MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 6 agosto 2008 | Edilone.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 6 agosto 2008

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 6 agosto 2008 - Modifica all'articolo 2 del decreto 18 luglio 2008, recante le modalita' di attuazione del fermo di emergenza temporaneo. (GU n. 245 del 18-10-2008 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 6 agosto 2008

Modifica all’articolo 2 del decreto 18 luglio 2008, recante le
modalita’ di attuazione del fermo di emergenza temporaneo.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

Vista la legge 14 luglio 1965, n. 963 e successive modifiche,
concernente la disciplina della pesca marittima;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 2 ottobre 1968, n.
1639 e successive modifiche con il quale e’ stato approvato il
regolamento di esecuzione della predetta legge;
Visto il decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154 recante
modernizzazione del settore della pesca e dell’acquacoltura, a norma
dell’art. 1, comma 2, della legge 7 marzo 2003, n. 38, in materia di
pesca marittima;
Visto il decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 153, recante
attuazione della legge 7 marzo 2003, n. 38;
Visto il decreto ministeriale 18 luglio 2008, recante le modalita’
di attuazione del fermo di emergenza temporaneo;
Vista la legge 2 agosto 2008, n. 129, con la quale, all’art. 4-ter,
sono state disposte misure urgenti per il settore della pesca;
Considerata la opportunita’ di autorizzare – esclusivamente per il
corrente anno – le modalita’ di attuazione del fermo di pesca gia’
disciplinate in precedenza dalla regione Sicilia per le unita’ con
lunghezza tra le perpendicolari superiore a 18 metri e che effettuano
campagne di pesca superiori a 15 giorni;
Considerata altresi’ la necessita’ di assicurare la tutela delle
risorse biologiche del mare durante i periodi di effettuazione del
fermo prevedendo restrizioni all’attivita’ di pesca a strascico e
volante entro le 12 miglia dalla costa delle isole di Lampedusa e
Linosa dal 10 agosto 2008 e fino al 30 settembre 2008;
Sentita la Commissione consultiva centrale per la pesca e
l’acquacoltura che, nella seduta del 6 agosto 2008, ha reso parere
favorevole all’unanimita’;
Decreta:

Art. 1.
1. All’art. 2 del decreto ministeriale 18 luglio 2008 sono aggiunti
alla fine i seguenti commi:
«6. I titolari delle unita’ di cui ai commi 3, 4 e 5, iscritte nei
compartimenti marittimi della Sicilia con lunghezza tra le
perpendicolari superiore a 18 metri e che effettuano campagne di
pesca superiori a 15 giorni, sono autorizzati a consegnare i
documenti di bordo all’Autorita’ marittima dell’ufficio di iscrizione
a partire dai quindici giorni antecedenti la data di inizio del
periodo di fermo di pertinenza, come determinato ai commi 3, 4 e 5.
Dalla data di consegna dei documenti decorre per ciascuna unita’ il
periodo di fermo di cui al presente decreto.
7. Al fine di assicurare la tutela delle risorse biologiche del
mare durante i periodi di effettuazione del fermo di cui al presente
decreto l’attivita’ di pesca a strascico e volante entro le 12 miglia
dalla costa delle isole di Lampedusa e Linosa e’ consentita, dal
10 agosto 2008 e fino al 30 settembre 2008, esclusivamente alle
imbarcazioni iscritte nei RR.NN.MM.GG. tenuti dall’ufficio marittimo
di Lampedusa. Nel periodo previsto dal comma 5 non e’ consentita nel
medesimo areale l’attivita’ di pesca a strascico e volante a nessuna
imbarcazione da pesca».
Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 6 agosto 2008

Il Ministro: Zaia
Registrato alla Corte dei conti il 17 settembre 2008
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 4, foglio n. 31

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 6 agosto 2008

Edilone.it