MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 26 gennaio 2011, n. 17 - Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione e procedure per l'abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuola. (11G0056) (GU n. 57 del 10-3-2011 | Edilone.it

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 26 gennaio 2011, n. 17 – Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione e procedure per l’abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuola. (11G0056) (GU n. 57 del 10-3-2011

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 26 gennaio 2011, n. 17 - Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione e procedure per l'abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuola. (11G0056) (GU n. 57 del 10-3-2011 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 25/03/2011

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 26 gennaio 2011 , n. 17

Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione e procedure
per l’abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuola.
(11G0056)

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE
E DEI TRASPORTI

Visto l’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, recante «Nuovo
codice della strada», e successive modificazioni, e, in particolare,
l’articolo 123 – come novellato dall’articolo 10, comma 5-septies,
del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con
modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, e, da ultimo,
dall’articolo 20, comma 5, lettere f), g) ed h) della legge 29 luglio
2010, n. 120, recante «Disposizioni in materia di sicurezza stradale»
– che prevede, tra l’altro, che il Ministro dei trasporti stabilisce,
con proprio decreto, i corsi di formazione iniziale e periodica, con
i relativi programmi, degli insegnanti e degli istruttori delle
autoscuole per conducenti, nonche’ i criteri per l’accreditamento da
parte delle regioni e delle province autonome di soggetti formatori,
diversi dalle autoscuole e dai centri di istruzione automobilistica,
per l’erogazione di detti corsi;
Visto l’articolo 117, comma 3, della Costituzione in base al quale
la formazione professionale e’ materia di legislazione esclusiva
della regione;
Visto l’articolo 105, comma 3, lettera c) del decreto legislativo
31 marzo 1998, n. 112;
Visto l’accordo Stato-regioni-enti locali, in sede di Conferenza
Unificata, recante: «Modalita’ organizzative e procedure per
l’applicazione dell’articolo 105, comma 3, del decreto legislativo 31
marzo 1998, n. 112», ed in particolare il punto 5 dell’accordo, per
quanto attiene alle modalita’ di svolgimento degli esami di idoneita’
per l’abilitazione di insegnante e di istruttore (repertorio Atti n.
541/C.U. del 14 febbraio 2002), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
del 25 marzo 2002, n. 71;
Visto il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121;
Considerata la necessita’ di determinare i requisiti di idoneita’
tecnica per il conseguimento dell’abilitazione di insegnante ed
istruttore di autoscuola, di stabilire i programmi dei corsi di
formazione iniziale e periodica, nonche’ i criteri minimi per
l’accreditamento da parte delle regioni e delle province autonome di
soggetti formatori per l’erogazione di detti corsi, rimettendo a tali
enti ogni ulteriore definizione dei criteri di accreditamento,
nell’ambito dell’esercizio della competenza che agli stessi e’
riconosciuta in materia di formazione;
Vista la necessita’ di assicurare criteri uniformi in materia di
conseguimento delle abilitazioni di insegnante ed istruttore di
autoscuola;
Viste le osservazioni formulate dal Consiglio di Stato, Sezione
consultiva per gli atti normativi, nelle adunanze del 19 gennaio 2009
e 27 agosto 2009;
Udito il parere del Consiglio di Stato, Sezione consultiva per gli
atti normativi, espresso nell’adunanza dell’8 ottobre 2009, relativo
allo schema di decreto ministeriale come riformulato in esito ai
suddetti pareri;
Acquisito il parere della Conferenza Unificata tra lo Stato, le
regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, in data 29 luglio
2010;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla sezione
consultiva per gli atti normativi nell’adunanza del 9 dicembre 2010,
sul testo rielaborato all’esito del predetto parere reso dalla
Conferenza Unificata e delle modifiche apportate dalla citata legge
29 luglio 2010, n. 120;
Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai
sensi dell’articolo 17, comma 3, della citata legge 23 agosto 1988,
n. 400, in data 12 gennaio 2011;

A d o t t a
il seguente regolamento:

