MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - DECRETO 7 aprile 2005: Condizioni tecniche per l'accesso alla riserva nazionale per l'anno 2005 | Edilone.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI – DECRETO 7 aprile 2005: Condizioni tecniche per l’accesso alla riserva nazionale per l’anno 2005

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - DECRETO 7 aprile 2005: Condizioni tecniche per l'accesso alla riserva nazionale per l'anno 2005 di cui all'articolo 3 del decreto ministeriale 24 marzo 2005. (GU n. 103 del 5-5-2005)

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

DECRETO 7 aprile 2005

Condizioni tecniche per l’accesso alla riserva nazionale per l’anno
2005 di cui all’articolo 3 del decreto ministeriale 24 marzo 2005.

IL DIRETTORE GENERALE
per le politiche agroalimentari

Visto il regolamento (CE) n. 1782/03 del Consiglio del 29 settembre
2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L 270
del 21 ottobre 2003, che stabilisce norme comuni relative ai regimi
di sostegno diretto nell’ambito della politica agricola comune ed
istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori;
Visto il regolamento (CE) n. 795/2004 della Commissione del
21 aprile 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione
europea L 141 del 30 aprile 2004 recante modalita’ di applicazione
del regime di pagamento unico di cui al regolamento (CE) n. 1782/03
del Consiglio;
Visto il decreto ministeriale 5 agosto 2004 concernente
«Disposizioni per l’attuazione della riforma della politica agricola
comune», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana – serie generale – n. 191 del 16 agosto 2004;
Visto il decreto ministeriale 24 marzo 2005, recante disposizioni
nazionali di attuazione dell’art. 42 del regolamento (CE) n.
1782/2003 concernente la gestione della riserva nazionale, in
particolare l’art. 3;
Ritenuta la necessita’ di definire le condizioni tecniche per
l’accesso alla riserva nazionale da parte degli agricoltori;
Sentiti i rappresentanti tecnici delle regioni nella riunione del
5 aprile 2005;
Decreta:
Art. 1.
Nuovo agricoltore
1. In applicazione dell’art. 42, paragrafo 3 del regolamento (CE)
n. 1782/2003, l’agricoltore che intende richiedere titoli all’aiuto a
partire dalla riserva nazionale deve dichiarare, sotto la propria
responsabilita’, di trovarsi nelle condizioni di cui all’art. 2,
lettera k) del regolamento (CE) n. 795/2004.
2. L’agricoltore che richiede titoli all’aiuto a partire dalla
riserva nazionale deve detenere almeno un ettaro di superficie. Non
e’ consentita la richiesta di titoli all’aiuto per superfici
ammissibili inferiori ad un ettaro.
3. L’Organismo pagatore competente verifica le condizioni di
ammissibilita’ all’assegnazione dei titoli all’aiuto e l’AGEA calcola
il valore dei titoli all’aiuto.

Art. 2.
Agricoltori con superfici sottoposte a programmi di ristrutturazione
e/o sviluppo
1. Ai sensi dell’art. 42, paragrafo 5, del regolamento (CE) n.
1782/2003, l’agricoltore con superfici sottoposte a programmi di
ristrutturazione e/o sviluppo connessi con una forma di pubblico
intervento, puo’ richiedere titoli all’aiuto alle seguenti
condizioni:
a) deve dichiarare, sotto propria responsabilita’, di trovarsi
nella situazione di cui all’art. 42, paragrafo 5, del regolamento
(CE) n. 1782/2003, descrivendo lo specifico programma di
ristrutturazione e/o sviluppo connesso con una forma di pubblico
intervento a cui l’agricoltore fa riferimento;
b) deve produrre copia della documentazione che descriva il
riferimento alla forma di pubblico intervento, copia dell’eventuale
domanda di adesione al programma di ristrutturazione e/o sviluppo
connessi con una forma di pubblico intervento per l’eventuale
provvedimento di ammissione;
c) deve dichiarare tutte le superfici ammissibili ai sensi degli
articoli 44 e 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003, coinvolte nel
programma di cui alla precedente lettera a) e per le quali non sono
stati richiesti premi nel periodo di riferimento.
2. Ai fini del presente articolo, i programmi di ristrutturazione
e/o sviluppo sono tutti gli interventi comunitari, nazionali,
regionali o realizzati da altri enti pubblici, ivi compresi i piani
di sviluppo rurale (PSR) e i programmi operativi regionali (POR),
che:
a) abbiano come finalita’ la ristrutturazione o lo sviluppo
aziendale;
b) determinino, rispetto al periodo di riferimento, un aumento
delle superfici ammissibili ai pagamenti disaccoppiati e condotte dai
beneficiari interessati dai programmi stessi.
3. Non e’ consentito richiedere titoli a valere della riserva,
sulla base del presente articolo, ai beneficiari che abbiano gia’
indicato i programmi di ristrutturazione e/o sviluppo come causa di
forza maggiore o circostanza eccezionale per escludere dal calcolo
dei titoli uno o piu’ anni del periodo di riferimento in applicazione
dell’art. 40 del regolamento (CE) n. 1782/2003 nonche’ del decreto
ministeriale n. 1628 del 3 agosto 2004.
4. Non e’ consentita la richiesta di titoli all’aiuto per superfici
ammissibili inferiori ad un ettaro.
5. L’Organismo pagatore competente verifica le condizioni di
ammissibilita’ all’assegnazione dei titoli all’aiuto e l’AGEA calcola
il valore dei titoli all’aiuto.

