipari: Lipari, Vulcano, Alicudi, Filicudi,
Stromboli, Panarea.
Mare: fino a 1 miglio dalla costa siciliana e per un
raggio di 20 miglia nelle altre direzioni, ma non oltre la
meta’ della distanza tra Lipari e Salina.
7. Salina: Salina.
Mare: fino alla meta’ della distanza da Lipari e per un
raggio di 20 miglia nelle altre direzioni.
Isole Sulcitane.
8. San Pietro: Sant’Antioco, San Pietro.
Mare: fino alla costa sarda da Capo Pecora a Capo
Teulada e per un raggio di 20 miglia nelle altre direzioni.
Isole del Nord Sardegna.
9. La Maddalena: La Maddalena, Caprera, Santo Stefano,
Spargi, Santa Maria, Budelli, Razzoli, Mortorio, Tavolara,
Molara, Asinara.
Mare: fino al confine delle acque territoriali con la
Corsica, fino alla costa sarda e per un raggio di 20 miglia
nelle altre direzioni.
Isole Partenopee.
10. Procida: Capri, Ischia, Procida, Nisida, Vivara.
Mare: l’intero golfo di Napoli.
Isole Ponziane.
11. Ponza, Palmarola, Zannone.
Mare: fino a 1 miglio dalla costa laziale e per un
raggio di 20 miglia nelle altre direzioni.
12. Ventotene: Ventotene, Santo Stefano.
Mare: per un raggio di 20 miglia intorno a ciascuna
isola.
Isole Toscane.
13. Elba: Elba, Pianosa, Montecristo.
Mare: fino alla costa toscana da Piombino a Punta Ala e
fino al confine delle acque territoriali con la Corsica.
14. Giglio: Isola del Giglio, Giannutri, Formiche di
Grosseto.
Mare: fino alla costa da Punta Ala all’Argentario e per
un raggio di 15 miglia nelle altre direzioni.
15. Capraia: Capraia, Gorgona, Secche delle Meloria.
Mare: fino al confine delle acque territoriali con la
Corsica e fino alla costa toscana da Piombino a Livorno.
Isole del Mare Ligure.
16. Arcipelago di Porto Venere: Palmaria, Tino,
Tinetto.
Mare: fino alla costa delle Punta di San Pietro
all’altezza della diga foranea di La Spezia e per un raggio
di 20 miglia nelle altre direzioni.».
– Il decreto- legge 6 settembre 2002, n. 194,
convertito, con modificazioni, in legge 31 ottobre 2002, n.
246, reca: «Misure urgenti per il controllo, la trasparenza
ed il contenimento della spesa pubblica.».
– Si riporta il testo dell’art. 17, comma 3, della
legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri):
«3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del Ministro o di
autorita’ sottordinate al Ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu’ Ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita’ di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei Ministri prima della loro emanazione.».

Art. 2.
Interventi ammissibili al finanziamento
1. Sono ammissibili al finanziamento previsto dall’articolo 1 gli
interventi individuati, per tipologia e per settore, dal decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 marzo 2003 emanato ai
sensi dell’articolo 25, comma 9, della legge 28 dicembre 2001, n.
448.

Art. 3.
Soggetti autorizzati alla presentazione
delle domande di finanziamento
1. Possono presentare le domande per l’accesso al Fondo per la
realizzazione di misure di salvaguardia ambientale e sviluppo
socio-economico delle isole minori gli enti locali, anche in forma
associata, nei cui ambiti territoriali ricadono le isole minori
indicate nell’allegato A annesso alla legge 28 dicembre 2001, n. 448.