Art. 1

Requisiti per il conseguimento dell’abilitazione di insegnante

1. I requisiti per conseguire l’abilitazione di insegnante di
autoscuola sono i seguenti:
a) eta’ non inferiore a diciotto anni;
b) diploma di istruzione di secondo grado conseguito a seguito di
un corso di studi di almeno cinque anni;
c) non essere stato dichiarato delinquente abituale,
professionale o per tendenza e non essere stato sottoposto a misure
amministrative di sicurezza personale o alle misure di prevenzione
previste dall’articolo 120, comma 1, del decreto legislativo 30
aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni;
d) patente di guida della categoria B normale o speciale.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, comma 3, del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
– L’art. 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n.
400 (Disciplinare dell’attivita’ di Governo e ordinamento
della Presidenza del Consiglio dei Ministri), cosi’ recita:
«3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del Ministro o di
autorita’ sottordinate al Ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu’ Ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita’ di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei Ministri prima della loro emanazione.».
– L’art. 123 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n.
285, cosi’ recita:
«Art. 123 (Autoscuole). – 1. Le scuole per l’educazione
stradale, l’istruzione e la formazione dei conducenti sono
denominate autoscuole.
2. Le autoscuole sono soggette a vigilanza
amministrativa e tecnica da parte delle province, alle
quali compete inoltre l’applicazione delle sanzioni di cui
ai comma 11-bis.
3. I compiti delle province in materia di dichiarazioni
di inizio attivita’ e di vigilanza amministrativa sulle
autoscuole sono svolti sulla base di apposite direttive
emanate dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti,
nel rispetto dei principi legislativi ed in modo uniforme
per la vigilanza tecnica sull’insegnamento.
4. Le persone fisiche o giuridiche, le societa’, gli
enti possono presentare l’apposita dichiarazione di inizio
attivita’. Il titolare deve avere la proprieta’ e gestione
diretta, personale, esclusiva e permanente dell’esercizio,
nonche’ la gestione diretta dei beni patrimoniali
dell’autoscuola, rispondendo del suo regolare funzionamento
nei confronti del concedente; nel caso di apertura di
ulteriori sedi per l’esercizio dell’attivita’ di
autoscuola, per ciascuna deve essere dimostrato il possesso
di tutti i requisiti prescritti, ad eccezione della
capacita’ finanziaria che deve essere dimostrata per una
soia sede, e deve essere preposto un responsabile
didattico, in organico quale dipendente o collaboratore
familiare ovvero anche, nel caso di societa’ di persone o
di capitali, quale rispettivamente socio o amministratore,
che sia in possesso dei requisiti di cui al comma 5, ad
eccezione della capacita’ finanziaria.
5. La dichiarazione puo’ essere presentata da chi abbia
compiuto gli anni ventuno, risulti di buona condotta e sia
in possesso di adeguata capacita’ finanziaria, di diploma
di istruzione di secondo grado e di abilitazione quale
insegnante di teoria e istruttore di guida con almeno
un’esperienza biennale, maturata negli ultimi cinque anni.
Per le persone giuridiche i requisiti richiesti dal
presente comma, ad eccezione della capacita’ finanziaria
che deve essere posseduta dalla persona giuridica, sono
richiesti al legale rappresentante.
6. La dichiarazione non puo’ essere presentata dai
delinquenti abituali, professionali o per tendenza e da
coloro che sono sottoposti a misure amministrative di
sicurezza personali o alle misure di prevenzione previste
dall’art. 120, comma 1.
7. L’autoscuola deve svolgere l’attivita’ di formazione
dei conducenti per il conseguimento di patente di qualsiasi
categoria, possedere un’adeguata attrezzatura tecnica e
didattica e disporre di insegnanti ed istruttori
riconosciuti idonei dal Ministero delle infrastrutture e
dei trasporti, che rilascia specifico attestato di
qualifica professionale. Qualora piu’ scuole autorizzate si
consorzino e costituiscano un centro di istruzione
automobilistica, riconosciuto dall’ufficio competente del
Dipartimento per i trasporti terrestri secondo criteri
uniformi fissati con decreto del Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti, le medesime autoscuole
possono demandare, integralmente o parzialmente, al centro
di istruzione automobilistica la formazione dei conducenti
per il conseguimento delle patenti di categoria A, BS, BE,
C, D, CE e DE e dei documenti di abilitazione e di
qualificazione professionale. In caso di applicazione del
periodo precedente, le dotazioni complessive, in personale
e in attrezzature, delle singole autoscuole consorziate
possono essere adeguatamente ridotte.
7-bis. In ogni caso l’attivita’ non puo’ essere
iniziata prima della verifica del possesso dei requisiti
prescritti. La verifica di cui al presente comma e’
ripetuta successivamente ad intervalli di tempo non
superiori a tre anni.
8. L’attivita’ dell’autoscuola e’ sospesa per un
periodo da uno a tre mesi quando:
a) l’attivita’ dell’autoscuola non si svolga
regolarmente;
b) il titolare non provveda alla sostituzione degli
insegnanti o degli istruttori che non siano piu’ ritenuti
idonei dal competente ufficio del Dipartimento per i
trasporti terrestri;
c) il titolare non ottemperi alle disposizioni date
dall’ufficio competente del Dipartimento per i trasporti
terrestri ai fini del regolare funzionamento
dell’autoscuola.
9. L’esercizio dell’autoscuola e’ revocato quando:
a) siano venuti meno la capacita’ finanziaria e i
requisiti morali del titolare;
b) venga meno l’attrezzatura tecnica e didattica
dell’autoscuola;
c) siano stati adottati piu’ di due provvedimenti di
sospensione in un quinquennio.
9-bis. In caso di revoca per sopravvenuta carenza dei
requisiti morali del titolare, a quest’ultimo e’ parimenti
revocata l’idoneita’ tecnica. L’interessato potra’
conseguire una nuova idoneita’ trascorsi cinque anni dalla
revoca o a seguito di intervenuta riabilitazione.
10. Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti
stabilisce, con propri decreti: i requisiti minimi di
capacita’ finanziaria; i requisiti di idoneita’, i corsi di
formazione iniziale e periodica, con relativi programmi,
degli insegnanti e degli istruttori delle autoscuole per
conducenti; le modalita’ di svolgimento delle verifiche di
cui al comma 7-bis; i criteri per l’accreditamento da parte
delle regioni e delle province autonome dei soggetti di cui
al comma 10-bis, lettera b); le prescrizioni sui locali e
sull’arredamento didattico, anche al fine di consentire
l’eventuale svolgimento degli esami, nonche’ la durata dei
corsi; i programmi di esame per l’accertamento della
idoneita’ tecnica degli insegnanti e degli istruttori, cui
si accede dopo la citata formazione iniziale; i programmi
od esame per il conseguimento della patente di guida.
10-bis. I corsi di formazione degli insegnanti e degli
istruttori delle autoscuole, di cui al comma 10, sono
organizzati:
a) dalle autoscuole che svolgono l’attivita’ di
formazione dei conducenti per il conseguimento di qualsiasi
categoria di patente ovvero dai centri di istruzione
automobilistica riconosciuti per la formazione integrale;
b) da soggetti accreditati dalle regioni o dalle