Art. 3.
Allineamento alle medie regionali
1. Ai sensi dell’art. 42, paragrafo 6, del regolamento (CE) n.
1782/2003, e dell’art. 6, paragrafo 3, del regolamento (CE) n.
795/2004, l’agricoltore, che gia’ detiene dei titoli e che ha i
requisiti per accedere alla riserva di cui agli articoli 1 e 2 del
presente decreto, puo’ richiedere l’innalzamento alla media regionale
di cui all’art. 2 del decreto ministeriale 24 marzo 2005 alle
seguenti condizioni:
a) deve dichiarare, sotto propria responsabilita’, di trovarsi
nelle condizioni di cui all’art. 42, paragrafo 3, ovvero nelle
condizioni di cui all’art. 42, paragrafo 5 del regolamento (CE) n.
1782/2003;
b) deve dichiarare tutti i titoli di cui richiede la
valorizzazione alla media regionale;
c) deve dichiarare tutte le superfici ammissibili ai sensi degli
articoli 44 e 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003 relative
all’utilizzo dei titoli di cui alla lettera b) e non utilizzate per
la richiesta di titoli di cui agli articoli 1 e 2 del presente
decreto;
2. L’Organismo pagatore competente verifica le condizioni di
ammissibilita’ all’allineamento alle medie regionali e l’AGEA calcola
il nuovo valore dei titoli all’aiuto.

Art. 4.
Agricoltori che dichiarano un numero di ettari inferiori
1. Ai sensi dell’art. 7 del regolamento (CE) n. 795/2004,
l’agricoltore con superfici sottoposte a programmi di
ristrutturazione e/o sviluppo connessi con una forma di pubblico
intervento, puo’ richiedere l’aumento del valore dei titoli assegnati
alle seguenti condizioni:
a) deve dichiarare, sotto la propria responsabilita’, di trovarsi
nella situazione di cui all’art. 7 del regolamento (CE) n. 795/2004;
b) deve produrre copia della documentazione che descriva il
riferimento alla forma di pubblico intervento, copia dell’eventuale
domanda di adesione al programma di ristrutturazione e/o sviluppo
connessi con una forma di pubblico intervento per l’eventuale
provvedimento di ammissione;
c) deve dichiarare tutte le superfici ammissibili ai sensi degli
articoli 44 e 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003, coinvolte nel
programma di cui alla precedente lettera b) e per le quali sono stati
richiesti ed ottenuti premi nel periodo di riferimento.
2. L’Organismo pagatore competente verifica le condizioni di
ammissibilita’ all’assegnazione dei titoli all’aiuto e l’AGEA calcola
il valore dei titoli all’aiuto.

Art. 5.
Trasferimento di terre date in affitto
1. L’agricoltore che, ai sensi dell’art. 20 del regolamento (CE) n.
795/2004, ha ricevuto gratuitamente, oppure mediante un contratto di
affitto di cinque anni o piu’, oppure mediante successione effettiva
o anticipata, un’azienda o parte di un’azienda che era stata data in
affitto a terzi durante il periodo di riferimento, da un agricoltore
andato in pensione o deceduto prima della data di presentazione della
domanda nell’ambito del regime di pagamento unico nel suo primo anno
di applicazione, puo’ richiedere titoli alle seguenti condizioni:
a) deve dichiarare, sotto la propria responsabilita’, di trovarsi
nella situazione di cui al citato art. 20 del regolamento (CE) n.
795/2004;
b) deve produrre copia della documentazione attestante il titolo
di possesso;
c) deve dichiarare tutte le superfici ammissibili ai sensi degli
articoli 44 e 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003 e relative ai
terreni di cui alla precedente lettera b).
2. Non e’ consentita la richiesta di titoli all’aiuto per superfici
ammissibili inferiori ad un ettaro.
3. L’Organismo pagatore competente verifica le condizioni di
ammissibilita’ all’assegnazione dei titoli all’aiuto e l’AGEA calcola
il valore dei titoli all’aiuto.

Art. 6.
Investimenti
1. In applicazione dell’art. 21 del regolamento (CE) n. 795/2004,
l’agricoltore che abbia effettuato investimenti in capacita’ di
produzione o che abbia acquistato o affittato terreno, entro il
15 maggio 2004, puo’ richiedere titoli all’aiuto alle seguenti
condizioni:
a) deve dichiarare, sotto la propria responsabilita’, di trovarsi
nella situazione di cui all’art. 21 del regolamento (CE) n. 795/2004;
b) deve produrre copia della documentazione attestante l’acquisto
o l’affitto per cinque anni o piu’ di terreni ammissibili, ai sensi
degli articoli 44 e 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003 e per i
quali il dichiarante non deve aver percepito premi comunitari nel
periodo di riferimento;
c) deve dichiar…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI – DECRETO 7 aprile 2005: Condizioni tecniche per l’accesso alla riserva nazionale per l’anno 2005

Edilone.it