MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI | Edilone.it

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - ATTO DI INDIRIZZO 21 maggio 2003: Abrogazione della direttiva 30 novembre 2000, n. 141/T, in materia di affidamento delle gestioni totali aeroportuali. (GU n. 163 del 16-7-2003)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

ATTO DI INDIRIZZO 21 maggio 2003

Abrogazione della direttiva 30 novembre 2000, n. 141/T, in materia di
affidamento delle gestioni totali aeroportuali.

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Visto decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
Visto il decreto legislativo 25 luglio 1997, n. 250, di istituzione
dell’Ente nazionale per l’aviazione civile;
Visto l’art. 10, comma 13, della legge 24 dicembre 1993, n. 537;
Visto il decreto ministeriale 12 novembre 1997, n. 521, di
attuazione dell’art. 10, comma 13, della legge 24 dicembre 1993, n.
537, recante il regolamento per la costituzione di societa’ di
capitale per la gestione dei servizi e delle infrastrutture degli
aeroporti gestiti anche in parte dallo Stato;
Vista la direttiva 30 novembre 2000, n. 141-T, con la quale il
Ministro dei trasporti e della navigazione pro tempore ha formulato
le indicazioni per le modalita’ di affidamento delle gestioni totali
aeroportuali;
Considerato che, con sentenza n. 7291/03, depositata in cancelleria
il 14 febbraio 2003, la Corte di cassazione si e’ pronunciata sulle
responsabilita’ connesse all’incidente aereo accaduto a Verona il
13 dicembre 1995, configurando le posizioni di garanzia a presidio
dell’operativita’ in sicurezza dello scalo, ivi comprese le societa’
di gestione aeroportuale;
Considerato che il mutato quadro di riferimento di fatto e di
diritto impone, anche in ragione di esigenze di sicurezza e di
operativita’ aeroportuali intestate al gestore, scelte di
consolidamento delle attuali gestioni aeroportuali per la durata
massima prevista dalla normativa vigente per l’affidamento in
concessione degli scali, salvo motivate eccezioni;
Considerato che il tempo trascorso e la mutata realta’ aeroportuale
inducono a ritenere inattuale la direttiva 30 novembre 2000, n.
141-T;
Considerato che il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze
e con il Ministro della difesa, 6 marzo 2003, n. 4269, concernente
l’affidamento della gestione totale degli aeroporti di Bari,
Brindisi, Foggia e Taranto alla societa’ S.E.A.P. S.p.a., ha altresi’
disposto l’abrogazione della direttiva 30 novembre 2000, n. 141-T;
Considerato che la Corte dei conti, ufficio di controllo sugli atti
dei Ministeri delle infrastrutture ed assetto del territorio, ha
restituito, con foglio 30 aprile 2003, n. 42-T, gli atti concernenti
il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il
Ministro della difesa, 6 marzo 2003, n. 4269, in quanto il
provvedimento non rientra tra le fattispecie sottoposte al controllo
preventivo di legittimita’ di cui all’art. 3 della legge n. 20/1994;
Tenuto conto che la medesima Corte dei conti ha altresi’
sottolineato che appare impropria la collocazione nel medesimo
provvedimento, della disposizione che abroga la direttiva 30 novembre
2000, n. 141-T, che pertanto dovra’ essere riproposta in separato
atto del solo Ministro delle infrastrutture e dei trasporti;
Ritenuto di prender atto delle osservazioni formulate dalla Corte
dei conti e di doversi conformare mediante un proprio provvedimento
che rinnova con la medesima decorrenza la disposizione abrogativa
inserita nel decreto interministeriale del 6 marzo 2003, n. 4269;

E m a n a

il seguente atto di indirizzo:

La direttiva 30 novembre 2000, n. 141-T del Ministro dei trasporti
e della navigazione e’ abrogata a decorrere dal 6 marzo 2003.
Roma, 21 maggio 2003
Il Ministro: Lunardi

Registrato alla Corte dei conti il 30 giugno 2003
Ufficio di controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto
del territorio, registro n. 3, foglio n. 170

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Edilone.it