province autonome di Trento e di Bolzano, sulla base della
disciplina quadro di settore definita con l’intesa
stipulata in sede di Conferenza permanente per i rapporti
tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e
di Bolzano il 20 marzo 2008, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale n. 18 del 23 gennaio 2009, nonche’ dei criteri
specifici dettati con il decreto del Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti di cui al comma 10.
11. Chiunque gestisce un’autoscuola senza la
dichiarazione di inizio attivita’ o i requisiti prescritti
e soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di
una somma da euro 10.240 a curo 15.360. Dalla violazione
consegue la sanzione amministrativa accessoria
dell’immediata chiusura dell’autoscuola e di cessazione
della relativa attivita’, ordinata dal competente ufficio
secondo le norme di cui al capo I, sezione II, del titolo
VI.
11-bis. L’istruzione o la formazione dei conducenti
impartita in forma professionale o, comunque, a fine di
lucro al di fuori di quanto disciplinato dal presente
articolo costituisce esercizio abusivo dell’attivita’ di
autoscuola. Chiunque esercita o concorre ad esercitare
abusivamente l’attivita’ di autoscuola e’ soggetto alla
sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro
10.240 a curo 15.360. Si applica inoltre il disposto del
comma 9-bis dei presente articolo.
11-ter. Lo svolgimento dei corsi di formazione di
insegnanti e di istruttori di cui a comma 10 e’ sospeso
dalla regione territorialmente competente o dalle province
autonome di Tremo e di Bolzano, in relazione alla sede del
soggetto che svolge i corsi:
a) per un periodo da uno a tre mesi, quando il corso
non si tiene regolarmente;
b) per un periodo da tre a sei mesi. quando il corso
si tiene in carenza dei requisiti relativi all’idoneita’
dei docenti, alle attrezzature tecniche e ai materiale
didattico;
d) per un ulteriore periodo da sei a dodici mesi nei
caso di reiterazione, nel triennio, delle ipotesi di cui
alle lettere a) e b).
11-quater. La regione territorialmente competente o le
province autonome di Trento e di Bolzano dispongono
l’inibizione alla prosecuzione dell’attivita’ per i
soggetti a carico dei quali, nei due anni successivi
all’adozione di un provvedimento di sospensione ai sensi
della lettera c) del comma 11-ter, e’ adottato un ulteriore
provvedimento di sospensione ai sensi delle lettere a) e b)
del medesimo comma.
12. Chiunque insegna teoria nelle autoscuole o
istruisce alla guida su veicoli delle autoscuole, senza
essere a cio’ abilitato ed autorizzato, e’ soggetto alla
sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro
159 a euro 639.
13. Nel regolamento saranno stabilite le modalita’ per
la dichiarazione di inizio attivita’, fermo restando quanto
previsto dal comma 7-bis. Con lo stesso regolamento saranno
dettate norme per io svolgimento, da parte degli enti
pubblici non economici, dell’attivita’ di consulenza,
secondo la legge 8 agosto 1991, n. 264.».
– L’art. 117, terzo comma , della Costituzione cosi’
recita:
«Sono materie di legislazione concorrente quelle
relative a: rapporti internazionali e con l’Unione europea
delle Regioni; commercio con l’estero; tutela e sicurezza
dei lavoro; istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni
scolastiche e con esclusione della istruzione e della
formazione professionale; professioni; ricerca scientifica
e tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori
produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento
sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti
e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di
navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione;
trasporto e distribuzione nazionale dell’energia;
previdenza complementare e integrativa; armonizzazione dei
bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e
del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e
ambientali e promozione e organizzazione di attivita’
culturali; casse di risparmio, casse rurali. aziende di
credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e
agrario a carattere regionale. Nelle materie di
legislazione concorrente spetta alle Regioni la potesta’
legislativa, salvo che per la determinazione dei principi
fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.».
– L’art. 105, comma 3, del decreto legislativo 31 marzo
1998, n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti
amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti
locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997,
n. 59), cosi’ recita:
«3. Sono attribuite alle province, ai sensi del comma 2
dell’art. 4 della legge 15 marzo 1997, n. 59, le funzioni
relative:
a) alla autorizzazione e vigilanza tecnica
sull’attivita’ svolta dalle autoscuole e date scuole
nautiche;
b) al riconoscimento dei consorzi di scuole per
conducenti di veicoli a motore;
c) agli esami per il riconoscimento dell’idoneita’
degli insegnanti e istruttori di autoscuola;
d) al rilascio di autorizzazione alle imprese di
autoriparazione per l’esecuzione delle revisioni e al
controllo amministrativo sulle imprese autorizzate;
e) al controllo sull’osservanza delle tariffe
obbligatorie a forcella nel settore dell’autotrasporto di
cose per conto terzi;
f) al rilascio di licenze per l’autotrasporto di
merci per conto proprio;
g) agli esami per il conseguimento dei titoli
professionali di autotrasportatore di merci per conto terzi
e di autotrasporto di persone su strada e dell’idoneita’ ad
attivita’ di consulenza per la circolazione dei mezzi di
trasporto su strada;
h) alla tenuta degli albi provinciali, quali
articolazioni dell’albo nazionale degli
autotrasportatori.».
– Il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85 (Disposizioni
urgenti per l’adeguamento delle strutture di Governo in
applicazione dell’art. 1, commi 376 e 377, della legge 24
dicembre 2007, n. 244), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
16 maggio 2008, n. 144, e’ convertito in legge, con
modificazioni, dall’art. 1, comma 1, legge 14 luglio 2008,
n. 121.
Note all’art. 1:
– L’art. 120, comma 1, del decreto legislativo 30
aprile 1992, n. 285, cosi’ recita:
«1. Non possono conseguire la patente di guida, il
certificato di abilitazione professionale per la guida di
motoveicoli e il certificato di idoneita’ alla guida di
ciclomotori i delinquenti abituali, professionali o per
tendenza e coloro che sono o sono stati sottoposti a misure
di sicurezza personali o alle misure di prevenzione
previste dalla legge 27 dicembre 1956, n. 1423, ad
eccezione di quella di cui all’art. 2, e dalla legge 31
maggio 1965, n. 575, le persone condannate per i reati di
cui agli articoli 73 e 74 del testo unico di cui al decreto
del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1993, n. 309,
fatti salvi gli effetti di provvedimenti riabilitativi,
nonche’ i soggetti destinatari dei divieti di cui agli
articoli 75, comma 1, lettera a), e 75-bis. comma 1,
lettera f), dei medesimo testo unico di cui al decreto del
Presidente della Repubblica n. 309 del 1990 per tutta la
durata dei predetti divieti. Non possono di nuovo
conseguire la patente di guida e persone a cui sia
applicata per la seconda volta, con sentenza di condanna
per il reato di cui al terzo periodo del comma 2 dell’art.
222, la revoca della patente ai sensi del quarto periodo
del medesimo comma.».

