MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI | Edilone.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - DECRETO 22 luglio 2004: Modifiche al decreto ministeriale 2 luglio 2004, n. 1478, recante interventi diretti alla protezione delle risorse acquatiche per l'anno 2004, nell'ambito di politiche a sostegno della pesca responsabile, di cui al Piano triennale 2004-2006. (GU n. 180 del 3-8-2004)

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

DECRETO 22 luglio 2004

Modifiche al decreto ministeriale 2 luglio 2004, n. 1478, recante
interventi diretti alla protezione delle risorse acquatiche per
l’anno 2004, nell’ambito di politiche a sostegno della pesca
responsabile, di cui al Piano triennale 2004-2006.

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO
delegato per la pesca e l’acquacoltura

Vista la legge 14 luglio 1965, n. 963, e successive modifiche,
concernente la disciplina della pesca marittima;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 2 ottobre 1968, n.
1639, recante il regolamento di esecuzione alla predetta legge n.
963/1965;
Visto il decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154 recante:
Modernizzazione del settore della pesca e dell’acquacoltura a norma
dell’articolo 1, comma 2, della legge 7 marzo 2003, n. 38;
Visto il regolamento (CE) n. 1626/94 del Consiglio, del 27 giugno
1994, e successive modifiche, che istituisce misure tecniche per la
conservazione delle risorse della pesca nel Mediterraneo;
Visto il regolamento (CE) n. 2369/02 del Consiglio, del 20 dicembre
2002, recante modifiche al regolamento (CE) n. 2792/99, che definisce
modalita’ e condizioni delle azioni strutturali comunitarie nel
settore della pesca, in particolare l’art. 12, paragrafo 6, relativo
alla possibilita’ da parte degli Stati membri di varare misure di
accompagnamento per i membri dell’equipaggio dei pescherecci
interessati, finanziate a livello nazionale, per promuovere
l’interruzione temporanea dell’attivita’ di pesca nel quadro dei
piani di protezione delle risorse acquatiche;
Vista la legge 28 dicembre 2001, n. 448 (Finanziaria 2002), in
particolare l’art. 52, comma 81, che prevede l’istituzione, per gli
anni 2002, 2003 e 2004, di una misura di accompagnamento sociale in
collegamento con le misure di conservazione delle risorse ittiche, in
occasione di interruzioni temporanee dell’attivita’ di pesca a
strascico e/o volante nel quadro di piani di protezione delle risorse
acquatiche, con uno stanziamento di 10 milioni di euro, per ciascun
anno;
Vista la legge 24 dicembre 2003, n. 350 (Finanziaria 2004), in
particolare l’art. 4, comma 30, che dispone l’approvazione da parte
del Ministro del Piano nazionale della pesca e dell’acquacoltura per
l’anno 2004;
Vista la legge 27 marzo 2004, n. 77, di conversione del decreto
legge 27 gennaio 2004, n. 16, che all’art. 3, comma 1, incrementa di
5 milioni di euro, per l’anno 2004, l’importo di cui all’art. 52,
comma 81, della legge finanziaria 2002;
Vista la medesima legge 27 marzo 2004 n. 77, che all’art. 3, comma
2, istituisce per gli anni 2005 e 2006 una misura di accompagnamento
sociale in collegamento con le misure di conservazione delle risorse
ittiche con uno stanziamento di 9 milioni di euro per ciascun anno;
Visto il decreto 7 maggio 2004 recante il Piano nazionale della
pesca e dell’acquacoltura per l’anno 2004;
Visto il decreto ministeriale 26 luglio 1995, recante la disciplina
di rilascio delle licenze di pesca;
Visto il decreto ministeriale 16 giugno 1998, recante le modalita’
di attuazione delle interruzioni tecniche della pesca per le navi
abilitate allo strascico e/o volante relativamente all’anno 1998, ed
in particolare l’art. 9, cosi’ come modificato dall’art. 1, comma 2,
del decreto ministeriale 9 luglio 1998, relativo all’istituzione di
quattro zone di riposo biologico;
Visti i decreti ministeriali 19 giugno 2003, recante Piano di
protezione delle risorse acquatiche per l’anno 2003, e 20 giugno
2003, recante le modalita’ di attuazione delle interruzioni
temporanee dell’attivita’ di pesca per le navi abilitate allo
strascico e/o volante relativamente all’anno 2003;
Ravvisata la necessita’, al fine di garantire un migliore
equilibrio fra le risorse biologiche e l’attivita’ di pesca
attraverso un piano di protezione delle risorse acquatiche, elaborato
ai sensi e per gli effetti di quanto previsto dal citato regolamento
(CE) n. 2792/99, art. 12, paragrafo 6, nonche’ della comunicazione
della Commissione europea in materia di aiuti di stato nel settore
della pesca e dell’acquacoltura, di predisporre un piano di
protezione delle risorse acquatiche, con valenza triennale 2004-2006,
come comunicato alla Commissione europea con la nota n. 200418674 del
1° giugno 2004;
Considerato che sulla base dei risultati scientifici conseguiti la
misura puo’ essere modulata diversamente per gli anni successivi;
Visto il decreto 5 novembre 2001, prot. n. 36243/1162, del Ministro
delle politiche agricole e forestali, con il quale sono state
delegate al Sottosegretario di Stato on. Paolo Scarpa Bonazza Buora
le funzioni istituzionali concernenti la disciplina generale ed il
coordinamento in materia di pesca, acquacoltura e gestione delle
risorse ittiche marine;
Visto il decreto ministeriale 2 luglio 2004, n. 1478, recante
interventi diretti alla protezione delle risorse acquatiche per
l’anno 2004, nell’ambito di politiche a sostegno della pesca
responsabile, di cui al Piano triennale 2004-2006;
Vista l’istanza presentata in data 21 luglio 2004 dalle
associazioni nazionali rappresentative del settore della pesca, con
la quale viene chiesta una limitata modifica all’aggregazione delle
aree di cui all’art. 3, comma 1, lettere a) e b) di cui al decreto
2 luglio 2004 anzidetto;
Considerate fondate le ragioni che presiedono all’istanza di
modifica citata, che ineriscono alla medesima conformazione biologica
delle risorse, nonche’ alla comune consuetudine peschereccia degli
areali interessati;
Ritenuto di accogliere l’istanza suddetta del 21 luglio 2004;
Decreta:
Articolo unico
1. All’articolo 3, comma 1, lettere a) e b) del decreto
ministeriale 2 luglio 2004, n. 1478 sono apportate le seguenti
modifiche:
a) da Trieste a Bari dal 2 agosto al 5 settembre;
b) da Brindisi a Crotone dal 6 settembre al 10 ottobre.
2. Resta invariato quant’altro disposto dal decreto ministeriale
2 luglio 2004, n. 1478.
Il presente decreto e’ trasmesso all’organo di controllo per la
registrazione, e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana ed entra in vigore il giorno successivo alla sua
pubblicazione.
Roma, 22 luglio 2004

Il Sottosegretario di Stato
delegato per la pesca e l’acquacoltura
Scarpa Bonazza Buora

Registrato alla Corte dei conti il 28 luglio 2004
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 4, foglio n. 164

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Edilone.it