MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI | Edilone.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI - DECRETO 12 marzo 2004: Recepimento della direttiva 2003/45/CE della Commissione del 28 maggio 2003, di modifica della direttiva 2002/57/CE relativa alla commercializzazione delle sementi di piante oleaginose e da fibra. (GU n. 70 del 24-3-2004)

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

DECRETO 12 marzo 2004

Recepimento della direttiva 2003/45/CE della Commissione del 28
maggio 2003, di modifica della direttiva 2002/57/CE relativa alla
commercializzazione delle sementi di piante oleaginose e da fibra.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 ottobre 1973, n.
1065, e successive modificazioni;
Vista la direttiva 2002/57/CE del consiglio relativa alla
commercializzazione delle sementi di piante oleaginose e da fibra,
del 13 giugno 2002, con decreto legislativo 3 novembre 2003, n. 308;
Vista la direttiva 2003/45/CE della commissione, del 28 maggio
2003, che modifica la direttiva 2002/57/CE relativa alla
commercializzazione delle sementi di piante oleaginose e da fibra;
Vista la legge 25 novembre 1971, n. 1096, e successive
modificazioni;
Ritenuto pertanto di dover recepire la suddetta direttiva
2003/45/CE del 28 maggio 2003;
Decreta:
Art. 1.
1. All’art. 26 del decreto del Presidente della Repubblica n.
1065/1973, comma 1, lettera A) il testo della frase introduttiva e’
sostituito dal seguente: «A) Sementi di base (varieta’ diverse dagli
ibridi): le sementi.
2. All’art. 26 del decreto del Presidente della Repubblica n.
1065/1973, comma 1, lettera A-bis) il testo della frase introduttiva
e’ sostituito dal seguente: «A-bis) Sementi di base (ibridi):».

Art. 2.
1. All’allegato VII del decreto del Presidente della Repubblica n.
1065/1973, lettera E), al punto 1 e’ aggiunto il seguente comma: «Gli
ibridi di colza devono essere coltivati su un terreno sul quale non
siano state coltivate crucifere negli ultimi cinque anni.».
2. All’allegato VII del decreto del Presidente della Repubblica n.
1065/1973, lettera E), punto 2, la tabella e’ sostituita dalla
seguente:

=====================================================================
Coltura |Distanze minime
=====================================================================
Brassica spp. diversa da Brassica napus; Cannabis |
sativa diversa da Canapa monoica; Carthamus |
tinctorius; Carum carvi; Gossypium spp. diverso da |
ibridi di Gossypium hirsutum e/o Gossypium |
barbadense; Sinapis alba: |
———————————————————————
per la produzione di sementi di base | 400 m
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate | 200 m
———————————————————————
Brassica napus: |
———————————————————————
per la produzione di sementi di base di varieta’ |
diverse dagli ibridi | 200 m
———————————————————————
per la produzione di sementi di base di ibridi | 500 m
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate di varieta’|
diverse dagli ibridi | 100 m
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate di ibridi | 300 m
———————————————————————
Cannabis sativa, canapa monoica: |
———————————————————————
per la produzione di sementi di base | 5.000 m
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate | 1.000 m
———————————————————————
Helianthus annuus: |
———————————————————————
per la produzione di sementi di base di ibridi…. | 1.500 m
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate di |
varieta’ diverse dagli ibridi | 750 m
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate | 500 m
———————————————————————
Gossypium hirsutum e/o Gossypium barbadense: |
———————————————————————
per la produzione di sementi di base di linee |
parentali di …. | 600 m
———————————————————————
Gossypium hirsutum: |
———————————————————————
per la produzione di sementi di base di linee |
parentali di …. | 800 m
———————————————————————
Gossypium barbadense |
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate di ibridi |
interspecifici di …. | 200 m
———————————————————————
Gossypium hirsutum |
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate di ibridi |
interspecifici di …. | 600 m
———————————————————————
Gossypium barbadense |
———————————————————————
per la produzione di sementi certificate di ibridi |
interspecifici di …. | 600 m
———————————————————————
Gossypium hirsutum e Gossypium barbadense |

3. All’allegato VII del decreto del Presidente della Repubblica n.
1065/1973, lettera E), il testo del punto 3. E’ sostituito dal
seguente:
«La coltura deve possedere sufficiente identita’ e purezza
varietale oppure, nel caso di una coltura di una linea inbred,
sufficiente identita’ e purezza relativamente ai suoi caratteri.
Per la produzione di sementi di varieta’ ibride le dette
disposizioni si applicano anche ai caratteri dei componenti, compresa
la maschiosterilita’ o il ripristino della fertilita’.
In particolare, le colture di Brassica juncea, Cannabis sativa,
Carthamus tinctorius, Carum carvi Gossypium spp. e gli ibridi di
Helianthus annuus e di Brassica napus devono rispondere alle norme o
alle altre condizioni seguenti:
A) Brassica juncea, Brassica nigra, Cannabis sativa, Carthamus
tinctorius, Carum carvi, Gossypium spp., diversi dagli ibridi.
Il numero di piante della coltura riconoscibili come manifestamente
non conformi alla varieta’ non puo’ superare:
1 per 30 m2 per le sementi di base;
1 per 10 m2 per le sementi certificate.
B) Ibridi di Helianthus annuus:
a) la percentuale in numero di piante riconoscibili come
manifestamente non conformi alla linea inbred o al componente non
puo’ superare:
aa) per la produzione di sementi di base:
i) linee imbred – 0,2%;
ii) ibridi semplici:
genitore maschile, piante che hanno emesso polline allorche’
il 2% o piu’ delle piante femminili presentano fiori recettivi –
0,2%;
genitore femminile – 0,5%;
bb) per la produzione di sementi certificate:
componente maschile, piante che hanno emesso polline allorche’
il 5% o piu’ delle piante femminili presentano fiori ricettivi –
0,5%;
componente femminile – 1,0%
b) per la produzione di sementi di varieta’ ibride devono essere
rispettate le norme o altre condizioni seguenti:
aa) le piante del componente maschile emettono polline
sufficiente durante la fioritura delle piante del componente
femminile;
bb) se il componente femminile presenta stigmi ricettivi la
percentuale di piante di tale componente che hanno emesso o emettono
il polline non deve superare lo 0,5%;
cc) per la produzione di sementi di base la percentuale totale in
numero di piante del componente femminile riconoscibili come
manifestamente non conformi alla linea inbred o al componente e che
hanno emesso o che stanno emettendo il polline non deve superare lo
0,5%;
dd) qualora non possa essere soddisfatta la condizione di cui
all’allegato VI, lettera D, punto 1-bis), e’ rispettata la condizione
seguente: un componente maschile sterile utilizzato per la produzione
di sementi certificate contiene una linea o piu’ linee restauratrici
specifiche, in modo che almeno un terzo delle piante derivate dagli
ibridi risultanti produca del polline apparentemente normale sotto
tutti gli aspetti.
C) ibridi di Brassica napus prodotti avvalendosi della
maschiosterilita’:
a) la percentuale in numero di piante riconoscibili come
manifestamente non conformi alla linea inbred o al componente non
puo’ superare:
aa) per la produzione di sementi di base:
i) linee inbred 0,1%;
ii) ibridi specifici:
componente maschile 0,1%;
componente femminile 0,2%
bb) per la produzione di sementi certificate:
componente maschile 0,3%;
componente femminile 1,0%
b) la maschiosterilita’ deve raggiungere almeno il 99% per la
produzione di sementi di base e il 98% per la produzione di sementi
certificate. …

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Edilone.it