Art. 2

Corso di formazione iniziale per insegnante

1. Al corso di formazione iniziale, propedeutico all’esame per il
conseguimento dell’abilitazione di insegnante, sono ammessi i
candidati in possesso dei requisiti di cui all’articolo 1.
2. Il corso di formazione iniziale si svolge presso la sede di un
soggetto autorizzato o accreditato dalla regione territorialmente
competente ovvero dalle province autonome di Trento e Bolzano, in
ragione del luogo in cui ha sede il soggetto stesso, di seguito
definito soggetto accreditato, sulla base del programma di cui
all’allegato 1. Il corso e’ articolato in una parte teorica di
centoquarantacinque ore. La parte di lezione afferente all’uso del
cronotachigrafo e del rallentatore di velocita’ puo’ essere svolta
anche tramite l’uso di sistemi multimediali.
3. Il soggetto accreditato, al termine dello svolgimento del corso,
rilascia all’allievo un attestato di frequenza, i cui contenuti
minimi sono quelli di cui all’allegato 3, da presentare in allegato
all’istanza di ammissione all’esame, e trasmette l’elenco completo
degli attestati rilasciati per ciascun corso alla provincia
territorialmente competente.

Art. 3

Esami di idoneita’ per l’abilitazione di insegnante

1. Gli esami di idoneita’ per il conseguimento dell’abilitazione di
insegnante si svolgono secondo le modalita’ previste al punto 5
dell’accordo Stato-regioni-enti locali del 14 febbraio 2002, citato
in premessa, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 marzo 2002,
n. 71.
2. L’esame per l’abilitazione di insegnante verte sulle materie di
cui all’allegato 1 e si articola in quattro fasi:
a) il candidato compila due schede d’esame, di quaranta domande
ciascuna, predisposte con criterio di casualita’ sulla base dei
contenuti di quelle per il conseguimento delle patenti di guida delle
categorie A e B, nel tempo massimo di quaranta minuti. Non e’ ammesso
alla prova sub lettera b) il candidato che ha commesso, sul
complessivo numero di ottanta domande, un numero di errori superiore
a due;
b) il candidato tratta sinteticamente, per iscritto e nel tempo
minimo di due ore fino ad un massimo di sei ore come stabilito dalla
commissione d’esame, tre temi scelti dalla commissione tra gli
argomenti del programma d’esame. Ad ogni tema e’ assegnato un
punteggio tra zero e dieci. E’ ammesso alla terza fase il candidato
che ha ottenuto un punteggio per ciascuna prova non inferiore a
cinque e complessivo, sulle tre prove, non inferiore a diciotto
rispetto al punteggio massimo di trenta;
c) il candidato simula una lezione di teoria su un argomento
scelto dalla commissione. E’ ammesso alla quarta fase il candidato
che ha ottenuto un punteggio non inferiore a diciotto rispetto al
punteggio massimo di trenta;
d) il candidato sostiene una prova orale sugli argomenti del
programma d’esame. Supera la prova il candidato che ha ottenuto un
punteggio non inferiore a diciotto rispetto al punteggio massimo di
trenta.
3. L’esito positivo dell’esame e’ annotato su un attestato che
comprova la conseguita abilitazione.

Art. 4

Corsi di formazione periodica per insegnante

1. L’insegnante abilitato ai sensi dell’articolo 3 e l’insegnante
gia’ abilitato ai sensi della previgente normativa frequentano un
corso di formazione periodica della durata di otto ore, presso un
soggetto accreditato dalla regione territorialmente competente ovvero
dalle province autonome di Trento e Bolzano, in ragione del luogo in
cui ha sede il soggetto stesso, rispettivamente entro due anni dalla
data di conseguimento dell’abilitazione ovvero due anni dalla data di
entrata in vigore del presente decreto.
2. L’insegnante non in regola con gli obblighi di formazione
periodica di cui al comma 1 non puo’ essere inserito nell’organico di
un’autoscuola o di un centro di istruzione automobilistica prima
della frequenza del relativo corso. La violazione delle disposizioni
di cui al periodo precedente comporta la sospensione
dell’abilitazione.
3. Il corso di formazione periodica ha ad oggetto uno o piu’ tra i
seguenti argomenti:
a) il mantenimento e il miglioramento delle competenze generali
degli insegnanti;
b) i cambiamenti normativi legati alla sicurezza;
c) le nuove ricerche riguardanti l’area della sicurezza stradale,
in particolare il comportamento dei giovani conducenti, compresa
l’evoluzione delle tendenze delle cause di incidente;
d) i nuovi sviluppi dei metodi di insegnamento e di
apprendimento.
4. I soggetti accreditati ai sensi del comma 1 non possono svolgere
corsi di formazione periodica per insegnanti che siano parte del
proprio corpo docente ovvero ne abbiano fatto parte negli ultimi sei
mesi.
5. La frequenza del corso di formazione periodica e’ annotata
sull’attestato di cui all’articolo 3, comma 3.

Art. 5

Abilitazioni di istruttore

1. L’istruttore di guida puo’ essere abilitato a:
a) svolgere esercitazioni per il conseguimento delle abilitazioni
necessarie per la guida di tutti i veicoli a motore e rimorchi,
nonche’ per la loro revisione;
b) svolgere esercitazioni per il conseguimento delle abilitazioni
necessarie per la guida di tutti i veicoli a motore e rimorchi, ad
eccezione dei ciclomotori e dei motocicli, nonche’ per la loro
revisione.
2. Ai soli fini della dichiarazione di cui all’articolo 123, comma
5, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive
modificazioni ed integrazioni, puo’ conseguire l’abilitazione di
istruttore un soggetto in possesso dei requisiti di cui all’articolo
6, lettera d), punto d3).

Note all’art. 5:
– Per il testo dell’art. 123 del decreto legislativo 30
aprile 1992, n. 285, si veda nelle note alle premesse.

