MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE | Edilone.it

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE - DECRETO 30 dicembre 2002: Ripartizione delle risorse per il finanziamento delle iniziative delle regioni a statuto ordinario finalizzate al sostegno dell'innovazione e dell'ammodernamento degli impianti a fune. (GU n. 22 del 28-1-2003)

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

DECRETO 30 dicembre 2002

Ripartizione delle risorse per il finanziamento delle iniziative
delle regioni a statuto ordinario finalizzate al sostegno
dell’innovazione e dell’ammodernamento degli impianti a fune.

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE
di concerto con
IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Visto il comma 4 dell’art. 31 della legge 1 agosto 2002, n. 166,
pubblicata nel supplemento della Gazzetta Ufficiale n. 158/L del 3
agosto 2002, che detta disposizioni per il trasferimento di risorse
per un totale di 180 milioni di euro alle regioni a statuto ordinario
per concedere contributi a progetti di investimento per
l’ammodernamento e l’innovazione di impianti a fune;
Visto il comma 6 dell’art. 31 della predetta legge n. 166/2002 che
prevede, con decreto del Ministro delle attivita’ produttive di
concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, previa
intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le
regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, la ripartizione
delle risorse per il finanziamento delle iniziative regionali di
sostegno all’innovazione e all’ammodernamento degli impianti a fune;
Vista la circolare del 23 giugno 1999, n. 900354, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 153 del 2 luglio 1999, applicativa dell’art. 8
della legge 11 maggio 1999, n. 140;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica n. 753 dell’11
luglio 1980, che detta “nuove norme in materia di polizia, di
sicurezza e di regolarita’ nell’esercizio delle ferrovie e di altri
servizi di trasporto”;
Visto il decreto del Ministro dei trasporti del 2 gennaio 1985, n.
23, recante “norme regolamentari in materia di varianti costruttive,
di adeguamenti tecnici e di revisioni periodiche per i servizi di
pubblico trasporto effettuati con impianti funicolari, aerei e
terrestri”;
Visto il decreto del 24 novembre 1999 del Ministro dell’industria,
del commercio e dell’artigianato di concerto con il Ministro dei
trasporti e della navigazione pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
299 del 20 dicembre 1999, che ripartisce tra le regioni a statuto
ordinario l’importo di L. 200.000.000.000 del “Fondo” per
l’innovazione tecnologica, l’ammodernamento e il miglioramento dei
livelli di sicurezza degli impianti a fune previsto dall’art. 8 della
legge n. 140/1999 per importi di L. 10.000.000.000 da erogare
annualmente nel periodo dal 1999 al 2018, per gli importi come di
seguito indicato;

=====================================================================
| Lire | Euro
=====================================================================
Piemonte…. | 773.900.000| 339.685,99
Lombardia…. | 2.284.700.000| 1.179.949,07
Veneto…. | 2.240.250.000| 1.156.992,57
Liguria…. | 529.200.000| 273.308,99
Emilia e Romagna…. | 676.150.000| 349.202,33
Toscana…. | 1.170.250.000| 604.383,69
Marche…. | 544.100.000| 281.004,20
Umbria…. | 85.450.000| 44.131,24
Lazio…. | 16.150.000| 8.340,78
Abruzzo…. | 1.471.300.000| 759.863,04
Molise…. | 33.050.000| 17.068,90
Campania…. | 137.750.000| 71.141,94
Basilicata…. | 37.750.000| 19.496,25

Visto il decreto del 31 luglio 2002 del Ministro delle attivita’
produttive di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti, che modifica il predetto decreto del 24 novembre 1999 per
la ripartizione delle risorse del “Fondo” di Euro 92.962.241,84 (pari
a L. 180.000.000.000) negli anni dal 2001 al 2018 per gli importi qui
di seguito indicati:

=====================================================================
| Euro
=====================================================================
Piemonte | 420.912,37
Lombardia | 1.243.341,57
Veneto | 1.219.354,74
Liguria | 10.472,71
Emilia e Romagna | 368.004,46
Toscana | 636.963,34
Marche | 296.101,78
Umbria | 46.452,20
Lazio | 8.779,77
Abruzzo | 800.795,35
Molise | 17.932,42
Campania | 74.943,58
Basilicata | 20.514,70

