MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE | Edilone.it

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 26 giugno 2003: Misure del tasso di interesse agevolato da applicare sui mutui concessi dalla Cassa depositi e prestiti ai comuni per facilitare la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili. (GU n. 180 del 5-8-2003)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 26 giugno 2003

Misure del tasso di interesse agevolato da applicare sui mutui
concessi dalla Cassa depositi e prestiti ai comuni per facilitare la
stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili.

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

di concerto con

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Vista la legge 27 dicembre 2002, n. 289, e in particolare, l’art.
50, comma 3, il quale prevede che per facilitare la stabilizzazione
dei lavoratori socialmente utili di cui all’art. 2, comma 1, del
decreto legislativo 28 febbraio 2000, n. 81 la Cassa depositi e
prestiti concede ai comuni per l’anno 2003 mutui a tasso agevolato
stabilito con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di
concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con
onere a carico del Fondo per l’occupazione di cui all’art. 1,
comma 7, del decreto-legge 20 maggio 1993, n. 148, convertito, con
modificazioni, dalla legge 19 luglio 1993, n. 236;
Visto il proprio decreto del 28 febbraio 2003 e, in particolare,
l’art. 2, concernente i criteri di determinazione dei saggi di
interessi sui mutui a tasso fisso concessi dalla Cassa depositi e
prestiti;
Considerato che il differenziale tra il tasso ordinario e il tasso
agevolato non puo’ comportare un onere finanziario complessivo a
carico del predetto Fondo superiore alla somma di 5,16 milioni di
euro;
Ritenuta l’opportunita’ di stabilire in venti anni la durata dei
mutui di cui trattasi di fissare in due punti percentuali il
differenziale tra il tasso ordinario, e il tasso agevolato;

Decreta:

Art. 1.

1. I mutui a tasso agevolato da concedersi da parte della Cassa
depositi e prestiti ai comuni per la stabilizzazione dei lavoratori
socialmente utili sono rimborsati secondo un piano di ammortamento di
durata ventennale in rate semestrali costanti a tasso fisso.
2. Il tasso di interesse sui mutui di cui al comma 1 e’ pari al
tasso determinato ai sensi dell’art. 2 del decreto del Ministro
dell’economia e delle finanze in data 28 febbraio 2003 per i mutui
della stessa durata concessi dalla Cassa depositi e prestiti,
diminuito di due punti percentuali.
3. Il tasso di cui al comma 2 e’ determinato con riferimento alla
data di concessione dei mutui da parte della Cassa depositi e
prestiti.
Il presente decreto sara’ inviato alla Corte dei conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 26 giugno 2003

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti

Il Ministro del lavoro
e delle politiche sociali
Maroni

Registrato alla Corte dei conti il 15 luglio 2003

Ufficio di controllo Ministeri economico-finanziari, registro n. 5
economia e finanze, foglio n. 142

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Edilone.it