MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 21 marzo 2006 | Edilone.it

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 21 marzo 2006

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 21 marzo 2006 - Procedure per il rilascio dell'autorizzazione all'imbarco e trasporto marittimo e per il nulla osta allo sbarco e al reimbarco su altre navi (transhipment) delle merci pericolose. (Decreto n. 278/2006). (GU n. 90 del 18-4-2006- Suppl. Ordinario n.98)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 21 marzo 2006

Procedure per il rilascio dell’autorizzazione all’imbarco e trasporto
marittimo e per il nulla osta allo sbarco e al reimbarco su altre
navi (transhipment) delle merci pericolose. (Decreto n. 278/2006).

IL COMANDANTE GENERALE
del Corpo delle capitanerie di porto

Vista la legge 5 giugno 1962, n. 616, sulla sicurezza della
navigazione e della vita umana in mare;
Vista la legge 23 maggio 1980, n. 313, recante adesione alla
convenzione internazionale del 1974 per la salvaguardia della vita
umana in mare, con allegato, aperta alla firma a Londra il
1° novembre 1974, e sua esecuzione e successivi emendamenti;
Vista legge 28 gennaio 1994, n. 84, e successive modificazioni,
recante riordino della legislazione in materia portuale, ed in
particolare l’art. 3 che attribuisce la competenza in materia di
sicurezza della navigazione al Comando generale del Corpo delle
capitanerie di porto;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante norme
generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche ed in particolare l’art. 4 relativo alle
attribuzioni dei dirigenti;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 2 luglio 2004,
n. 184, recante riorganizzazione del Ministero delle infrastrutture e
dei trasporti ed in particolare l’art. 8 relativo alle attribuzioni
del Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto;
Vista la legge 29 settembre 1980, n. 662, recante esecuzione
della Convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento
causato da navi, adottata a Londra il 2 novembre 1973 e successivi
emendamenti;
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, recante
attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom,
92/3/Euratom e 96/29/Euratom, in materia di radiazioni ionizzanti, e
successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, recante
attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui
rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e sui rifiuti di
imballaggi, e successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 4 febbraio 2000, n. 45, recante
attuazione della direttiva 98/18/CE relativa alle disposizioni e alle
norme di sicurezza per le navi da passeggeri adibite a viaggi
nazionali;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005,
n. 134, concernente regolamento recante disciplina per le navi
mercantili dei requisiti per l’imbarco, il trasporto e lo sbarco di
merci pericolose;
Vista la Risoluzione dell’Organizzazione internazionale marittima
(IMO) A.581(14) adottata il 20 novembre 1985, recante linee guida per
le sistemazioni di rizzaggio per il trasporto di veicoli stradali
sulle navi RO-RO;
Visto il decreto del Ministro della marina mercantile, di
concerto con il Ministro dell’ambiente, 31 ottobre 1991, n. 459,
concernente regolamento recante norme sul trasporto marittimo dei
rifiuti in colli;
Visto il decreto del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti 27 febbraio 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 57
dell’8 marzo 2002, recante disposizioni disciplinanti talune materie,
non regolate dal decreto legislativo 13 gennaio 1999, n. 41, relative
al trasporto di merci pericolose per ferrovia;
Visto il decreto del Comandante generale del Corpo delle
capitanerie di porto 13 gennaio 2004, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 24 del 30 gennaio 2004, recante procedure per il
rilascio dell’autorizzazione all’imbarco e trasporto marittimo e per
il nulla osta allo sbarco e al reimbarco su altre navi (transhipment)
delle merci pericolose;
Visto il decreto del Comandante generale del Corpo delle
capitanerie di porto 18 novembre 2005 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 285 del 7 dicembre 2005 recante norme integrative per il
trasporto di merci pericolose sulle navi mercantili in viaggi
nazionali;
Viste le linee guida per l’attuazione dell’art. 125 del citato
decreto legislativo 17 marzo 2005, n. 230, relative al trasporto di
materiali radioattivi, approvate dalla Conferenza Unificata nella
seduta del 26 gennaio 2006;
Ritenuto necessario aggiornare le procedure amministrative di cui
al citato decreto 13 gennaio 2004, alla luce delle disposizioni di
legge e Risoluzioni IMO nel frattempo intervenute, al fine di
disciplinare in maniera uniforme per tutti i porti italiani le
procedure che regolano l’imbarco e lo sbarco delle merci pericolose;

Decreta:
Art. 1.
Sono approvate le procedure per il rilascio dell’autorizzazione
all’imbarco e trasporto marittimo e per il nulla osta allo sbarco e
al reimbarco su altre navi (transhipment) delle merci pericolose,
allegate al presente decreto.

Art. 2.
Il decreto 13 gennaio 2004, citato in premessa, e’ abrogato.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 21 marzo 2006
Il comandante generale: Dassatti

ALLEGATO
—-> Vedere ALLEGATO da pag. 7 a pag. 38 in corso di
inserimento

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 21 marzo 2006

Edilone.it