Art. 6

Requisiti per il conseguimento dell’abilitazione di istruttore

1. I requisiti per conseguire l’abilitazione di istruttore di
autoscuola sono i seguenti:
a) eta’ non inferiore a ventuno anni;
b) diploma di istruzione di secondo grado;
c) non essere stato dichiarato delinquente abituale,
professionale o per tendenza e non essere stato sottoposto a misure
amministrative di sicurezza personale o alle misure di prevenzione
previste dall’articolo 120, comma 1, del decreto legislativo 30
aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni ed integrazioni;
d) patente di guida comprendente:
1) almeno le categorie A, B, C+E e D, ad esclusione delle
categorie speciali, per gli istruttori di cui all’articolo 5, comma
1, lettera a);
2) almeno le categorie B, C+E e D, ad esclusione delle
categorie speciali per gli istruttori di cui all’articolo 5, comma 1,
lettera b);
3) almeno le categorie B speciale, C speciale e D speciale, per
gli istruttori di cui all’articolo 5, comma 2.

Note all’art. 6:
– Per il testo dell’art. 120, comma 1, del decreto
legislativo 30 aprile 1992, n. 285, si veda nelle note
all’art. 1.

Art. 7

Corso di formazione iniziale per istruttore

1. Al corso di formazione iniziale, propedeutico all’esame per il
conseguimento dell’abilitazione di istruttore, sono ammessi i
candidati in possesso dei requisiti di cui all’articolo 6.
2. Il corso si svolge presso un soggetto accreditato dalla regione
territorialmente competente ovvero dalle province autonome di Trento
e Bolzano, in ragione del luogo in cui ha sede il soggetto stesso,
sulla base del programma di cui all’allegato 2. Il corso e’
articolato in una parte teorica di ottanta ore, comune a tutte le
abilitazioni di cui all’articolo 5, ed una parte pratica di quaranta
ore per gli istruttori di cui all’articolo 5, comma 1, lettera a), di
trentadue ore per gli istruttori di cui all’articolo 5, comma 1,
lettera b). Gli istruttori di cui all’articolo 5, comma 2, sono
esonerati dalla parte pratica del corso.
3. Il soggetto accreditato, al termine dello svolgimento del corso,
rilascia all’allievo un attestato di frequenza, i cui contenuti
minimi sono quelli di cui all’allegato 3, da presentare in allegato
all’istanza di ammissione all’esame, e trasmette l’elenco completo
degli attestati rilasciati per ciascun corso alla provincia
territorialmente competente.
4. I veicoli sui quali si svolge la parte pratica del corso, ad
eccezione dei motocicli, sono condotti da un istruttore abilitato
titolare della patente di categoria richiesta per la guida del
veicolo stesso; sono muniti di doppi comandi, ad eccezione dei
motocicli, ed hanno le seguenti caratteristiche:
a) (cat. A): motociclo senza sidecar, di cilindrata superiore o
uguale a 600 cm³;
b) (cat. B): veicolo a quattro ruote adatto alla prova per il
conseguimento della patente di categoria B, con almeno quattro
sportelli, capace di sviluppare una velocita’ di almeno 100 km/h;
c) (cat. C): veicolo adatto alla prova per il conseguimento della
patente della categoria C avente massa massima autorizzata pari o
superiore a 12.000 chilogrammi, lunghezza pari o superiore a 8 metri,
larghezza pari o superiore a 2,40 metri capace di sviluppare una
velocita’ di almeno 80 km/h; il veicolo deve disporre di ABS, di un
cambio di velocita’ dotato di almeno 8 rapporti per la marcia avanti;
lo spazio di carico del veicolo deve consistere in un cassone chiuso
di altezza e di larghezza almeno pari a quelle della cabina. Il
veicolo deve essere presentato all’esame pratico di cui all’articolo
8, comma 2, lettera c), capoverso c3), con una massa effettiva di
almeno 10.000 chilogrammi;
d) (cat. CE): autoarticolato, o un autotreno composto da un
veicolo adatto alla prova per il conseguimento della patente per la
categoria C combinato ad un rimorchio di lunghezza pari o superiore a
7,5 metri; nei due casi la massa massima autorizzata deve essere pari
o superiore a 20.000 chilogrammi, la lunghezza complessiva pari o
superiore ai 14 metri e la larghezza pari o superiore ai 2,40 metri,
i veicoli devono essere capaci di sviluppare una velocita’ di almeno
80 km/h e devono disporre di ABS, di un cambio di velocita’ dotato di
almeno 8 rapporti per la marcia avanti. Tutti gli spazi di carico del
complesso di veicoli devono consistere in cassoni chiusi di altezza e
di larghezza almeno pari a quelle della cabina. Sia l’autoarticolato
che l’autotreno devono essere presentati all’esame pratico di cui
all’articolo 8, comma 2, lettera c), capoverso c3), con una massa
effettiva di almeno 15.000 chilogrammi;
e) (cat. D): veicolo adatto alla prova per il conseguimento della
patente della categoria D di lunghezza pari o superiore a 10 metri,
di larghezza pari o superiore a 2,40 metri e capace di sviluppare una
velocita’ di almeno 80 km/h e dotato di ABS.

