MINISTERO DELL'INTERNO | Edilone.it

MINISTERO DELL’INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO - DECRETO 10 marzo 2005: Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali e' prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio. (GU n. 73 del 30-3-2005)

MINISTERO DELL’INTERNO

DECRETO 10 marzo 2005

Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da
impiegarsi nelle opere per le quali e’ prescritto il requisito della
sicurezza in caso d’incendio.

IL MINISTRO DELL’INTERNO

Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570, recante nuove norme per
l’organizzazione dei servizi antincendi;
Vista la legge 13 maggio 1961, n. 469, concernente l’ordinamento
dei servizi antincendi e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
Vista la legge 26 luglio 1965, n. 966, concernente la disciplina
delle tariffe, delle modalita’ di pagamento e dei compensi al
personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco per i servizi a
pagamento;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n.
577, recante l’approvazione del regolamento concernente
l’espletamento dei servizi di prevenzione e di vigilanza antincendi;
Vista la legge 7 dicembre 1984, n. 818, concernente, tra l’altro,
il nulla osta provvisorio per le attivita’ soggette ai controlli di
prevenzione incendi;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998,
n. 37, recante l’approvazione del regolamento concernente i
procedimenti relativi alla prevenzione incendi;
Vista la direttiva del Consiglio 89/106/CEE del 21 dicembre 1988;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 21 aprile 1993, n.
246, recante l’approvazione del regolamento concernente l’attuazione
della direttiva 89/106/CEE relativa ai prodotti da costruzione;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 dicembre 1997,
n. 499, recante l’approvazione del regolamento concernente le norme
di attuazione della direttiva 93/68/CEE per la parte che modifica la
direttiva 89/106/CEE in materia di prodotti da costruzione;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 26 giugno 1984, recante
la classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali
ai fini della prevenzione incendi successivamente modificato ed
integrato dal decreto del Ministro dell’interno 3 settembre 2001;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 14 gennaio 1985,
concernente la attribuzione della classe di reazione al fuoco zero;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 26 marzo 1985, recante
procedure e requisiti per l’autorizzazione e l’iscrizione di enti e
laboratori negli elenchi del Ministero dell’interno;
Visto il decreto del Ministro dell’interno 5 agosto 1991,
concernente la commercializzazione e impiego in Italia dei materiali
destinati all’edilizia legalmente riconosciuti in uno dei Paesi CEE
sulla base delle norme di reazione al fuoco;
Vista la circolare n. 18 MI.SA. del 3 agosto 1998 del Ministero
dell’interno, concernente la procedura per il rilascio
dell’omologazione da parte del Ministero dell’interno per prodotti
gia’ omologati in un Paese dell’Unione europea in materia di reazione
al fuoco, in attuazione del decreto del Ministro dell’interno
5 agosto 1991;
Vista la decisione della Commissione dell’Unione europea
2000/147/CE dell’8 febbraio 2000, attuativa della direttiva
89/106/CEE del 21 dicembre 1988, per quanto riguarda la
classificazione della reazione all’azione dell’incendio dei prodotti
da costruzione, successivamente modificata dalla decisione della
Commissione dell’Unione europea 2003/632/CE del 26 agosto 2003;
Vista la decisione della Commissione dell’Unione europea 96/603/CE
del 4 ottobre 1996 recante l’elenco di prodotti delle classi A
«nessun contributo all’incendio», modificata dalla decisione della
Commissione dell’Unione europea 2000/605/CE del 26 settembre 2000 e
dalla decisione della Commissione dell’Unione europea 2003/424/CE del
6 giugno 2003;
Vista la decisione della Commissione dell’Unione europea 2003/43/CE
del 17 gennaio 2003 concernente la determinazione delle classi di
reazione all’azione dell’incendio per taluni prodotti da costruzione,
modificata ed integrata dalla decisione della Commissione dell’Unione
europea 2003/593/CE del 7 agosto 2003;
Viste le norme UNI ISO 1182 (dicembre 1995), UNI 8456 (ottobre
1987), UNI 8457 (1987), UNI 8457/AI (maggio 1996), UNI 9174 (ottobre
1987), UNI 9174/AI (maggio 1996), UNI 9176 (seconda edizione gennaio
1998), UNI 9177 (ottobre 1987) recanti i metodi di prova e di
classificazione per la determinazione della classe di reazione al
fuoco dei materiali;
Viste le norme EN ISO 1182, EN ISO 1716, EN 13823, EN ISO 11925-2,
EN ISO 9239-1, EN 13501-1, recanti i metodi di prova e di
classificazione per la determinazione della classe di reazione al
fuoco dei prodotti da costruzione non ancora trasposte nelle
corrispondenti norme UNI;
Sentito il parere favorevole del Comitato centrale tecnico
scientifico per la prevenzione incendi di cui all’art. l0 del decreto
del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n. 577;
Espletata la procedura di informazione di cui alla direttiva
98/34/CE che codifica la procedura istituita con la direttiva
83/189/CEE;
Considerata la necessita’ di recepire il sistema europeo di
classificazione di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione per
i casi in cui e’ prescritta tale classificazione al fine di
conformare le opere, in cui vengono installati tali prodotti, al
requisito essenziale «Sicurezza in caso d’incendio» della direttiva
89/106/CE;
Decreta:

Art. 1.
Campo di applicazione e definizioni

1. Il presente decreto si applica ai materiali da costruzione,
cosi’ come definiti dall’art. 1 della direttiva 89/106/CEE e
dall’art. 1 del decreto del Presidente della Repubblica 21 aprile
1993, n. 246.
2. E’ considerato materiale da costruzione qualsiasi prodotto
fabbricato al fine di essere permanentemente incorporato in opere da
costruzione, le quali comprendono gli edifici e le opere di
ingegneria civile.
3. I «materiali da costruzione» sono di seguito denominati
«prodotti» e le opere da costruzione, le quali comprendono gli
edifici e le opere di ingegneria civile, sono denominate «opere».
4. Le «norme armonizzate», gli atti di «benestare tecnico», le
«norme nazionali che recepiscono norme armonizzate», le «norme
nazionali riconosciute dalla Commissione a beneficiare della
presunzione di conformita», di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 21 aprile 1993, n. 246, sono di seguito denominati
«specificazioni tecniche».