Art. 4.
Presentazione delle domande
per l’ammissione al finanziamento
1. I soggetti di cui all’articolo 3 che intendono realizzare gli
interventi individuati dal decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri del 7 marzo 2003 presentano apposita domanda sottoscritta
dal legale rappresentante per l’accesso al Fondo, con la seguente
documentazione:
a) relazione descrittiva del progetto, con particolare riguardo
agli effetti che si attendono, alle fasi ed ai tempi di realizzazione
ed alla sostenibilita’ tecnica, ambientale, economica e finanziaria
degli interventi proposti;
b) progetto preliminare;
c) analisi dei costi e redazione del piano economico-finanziario
ove ricorrano le condizioni di cui all’articolo 201 del testo unico
delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, approvato con decreto
legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
d) dichiarazione dell’ente locale attestante la corrispondenza
dei progetti presentati con gli strumenti di programmazione
sovraordinati relativi al bacino territoriale di riferimento;
e) dichiarazione dell’ente locale attestante la corrispondenza
dei progetti proposti con la specifica normativa e disciplina di
tutela ambientale, nazionale e comunitaria;
f) eventuale dichiarazione di impegno dell’ente locale a
conseguire, per le infrastrutture turistiche da realizzare, il
marchio comunitario di qualita’ ecologica al servizio di ricettivita’
turistica secondo i criteri definiti dall’Unione europea con la
decisione della Commissione del 14 aprile 2003 – C(2003)235);
g) richiesta di parere in ordine al progetto all’Ente parco
nazionale o al soggetto gestore dell’area marina protetta, ovvero, in
caso di area marina protetta non ancora costituita, al Ministero
dell’ambiente e tutela del territorio – Direzione generale protezione
della Natura, via C. Colombo, 44 – 00147 Roma. Il parere deve
pervenire entro sessanta giorni dalla ricezione della richiesta;
h) eventuale dichiarazione dell’Ente parco nazionale o del
soggetto gestore dell’area marina protetta ove si attesti che gli
stessi hanno elaborato i progetti presentati dagli enti locali per il
finanziamento;
i) dichiarazione dell’ente locale attestante la disponibilita’
del bene o dell’area interessati dagli interventi;
l) dichiarazione da parte di eventuali cofinanziatori della
effettiva disponibilita’ finanziaria.
2. Le domande sono inviate, utilizzando la modulistica di cui
all’allegato A al presente decreto, al Ministero dell’interno –
Dipartimento per gli affari interni e territoriali – Direzione
centrale della finanza locale, piazza Viminale – 00186 Roma, nonche’
al soggetto indicato al comma 1, lettera g), per l’emissione del
parere, entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione del
presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana,
pena la loro irricevibilita’. Per le istanze inviate tramite servizio
postale fa fede il timbro postale o, nel caso in cui siano presentate
direttamente, la ricevuta rilasciata dagli uffici.
3. I soggetti di cui all’articolo 3 possono presentare domande per
il finanziamento di uno o piu’ interventi in relazione ai quali
indicano l’ordine di priorita’.

Note all’art. 4:
– Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
del 7 marzo 2003 recante: «Individuazione della tipologia e
dei settori degli interventi ammessi ad accedere al fondo
per la tutela e lo sviluppo economico-sociale delle isole
minori», e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 28 aprile,
n. 97.
– Si riporta il testo dell’art. 201 del Testo unico
delle leggi sull’ordinamento degli enti locali approvato
decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267(in supplemento
ordinario n. 162/L, alla Gazzetta Ufficiale n. 227, del 28
settembre):
«Art. 201 (Finanziamento di opere pubbliche e piano
economico-finanziario). – 1. Gli enti locali e le aziende
speciali sono autorizzate ad assumere mutui, anche se
assistiti da contributi dello Stato o delle regioni, per il
finanziamento di opere pubbliche destinate all’esercizio di
servizi pubblici, soltanto se i contratti di appalto sono
realizzati sulla base di progetti «chiavi in mano» ed a
prezzo non modificabile in aumento, con procedura di
evidenza pubblica e con esclusione della trattativa
privata.
2. Per le nuove opere di cui al comma 1 il cui progetto
generale comporti una spesa superiore al miliardo di lire,
gli enti di cui al comma 1 approvano un piano
economico-finanziario diretto ad accertare l’equilibrio
economico-finanziario dell’investimento e della connessa
gestione, anche in relazione agli introiti previsti ed al
fine della determinazione delle tariffe.
3. (Comma abrogato dall’art. 1, comma 4-ter, del
decreto-legge 27 dicembre 2000, n. 392, convertito, con
modificazioni in legge 28 febbraio 2001, n. 26).
4. Le tariffe dei servizi pubblici di cui al comma 1
sono determinati in base ai seguenti criteri:
a) la corrispondenza tra costi e ricavi in modo da
assicurare la integrale copertura dei costi, ivi compresi
gli oneri di ammortamento tecnico finanziario;
b) l’equilibrato rapporto tra i finanziamenti
raccolti ed il capitale investito;
c) l’entita’ dei costi di gestione delle opere,
tenendo conto anche degli investimenti e della qualita’ del
servizio.».