Art. 8

Esame di idoneita’ per l’abilitazione di istruttore

1. Gli esami di idoneita’ per il conseguimento dell’abilitazione di
istruttore si svolgono da parte delle Commissioni e secondo le
modalita’ previste al punto 5 dell’accordo Stato-regioni-enti locali
del 14 febbraio 2002, citato in premessa, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale del 25 marzo 2002, n. 71.
2. L’esame per l’abilitazione di istruttore verte sulle materie di
cui all’allegato 2 e si articola in tre prove:
a) il candidato compila due schede d’esame, di quaranta domande
ciascuna, predisposte con criterio di casualita’ sulla base dei
contenuti di quelle per il conseguimento delle patenti di guida delle
categorie A e B, nel tempo massimo di quaranta minuti. Non e’ ammesso
alla prova sub lettera b) il candidato che ha commesso, sul
complessivo numero di ottanta domande, un numero di errori superiore
a due;
b) seconda prova: il candidato sostiene una prova orale sugli
argomenti del programma d’esame. E’ ammesso alla prova successiva il
candidato che ha ottenuto un punteggio non inferiore a diciotto
rispetto al punteggio massimo di trenta;
c) terza prova: il candidato sostiene le seguenti prove pratiche
per dimostrare la propria capacita’ di istruzione. Supera la prova il
candidato che ha ottenuto un punteggio per ciascuna prova non
inferiore a cinque e complessivo, sulle tre prove, non inferiore a
diciotto rispetto al punteggio massimo di trenta. Le prove si
svolgono con le seguenti modalita’:
1) capacita’ di istruzione alla guida di veicoli delle
categorie A, limitatamente al conseguimento dell’abilitazione di cui
all’articolo 5, comma 1, lettera a); il motociclo utilizzato per lo
svolgimento di tale prova deve avere una cilindrata non inferiore a
600 cm³, condotto da un componente della commissione di cui al comma
1 che funge da allievo e titolare almeno di patente A;
2) capacita’ di istruzione alla guida di veicolo della
categoria B, condotto da un componente della commissione di cui al
comma 1 che funge da allievo e titolare almeno di patente B, per il
conseguimento delle abilitazioni di cui all’articolo 5, comma 1,
lettere a) e b);
3) capacita’ di istruzione alla guida su veicolo della
categoria C+E o D, a scelta della commissione di cui al comma 1,
condotto da un componente della stessa che funge da allievo e
titolare di patente adeguata alla guida del veicolo sul quale si
svolge la prova, per il conseguimento delle abilitazioni di cui
all’articolo 5, comma 1, lettere a) e b). Nella commissione d’esame
deve essere assicurata, attraverso uno o piu’ soggetti, titolari di
una o piu’ patenti superiori, la presenza di membri abilitati a
svolgere il ruolo del conducente alla guida dei veicoli di categoria
C, C+E, D, nelle prove atte a dimostrare la capacita’ di istruzione
alla guida di veicoli di corrispondenti categorie.
3. I candidati al conseguimento dell’abilitazione di istruttore di
cui all’articolo 5, comma 2, sostengono solo le prove d’esame di cui
al comma 2, lettere a) e b).
4. L’esito positivo dell’esame e’ annotato su un attestato che
comprova la conseguita abilitazione.

Art. 9

Corsi di formazione periodica di istruttore

1. L’istruttore abilitato ai sensi dell’articolo 8 e l’istruttore
gia’ abilitato ai sensi della previgente normativa frequentano un
corso di formazione periodica della durata di otto ore, presso un
soggetto accreditato dalla regione territorialmente competente ovvero
dalle province autonome di Trento e Bolzano, in ragione del luogo in
cui ha sede il soggetto stesso, rispettivamente entro due anni dalla
data di conseguimento dell’abilitazione ovvero due anni dalla data di
entrata in vigore del presente decreto.
2. L’istruttore non in regola con gli obblighi di formazione
periodica di cui al comma 1 non puo’ essere inserito nell’organico di
un’autoscuola o di un centro di istruzione automobilistica prima
della frequenza di tale corso. La violazione delle disposizioni di
cui al periodo precedente comporta la sospensione dell’abilitazione.
3. Il corso ha ad oggetto uno o piu’ tra i seguenti argomenti:
a) il mantenimento e il miglioramento delle competenze generali
degli istruttori;
b) i cambiamenti normativi legati alla sicurezza;
c) le nuove ricerche riguardanti l’area della sicurezza stradale,
in particolare il comportamento dei giovani conducenti, compresa
l’evoluzione delle tendenze delle cause di incidente;
d) i nuovi sviluppi dei metodi di insegnamento e di
apprendimento.
4. I soggetti accreditati ai sensi del comma 1 non possono svolgere
corsi di formazione periodica per istruttori che siano parte del
proprio corpo docente ovvero ne abbiano fatto parte negli ultimi sei
mesi.
5. La frequenza del corso di formazione periodica e’ annotata
sull’attestato di cui all’articolo 8, comma 4.

Art. 10

Estensione dell’abilitazione

1. L’insegnante che intende conseguire l’abilitazione di
istruttore, se in possesso dei requisiti di cui all’articolo 6, comma
1, lettera d), frequenta la parte di programma teorico del corso di
formazione iniziale di cui all’allegato 2, lettera A), e, ove
prevista, la parte di programma pratico di cui allo stesso allegato
2, lettera B), in ragione del tipo di abilitazione che intende
conseguire. Si applicano le disposizioni dell’articolo 7, comma 3.
L’esame per l’estensione dell’abilitazione, svolto secondo le
modalita’ di cui all’articolo 8, verte sulle prove di cui al predetto
articolo 8 oggetto del programma di formazione iniziale seguito, ad
esclusione della prova di cui al comma 2, lettera a).
2. L’istruttore che intende conseguire l’abilitazione di
insegnante, se in possesso del requisito di cui all’articolo 1, comma
1, lettera b), frequenta il corso di formazione iniziale secondo il
programma di cui all’allegato 1. Si applicano le disposizioni
dell’articolo 2, comma 3. L’esame per l’estensione dell’abilitazione,
svolto secondo le modalita’ di cui all’articolo 3, verte sulle prove
di cui al predetto articolo 3, comma 2, con esclusione di quella di
cui alla lettera a).
3. L’istruttore abilitato ai sensi dell’articolo 5, comma 1,
lettera b), che intende integrare la propria abilitazione anche con
quella per svolgere le esercitazioni per il conseguimento delle
patenti di categoria A, frequenta la parte di programma pratico di
formazione iniziale di cui all’allegato 2, lettera B) relativo alle
lezioni di guida simulata su motociclo. Si applicano le disposizioni
dell’articolo 7, comma 3. L’esame per l’estensione dell’abilitazione,
svolto secondo le modalita’ di cui all’articolo 8, verte sulla prova
di cui all’articolo 8, comma 2, lettera c1).
4. L’esito positivo dell’esame e’ annotato su un attestato che
comprova l’integrazione della conseguita abilitazione.

Art. 11

Disciplina delle assenze

1. In ciascuno dei corsi di formazione iniziale di cui agli
articoli 2 e 7 e di estensione dell’abilitazione di cui all’articolo
10 non e’ consentito un numero di assenze superiore al dieci per
cento delle ore di lezione della parte teorica di ciascun corso. La
percentuale del dieci per cento e’ arrotondata all’ora intera
superiore. Non sono consentite assenze alle lezioni della parte
pratica di programma, ove prevista, ed eventuali assenze sono
recuperate.
2. In ciascuno dei corsi di formazione periodica di cui agli
articoli 4 e 9 non sono consentite ore di assenza.
3. L’inosservanza delle disposizioni di cui ai commi 1 e 2 non
consente il rilascio dell’attestato di frequenza all’allievo assente.

