MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 22 marzo 2007 | Edilone.it

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 22 marzo 2007

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 22 marzo 2007 - Proroga al 15 settembre 2007 del termine entro il quale richiedere nulla osta di esercizio per apparecchi ex articolo 110, comma 6, del T.U.L.P.S. (GU n. 73 del 28-3-2007)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 22 marzo 2007

Proroga al 15 settembre 2007 del termine entro il quale richiedere
nulla osta di esercizio per apparecchi ex articolo 110, comma 6, del
T.U.L.P.S.

IL DIRETTORE GENERALE
dell’Amministrazione autonoma
dei Monopoli di Stato
d’intesa con
IL CAPO DELLA POLIZIA
Direttore generale della pubblica sicurezza
Visto l’art. 22, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289;
Visto l’art. 38 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e successive
modificazioni ed integrazioni;
Visto l’art. 14-bis del decreto del Presidente della Repubblica
26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni ed integrazioni;
Visto l’art. 1, comma 502, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, e
successive modificazioni ed integrazioni;
Visto l’art. 110, comma 6, lettera a), del testo unico delle leggi
di pubblica sicurezza (T.U.L.P.S.), come modificato dall’art. 1,
comma 525, della legge 23 dicembre 2005, n. 266;
Visto il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze –
Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS), d’intesa con
il Ministero dell’interno – Dipartimento della pubblica sicurezza del
4 dicembre 2003, recante Regole tecniche di produzione e verifica
tecnica degli apparecchi e congegni da divertimento ed
intrattenimento di cui all’art. 110, comma 6, del T.U.L.P.S.;
Visto il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze –
Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, d’intesa con il
Ministero dell’interno – Dipartimento della pubblica sicurezza del
19 settembre 2006, recante modifiche alle regole tecniche di
produzione e di verifica tecnica contenute nel decreto del 4 dicembre
2003;
Considerato che, a partire dal 9 febbraio 2007, sono state avviate
dagli organismi di certificazione convenzionati con AAMS le verifiche
tecniche di un numero rilevante di esemplari di modello previsti
dall’art. 110, comma 6, lettera a), del T.U.L.P.S.;
Considerato che l’art. 5 del richiamato decreto 4 dicembre 2003
prevede, tra le metodologie da utilizzarsi per la verifica tecnica di
un apparecchio, le prove sugli esemplari di modello, da effettuarsi
anche con procedure diverse da quelle di simulazione;
Considerato che, sulla base delle risultanze delle prime verifiche
tecniche effettuate sugli esemplari di modello dagli organismi di
certificazione convenzionati con AAMS e delle conseguenti valutazioni
dei tecnici del partner tecnologico pubblico So.Ge.I., e’ stata
rappresentata la necessita’, per conseguire il piu’ alto possibile
livello di sicurezza degli apparecchi e della relativa rete
telematica di gestione, di procedere, oltre che a prove mediante
strumenti e procedure di simulazione, anche ad un numero rilevante di
prove funzionali di esercizio degli esemplari di modello in
condizioni di effettivo funzionamento presso punti di vendita,
distribuiti anche a livello territoriale, e collegati alla rete
telematica di AAMS;
Considerato che, in ragione della necessita’ di procedere alle
citate prove funzionali di esercizio degli esemplari di modello in
condizioni di effettivo funzionamento, gli apparecchi di cui all’art.
110, comma 6, lettera a), del T.U.L.P.S. non potrebbero comunque
essere disponibili sul mercato a partire dal 1° aprile 2007;
Considerato che, ai sensi dell’art. 2, comma 1, lettera a), del
decreto 19 settembre 2006, a partire dal 1° gennaio 2007 non sono
stati piu’ rilasciati nulla osta di distribuzione di apparecchi di
cui all’art. 110, comma 6, del T.U.L.P.S.;
Considerato che, ai sensi dell’art. 2, comma 1, lettera b), del
decreto 19 settembre 2006, a partire dal 1° aprile 2007 AAMS non
potrebbe piu’ rilasciare ulteriori nulla osta di esercizio per gli
apparecchi di cui all’art. 110, comma 6, del T.U.L.P.S.;
Considerato che l’indisponibilita’, a partire dal 1° aprile 2007,
di apparecchi di cui all’art. 110, comma 6, lettera a), del
T.U.L.P.S. e la contemporanea impossibilita’ di rilasciare nulla osta
di esercizio per gli apparecchi di cui all’art. 110, comma 6, del
T.U.L.P.S., potrebbero favorire tentativi di immissione sul mercato
di apparecchi da intrattenimento illegali;
Tenuto conto che, in relazione al numero dei nulla osta di
distribuzione rilasciati entro il 31 dicembre 2006 ed alla quantita’
di nulla osta di esercizio rilasciati alla data odierna, sarebbe
possibile richiedere nulla osta di esercizio per gli apparecchi di
cui all’art. 110, comma 6, del T.U.L.P.S., in quantita’ sufficiente
alle esigenze di mercato dei prossimi mesi, in attesa del
completamento delle citate prove funzionali di esercizio in
condizioni di effettivo funzionamento per gli apparecchi di cui
all’art. 110, comma 6, lettera a), del T.U.L.P.S.;
Ritenuto necessario, sulla base di quanto sopra premesso e
considerato, procedere ad un differimento dei termini di cui all’art.
2 del decreto 19 settembre 2006 per il tempo strettamente
indispensabile ad assicurare la disponibilita’ sul mercato degli
apparecchi di cui all’art. 110, comma 6, lettera a), del T.U.L.P.S.;
Decreta:
Art. 1.
1. Nell’art. 2 del decreto del Ministero dell’economia e delle
finanze – Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, d’intesa
con il Ministero dell’interno – Dipartimento della pubblica sicurezza
del 19 settembre 2006:
al comma 1, lettera b), le parole «1° aprile 2007» sono
sostituite dalle parole «16 settembre 2007»;
al comma 2, lettera b), le parole «31 marzo 2007» sono sostituite
dalle parole «15 settembre 2007»;
al comma 3, lettera c), le parole «entro la fine del mese
di marzo 2007» sono sostituite dalle parole «entro il 15 settembre
2007» e le parole «30 giugno 2009» sono sostituite dalle parole
«15 dicembre 2009».
2. Ai fini delle prove funzionali di esercizio e colloquio con la
rete telematica degli esemplari di modello installati in condizioni
di effettivo funzionamento presso punti di vendita e collegati alla
rete telematica, AAMS rilascia una specifica autorizzazione limitata
esclusivamente al periodo di prova.
Roma, 22 marzo 2007

Il Direttore generale
dell’Amministrazione autonoma
dei Monopoli di Stato
Tino
Il Capo della Polizia
Direttore generale
della pubblica sicurezza
De Gennaro

Registrato alla Corte dei conti il 27 marzo 2007
Ufficio di controllo atti Ministeri economico-finanziari, registro n.
2
Economia e finanze, foglio n. 15

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 22 marzo 2007

Edilone.it