MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE | Edilone.it

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 24 maggio 2002: Assegnazione ed erogazione dell'acconto del 7 per cento del cofinanziamento a carico del Fondo di rotazione in favore del Programma operativo nazionale "Trasporti", inserito nel QCS obiettivo 1 2000-2006, ai sensi della legge n. 183/1987. (Decreto n. 14/2002). (GU n. 146 del 24-6-2002)

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 24 maggio 2002

Assegnazione ed erogazione dell’acconto del 7 per cento del
cofinanziamento a carico del Fondo di rotazione in favore del
Programma operativo nazionale “Trasporti”, inserito nel QCS obiettivo
1 2000-2006, ai sensi della legge n. 183/1987. (Decreto n. 14/2002).

L’ISPETTORE GENERALE CAPO
per i rapporti finanziari con l’Unione europea
I.G.R.U.E.
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordinamento
delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia alle Comunita’
europee e l’adeguamento dell’ordinamento interno agli atti normativi
comunitari;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1988,
n. 568, e successive integrazioni e modificazioni, recante il
regolamento sulla organizzazione e sulle procedure amministrative del
Fondo di rotazione, di cui alla predetta legge n. 183/1987 ed in
particolare il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica 21 ottobre 2000, concernente la modifica
delle procedure di pagamento;
Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alle Comunita’ europee (legge comunitaria 1994);
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha previsto
il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e finanziaria, gia’
attribuiti al CIPE, alle amministrazioni competenti per materia;
Vista la delibera CIPE n. 141/99 del 6 agosto 1999, concernente il
riordino delle competenze del CIPE, che trasferisce al Ministero del
tesoro, del bilancio e della programmazione economica, d’intesa con
le amministrazioni competenti, la determinazione della quota
nazionale pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative
cofinanziate dall’Unione europea;
Visti i regolamenti CE n. 1260/99 del Consiglio e n. 1783/99 del
Parlamento europeo e del Consiglio, riguardanti rispettivamente le
disposizioni generali sui fondi strutturali e le disposizioni
specifiche relative al FESR;
Visto l’art. 32 del predetto regolamento CE n. 1260/99 che, al
paragrafo 2, dispone che la Commissione all’atto del primo impegno
versa un acconto pari al 7% della complessiva partecipazione dei
fondi, in linea di principio frazionato su due esercizi;
Vista la decisione della Commissione europea C(2001)2162 del
14 settembre 2001, con la quale e’ stato approvato il Programma
operativo nazionale trasporti, che si integra nel quadro comunitario
di sostegno per gli interventi strutturali nelle regioni interessate
dall’obiettivo 1 in Italia, per il periodo 2000/2006;
Considerato che la suddetta decisione prevede che a fronte di
risorse Fesr pari a 1.801,313 Meuro la quota nazionale pubblica e’
pari a 2.479,235 Meuro e che alla copertura della quota nazionale
pubblica concorrono diverse fonti di finanziamento;
Vista la nota del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti n.
2202/02 del 25 marzo 2002 che quantifica in 1.289,912 Meuro
l’intervento del Fondo di rotazione ex lege n. 183/1987, attribuendo
alle risorse autorizzate da altre leggi di settore la copertura
finanziaria della rimanente quota nazionale pubblica;
Decreta:
1. A valere sulle disponibilita’ del Fondo di rotazione di cui
all’art. 5 della legge n. 183/1987 e’ assegnata, in favore del
Programma operativo nazionale trasporti la somma di 90,294 Meuro, a
titolo di acconto del 7 per cento della quota statale a carico del
medesimo Fondo.
2. Il Fondo di rotazione e’ autorizzato ad erogare il predetto
acconto, secondo la normativa vigente, in base alle indicazioni
fornite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti quale
Autorita’ di pagamento.
3. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti si avvale, per
le disposizioni di pagamento da inviare al Fondo di rotazione, delle
procedure di trasmissione automatizzata degli elenchi fornite
dall’IGRUE.
4. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e successivamente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 24 maggio 2002
L’ispettore generale capo: Amadori
Registrato alla Corte dei conti il 10 giugno 2002
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n.
3, foglio n. 365

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Edilone.it