Art. 5.
Ripartizione del Fondo
1. A ciascun ente locale, per la realizzazione degli interventi
ammissibili al finanziamento, e’ assegnata una quota del Fondo, cosi’
come indicato nell’allegato A annesso alla legge 28 dicembre 2001, n.
448, sulla base dei seguenti criteri:
a) 35 per cento in favore degli enti locali che hanno sede
giuridica nelle isole minori;
b) 35 per cento in favore degli enti locali nel cui territorio
insistano isole minori stabilmente abitate;
c) 15 per cento in favore degli enti locali in proporzione alla
popolazione agli stessi appartenente ed avente residenza nelle isole
minori;
d) 15 per cento in favore degli enti locali in proporzione
all’estensione del loro territorio.

Art. 6.
Valutazione delle domande
1. Le domande regolarmente presentate ai sensi dell’articolo 4 sono
valutate da un’apposita Commissione nominata dal Ministro
dell’interno e composta da sette membri, compreso il presidente. Di
questi tre sono scelti in rappresentanza, rispettivamente, del
Ministero dell’interno, del Ministero delle attivita’ produttive e
del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio, tre in
rappresentanza delle Associazioni degli enti locali designati dalla
Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali ed uno scelto tra esperti
di settore e docenti universitari. Il presidente e’ designato dal
Ministro dell’interno contestualmente alla nomina della Commissione.
Ai componenti della Commissione non spetta alcun compenso e rimborso
spese.
2. La Commissione ha il compito di verificare la ricevibilita’
formale delle domande, di valutare la coerenza delle domande con le
previsioni di cui ai commi 7, 8 e 9 dell’articolo 25 della legge
28 dicembre 2001, n. 448, ed al decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri del 7 marzo 2003, di valutare la sostenibilita’ tecnica,
ambientale, economica e finanziaria dei progetti presentati ed i
tempi di avviamento dei lavori, nonche’ di accertare la capacita’ del
progetto di offrire uno sviluppo stabile e qualificato, la
compatibilita’ dei progetti con gli strumenti di programmazione
sovraordinati relativi al bacino territoriale di riferimento e la
coerenza con la specifica normativa e disciplina di tutela
ambientale, nazionale e comunitaria. La Commissione redige l’elenco
delle domande risultate in possesso dei prescritti requisiti formali
e sostanziali con l’indicazione per ciascuna di esse del relativo
punteggio alla stregua dei criteri di cui all’articolo 7 ed avanza
specifica proposta al Ministro dell’interno per l’assegnazione delle
risorse.
3. Ove il singolo soggetto presenti due o piu’ domande per il
finanziamento e la quota del fondo assegnato ai sensi dell’articolo 5
risulti insufficiente, il contributo e’ concesso a favore del
progetto che presenti maggiore interesse secondo l’ordine di
priorita’ indicato dallo stesso soggetto interessato. Per gli
ulteriori progetti sono preferiti gli interventi di cui all’articolo
4 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 marzo
2003 e, in caso di pluralita’ degli stessi, quelli elaborati dagli
enti parco nazionali o da soggetti gestori delle aree marine protette
presentati dagli enti locali per il finanziamento. Le eventuali quote
residue del fondo sono assegnate secondo l’ordine della graduatoria
formata ai sensi dell’articolo 7.
4. La Commissione valuta la relazione tecnica di cui all’articolo
9, comma 1, lettera c), ai fini della successiva erogazione della
quota di contributo prevista dalla predetta disposizione.

Note all’art. 6:
– Si riporta il testo dell’art. 4 del citato decreto
del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 marzo 2003:
«Art. 4 (Interventi nel settore della tutela
ambientale). – 1. Per il settore di cui alla lettera b)
dell’art. 2, gli interventi ammissibili al finanziamento
sono:
a) impianti di fognatura e depurazione delle acque e
degli scarichi a mare;
b) raccolta differenziata, recupero e smaltimento dei
rifiuti solidi urbani;
c) raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti
speciali;
d) impianti per la raccolta nei porti e negli approdi
turistici dei rifiuti solidi e liquidi prodotti sulle
unita’ di diporto e sulle navi;
e) risanamento e restauro ambientale;
f) opere di prevenzione degli incendi boschivi;
g) misure per la protezione della flora e della
fauna;
h) informatizzazione dei servizi per la tutela
ambientale».