Art. 12

Docenti dei corsi di formazione

1. I corsi di formazione iniziale sono svolti dalle seguenti figure
professionali:
a) soggetti in possesso di uno dei seguenti titoli:
1) diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche,
scienze dell’amministrazione;
2) una delle lauree specialistiche corrispondenti a quelle sub
lettera a1), secondo la tabella di equiparazione di cui al decreto
del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, 5
maggio 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 agosto 2004, n.
196;
3) laurea triennale afferente ad una delle seguenti classi di
cui al decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca, 16
marzo 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 6 luglio 2007, n.
155: scienze dei servizi giuridici, scienze dell’amministrazione e
dell’organizzazione, scienze politiche e delle relazioni
internazionali, ovvero lauree corrispondenti ai sensi del decreto del
Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca
scientifica e tecnologica, n. 509 del 3 novembre 1999, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2, come modificato dal
decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca, n. 270 del 22 ottobre 2004, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 12 novembre 2004, n. 266;
4) laurea magistrale in giurisprudenza;
5) laurea magistrale afferente ad una delle seguenti classi di
cui al citato decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca,
16 marzo 2007: scienze della politica, relazioni internazionali,
scienze delle pubbliche amministrazioni, ovvero lauree corrispondenti
ai sensi del citato decreto del Ministro dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca scientifica e tecnologica, n. 509
del 3 novembre 1999 come modificato dal citato decreto del Ministro
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, n. 270 del 22
ottobre 2004;
b) insegnante di autoscuola con esercizio continuativo
dell’attivita’ almeno negli ultimi cinque anni;
c) istruttore di guida con esercizio continuativo dell’attivita’
almeno negli ultimi cinque anni;
d) medico iscritto all’Ordine;
e) psicologo in possesso di uno dei seguenti titoli:
1) diploma di laurea conseguito a seguito di corso di studi di
almeno quattro anni, ovvero della laurea specialistica corrispondente
secondo la tabella di equiparazione di cui al citato decreto del
Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, 5 maggio
2004, esperto in pedagogia, circolazione del traffico, tecnica della
comunicazione o sicurezza viaria, iscritto all’Ordine;
2) laurea magistrale di cui al citato decreto del Ministro
dell’universita’ e della ricerca, 16 marzo 2007, ovvero lauree
corrispondenti ai sensi del citato decreto del Ministro
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca scientifica e
tecnologica, n. 509 del 3 novembre 1999 come modificato dal citato
decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca, n. 270 del 22 ottobre 2004, iscritto all’Ordine;
f) ingegnere in possesso di uno dei seguenti titoli:
1) diploma di laurea conseguito a seguito di corso di studi di
almeno cinque anni, ovvero di una delle lauree specialistiche
corrispondenti secondo la tabella di equiparazione di cui al citato
decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca, 5 maggio 2004, iscritto all’Ordine;
2) laurea magistrale di cui al citato decreto del Ministro
dell’universita’ e della ricerca scientifica, 16 marzo 2007, ovvero
lauree corrispondenti ai sensi del citato decreto del Ministro
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca scientifica e
tecnologica, n. 509 del 3 novembre 1999 come modificato dal citato
decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca, n. 270 del 22 ottobre 2004, iscritto all’Ordine;
g) soggetto in possesso di uno dei seguenti titoli:
1) diploma di laurea in fisica conseguito a seguito di corso di
studi di almeno quattro anni, ovvero della laurea specialistica
corrispondente secondo la tabella di equiparazione di cui al citato
decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca, 5 maggio 2004;
2) laurea magistrale in fisica di cui al citato decreto del
Ministro dell’universita’ e della ricerca scientifica, 16 marzo 2007,
ovvero lauree corrispondenti ai sensi del citato decreto del Ministro
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca scientifica e
tecnologica, n. 509 del 3 novembre 1999 come modificato dal citato
decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca, n. 270 del 22 ottobre 2004.
2. I corsi di formazione periodica sono svolti dalle figure
professionali indicate al comma 1, secondo le competenze di seguito
specificate:
a) per gli argomenti di cui all’articolo 4, comma 3, lettera a),
e per quelli di cui all’articolo 9, comma 3, lettera a): ingegnere o
psicologo;
b) per gli argomenti di cui all’articolo 4, comma 3, lettera b),
e per quelli di cui all’articolo 9, comma 3, lettera b): soggetto di
cui al comma 1 lettera a);
c) per gli argomenti di cui all’articolo 4, comma 3, lettera c),
e per quelli di cui all’articolo 9, comma 3 lettera c): ingegnere e
psicologo;
d) per gli argomenti di cui all’articolo 4, comma 3, lettera d),
e per quelli di cui all’articolo 9, comma 3, lettera d): psicologo.

Art. 13

Corsi di formazione iniziale, periodica e di estensione
dell’abilitazione svolti da autoscuole e centri di istruzione
automobilistica

1. Le autoscuole ed i centri di istruzione automobilistica di cui
all’articolo 123, comma 10-bis, lettera a), del decreto legislativo
30 aprile 1992, n. 285, come introdotto dall’articolo 20, comma 5,
lettera g) della legge 29 luglio 2010, n. 120, svolgono i corsi di
formazione iniziale e periodica degli insegnanti e degli istruttori
delle autoscuole ed i corsi di estensione dell’abilitazione, presso
le proprie sedi, secondo i programmi, le modalita’ e le dotazioni di
docenti e di parco veicolare previsti dal presente decreto.
2. I soggetti di cui al comma 1, comunicano previamente l’avvio di
un corso alla regione o alla provincia autonoma, territorialmente
competente in ragione della sede dell’autoscuola o del centro di
istruzione automobilistica, al fine di favorire l’esercizio
dell’attivita’ ispettiva e di vigilanza sui corsi stessi.
3. Si applicano altresi’ le disposizioni di cui agli articoli 2,
comma 3, 4, comma 4, 7, comma 3, e 9, comma 4.