Tenuto conto che sono state erogate alle regioni a statuto
ordinario in totale le somme qui di seguito indicate dovute quanto a
Euro 5.164.568,99 per gli anni 1999 e 2000 con le modalita’ del
decreto interministeriale 24 novembre 1999, e quanto a
Euro 5.164.568,99 con le modalita’ del decreto interministeriale del
31 luglio 2002:

=====================================================================
| Euro
=====================================================================
Piemonte | 820.598,36
Lombardia | 2.423.290,64
Veneto | 2.376.347,31
Liguria | 283.781,70
Emilia e Romagna | 717.206,79
Toscana | 1.241.347,03
Marche | 577.105,98
Umbria | 90.583,44
Lazio | 17.120,55
Abruzzo | 1.560.658,39
Molise | 35.001,32
Campania | 146.085,52
Basilicata | 40.010,95

Tenuto conto che a seguito della delibera n. 84 del 30 gennaio 2001
della giunta della regione Liguria la regione deve restituire la
somma di Euro 525.672,56 in applicazione della modifica introdotta
dal D.I. del 31 luglio 2002 al D.I. del 24 novembre 1999, per aver
liquidato Euro 557.090,69 rispetto ad Euro 31.418,13 dovuti;
Considerata l’intesa con le regioni a statuto ordinario raggiunta
nella seduta del 19 dicembre 2002 della Conferenza Stato-regioni e
province autonome per la ripartizione delle risorse di
Euro 180.000.000,00 previste dall’art. 31 della legge n. 166/2002 per
aver approvato i seguenti criteri:
a) l’importo di Euro 87.797.672,85 (pari a L. 200.000.000.000
meno L. 30.000.000.000) di cui al decreto del 31 luglio 2002,
registrato all’Ufficio centrale di bilancio al n. 3736 del 9
settembre 2002, previsto per gli anni dal 2002 al 2018, con la stessa
ripartizione degli investimenti ammissibili alle agevolazioni di cui
alle domande presentate alle regioni con riferimento al primo “bando”
dell’anno 1999, in applicazione dell’art. 8 della legge n. 140/1999;
b) l’importo di Euro 18.440.465,43 (pari al 20% di
Euro 92.202.327,15) da ripartire uniformemente tra tutte le regioni a
statuto ordinario con impianti a fune in servizio pubblico;
c) l’importo di Euro 32.270.814,50 (pari al 35% di
Euro 92.202.327,15) da ripartire in funzione del numero degli
impianti esistenti al 31 dicembre 2001 tenuto conto di un
coefficiente pari a 1 per le funivie bifuni e funicolari, pari a 0,80
per le seggiovie e le cabinovie ad attacco fisso ed agganciamento
automatico e pari a 0,40 per le sciovie e gli ascensori elettrici;
d) l’importo di Euro 41.491.047,22 (pari al 45% di
Euro 92.202.327,15) da ripartire in funzione del numero di impianti
che alla data del 31 dicembre 2001 hanno superato la prima revisione
generale secondo quanto stabilito dal decreto del Ministro dei
trasporti e della navigazione del 2 gennaio 1985, n. 23 “Norme
regolamentari in materia di varianti costruttive, di adeguamenti
tecnici e di revisioni periodiche per i servizi di pubblico trasporto
effettuati con impianti funicolari aerei e terrestri”, tenendo,
altresi’, presenti i pesi per tipologia di impianti indicati alla
precedente lettera b);
Decreta:
Art. 1.

Le risorse di Euro 180.000.000,00 sono ripartite e liquidate alle
regioni a statuto ordinario per gli importi indicati nel seguente
prospetto tenendo conto che per la regione Liguria l’importo da
liquidare e’ al netto di Euro 525.672,56 per tener conto delle
modifiche approvate con delibera n. 84 del 30 gennaio 2001 della
giunta della Liguria, citata nelle premesse:

—-> Vedere tabella a pag. 13 della G.U.

MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Edilone.it