MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 8 agosto 2008 | Edilone.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 8 agosto 2008

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 8 agosto 2008 - Modalita' di attuazione del decreto 8 agosto 2008, concernente il Piano di adeguamento dello sforzo di pesca, relativo alle navi da pesca italiane autorizzate ad operare nelle acque della Mauritania. (GU n. 269 del 17-11-2008 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 8 agosto 2008

Modalita’ di attuazione del decreto 8 agosto 2008, concernente il
Piano di adeguamento dello sforzo di pesca, relativo alle navi da
pesca italiane autorizzate ad operare nelle acque della Mauritania.

IL DIRETTORE GENERALE
della pesca marittima e dell’acquacoltura
Visto il Reg. (CE) n. 1198/06 del Consiglio, del 27 luglio 2006,
relativo a1 Fondo europeo per la pesca (FEP), e, in particolare,
l’art. 21, lett. a) punto iii), che prevede la possibilita’ di
concedere indennita’ per l’arresto temporaneo delle attivita’ ad
armatori e marittimi imbarcati su navi da pesca comunitarie, in caso
di riduzione sostanziale delle possibilita’ di pesca nel quadro di un
accordo internazionale, o altra intesa, rapportate al danno realmente
subito, per un periodo massimo di sei mesi, prorogabile di altri sei
mesi, per l’intero periodo 2007/2013;
Visto il Reg. (CE) n. 1801/2006 del Consiglio, del 30 novembre
2006, relativo alla conclusione di un accordo di partenariato nel
settore della pesca tra l’Unione Europea e il Governo della
Repubblica Islamica di Mauritania;
Visto il Reg. (CE) n. 498/2007 della Commissione del 26 marzo
2007, recante modalita’ di applicazione del Reg. (CE) n. 1198/2006,
relativo al Fondo europeo per la pesca, ed in particolare l’art. 5;
Visto il Programma operativo che prevede la possibilita’ di
sostegni finanziari alla flotta da pesca comunitaria in caso di
riduzione sostanziale delle possibilita’ di pesca nel quadro di un
accordo internazionale, o, altra intesa;
Sentita la Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le
Regioni e le Province autonome che, nella seduta del 20 marzo 2008,
ha approvato la ripartizione della spesa pubblica complessiva per il
Programma Operativo FEP 2007/2013, nella misura del 33% a favore
delle misure gestite dallo Stato e del 67% a favore delle misure
gestite dalle regioni e province autonome;
Visto il decreto n. 902 del 17 marzo 2008 del Governo della
Repubblica Islamica di Mauritania con il quale e’ stato disposto un
periodo di due mesi supplementari di riposo biologico dal 1° aprile
2008 al 31 maggio 2008 per tutti i pescherecci che esercitano la
pesca demersale, e che tale proposta e’ stata accettata dalla
Commissione Mista, con processo verbale dell’11 marzo 2008;
Considerato che il periodo supplementare di fermo biologico di
pesca, proposto dalla Commissione mista dell’Accordo di pesca, e’ il
risultato di indagini scientifiche concernenti lo stato delle risorse
nella ZEE della Mauritania;
Visto il Piano di adeguamento dello sforzo di pesca relativo alle
navi da pesca italiane autorizzate ad operare nelle acque della
Mauritania, adottato, ai sensi dell’art. 22, comma 3, secondo
capoverso del Reg. (CE) 1198/2006;
Visto il decreto dell’8 agosto 2008 con il quale e’ stato
adottato il Piano di adeguamento dello sforzo di pesca relativo alle
navi da pesca italiane autorizzate ad operare nelle acque della
Mauritania;
Decreta:
Art. 1.
Beneficiari
1. In conseguenza del fermo biologico supplementare dei mesi
di aprile e maggio 2008, proposto dal Governo della Repubblica
Islamica della Mauritania ed accettato dalla Commissione Mista
nell’ambito dell’accordo UE-Mauritania, e’ concesso un indennizzo a
parziale copertura del danno subito dagli armatori di navi da pesca
italiane, iscritte in prima categoria ed abilitate alla pesca oltre
gli stretti, autorizzate a pescare nelle acque della Mauritania in
virtu’ dell’accordo UE-Mauritania, di cui al Reg. (CE) n. 1801 del
Consiglio, del 30 novembre 2006, che non hanno potuto esercitare la
pesca dal 1° aprile 2008 al 31 maggio 2008, calcolato secondo le
tabelle allegate, nei limiti di quanto disposto dal Reg. (CE) 1198/06
(FEP).
2. In favore degli equipaggi di nazionalita’ comunitaria e’,
altresi’, concesso un indennizzo pari al minimo monetario garantito
stabilito per gli imbarcati su navi da pesca, secondo il CCNL in
vigore al momento del fermo biologico.
3. Al fine della corresponsione degli indennizzi di cui ai
precedenti commi 1 e 2, gli armatori, entro 30 giorni dalla data di
pubblicazione del presente decreto, devono formulare apposita
domanda, redatta secondo gli schemi di cui agli allegati al presente
decreto numeri 1 e 2, in carta semplice, con firma autenticata, al
Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali – Direzione
generale della pesca marittima e dell’acquacoltura, viale dell’Arte
n. 16 – 00144 Roma.
4. Detti indennizzi non concorrono alla formazione del reddito e
sono scomputati dalla base imponibile determinata a norma dell’art. 5
del decreto legislativo n. 446/1997.

Art. 2.
Parametri
1. L’indennizzo per gli armatori e’ commisurato ai costi fissi di
gestione sostenuti ed al mancato guadagno nei mesi di fermo
obbligatorio supplementare, secondo la tabella di cui all’allegato 3
al presente decreto.
2. L’indennizzo previsto per gli imbarcati di nazionalita’
comunitaria e’ commisurato al salario minimo garantito applicabile in
base al contratto alla parte in vigore al momento del fermo
biologico, secondo la tabella di cui all’allegato 4 al presente
decreto.

Art. 3.
Risorse finanziarie
Alla copertura degli indennizzi di cui al presente decreto si
provvede a carico delle dotazioni finanziarie dell’Asse – Misura
arresto temporaneo dell’attivita’ e altre compensazioni di cui al
Reg. (CE) 1198 del Consiglio del 27 luglio 2006 (FEP).
Roma, 8 agosto 2008
Il direttore generale: Abate

Registrato alla Corte dei conti il 27 ottobre 2008
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 4, foglio n. 93

—-> Vedere da pag. 24 a pag. 28 <----

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 8 agosto 2008

Edilone.it