MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI | Edilone.it

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 15 aprile 2002: Istituzione del Servizio per l'Alta sorveglianza delle grandi opere. (GU n. 54 del 5-3-2004)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 15 aprile 2002

Istituzione del Servizio per l’Alta sorveglianza delle grandi opere.

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive
modifiche ed integrazioni, recante «Riforma dell’organizzazione del
Governo, a norma dell’art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59»;
Visto il decreto-legge 12 giugno 2001, n. 217, convertito nella
legge 3 agosto 2001, n. 317, recante modificazioni del decreto
legislativo 30 luglio 1999, n. 300;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 2001, n.
177, recante «Regolamento di organizzazione del Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 24 aprile 2001, n.
320, recante il «Regolamento di organizzazione degli uffici di
diretta collaborazione del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti»;
Vista la legge 19 marzo 1990, n. 55, e successive modifiche,
concernente disposizioni per la prevenzione della delinquenza di tipo
mafioso e di altri gravi forme di manifestazioni di pericolosita’
sociale;
Vista la legge 17 gennaio 1994, n. 47, recante la delega al Governo
per l’emanazione di nuove disposizioni in materia di comunicazioni e
certificazione di cui alla legge 31 maggio 1965, n. 575;
Visto il decreto legislativo 8 agosto 1994, n. 490, recante
disposizioni attuative della legge 17 gennaio 1994, n. 47, in tema di
comunicazioni e certificazioni previste dalla normativa antimafia;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 1998, n.
252, recante norme per la semplificazione dei procedimenti relativi
al rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafia;
Visti i decreti legislativi 19 dicembre 1991, n. 406, 17 marzo
1995, n. 158 e 25 febbraio 2000, n. 65;
Vista la legge 11 febbraio 1994, n. 109, in materia di lavori
pubblici e successive modifiche ed integrazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999,
n. 554, recante il regolamento di attuazione della legge n. 109/1994;
Visto il decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito, con
modificazioni, nella legge 23 maggio 1997, n. 135;
Considerato che l’art. 1, comma 2, lettera c), della legge
21 dicembre 2001, n. 443, conferisce al Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti, nel quadro delle attribuzioni volte
ad assicurare il supporto necessario per l’attivita’ del CIPE
integrato dai presidenti delle regioni interessate, anche il compito
di vigilare sulla esecuzione dei progetti approvati, avvalendosi,
eventualmente, di una apposita struttura;
Ravvisato che l’efficace esercizio della predetta funzione non puo’
prescindere dalla sorveglianza sulla realizzazione dei progetti per
la necessita’ di evitare che l’esecuzione delle opere rappresenti
occasione di infiltrazione della delinquenza organizzata o
costituisca presupposto di riciclaggio di denaro di provenienza
illecita delle associazioni malavitose o sia, comunque, inquinata da
irregolarita’ gravi;
Ritenuto che per prevenire il verificarsi di tipologie di minaccia
sia alla sicurezza fisica dei cantieri sia di coloro che negli stessi
prestino la propria attivita’, e’ opportuno apprestare adeguate forme
di sorveglianza «in loco», specie con riferimento alle opere di
maggior rilevanza;
Considerata l’esigenza, per il raggiungimento di tali primari
obiettivi, di una struttura di diretta collaborazione del Ministro
delle infrastrutture e dei trasporti che operi tramite un contingente
di personale di limitata consistenza, ai fini dell’esercizio dei
poteri delineati dall’art. 13 del decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67,
convertito, con modificazioni, nella legge 23 maggio 1997, n. 135;
Rilevato inoltre che, per il conseguimento dei predetti obiettivi,
la medesima struttura possa ottenere dalle competenti autorita’
l’impiego di appartenenti alle Forze di polizia, agli ispettorati del
lavoro ed agli enti locali tramite convenzioni di avvalimento e/o di
collaborazione, nonche’ l’introduzione nei capitolati di gara
dell’onere di appositi progetti di difesa passiva e sicurezza delle
opere;

Decreta:

Art. 1.
1. Presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in
posizione di diretta collaborazione del Ministro, nell’ambito del
decreto del Presidente della Repubblica, 24 aprile 2001, n. 320, e’
istituito il «Servizio per l’Alta sorveglianza per le grandi opere».
2. Il Servizio fa a capo ad un unico direttore, che agisce con
autonomia funzionale ed opera alle dirette dipendenze del Ministro.
3. Il Servizio cura, con cadenza annuale la redazione di un
documento illustrativo del complesso delle attivita’ svolte e degli
obiettivi conseguiti, in coerenza alle direttive del Ministro.
4. L’attivita’ del Servizio, sia per le direttive del Ministro, sia
per le relazioni con l’amministrazione e con gli organi
istituzionali, e’ coordinata dall’ufficio di Gabinetto ai sensi degli
articoli 2, comma 6 e 3, comma 3 del citato decreto del Presidente
della Repubblica n. 320/2001.

