MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - CIRCOLARE 7 novembre 2005, n.1717 - Regolamento CE 2792/99 | Edilone.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI – CIRCOLARE 7 novembre 2005, n.1717 – Regolamento CE 2792/99

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - CIRCOLARE 7 novembre 2005, n.1717 - Regolamento CE 2792/99 - Misura 3.4 Trasformazione e commercializzazione dei prodotti ittici, interventi multiregionali. Disposizioni domanda di liquidazione. (GU n. 269 del 18-11-2005)

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

CIRCOLARE 7 novembre 2005, n.1717

Regolamento CE 2792/99 – Misura 3.4 Trasformazione e
commercializzazione dei prodotti ittici, interventi multiregionali.
Disposizioni domanda di liquidazione.

Con circolare del 7 aprile 2003 pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana del 18 luglio 2003 sono state
disposte le modalita’ di compilazione e termini di presentazione
degli interventi multiregionali della misura trasformazione e
commercializzazione dei prodotti ittici previsti dal Docup pesca
2000-2006, di cui al regolamento CE 2792/99 del Consiglio del
17 dicembre 1999;
Con successivo decreto del 26 aprile 2004 del Ministero delle
politiche agricole e forestali – Direzione generale per la pesca e
l’acquacoltura, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 108 del
10 maggio 2004, e’ stata approvata la graduatoria di merito relativa
alla misura 3.4 di cui al regolamento (CE) 2792/99 «Impianti
multiregionali di trasformazione e commercializzazione dei prodotti
ittici»;
Tutti i progetti ritenuti idonei sono stati ammessi ai benefici
di cui al regolamento 2792/99 pertanto un diverso ordine della
graduatoria non pregiudica l’ammissione ai benefici in argomento
purche’ il progetto mantenga al temine dei lavori un punteggio minimo
di 20 punti riconosciuti ai sensi delle condizioni di priorita’ di
cui la punto 9, lettera c), della medesima circolare;
Tenuto conto che il punteggio e’ stato assegnato in relazione ai
requisiti in possesso al momento della domanda di contributo, ed in
funzione degli obiettivi da perseguire attraverso la realizzazione
dell’intervento, e ritenuto opportuno attendere un tempo
ragionevolmente sufficiente affinche’ la realizzazione dei lavori
consenta la concretizzazione degli obiettivi perseguiti;
Si dispone:
a) il soggetto destinatario del contributo, al momento della
presentazione della domanda di liquidazione dello stato finale del
progetto, dovra’ dimostrare all’Amministrazione di possedere i
punteggi assegnati in graduatoria in misura non inferiore ai 20
punti, punteggio minimo indispensabile per l’ammissione di un
progetto a contributo.
Viceversa all’atto della domanda di liquidazione dello stato
finale dei lavori, la ditta beneficiaria potra’ chiedere
all’Amministrazione una proroga di durata non superiore ai due anni,
per la dimostrazione del possesso del punteggio assegnato, che
comunque non potra’ alla scadenza del periodo essere inferiore a 20
punti;
b) in caso di concessione della proroga di cui al precedente
punto a) l’Amministrazione provvedera’ ad erogare il contributo
spettante, previa presentazione di fidejussione bancaria, redatta
secondo l’allegato 1, rilasciata a garanzia del raggiungimento del
punteggio assegnato e comunque non inferiore a 20 punti.
La mancata dimostrazione del raggiungimento del punteggio
sopraindicato, entro il termine prorogato, comportera’ la decadenza
del contributo e la restituzione delle somme erogate da parte del
beneficiario, ovvero dalla banca garante, maggiorate degli interessi
come per legge.
Roma, 7 novembre 2005
Il direttore generale reggente
della pesca marittima e dell’acquacoltura
Ambrosio

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI – CIRCOLARE 7 novembre 2005, n.1717 – Regolamento CE 2792/99

Edilone.it