MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI | Edilone.it

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI - DECRETO 24 settembre 2003: Determinazione delle quote di surrogazione del personale, dei costi di uso delle apparecchiature e degli automezzi e delle spese generali ai fini del rimborso degli oneri sostenuti dal Ministero delle comunicazioni per prestazioni rese a terzi. (GU n. 284 del 6-12-2003)

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

DECRETO 24 settembre 2003

Determinazione delle quote di surrogazione del personale, dei costi
di uso delle apparecchiature e degli automezzi e delle spese generali
ai fini del rimborso degli oneri sostenuti dal Ministero delle
comunicazioni per prestazioni rese a terzi.

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI
di concerto con
IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto l’art. 19 del codice postale e delle telecomunicazioni
approvato con decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973,
n. 156;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
di concerto con il Ministro del tesoro 24 gennaio 1994, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 98 del 29 aprile 1994;
Visto il decreto-legge 1° dicembre 1993, n. 487, convertito dalla
legge 29 gennaio 1994, n. 71, recante «trasformazione
dell’Amministrazione delle poste e delle telecomunicazioni in ente
pubblico economico e riorganizzazione del Ministero»;
Visto il decreto-legge 12 giugno 2001, n. 217, convertito dalla
legge 3 agosto 2001, n. 317, recante «modifica al decreto legislativo
30 luglio 1999, n. 300, nonche’ alla legge 23 agosto 1988, n. 400, in
materia di organizzazione del Governo»;
Ritenuta la necessita’ di aggiornare le quote di surrogazione del
personale del Ministero delle comunicazioni per le prestazioni rese a
terzi e quelle per l’uso degli automezzi di proprieta’ del Ministero,
stabilite con il predetto decreto ministeriale 24 gennaio 1994;

Decreta:

Art. 1.
1. I compensi dovuti da altre amministrazioni statali, enti e
privati, per i lavori e le prestazioni di qualsiasi natura effettuati
per loro conto dal Ministero delle comunicazioni, sono calcolati
sulla base dei sottoelencati elementi:
a) quota di surrogazione del personale: Euro 155,24 giornalieri;
per i lavori di durata inferiore alla giornata lavorativa la quota e’
stabilita dividendo l’importo giornaliero per l’orario di lavoro
calcolato facendo riferimento ad una giornata lavorativa di 7 ore e
12 minuti per un importo pari a Euro 21,56 orari ed e’ applicata
anche alle frazioni di ora;
b) altri compensi spettanti al personale per lavoro
straordinario, per servizio notturno, per missione: rimborso sulla
base delle tariffe e diarie vigenti;
c) quota oraria di utilizzo di apparecchiature: 0,128 per mille
del costo iniziale delle apparecchiature stesse;
d) quota d’uso degli automezzi di proprieta’ del Ministero delle
comunicazioni (esclusa la quota di surrogazione per l’autista):
1) autovetture fino a 1.2 di cilindrata spesa fissa giornaliera
Euro 11,36, spesa chilometrica Euro 0,36;
2) autovettura da oltre 1.2 a 2.0 di cilindrata spesa fissa
giornaliera Euro 11,36, spesa chilometrica Euro 0,57;
3) veicoli (per il controllo delle emissioni radioelettriche)
da oltre 6 fino a 20 quintali spesa fissa giornaliera Euro 18,08,
spesa chilometrica Euro 0,41;
4) veicoli da oltre 20 fino a 60 quintali spesa fissa
giornaliera Euro 26,67, spesa chilometrica Euro 0,51;
5) veicoli ad uso speciale da oltre 20 fino a 60 quintali spesa
fissa giornaliera Euro 90,38, spesa chilometrica Euro 1,59;
6) per le vetture noleggiate dall’amministrazione il costo
orario e’ determinato suddividendo il canone totale annuo corrisposto
per duecentosessanta giorni ed il risultante costo giornaliero per 6;
e) spese per i materiali impiegati: rimborso del costo in base ai
prezzi correnti di mercato;
f) spese generali: 15% dell’ammontare complessivo degli oneri
sostenuti.

Art. 2.
1. Il presente decreto, che sara’ inviato alla Corte dei conti per
la registrazione, ha effetto dal primo giorno del mese successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
2. Dalla medesima data e’ abrogato il decreto ministeriale
24 gennaio 1994 citato nelle premesse.
Roma, 24 settembre 2003

Il Ministro delle comunicazioni
Gasparri

Il Ministro dell’economia e delle finanze
Tremonti

Registrato alla Corte dei conti il 3 novembre 2003
Ufficio di controllo sui Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 4 Ministero delle comunicazioni, foglio n. 177

MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

Edilone.it