Art. 2.
1. Il direttore del Servizio per l’Alta sorveglianza delle grandi
opere, sara’ coadiuvato da:
un coordinatore dotato di una specifica professionalita’
tecnico-giuridico-ispettiva che abbia, altresi’, maturato una
specifica esperienza in materia di controllo e/o contrasto alle varie
forme di irregolarita’ economico-finanziaria nella realizzazione
delle opere pubbliche;
due dirigenti esperti di gestione amministrativa e specialisti
nella normativa comunitaria del settore;
tre dirigenti tecnici con esperienza diretta nella gestione del
processo di realizzazione delle opere pubbliche e dell’alta
sorveglianza.
2. Il direttore del Servizio propone al Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti la designazione del personale avente i
requisiti indicati al precedente comma, il cui status sara’
successivamente disciplinato con apposito, provvedimento regolativo.
3. Al supporto informatico del Servizio provvede la direzione per i
sistemi informativi e statistici per il Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti.

Art. 3.
1. Al fine dell’ottimale perseguimento dei propri obiettivi, sulla
base delle direttive impartite, il Servizio predispone:
a) piani operativi inerenti l’esercizio dell’alta sorveglianza;
b) intese e convenzioni, di concerto con i prefetti delle
province territorialmente competenti, per l’avvalimento e/o la
collaborazione con le Forze di polizia, gli ispettorati del lavoro e
gli enti locali.
2. Al Servizio sono sottoposti, inoltre, i progetti predisposti per
la difesa e la sicurezza di ciascuna opera i cui oneri vengono
inseriti nei capitolati di gara.

Art. 4.
1. A tutela della sicurezza e dell’efficienza nell’esecuzione delle
opere e a salvaguardia della corretta provenienza e destinazione dei
capitali impiegati, il Servizio, sempre nel rispetto della normativa
di settore, promuove:
a) attivita’ conoscitive sulla provenienza dei capitali e sulle
persone fisiche e/o giuridiche operanti in subappalto, ovvero a mezzo
di noli a caldo o a freddo;
b) tutela ambientale del territorio interessato dalle opere;
c) vigilanza sulla sicurezza del lavoro e tutela dei lavoratori;
d) sorveglianza sull’esecuzione dei progetti e sulla
realizzazione delle opere. Inoltre promuove e realizza il
monitoraggio sui progetti di difesa passiva e sicurezza delle opere.
2. Per il Servizio puo’ essere richiesta la collaborazione:
a) delle articolazioni della Guardia di finanza;
b) delle articolazioni della Polizia di Stato e dell’Arma dei
carabinieri;
c) delle articolazioni dei Corpi di polizia mineraria, ambientale
ed idraulica dipendenti dalle autonomie locali, nonche’ del Corpo
forestale dello Stato;
d) delle articolazioni e degli uffici preposti alla sicurezza del
lavoro e alla tutela dei lavoratori (ispettorati del lavoro e casse
edili);
e) delle articolazioni e degli uffici preposti alla sorveglianza
sull’esecuzione dei progetti e sulla realizzazione delle opere
(prefetti, uffici territoriali del Ministero delle infrastrurture e
dei trasporti, uffici del Genio militare).
3. Per le opere di particolare rilevanza, il Servizio puo’ proporre
la nomina di un «responsabile dell’attivita’ di alta sorveglianza
dell’opera» alla cui attivita’ cooperano, su base convenzionale, le
strutture periferiche interessate statali, regionali e/o di altre
autonomie.
4. Il Servizio puo’, in alternativa, proporre l’attribuzione della
predetta funzione al responsabile del procedimento di cui alla legge
n. 109/1994.

Art. 5.
1. Il direttore del Servizio ha la facolta’ di indicare
prescrizioni a tutela dell’integrita’ fisica dei cantieri e relativa
incolumita’ dei rispettivi addetti, tramite specifiche strutture e
difese passive (come recinzioni, telecamere, personale addetto al
controllo degli accessi ai cantieri etc.), sulla base di apposito
progetto approvato.
2. L’indicazione di cui al comma 1 avviene all’esito delle
istruttorie dei competenti uffici del Ministero delle infrastrutture
e dei trasporti, ove trattasi di istituire un capitolato speciale
d’appalto a carico del General Contractor, e con ordinanza del
prefetto competente per gli altri insediamenti e opere che siano
individuati come obiettivi sensibili.
3. Il Servizio approva la predis…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Edilone.it