Note all’art. 13:
– Per il testo dell’art. 123 del decreto legislativo 30
aprile 1992, n. 285, si veda nelle note alle premesse.

Art. 14

Disposizioni finali

1. I costi di frequenza dei corsi di formazione di cui al presente
decreto sono posti a carico dei richiedenti. Dall’attuazione del
presente decreto non derivano oneri a carico della finanza pubblica.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e farlo
osservare.
Roma, 26 gennaio 2011

Il Ministro: Matteoli

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Registrato alla Corte dei conti il 17 febbraio 2011
Ufficio controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto del
territorio, registro n. 1, foglio n. 193

ALLEGATO 1
(art.2, comma 2, art.3, comma 2, art.10 comma 2)

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER INSEGNANTI

A) Parte teorica (145 ore)
====================================================================
Elementi di diritto pubblico, amministrativo e comunitario 8 ORE
(Stato, costituzione, fonti del diritto, organi legislativi,
Governo, enti locali, organi comunitari,
fonti del diritto comunitario)
docente: soggetto in possesso di uno dei titoli di cui
all’art. 12, comma 1, lettera a)
====================================================================
Elementi di diritto penale (reato, dolo, colpa, reati contro 7 ORE
la Pubblica Amministrazione)
docente: soggetto in possesso di uno dei titoli di cui
all’art. 12, comma 1, lettera a)
====================================================================
Procedure legali in caso di incidente e assicurazione; 5 ORE
illecito amministrativo
docente: soggetto in possesso di uno dei titoli di cui
all’art. 12, comma 1, lettera a)
====================================================================
Definizioni, costruzione e manutenzione delle strade, 10 ORE
organizzazione della circolazione stradale e segnaletica
stradale
docente: ingegnere o insegnante
====================================================================
Definizione dei veicoli, elementi strutturali dei veicoli 25 ORE
e loro funzionamento
docente: ingegnere o insegnante
====================================================================
Disposizioni amministrative in materia di circolazione 5 ORE
dei veicoli (destinazione ed uso dei veicoli, documenti
di circolazione e di immatricolazione)
docente: soggetto in possesso di uno dei titoli di cui
all’art. 12, comma 1, lettera a) ovvero insegnante
====================================================================
Autotrasporto di persone e di cose – Elementi sull’uso del 6 ORE
cronotachigrafo e sul rallentatore di velocità
docente: soggetto in possesso di uno dei titoli di cui
all’art. 12, comma 1, lettera a)
====================================================================
Trasporto delle merci pericolose 2 ORE
docente: soggetto in possesso di uno dei
titoli di cui all’art. 12, comma 1, lettera a)
====================================================================
Conducenti e titoli abilitativi alla guida 7 ORE
docente: soggetto in possesso di uno titoli
di cui all’art. 12, comma. 1, lettera a)
ovvero insegnante
====================================================================
Norme di comportamento sulle strade 20 ORE
docente: insegnante
====================================================================
Illeciti amministrativi previsti dal 5 ORE
codice della strada e relative sanzioni
docente: soggetto in possesso di uno dei
titoli di cui all’art. 12, comma 1, lettera a)
====================================================================
Elementi di pedagogia e di tecnica delle comunicazioni 15 ORE
docenti: psicologo
====================================================================
Stato psicofisico dei conducenti, tempo 10 ORE
di reazione, alcool, ecc
docente: medico
====================================================================
Elementi di primo soccorso 5 ORE
docente: medico
====================================================================
Elementi di fisica 10 ORE
docente: ingegnere o soggetto in possesso
dí uno dei titoli di cui all’articolo 12, comma 1,
lettera g)
====================================================================
Autoscuole: normativa, ruolo, inquadramento insegnante 5 ORE
docente: insegnante
====================================================================

ALLEGATO 2
(Art.7, comma 2, art . 8, comma 2, art. 10, commi 1 e 3)

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER ISTRUTTORI

A) Parte teorica (80 ore)
====================================================================
Definizione dei veicoli, elementi strutturali 20 ORE
dei veicoli e loro funzionamento
docenti: ingegnere o insegnante
====================================================================
Elementi di fisica 10 ORE
docente: ingegnere o soggetto in possesso di
uno dei titoli di cui all’articolo 12, comma
1, lettera g)
====================================================================
Peculiarità della guida dei diversi tipi di 10 ORE
veicoli Utilizzo dei diversi dispositivi
docente: ingegnere o istruttore
====================================================================
Norme di comportamento sulle strade 20 ORE
docente: insegnante
====================================================================
Elementi di pedagogia e di tecnica 10 ORE
delle comunicazioni
docente: psicologo
====================================================================
Stato psicofisico dei conducenti, 5 ORE
tempo di reazione, alcool ecc.
docente: medico
====================================================================
Elementi di primo soccorso 5 ORE
docente: medico
====================================================================

B) Parte pratica (lezioni individuali):

1. Abilitazione per istruttori ex art. 6, comma 1, lettera d),
capoverso dl) (40 ore):
a) 8 ore di lezione simulata di guida su un motociclo
b) 8 ore di lezione simulata di guida su un’autovettura
c) 8 ore di lezione simulata di guida su un autocarro
d) 8 ore di lezione simulata di guida su un autotreno o
autoarticolato
e) 8 ore di lezione simulata di guida su un autobus

2. Abilitazione per istruttori ex art. 6, comma 1, lettera d),
capoverso d2) (32 ore):
a) 8 ore di lezione simulata di guida su un’autovettura
b) 8 ore di lezione simulata di guida su un autocarro
e) 8 ore di lezione simulata di guida su un autotreno o
autoarticolato
d) 8 ore di lezione simulata di guida su un autobus

Allegato 3

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 26 gennaio 2011, n. 17 – Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione e procedure per l’abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuola. (11G0056) (GU n. 57 del 10-3-2011

Edilone.it