MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 30 giugno 2003: Modifica al decreto 16 luglio 2002, n. 641 | Edilone.it

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 30 giugno 2003: Modifica al decreto 16 luglio 2002, n. 641

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 30 giugno 2003: Modifica al decreto 16 luglio 2002, n. 641 - Modalita' di revisione delle zattere di salvataggio gonfiabili, delle cinture di salvataggio gonfiabili, dei dispositivi di evacuazione marini e degli sganci idrostatici. (GU n. 167 del 21-7-2003)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 30 giugno 2003

Modifica al decreto 16 luglio 2002, n. 641 – Modalita’ di revisione
delle zattere di salvataggio gonfiabili, delle cinture di salvataggio
gonfiabili, dei dispositivi di evacuazione marini e degli sganci
idrostatici.

IL COMANDANTE GENERALE
del Corpo delle capitanerie di porto

Visto l’art. 10, comma 1, lettera d), del decreto del Presidente
della Repubblica 8 novembre 1991, n. 435, che demanda al Ministero
l’emanazione di un apposito decreto per la disciplina delle modalita’
di revisione delle zattere di salvataggio, in attuazione di
disposizioni emanate da organismi internazionali;
Visto l’art. 4 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165,
recante norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze
delle amministrazioni pubbliche;
Visto l’art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo
2001, n. 177, recante regolamento di organizzazione del Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti;
Visto il decreto dirigenziale in data 16 luglio 2002, n. 641, del
Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto recante
modalita’ di revisione delle zattere di salvataggio gonfiabili, delle
cinture di salvataggio gonfiabili, dei dispositivi di evacuazione
marini e degli sganci idrostatici;
Considerato che l’art. 8 del sopraccitato decreto prescrive che le
stazioni di revisione che richiedono l’approvazione
dell’amministrazione devono essere accreditate da ciascun costruttore
dei dispositivi che esse intendono revisionare;
Preso atto della presenza a bordo delle navi mercantili di sganci
idrostatici di tipo approvato per i quali le stazioni di revisione
non possono ottenere l’accreditamento per cessata attivita’ delle
stesse ditte costruttrici;
Considerata la necessita’ di assicurare comunque la revisione di
tali dispositivi, al fine di consentirne l’impiego a bordo delle navi
mercantili sulle quali sono stati installati:
Decreta:
Art. 1.
All’art. 13 del decreto dirigenziale in data 16 luglio 2002, n.
641, dopo il primo comma e’ inserito il seguente:
«1-bis. La revisione degli sganci idrostatici fabbricati da ditte
che hanno cessato la propria attivita’, e’ effettuata dalle stazioni
di revisione approvate dall’amministrazione anche senza il prescritto
accreditamento».
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 30 giugno 2003
Il comandante generale Sicurezza

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 30 giugno 2003: Modifica al decreto 16 luglio 2002, n. 641

Edilone.it