Art. 7.
Criteri di valutazione
1. Le domande per l’ammissione al finanziamento dei progetti per la
realizzazione degli interventi di cui al decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 7 marzo 2003 a valere sulla quota del
Fondo di cui all’articolo 5 sono ordinate secondo i seguenti
punteggi:
a) rilevanza del settore:
1. ai progetti presentati nei settori di interventi di cui
all’articolo 4 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
del 7 marzo 2003, punti 12;
2. ai progetti presentati nel settore di interventi di cui
all’articolo 9 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
del 7 marzo 2003, punti 10;
3. ai progetti presentati nei settori di interventi di cui agli
articoli 7 e 8 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
del 7 marzo 2003, punti 8;
4. ai progetti presentati nei settori di interventi di cui
all’articolo 5 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
del 7 marzo 2003, punti 6;
5. ai progetti presentati nei settori di interventi di cui agli
articoli 3 e 6 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
del 7 marzo 2003, punti 5;
b) impatto dell’intervento sulla popolazione presente nel
territorio insulare nel periodo di massimo afflusso:
1. copertura del fabbisogno o erogazione del servizio a favore
di non meno del 25 per cento della popolazione, punti 2,5;
2. copertura del fabbisogno o erogazione del servizio a favore
di non meno del 50 per cento della popolazione, punti 5;
3. copertura del fabbisogno o erogazione del servizio per il
100 per cento della popolazione, punti 10.
4. copertura del fabbisogno o erogazione del servizio per non
meno del 60 per cento della popolazione, punti 7,5;
c) effetto moltiplicatore:
1. progetti di pubblica utilita’ dove almeno 1’80 per cento dei
costi per lo sviluppo del progetto sia autofinanziante anche mediante
il contributo di terzi, punti 9;
2. interventi di pubblica utilita’ dove almeno il 70 per cento
dei costi per lo sviluppo del progetto sia autofinanziante anche
mediante il contributo di terzi, punti 8;
3. interventi di pubblica utilita’ dove almeno il 60 per cento
dei costi per lo sviluppo del progetto sia autofinanziante anche
mediante il contributo di terzi, punti 6;
4. interventi di pubblica utilita’ dove almeno il 50 per cento
dei costi per lo sviluppo del progetto sia autofinanziante anche
mediante il contributo di terzi, punti 4;
d) interventi transinsulari ad economie di scala:
1. interventi che coinvolgono non meno del 30 per cento della
popolazione dell’intero comparto delle isole minori, punti 2;
2. interventi che interessano almeno il 60 per cento della
popolazione dell’intero comparto delle isole minori, punti 3;
3. interventi che coprono almeno 1’80 per cento della
popolazione delle isole minori, punti 4;
4. interventi che coinvolgono l’intero comparto delle isole
minori, punti 5;
e) sostegno alle attivita’ che riguardano piu’ comuni:
1. ai progetti che riguardano almeno 4 comuni appartenenti a
piu’ di una regione, punti 3;
2. ai progetti che riguardano almeno 8 comuni, appartenenti a
piu’ di una regione, punti 6;
3. ai progetti che riguardano tutti i comuni insulari, punti
10;
f) interventi rientranti in progetti elaborati dagli Enti parco
nazionali o dai soggetti gestori delle aree marine protette e
presentati dagli enti locali, punti 10;
g) interventi per i quali venga presentata la dichiarazione di
impegno a conseguire, per le infrastrutture turistiche da realizzare,
il marchio comunitario di qualita’ ecologica al servizio di
ricettivita’ turistica secondo i criteri definiti dall’Unione europea
con la decisione della Commissione del 14 aprile 2003-C(2003)235),
punti 8.
3. Ai fini della formazione della graduatoria i punteggi sopra
indicati sono normalizzati.

