MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 24 marzo 2005: Disciplina di attuazione del decreto ministeriale 18 marzo 2005 | Edilone.it

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 24 marzo 2005: Disciplina di attuazione del decreto ministeriale 18 marzo 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 24 marzo 2005: Disciplina di attuazione del decreto ministeriale 18 marzo 2005 in materia di cabotaggio stradale di merci. (GU n. 77 del 4-4-2005)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 24 marzo 2005

Disciplina di attuazione del decreto ministeriale 18 marzo 2005 in
materia di cabotaggio stradale di merci.

IL DIRETTORE GENERALE
autotrasporto persone e cose

Visto il regolamento (CEE) n. 3118/93 del consiglio che fissa le
condizioni per l’ammissione di vettori non residenti ai trasporti
nazionali di merci su strada in uno Stato membro, come modificato dal
regolamento (CE) n. 484/2000 del consiglio;
Visto il decreto ministeriale del 18 marzo 2005, recante
«Disposizioni concernenti l’esecuzione in territorio italiano
dell’attivita’ di cabotaggio stradale di merci a titolo temporaneo»,
in particolare l’art. 3 che prevede l’emanazione di un apposito
decreto applicativo;
Decreta:

Art. 1.

1. Le imprese stabilite in uno Stato membro della Comunita’ europea
o dell’Accordo spazio economico europeo, che effettuano, quando
ammesso, attivita’ di cabotaggio stradale sul territorio italiano per
autotrasporto di cose in conto terzi, ai sensi del regolamento (CE)
n. 3118/93, possono utilizzare ciascun veicolo in propria
disponibilita’ per lo svolgimento di tale attivita’ per un numero
totale di giorni, anche non consecutivi, non superiore a trenta
nell’arco di un periodo di sessanta giorni consecutivi.
2. I veicoli delle imprese di cui al comma 1, debbono lasciare il
territorio nazionale o, comunque, non essere presenti sullo stesso,
almeno una volta per ogni mese di calendario.
3. L’annotazione circa la data di entrata sul territorio nazionale
e di uscita dallo stesso deve essere apposta sul libretto dei
resoconti di cui all’art. 2, nella prima riga utile.

Art. 2.

1. Le imprese di cui all’art. 1 del presente decreto hanno
l’obbligo di conservare a bordo del veicolo il libretto dei resoconti
dei trasporti di cabotaggio stradale per autotrasporto di merci in
conto terzi, le cui caratteristiche sono indicate nell’allegato 1 del
presente decreto, in cui devono essere registrati, anteriormente alla
loro esecuzione, i viaggi di cabotaggio stradale effettuati.
2. I libretti dei resoconti rilasciati, alle imprese non italiane,
ai sensi del decreto ministeriale 29 aprile 2004 recante
«Disposizioni concernenti l’esecuzione, a titolo temporaneo, del
cabotaggio stradale di merci» conservano la loro validita’.
3. Le imprese di cui all’art. 1 del presente decreto, in possesso
dei libretti di resoconto rilasciati ai sensi del decreto
ministeriale 29 aprile 2004, debbono sostituire il foglio recante le
note esplicative con il corrispondente foglio previsto nell’allegato
1 al presente decreto.
4. I fogli del libretto dei resoconti gia’ compilati per intero
devono essere trasmessi, in copia, via fax al Ministero delle
infrastrutture e trasporti – Dipartimento dei trasporti terrestri –
Direzione generale autotrasporto persone e cose – ex divisione APC3,
al numero 00390641584111.
5. I libretti dei resoconti, una volta esaurita la loro validita’,
dovranno essere restituiti al Ministero delle infrastrutture e
trasporti – Dipartimento dei trasporti terrestri – Direzione generale
autotrasporto persone e cose – ex divisione APC3 – via Caraci, 36 –
00157 Roma.

Art. 3.

1. Il libretto dei resoconti deve essere richiesto dall’impresa
interessata, o da un suo delegato, con domanda, redatta secondo
l’allegato 2 al presente decreto, indirizzata al Ministero delle
infrastrutture e trasporti – Dipartimento dei trasporti terrestri –
Direzione generale autotrasporto persone e cose – ex divisione APC3 –
via Caraci, 36 – 00157 Roma.
2. Alla domanda devono essere allegati gli originali delle
attestazioni di versamento di Euro 11,00 sul conto corrente postale
n. 4028, intestato a «Dipartimento dei trasporti terrestri – imposta
di bollo – Roma» per l’assolvimento dell’imposta di bollo dovuta per
la presentazione della domanda, di Euro 5,16 sul conto corrente
postale n. 9001, intestato a «Dipartimento trasporti terrestri –
diritti – Roma» per ogni libretto richiesto e una fotocopia del
documento di identita’ o di altro documento atto a comprovarla del
titolare o del legale rappresentante dell’impresa.
3. Qualora l’impresa intenda avvalersi della possibilita’ di
ottenere i libretti richiesti entro il termine massimo di tre giorni,
dovra’ allegare alla domanda l’attestazione di versamento di Euro
2,58 sul conto corrente postale n. 551002 intestato a «Dipartimento
trasporti terrestri – diritti di urgenza – Roma» per ogni libretto
richiesto.
4. I versamenti sui conti correnti postali n. 9001 (diritti) e n.
551002 (diritti di urgenza) possono essere cumulativi.
5. Con ciascuna domanda potranno essere richiesti fino a cinque
libretti.
6. Non potra’ essere richiesto piu’ di un libretto per ciascun
veicolo salvo che in caso di necessita’ di sostituzione per la quale
dovra’, comunque, essere restituito il libretto gia’ rilasciato.

Art. 4.

1. Le domande potranno essere presentate dal lunedi al venerdi’,
dalle ore 9.30 alle ore 11 presso l’ufficio indicato nel precedente
art. 3, oppure tramite servizio postale.
2. Il ritiro dei libretti potra’ essere effettuato presso gli
stessi uffici dal lunedi’ al venerdi’, dalle ore 11.15 alle ore 13.

Art. 5.

1. Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e trova applicazione il giorno successivo
alla sua pubblicazione.
Roma, 24 marzo 2005
Il direttore generale: Ricozzi

Allegato 1

—-> Vedere allegato da pag. 21 a pag. 25 in formato zip/pdf

Allegato 2

—-> Vedere allegato a pag. 26 in formato zip/pdf

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 24 marzo 2005: Disciplina di attuazione del decreto ministeriale 18 marzo 2005

Edilone.it