Art. 2.
Classificazione di reazione al fuoco

1. I prodotti vengono classificati in base alle loro
caratteristiche di reazione al fuoco, stabilite nelle relative
specificazioni tecniche ove esistenti, in conformita’ con quanto
indicato nelle tabelle 1, 2 e 3 dell’allegato A) al presente decreto,
di cui alle decisioni della Commissione dell’Unione europea
2000/147/CE dell’8 febbraio 2000 e 2003/632/CE del 26 agosto 2003.
2. Con successivi provvedimenti del Ministro dell’interno si
aggiornano le tabelle di cui al precedente comma 1, a seguito delle
ulteriori decisioni della Commissione dell’Unione europea emanate in
materia.
3. Nell’elenco riportato nell’allegato B) del presente decreto sono
indicate le combinazioni delle classi di reazione al fuoco previste
nella norma EN 13501-1.
4. Nelle more dell’emanazione delle specificazioni tecniche di
prodotto e per l’intero periodo di coesistenza con tali
specificazioni, e’ consentita la classificazione di reazione al fuoco
ai sensi del decreto del Ministro dell’interno 26 giugno 1984 e
successive modifiche ed integrazioni.

Art. 3.
Prodotti con classificazione alla reazione al fuoco definita senza
oneri di prova

1. Ai prodotti riportati negli elenchi di cui all’allegato C) del
presente decreto e’ attribuita la classe di reazione al fuoco ivi
specificata senza che debbano essere sottoposti all’esecuzione delle
relative prove di reazione al fuoco in ottemperanza alle decisioni
della Commissione dell’Unione europea.
2. Con successivi provvedimenti del Ministro dell’interno si
aggiornano gli elenchi di cui al precedente comma 1, a seguito delle
ulteriori decisioni della Commissione dell’Unione europea emanate in
materia.

Art. 4.
Impiego dei prodotti per i quali e’ prescritta la classe di reazione
al fuoco

1. I prodotti legalmente commercializzati in uno degli Stati della
UE, e quelli provenienti dagli Stati contraenti l’accordo SEE e
Turchia, possono essere impiegati in Italia nelle opere in cui e’
prescritta la loro classe di reazione al fuoco, secondo l’uso
conforme alla loro destinazione, se muniti della marcatura CE
prevista dalle disposizioni comunitarie o, in mancanza di queste e in
attesa della loro emanazione, se conformi al decreto del Ministro
dell’interno del 5 agosto 1991, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana n. 198 del 24 agosto 1991).
2. Per i prodotti muniti di marcatura CE la classe di reazione al
fuoco e’ riportata nelle informazioni che accompagnano la marcatura
CE e nella documentazione di cui all’art. 10 del decreto del
Presidente della Repubblica 21 aprile 1993, n. 246, e successive
modifiche.
3. Per i prodotti per i quali non e’ applicata la procedura ai fini
della marcatura CE – in assenza di specificazioni tecniche o in
applicazione volontaria delle procedure nazionali durante il periodo
di coesistenza – l’impiego nelle attivita’ soggette ai controlli di
prevenzione incendi e’ subordinato all’omologazione rilasciata ai
sensi dell’art. 8 del decreto del Ministro dell’interno 26 giugno
1984 e successive modifiche, ovvero alle certificazioni emesse ai
sensi dell’art. 10 del decreto medesimo. Il rilascio dell’atto di
omologazione e degli atti connessi, cosi’ come per gli altri prodotti
regolamentati dal decreto del Ministro dell’interno, rientra tra i
servizi a pagamento previsti dalla legge 26 luglio 1965, n. 966, e
successive modifiche. Al termine del periodo di coesistenza definito
dalla Commissione dell’Unione europea, detta omologazione rimane
valida, solo per i prodotti gia’ immessi sul mercato entro tale
termine, ai fini dell’impiego, nell’attivita’ soggette ai controlli
di prevenzione incendi, entro la data di scadenza dell’omologazione
stessa.
4. Per i prodotti di cui al precedente art. 3, qualora non sia
ancora applicabile la procedura ai fini della marcatura CE – in
assenza delle specificazioni tecniche – per l’impiego nelle attivita’
soggette ai controlli di prevenzione incendi previsto dal presente
articolo, non e’ richiesta la omologazione di cui al comma precedente
fatto salvo l’obbligo del produttore di rilasciare apposita
dichiarazione di conformita’ del prodotto alle caratteristiche di cui
agli elenchi dello stesso art. 3.
5. La documentazione di cui ai precedenti commi 2, 3 e 4 deve
essere prodotta in lingua italiana ovvero accompagnata dalla
traduzione in lingua italiana in conformita’ alle norme vigenti.
Il presente decreto ed entra in vigore il giorno successivo alla
sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 10 marzo 2005
Il Ministro: Pisanu

—-> Vedere Allegati da pag. 18 a pag. 31 della G.U. in formato zip/pdf

MINISTERO DELL’INTERNO

Edilone.it