MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 23 febbraio 2007 | Edilone.it

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 23 febbraio 2007

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 23 febbraio 2007 - Attuazione dell'articolo 3 della legge 30 luglio 1998, n. 291, recante: «Ratifica ed esecuzione della convenzione elaborata in base all'articolo K3 del Trattato dell'Unione europea sull'uso dell'informatica nel settore doganale, fatta a Bruxelles il 26 luglio 1995». (GU n. 56 del 8-3-2007)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 23 febbraio 2007

Attuazione dell’articolo 3 della legge 30 luglio 1998, n. 291,
recante: «Ratifica ed esecuzione della convenzione elaborata in base
all’articolo K3 del Trattato dell’Unione europea sull’uso
dell’informatica nel settore doganale, fatta a Bruxelles il 26 luglio
1995».

IL VICE MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
Vista la legge 30 luglio 1998, n. 291, di ratifica ed esecuzione
della Convenzione elaborata in base all’articolo K.3 del Trattato
dell’Unione europea sull’uso dell’informatica nel settore doganale,
fatta a Bruxelles il 26 luglio 1995;
Visto l’art. 2 della medesima Convenzione che prevede l’istituzione
e il mantenimento di un sistema informativo automatizzato comune a
fini doganali, denominato «Sistema Informativo Doganale (S.I.D.)»;
Visto l’art. 7 della Convenzione che attribuisce a ciascuno Stato
membro il potere di designare le autorita’ nazionali a cui e’
riservato l’accesso diretto al S.I.D. e l’utilizzo dei dati in esso
contenuti;
Visto l’art. 10 della Convenzione che attribuisce a ciascuno Stato
membro la designazione dell’amministrazione doganale competente,
responsabile del S.I.D.;
Visto l’art. 3 della legge 30 luglio 1998, n. 291, che fa rinvio ad
un successivo decreto ministeriale per la designazione
dell’amministrazione doganale responsabile del S.I.D., ai sensi
dell’art. 10 della Convenzione;
Vista la legge 23 aprile 1959, n. 189, e successive modificazioni,
recante «Ordinamento del Corpo della guardia di finanza»;
Visti gli articoli 57 e 63 del decreto legislativo 30 luglio 1999,
n. 300, concernenti, rispettivamente, l’istituzione delle Agenzie
fiscali e dell’Agenzia delle dogane;
Visto il decreto legislativo 19 marzo 2001, n. 68, recante
«Adeguamento dei compiti del Corpo della Guardia di finanza, a norma
dell’art. 4 della legge 31 marzo 2000, n. 78»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7 giugno 2006, con
l’unita delega di funzioni, registrato alla Corte dei conti il
13 giugno 2006 – Ministeri istituzionali, Presidenza del Consiglio
dei Ministri, registro n. 7, foglio n. 397, concernente
l’attribuzione all’On. prof. Vincenzo Visco del titolo di Vice
Ministro presso il Ministero dell’economia e delle finanze;
Decreta:
Art. 1.
1. L’Agenzia delle dogane e’ designata quale responsabile a livello
nazionale del sistema informativo doganale ai sensi dell’art. 10
della Convenzione elaborata in base all’articolo K.3 del Trattato
dell’Unione europea sull’uso dell’informatica nel settore doganale,
fatta a Bruxelles il 26 luglio 1995 e ratificata con legge 30 luglio
1998, n. 291.
2. All’Agenzia delle dogane e al Corpo della Guardia di finanza e’
riservato l’accesso diretto ai dati inseriti nel sistema informativo
doganale, ai sensi dell’art. 7, comma 1 della Convenzione di cui al
comma 1.
3. Il direttore dell’Agenzia delle dogane, previe intese con il
comandante generale del Corpo della Guardia di finanza, stabilisce le
modalita’ per l’eventuale accesso delle altre autorita’ nazionali
designate quali autorita’ competenti ai sensi dell’art. 7 della
Convenzione di cui al comma 1.
4. Il direttore dell’Agenzia delle dogane, previe intese con il
comandante generale del Corpo della Guardia di finanza, individua i
dati o le partizioni di archivio per i quali non e’ consentito
l’accesso al sistema informativo doganale.

Art. 2.
1. Il direttore dell’Agenzia delle dogane, previe intese con il
comandante generale del Corpo della Guardia di finanza, adotta le
misure necessarie in via generale al corretto funzionamento del
sistema informativo doganale.
2. L’Agenzia delle dogane e il Corpo della Guardia di finanza sono
responsabili delle misure di sicurezza dei terminali situati nelle
rispettive sedi e strutture, ai sensi dell’art. 19 della Convenzione
di cui all’art. 1, comma 1.

Art. 3.
1. L’Agenzia delle dogane provvede a comunicare ai competenti
servizi dell’Unione europea e agli altri Stati membri le autorita’
designate con il presente decreto e le loro eventuali modificazioni.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 23 febbraio 2007
Il vice Ministro: Visco

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 23 febbraio 2007

Edilone.it