Note all’art. 7:
– Si riporta il testo degli articoli 3, 5, 6, 7, 8 e 9
del citato decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri del 7 marzo 2003:
«Art. 3 (Interventi nel settore dell’attivita’ di
sostegno allo sviluppo produttivo). – 1. Per il settore di
cui alla lettera a) dell’art. 2, gli interventi ammissibili
al finanziamento sono:
a) promozione e qualificazione dell’offerta
turistica;
b) infrastrutture per migliorare e potenziare
l’offerta turistica;
c) iniziative di sostegno allo sviluppo
dell’artigianato, dell’agricoltura e della pesca;
d) formazione professionale;
e) informatizzazione dei servizi connessi alle
attivita’ produttive.».
«Art. 5 (Interventi nel settore dei servizi a rete). –
1. Per il settore di cui alla lettera c) dell’art. 2, gli
interventi ammissibili al finanziamento sono:
a) impianti per la produzione di energia elettrica
alternativa basata sullo sfruttamento di risorse naturali;
b) rifornimento idrico mediante condotte collegate
con la penisola;
c) raccolta dell’acqua piovana;
d) impianti di potabilizzazione e di desalinizzazione
dell’acqua;
e) ristrutturazione della rete idrica;
f) impianti per il trasporto e la distribuzione di
gas combustibili;
g) informatizzazione dei servizi connessi a rete.».
«Art. 6 (Interventi nel settore trasporti e
telecomunicazioni). – 1. Per il settore di cui alla lettera
d) dell’art. 2, gli interventi ammissibili al finanziamento
sono:
a) trasporto pubblico locale;
b) trasporto pubblico locale mediante veicoli
elettrici o alimentati a gas;
c) infrastrutture eliportuali;
d) infrastrutture portuali;
e) collegamenti con la penisola;
f) miglioramento e potenziamento della rete stradale;
g) infrastrutture e sistemi per telecomunicazioni;
h) informatizzazione dei servizi connessi al
trasporto ed alle telecomunicazioni.».
«Art. 7 (Interventi nel settore dell’offerta di servizi
alla collettivita). – 1. Per il settore di cui alla lettera
e) dell’art. 2, gli interventi ammissibili al finanziamento
sono:
a) recupero di immobili da destinare a servizi
pubblici;
b) infrastrutture scolastiche;
c) infrastrutture destinate all’assistenza sanitaria;
d) servizi di telemedicina;
e) servizi igienici pubblici;
f) interventi destinati a stimolare l’aggregazione
sociale;
g) strutture per l’occupazione del tempo libero;
h) informatizzazione dei servizi offerti alla
collettivita’.».
«Art. 8 (Interventi in materia di sicurezza). – 1. Per
il settore di cui alla lettera f) dell’art. 2, gli
interventi ammissibili al finanziamento sono:
a) infrastrutture e logistica per le forze di
polizia;
b) infrastrutture e logistica per i vigili del fuoco
e per la protezione civile;
c) informatizzazione dei servizi connessi alla
sicurezza pubblica.».
«Art. 9 (Interventi nel settore della cultura e dei
beni culturali). – 1. Per il settore di cui alla lettera g)
dell’art. 2, gli interventi ammissibili al finanziamento
sono:
a) recupero e valorizzazione dei beni culturali;
b) recupero e sistemazione di siti archeologici;
c) centri polivalenti attrezzati di biblioteca,
archivi, aree espositive, sale convegni e formative;
d) informatizzazione dei servizi connessi alla
cultura ed ai beni ambientali.».

Art. 8.
Decreto di individuazione
degli interventi ammessi a finanziamento
1. Con decreto del Ministro dell’interno, da pubblicarsi nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, sono individuati i
progetti ammessi al finanziamento del fondo con l’indicazione
dell’importo concesso.

Art. 9.
Modalita’ di erogazione del finanziamento
1. Il finanziamento concesso secondo quanto previsto dai precedenti
articoli viene erogato:
a) nella misura del 20 per cento entro trenta giorni dalla
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del
decreto di cui all’articolo 8;
b) nella misura di un ulteriore 50 per cento entro trenta giorni
dalla comunicazione dell’avvio della realizzazione dei progetti;
c) nella misura del 30 per cento entro trenta giorni dall’invio
di apposita relazione tecnica in cui si attesta la conclusione dei
lavori o dell’attivita’ intrapresa e si descrive il progetto
realizzato ed i suoi costi finali. Per le infrastrutture turistiche
l’erogazione della quota del 30 e’ subordinata alla comunicazione
dell’avvenuta richiesta di acquisizione del marchio comunitario di
qualita’ ecologica al servizio di ricettivita’ turistica secondo i
criteri definiti dall’Unione europea con Decisione della Commissione
del 14 aprile 2003 – C(2003)235).
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Roma, 15 marzo 2004
Il Ministro: Pisanu
Visto, il Guardasigilli: Castelli
Registrato alla Corte dei conti il 21 giugno 2004
Ministeri istituzionali, registro n. 7, foglio n. 372

Allegato A

—-> Vedere allegato da pag. 6 a pag. 10 in formato zip/pdf

MINISTERO DELL’INTERNO – DECRETO 15 Marzo 2004, n. 163: Regolamento per la definizione dei criteri e delle modalita’ di accesso al Fondo per la tutela e lo sviluppo economico-sociale delle isole minori, ai sensi dell’articolo 25, commi 7, 8 e 9, della legge 28 dicembre 2001, n. 448. (GU n. 149 del 28-6-2004

Edilone.it