MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - CIRCOLARE 9 settembre 2004, n.9228: Criteri e modalita' per l'applicazione nel 2005 | Edilone.it

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – CIRCOLARE 9 settembre 2004, n.9228: Criteri e modalita’ per l’applicazione nel 2005

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - CIRCOLARE 9 settembre 2004, n.9228: Criteri e modalita' per l'applicazione nel 2005 della legge 29 luglio 1981, n. 394, art. 10, concernente la concessione di contributi finanziari ai consorzi agroalimentari e turistico-alberghieri. (GU n. 219 del 17-9-2004)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

CIRCOLARE 9 settembre 2004, n.9228

Criteri e modalita’ per l’applicazione nel 2005 della legge 29 luglio
1981, n. 394, art. 10, concernente la concessione di contributi
finanziari ai consorzi agroalimentari e turistico-alberghieri.

Premessa.
Conformemente a quanto stabilito dall’art. 12 della legge 7 agosto
1990, n. 241, si comunicano le modalita’ secondo le quali il
Ministero delle attivita’ produttive (di seguito: Ministero)
concedera’ i contributi finanziari sulle spese sostenute dai consorzi
multiregionali agroalimentari e dai consorzi multiregionali di
imprese alberghiere e turistiche, ai sensi della legge 29 luglio
1981, n. 394, successivamente modificata dall’art. 4, comma 3, della
legge 20 ottobre 1990, n. 304.
In particolare, la circolare stabilisce le modalita’ riguardanti
l’approvazione del programma promozionale che ciascun consorzio
intende realizzare nel 2005 e la liquidazione del contributo per il
programma realizzato nel 2004.
Considerato che il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, e
successive modificazioni ha attribuito alle regioni la gestione dei
contributi destinati ai consorzi, con esclusione di quelli
multiregionali, e che con il decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri 26 maggio 2000 sono state trasferite le risorse alle regioni
a statuto ordinario, la presente circolare riguarda esclusivamente la
gestione dei contributi destinati ai consorzi multiregionali.
Atteso inoltre che il trasferimento delle competenze non e’ stato
ancora perfezionato per le regioni a statuto speciale Sicilia e Valle
d’Aosta, alle disposizioni della presente circolare possono ricorrere
anche i consorzi non a carattere multiregionale con sede in tali
regioni fino a quando non sara’ completato l’iter di trasferimento
delle competenze. La liquidazione del contributo e’ subordinata alla
messa a disposizione di questa Amministrazione da parte del Ministero
dell’economia delle relative risorse, attualmente accantonate nel
fondo unico.
La presente circolare potra’ subire modifiche in relazione agli
ulteriori sviluppi del passaggio delle competenze alle regioni.
Sezione I Scopo della concessione dei contributi.
1. Secondo quanto previsto dall’art. 22, comma 1, del decreto
legislativo 31 marzo 1998, n. 143 (Disposizioni in materia di
commercio con l’estero), i contributi concessi dal Ministero sono
finalizzati ad incentivare lo svolgimento di specifiche attivita’
promozionali e la realizzazione di progetti volti a favorire
l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese.
2. Il contributo e’ destinato ai consorzi per favorire il processo
di internazionalizzazione in forma aggregata delle piccole e medie
imprese associate. Pertanto il contributo non puo’ essere in alcun
modo direttamente ripartito tra le imprese ne’ impiegato per coprire
i costi di iniziative fruite da singole imprese o da una percentuale
non significativa delle stesse.
3. Possono essere oggetto di finanziamento unicamente i costi delle
azioni promozionali. I programmi proposti, pertanto, non dovranno
contenere iniziative volte al diretto sostegno delle vendite.
Definizione di consorzio multiregionale.
4. Sono considerati multiregionali i consorzi di cui almeno il 25%
delle imprese associate abbia la sede legale in una o piu’ regioni
diverse da quella delle restanti imprese. Per i consorzi che abbiano
piu’ di 60 imprese associate, il requisito minimo e’ fissato in 15
imprese aventi sede legale in una o piu’ regioni diverse da quelle in
cui hanno sede le restanti imprese.
5. Tale requisito minimo deve essere posseduto dai consorzi
ininterrottamente dalla data della domanda di approvazione del
programma sino al 31 dicembre dell’anno di realizzazione del
programma stesso.
Destinatari dei contributi: requisiti.
6. Possono accedere ai contributi per le attivita’ promozionali i
consorzi e le societa’ consortili multiregionali, anche in forma
cooperativa, aventi come scopo sociale esclusivo l’esportazione dei
prodotti agroalimentari, nonche’ i consorzi e le societa’ consortili
multiregionali, anche in forma cooperativa, di imprese alberghiere e
turistiche, limitatamente alle attivita’ volte ad incrementare la
domanda turistica estera. Nello statuto deve essere specificato il
divieto di distribuzione degli utili anche in caso di scioglimento.
