MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO - DECRETO 1 giugno 2004 | Edilone.it

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO – DECRETO 1 giugno 2004

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO - DECRETO 1 giugno 2004 Regolamentazione delle modalita' di versamento del contributo di cui al comma 5 dell'art. 3 del decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25, convertito, con modificazioni, nella legge 17 aprile 2003, n. 83. (GU n. 231 del 1-10-2004)

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

DECRETO 1 giugno 2004

Regolamentazione delle modalita’ di versamento del contributo di cui
al comma 5 dell’art. 3 del decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25,
convertito, con modificazioni, nella legge 17 aprile 2003, n. 83.

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO
di concerto con
IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto l’art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349;
Visto il decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25, recante
«Disposizioni urgenti in materia di oneri generali del sistema
elettrico e di realizzazione, potenziamento, utilizzazione e
ambientalizzazione di impianti termoelettrici» pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 41 del 19 febbraio 2003;
Vista la legge 17 aprile 2003, n. 83, recante «Conversione in
legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25,
recante disposizioni urgenti in materia di oneri generali dei sistema
elettrico. Sanatoria degli effetti del decreto-legge 23 dicembre
2002, n. 281» pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 92 del 19 aprile
2003;
Visto, in particolare il comma 5 dell’art. 3 del citato
decreto-legge, cosi’ modificato dalla legge di conversione n. 83 del
17 aprile 2003, il quale dispone che «Al fine di assicurare il
corretto adempimento delle eventuali prescrizioni previste dai
decreti di compatibilita’ ambientale per gli impianti di produzione
di energia elettrica assoggettati alle procedure di VIA di cui
all’art. 6 delle legge 8 luglio 1986, n. 349, i soggetti proponenti
versano all’entrata del bilancio dello Stato un contributo pari a
diecimila euro, che sara’ riassegnato ad apposito capitolo del
bilancio del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio
con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze. Con decreto
del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, di concerto
con il Ministro dell’economia e delle finanze, sono definite le
modalita’ di versamento del contributo di cui al precedente articolo,
nonche’ per le attivita’ di verifica che non si concludono in un solo
esercizio finanziario, le modalita’ di versamento in quote annue, in
funzione delle durata delle attivita’ medesime»;
Ritenuta l’opportunita’ di dover provvedere alla regolamentazione
delle modalita’ di versamento di detto contributo dovuto dai soggetti
committenti i progetti di impianti di produzione di energia elettrica
assoggettati alle procedure di VIA di cui all’art. 6 della legge
8 luglio 1986, n. 349, come sopra identificati nonche’ a fissare il
termine entro il quale debbono essere effettuati i medesimi
versamenti;
Decreta:
Art. 1.
1. Per ciascun progetto di impianto di produzione di energia
elettrica di cui al comma 5 dell’art. 3 del decreto-legge 18 febbraio
2003, n. 25, deve essere versato, in unica soluzione, un contributo
pari a diecimila euro, fatti salvi i progetti per i quali le
attivita’ di verifica non si concludono in un solo esercizio
finanziario, per cui il contributo puo’ essere rateizzato in quote
costanti in funzione della durata delle predette attivita’ di
verifica.
2. Le somme relative al contributo di cui al comma 1 sono imputate
all’U.P.B. 34.2.1, capitolo 2592, art. 11 dell’entrata del bilancio
dello Stato.
3. Il versamento puo’ essere effettuato presso la competente
sezione di Tesoreria provinciale della Banca d’Italia ovvero con
conto corrente postale intestato alla stessa Tesoreria provinciale
riportando la causale «Contributo per la verifica delle prescrizioni
V.I.A. – ex art. 3, comma 5, decreto-legge n. 25/2003, conv. legge n.
83/2003 – Provincia ……………………….. Comune
di ……………………… Localita …………………….».
4. Per i progetti di opere di cui al comma 1 per i quali, alla data
di entrata in vigore della legge di conversione 17 aprile 2003, n.
83, sia stato emesso provvedimento di compatibilita’ ambientale ai
sensi dell’art. 6 della legge n. 349/1986, deve essere versato, in
unica soluzione, il contributo di diecimila euro; per i progetti di
opere per i quali alla data di entrata in vigore del presente
decreto, sia gia’ in corso il procedimento di sottoposizione a
valutazione dell’impatto ambientale, il termine per l’effettuazione
del versamento e’ di trenta giorni decorrenti dalla data di
pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale. Per i
progetti di opere per le quali la valutazione d’impatto ambientale
verra’ richiesta successivamente alla pubblicazione del presente
decreto, il termine di effettuazione e’ di trenta giorni decorrenti
dalla data di trasmissione al Ministero dell’ambiente e della tutela
del territorio, da parte del committente, di ciascun progetto con la
richiesta di sottoposizione a pronuncia di compatibilita’ ambientale.
5. I soggetti tenuti al versamento, entro dieci giorni
dall’effettuazione del medesimo, comunicano al Ministero
dell’ambiente e della tutela del territorio – Direzione per la
salvaguardia ambientale, l’avvenuto assolvimento dell’obbligo
trasmettendo originale ovvero copia conforme dell’originale della
quietanza rilasciata dalla competente sezione di Tesoreria o della
ricevuta di conto corrente postale, compilate secondo le modalita’ di
cui al precedente comma 3.
Il presente decreto sara’ sottoposto ai controlli di legge e sara’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 1° giugno 2004

Il Ministro dell’ambiente
e della tutela del territorio
Matteoli

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti

Registrato alla Corte dei conti il 2 agosto 2004

Ufficio di controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto
del territorio, registro n. 7, foglio n. 278

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO – DECRETO 1 giugno 2004

Edilone.it