MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - DECRETO 30 luglio 2003: Disposizioni per il versamento del prelievo supplementare, dovuto e non versato per i periodi dal 1995/1996 | Edilone.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI – DECRETO 30 luglio 2003: Disposizioni per il versamento del prelievo supplementare, dovuto e non versato per i periodi dal 1995/1996

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - DECRETO 30 luglio 2003: Disposizioni per il versamento del prelievo supplementare, dovuto e non versato per i periodi dal 1995/1996 al 2001/2002 di cui all'art. 10, comma 34, della legge n. 119/2003. (GU n. 183 del 8-8-2003)

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

DECRETO 30 luglio 2003

Disposizioni per il versamento del prelievo supplementare, dovuto e
non versato per i periodi dal 1995/1996 al 2001/2002 di cui all’art.
10, comma 34, della legge n. 119/2003.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Visto il regolamento (CEE) n. 3950/92 del Consiglio del 28
dicembre 1992, che istituisce un prelievo supplementare nel settore
del latte e dei prodotti lattiero-caseari;
Visto il regolamento (CE) n. 1392/2001 della Commissione del 9
luglio 2001, recante modalita’ d’applicazione del regolamento (CEE)
n. 3950/92 del Consiglio che istituisce un prelievo supplementare nel
settore del latte e dei prodotti lattiero-caseari;
Visto il decreto-legge 28 marzo 2003, n. 49, convertito, con
modificazione, dalla legge 30 maggio 2003, n. 119, concernente
«Riforma della normativa in tema di applicazione del prelievo
supplementare nel settore del latte e dei prodotti lattiero-caseari»;
Visto, in particolare, l’art. 10, commi dal 34 al 40, della legge
30 maggio 2003, n. 119, in base ai quali e’ previsto il versamento,
del prelievo supplementare non versato per i periodi dal 1995/1996 al
2001/2002, in forma rateale senza interessi, per un periodo massimo
di trenta anni;
Vista, la decisione del 16 luglio 2003, del Consiglio delle
Comunita’ europee, che accorda allo Stato italiano la possibilita’ di
consentire ai produttori di versare il prelievo supplementare, dovuto
e non versato per i periodi dal 1995/1996 al 2001/2002, in rate
annuali di uguale importo senza interessi in un periodo non superiore
a quattordici anni a partire dal 1° gennaio 2004;
Sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le
regioni e le province autonome di Trento e Bolzano nella riunione del
24 luglio 2003;
Adotta Il seguente decreto:

Articolo unico

1. Il versamento complessivo senza interessi del prelievo
supplementare imputato e non pagato per i periodi di
commercializzazione dal 1995/1996 al 2001/2002 puo’ essere
effettuato, direttamente dal produttore, in rate annuali di pari
importo per un massimo di quattordici; l’importo delle singole rate
non puo’ in ogni caso essere inferiore a 10 euro.
2. La facolta’ di cui al comma 1 riguarda il prelievo
complessivamente dovuto per i periodi dal 1995/1996 al 2001/2002; in
caso di eventuali versamenti rateali gia’ in corso la quota capitale
residua, al netto degli interessi, confluisce nella nuova
rateizzazione.
3. Per accedere alla facolta’ di cui al comma 1, il produttore
interessato deve recarsi, a partire dal 15 settembre 2003 e non oltre
il 15 novembre 2003, presso gli uffici preposti della regione o
provincia autonoma competente per territorio, e sottoscrivere una
apposita istanza, da redigersi utilizzando il modello di cui
all’allegato 1 del presente decreto.
4. L’AGEA mette a disposizione delle regioni e province autonome,
attraverso il SIAN, i dati individuali relativi agli importi di
prelievo supplementare imputato per le campagne di interesse e agli
importi che risultano versati; nel caso in cui sussista una
difformita’ tra quanto risulta rendicontato nel SIAN e quanto
effettivamente versato a nome del produttore, la regione competente
per territorio accerta l’effettivo versamento non riscontrato, previa
acquisizione della relativa ricevuta, e apporta le necessarie
modifiche al totale del prelievo dovuto dal produttore medesimo; la
regione provvede ad inviare all’AGEA copia delle ricevute di
versamento non contabilizzate.
5. La regione o provincia autonoma competente dovra’ esperire la
procedura di verifica della documentazione presentata,
perentoriamente entro il 31 dicembre 2003, comunicandone gli esiti al
produttore interessato e all’AGEA. La comunicazione all’AGEA avviene
per il tramite del SIAN.
6. Il produttore che abbia un procedimento pendente presso organi
giurisdizionali amministrativi ovvero ordinari che incide sul
versamento del prelievo supplementare, per ottenere la facolta’ di
cui al comma 1, deve depositare presso l’organo adito l’atto di
rinuncia al contenzioso in essere. L’istanza di cui al comma 3 deve
essere corredata da prova dell’avvenuta notifica alle controparti
dell’atto di rinuncia.
7. I funzionari incaricati delle regioni e delle province
autonome:
a) identificano il richiedente e ne autenticano la firma;
b) verificano la completa compilazione dell’istanza;
c) verificano se il richiedente ha realizzato un esubero
produttivo non compensato per il periodo 2002/2003 e, in tal caso,
verificano l’effettivo versamento del relativo prelievo
supplementare;
d) verificano che il richiedente abbia effettivamente
notificato la rinuncia ad ogni azione giudiziaria eventualmente
pendente in relazione ai periodi di cui al comma 1;
e) registrano nella banca dati del SIAN l’istanza accolta e ne
rilasciano attestazione al produttore entro i termini di cui al comma
5.
8. L’AGEA, sulla base delle istanze autorizzate dalle regioni e
comunicate attraverso il SIAN, invia, entro il 15 febbraio 2004, ad
ogni singolo produttore interessato i bollettini (MAV) precompilati
in ogni loro parte, attraverso i quali dovranno obbligatoriamente
essere effettuati i versamenti.
9. L’amministrazione, relativamente ai produttori cui e’ stata
accolta l’istanza di cui al comma 3, provvede a interrompere le
procedure di riscossione attivate a carico di acquirenti e
produttori.
10. Il produttore che ha ottenuto il riconoscimento della
facolta’ di cui al comma 1, e’ tenuto a effettuare i versamenti entro
il 15 marzo di ogni anno, a partire dal 2004.
11. Il produttore che non rispetti il termine di cui al comma 10,
puo’ ottemperare entro i successivi sessanta giorni, integrando il
versamento con una penale pari al 5 per cento dell’importo della
rata.
12. Qualora un produttore non effettui il versamento rateale di
quanto richiesto entro i termini di cui ai commi 10 o 11, o non sia
in regola con i versamenti di prelievo supplementare relativi alle
campagne successive al periodo 2002/2003, o non abbia ottemperato per
intero agli obblighi di cui al comma 6, decade automaticamente dal
beneficio della rateizzazione. In tale ipotesi l’AGEA informa la
regione o provincia autonoma competente per territorio, la quale
adotta tutti i provvedimenti necessari volti al recupero delle somme
ai sensi dell’art. 1, comma 9, della legge n. 119/2003.
13. Il produttore che ha ottenuto il riconoscimento della
facolta’ di cui al comma 1, puo’ richiedere alla ditta acquirente,
esibendo l’attestazione di cui alla lettera e), comma 7, la
restituzione degli importi trattenuti, ovvero far svincolare le
garanzie costituite ai sensi della normativa previgente,
relativamente a tutti i periodi di cui al comma 1. Sulle restituzioni
sono dovuti gli interessi legali a decorrere dalle singole
trattenute.
14. L’AGEA provvedera’ a rendicontare, entro il mese di luglio di
ogni anno, al Ministero dell’economia e delle finanze ed al Ministero
delle politiche agricole e forestali, ai fini dell’attuazione del
comma 35, dell’art. 10, della legge n. 119/2003.
Il presente decreto sara’ inviato alla Corte dei conti per la
registrazione ed entrera’ in vigore il giorno successivo a quello
della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 30 luglio 2003
Il Ministro: Alemanno

Registrato alla Corte dei conti il 6 agosto 2003

Ufficio di controllo sugli atti dei Ministeri delle attivita’
produttive, registro n. 4 Attivita’ produttive, foglio n. 30

Allegato 1

—-> Vedere immagine a pag. 35 della G.U. su supporto cartaceo

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI – DECRETO 30 luglio 2003: Disposizioni per il versamento del prelievo supplementare, dovuto e non versato per i periodi dal 1995/1996

Edilone.it