Il consorzio deve essere costituito da un numero di imprese non
inferiore a otto; tale limite puo’ essere ridotto a cinque qualora le
imprese abbiano sede nelle regioni dell’obiettivo 1 (Campania,
Puglia, Calabria, Basilicata, Sicilia e Sardegna). Le suddette
condizioni minime devono essere possedute dai consorzi
ininterrottamente dalla data della domanda di approvazione del
programma sino al 31 dicembre dell’anno di realizzazione del
programma stesso.
7. Dal momento della presentazione del programma promozionale sino
al 31 dicembre dell’anno di riferimento del programma stesso, il
fondo consortile deve risultare interamente sottoscritto ed
esistente, formato da singole quote di partecipazione sottoscritte da
ogni socio.
Sezione II Presentazione delle domande: informazioni generali.
8. Le domande devono essere redatte in bollo e inoltrate al
Ministero delle attivita’ produttive – Direzione generale per la
promozione degli scambi – Div. III, viale Boston n. 25 – 00144 Roma.
La spedizione deve essere fatta via raccomandata o per corriere entro
e non oltre le date di seguito specificate. Le domande spedite
successivamente alle date stabilite non saranno prese in esame. Per
l’inoltro via posta fa fede la data del timbro postale, mentre per
l’inoltro via corriere fa fede la data di consegna allo stesso o, in
mancanza, la data di ricezione apposta sulla busta dal Ministero.
9. Le scadenze per la presentazione delle domande sono cosi’
stabilite:
domanda di approvazione del programma 2005: 15 novembre 2004;
domanda di liquidazione del contributo sul rendiconto 2004:
30 aprile 2005.
10. Le domande e le schede progetto devono essere redatte
utilizzando i modelli allegati alla presente circolare. Il non
utilizzo dei moduli o la loro incompleta presentazione puo’
determinare la mancanza delle informazioni necessarie alla conduzione
dell’istruttoria ed il conseguente diniego dell’approvazione del
programma.
11. Ai sensi dell’art. 38 del decreto del Presidente della
Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, le domande e le schede progetto
devono essere sottoscritte dal legale rappresentante del consorzio,
il quale, con la propria firma, attesta di essere a conoscenza delle
conseguenze penali previste per le dichiarazioni mendaci.
12. Nelle domande deve essere specificato il nominativo
dell’eventuale referente, appositamente incaricato dal rappresentante
legale di intrattenere rapporti con il Ministero.
Sezione III Presentazione della domanda di approvazione del programma
promozionale 2005.
13. I consorzi che intendono accedere al finanziamento sulle spese
relative alle attivita’ promozionali da realizzare nel 2005 devono
presentare il programma al Ministero per l’approvazione. La domanda
di approvazione deve essere redatta secondo il fac-simile allegato
(modello A). In tale modello e’ inserita anche una dichiarazione del
presidente che attesta il possesso dei requisiti richiesti per
l’accesso al contributo e la regolarita’ della documentazione
presentata. Il programma si articola in progetti, ciascuno dei quali
e’ redatto secondo la scheda allegata (modello B) in modo da
presentare analiticamente:
scelta del mercato estero;
obiettivo;
predeterminazione degli indicatori e degli standard da applicare
per la misurazione dei risultati;
azioni promozionali che compongono il progetto (con la
descrizione analitica delle fasi, dei modi, dei tempi, dei luoghi,
delle risorse umane);
interventi finanziari di eventuali partner pubblici e privati;
costo totale del progetto al netto di IVA;
dettaglio delle spese per ciascuna azione al netto di IVA.
Ad ogni scheda il consorzio deve allegare i preventivi di spesa
firmati dall’erogatore dei servizi e/o prestatore d’opera. I
preventivi sono destinati unicamente a quantificare un preciso
impegno di spesa e non comportano l’obbligo di far eseguire le azioni
dai medesimi soggetti. Ove per giustificati motivi alcuni preventivi
di spesa non siano disponibili, i relativi costi devono essere basati
su una realistica previsione firmata dal legale rappresentante.
14. Il programma deve riportare il piano finanziario sottoscritto
dal legale rappresentante, con l’indicazione dei costi e della loro
copertura, distinta in risorse proprie, contributo atteso del
Ministero, altri contributi pubblici e ricavi vari, esposti come
segue:
15.

=====================================================================
Costo totale del programma| Copertura |
=====================================================================
Euro |Risorse proprie (*) |Euro
———————————————————————
Euro |Contributo atteso del Ministero |Euro
———————————————————————
Euro |Altri contributi pubblici |Euro
———————————————————————
|Ricavi vari e sponsorizzazioni |
Euro |private |Euro

(*) per risorse proprie si intendono: le riserve disponibili e le
quote as…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – CIRCOLARE 9 settembre 2004, n.9228: Criteri e modalita’ per l’applicazione nel 2005

Edilone.it