MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO | Edilone.it

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO - DECRETO 25 marzo 2005: Elenco dei Siti di importanza comunitaria (SIC) per la regione biogeografica continentale, ai sensi della direttiva 92/43/CEE. (GU n. 156 del 7-7-2005)

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

DECRETO 25 marzo 2005

Elenco dei Siti di importanza comunitaria (SIC) per la regione
biogeografica continentale, ai sensi della direttiva 92/43/CEE.

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

Vista la direttiva 92/43/CEE del Consiglio del 21 maggio 1992,
relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e
della flora e della fauna selvatiche, in particolare l’art. 4,
paragrafo 2, terzo comma;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997,
n. 357, recante Regolamento di attuazione della direttiva 92/43/CEE,
come modificato dal decreto del Presidente della Repubblica 12 marzo
2003, n. 120;
Vista la decisione della Commissione europea del 7 dicembre 2004
che stabilisce ai sensi della direttiva 92/43/CEE del Consiglio,
l’elenco dei siti di importanza comunitaria per la regione
biogeografica continentale;
Considerato che per tale regione biogeografica, conformemente
all’art. 4, paragrafo 2, della stessa direttiva, e’ stato preso in
esame l’ultimo aggiornamento degli elenchi dei siti proposti quali
siti di importanza comunitaria (pSIC) ai sensi dell’art. 1 della
direttiva 92/43/CEE trasmesso alla Commissione europea dall’Italia il
30 giugno 2004;
Considerato che sulla base dell’elenco proposto redatto dalla
Commissione europea con l’accordo di ciascuno degli Stati membri
interessati, che identifica anche i siti che ospitano tipi di habitat
naturale prioritari o di specie prioritarie, e’ stato adottato un
elenco di siti selezionati quali siti di importanza comunitaria
(SIC);
Considerato che la Commissione europea, ai fini della costituzione
di una rete ecologica europea coerente di zone speciali di
conservazione e in base alle informazioni disponibili e alle
valutazioni comuni realizzate nel quadro dei seminari biogeografici,
ha ritenuto non sufficienti i siti proposti da alcuni Stati membri,
fra i quali l’Italia, ai sensi della direttiva 92/43/CEE e che, di
conseguenza, per le specie e gli habitat elencati nell’allegato 2
della decisione della Commissione del 7 dicembre 2004, non si puo’
concludere che la rete sia completa;
Considerato tuttavia che la Commissione europea, tenuto conto del
ritardo con cui sono pervenute le informazioni e con cui si e’ giunti
ad un accordo tra gli Stati membri, ha ritenuto di dover adottare un
elenco di siti, da considerarsi provvisorio, che dovra’ essere
rivisto a norma dell’art. 4 della direttiva 92/43/CEE per i tipi di
habitat e le specie di cui all’allegato 2 della decisione della
Commissione del 7 dicembre 2004;
Considerato che la Commissione europea, tenuto conto che le
conoscenze sulla presenza e sulla distribuzione dei tipi di habitat
naturali di cui all’allegato I e delle specie di cui all’allegato II
della direttiva nelle acque marine territoriali e nelle acque marine
sotto la giurisdizione nazionale al di la’ delle acque territoriali
continuano ad essere incomplete cosicche’ non si puo’ stabilire se la
rete sia completa o incompleta relativamente agli habitat e alle
specie elencati nell’allegato 3 della citata decisione della
Commissione del 7 dicembre 2004, ha ritenuto che relativamente a
detti tipi di habitat e di specie l’elenco provvisorio sara’ rivisto,
ove necessario, conformemente al disposto dell’art. 4 della direttiva
92/43/CEE;
Decreta:
Art. 1.
1. I siti di importanza comunitaria per la regione biogeografica
continentale in Italia, individuati ai sensi dell’art. 4, paragrafo
2, della direttiva 92/43/CEE, sono elencati nell’allegato I che
costituisce parte integrante del presente decreto. Tale elenco deve
essere completato sulla base di ulteriori proposte da parte
dell’Italia per gli habitat e le specie indicati negli allegati II e
III che costituiscono parte integrante del presente decreto.

Art. 2.
1. I formulari standard «Natura 2000» e le cartografie dei siti di
importanza comunitaria sono depositati e disponibili presso la
Direzione per la protezione della natura del Ministero dell’ambiente
e della tutela del territorio e, per la parte di competenza, presso
le regioni.

Art. 3.
1. Eventuali integrazioni e/o variazioni all’elenco riportato in
allegato I al presente decreto, verranno pubblicati con successivi
decreti ministeriali.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.

Roma, 25 marzo 2005

Il Ministro: Matteoli

Registrato alla Corte dei conti il 6 giugno 2005
Ufficio di controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto
del territorio, registro n. 6, foglio n. 92

—-> Vedere Allegato da pag. 28 a pag. 49 della G.U. in formato zip/pdf

—-> Vedere Allegato a pag. 50 della G.U. in formato zip/pdf

—-> Vedere Allegato a pag. 50 della G.U. in formato zip/pdf

MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO

Edilone.it