MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI - DECRETO 29 giugno 2006 | Edilone.it

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI – DECRETO 29 giugno 2006

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI - DECRETO 29 giugno 2006 - Proroga al 31 luglio 2007 della sperimentazione dei servizi televisivi interattivi di pubblica utilita'. (GU n. 195 del 23-8-2006)

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

DECRETO 29 giugno 2006

Proroga al 31 luglio 2007 della sperimentazione dei servizi
televisivi interattivi di pubblica utilita’.

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

Vista la legge 3 maggio 2004, n. 112, recante «Norme di principio
in materia di assetto del sistema radiotelevisivo e della
RAI-Radiotelevisione italiana S.p.a., nonche’ delega al Governo per
l’emanazione del testo unico della radiotelevisione», ed in
particolare l’art. 25, comma 5, in cui si prevede l’individuazione di
uno o piu’ bacini di diffusione del segnale televisivo terrestre, nei
quali avviare la completa conversione alla tecnica digitale;
Visto l’art. 27 della legge 16 gennaio 2003, n. 3 (recante
«Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione»),
con cui e’ stato istituito il fondo di finanziamento per progetti
strategici nel settore informatico»;
Visto l’art. 4, comma 8, della legge 24 dicembre 2003, n. 350
(recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato – legge finanziaria 2004»), che ha previsto
il rifinanziamento del suddetto Fondo;
Visto il verbale della seduta del 7 luglio 2005 del Comitato dei
Ministri per la societa’ dell’informazione, nella quale e’ stata
approvata l’iniziativa denominata «T-government nelle aree all
digital», per il cofinanziamento dell’offerta di servizi di
e-government su piattaforma digitale terrestre (t-government) nelle
aree all digital, ove le trasmissioni analogiche saranno spente con
anticipo rispetto al restante territorio nazionale, ed e’ stato,
altresi’, approvato il relativo finanziamento di 3 milioni di euro a
carico del suddetto Fondo;
Visti i protocolli di intesa tra il Ministero delle comunicazioni,
la regione autonoma Sardegna, la regione autonoma Valle d’Aosta e
l’Associazione per il digitale terrestre (ADGTVi) del 16 aprile 2005;
Visto il decreto del Ministro delle comunicazioni del 6 dicembre
2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2005, n. 302,
recante «Contributi per il cofinanziamento dell’offerta dei servizi
e-government su piattaforma digitale terrestre (t-government) nelle
aree all digital della Sardegna e della Valle d’Aosta», con il quale
si prevede l’erogazione di contributi destinati al finanziamento, nel
limite dell’80% dei relativi costi, di servizi televisivi interattivi
di pubblica utilita’ (servizi T-government) nelle aree all digital
della Sardegna e Valle d’Aosta, destinando rispettivamente 2 milioni
di euro per servizi da diffondere in Sardegna ed 1 milione di euro
per servizi da diffondere in Valle d’Aosta;
Visti i decreti del Segretario generale del Ministero delle
comunicazioni del 24 febbraio 2006 e del l5 marzo 2006 con cui i
predetti contributi sono stati assegnati rispettivamente al Consorzio
Sardegna digitale e al Consorzio Valle d’Aosta digitale;
Preso atto delle note del 16 maggio 2006 con cui sia il Consorzio
Sardegna digitale sia il Consorzio Valle d’Aosta digitale, tenuto
conto della mancata realizzazione dello switch-off nelle regioni
interessate, propongono una soluzione tecnica che consente la
reperibilita’ di risorse trasmissive, prescindendo dalla
realizzazione del suddetto switch-off e chiedono un differimento dei
termini per la messa in opera dei servizi televisivi interattivi di
pubblica utilita’;
Data l’opportunita’ di procedere con la sperimentazione dei servizi
televisivi interattivi di pubblica utilita’ con contenuti identici a
quelli oggetto dei progetti di T-government risultati assegnatari del
contributo, unificando esclusivamente il termine delle due fasi
originariamente previste per l’attuazione alle date del 15 marzo 2006
e del 31 luglio 2006;
Ritenuto, pertanto, opportuno accogliere le suddette proposte del
Consorzio Sardegna digitale e del Consorzio Valle d’Aosta digitale;

Decreta:

Art. 1.
1. I servizi televisivi interattivi di pubblica utilita’ nelle aree
all digital della Sardegna e Valle d’Aosta di cui al decreto del
Ministro delle comunicazioni 6 dicembre 2005 sono resi disponibili ed
accessibili all’utente, per tutte le aree tematiche indicate
nell’art. 1, comma 2, lettera d), del citato decreto, dal 31 luglio
2006.

Art. 2.
1. La sperimentazione dei servizi televisivi interattivi di cui
all’art. 1 e’ prorogata, senza oneri aggiuntivi, al 31 luglio 2007.

Art. 3.
1. All’art. 4 del decreto del Ministro delle comunicazioni
6 dicembre 2005, il comma 1 e’ sostituito dal seguente:
«1. La liquidazione dei contributi fissati ai sensi dell’art. 3
avviene secondo le seguenti modalita’:
20 per cento entro dieci giorni dall’assegnazione del contributo;
60 per cento entro dieci giorni dalla messa in onda dei servizi
per tutte le aree tematiche indicate all’art. 1;
20 per cento entro un anno dalla messa in onda».

Il presente decreto sara’ trasmesso ai competenti organi di
controllo per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.

Roma, 29 giugno 2006

Il Ministro: Gentiloni Silveri

Registrato alla Corte dei conti il 26 luglio 2006
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 4, foglio n. 22

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI – DECRETO 29 giugno 2006

Edilone.it