MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 31 maggio 2003: Recepimento della direttiva 2002/27/CE della Commissione del 13 marzo 2002 | Edilone.it

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 31 maggio 2003: Recepimento della direttiva 2002/27/CE della Commissione del 13 marzo 2002

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 31 maggio 2003: Recepimento della direttiva 2002/27/CE della Commissione del 13 marzo 2002 recante modifica della direttiva 98/53/CE che fissa metodi per il prelievo di campioni e metodi d'analisi per il controllo ufficiale dei tenori massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari. (GU n. 161 del 14-7-2003)

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 31 maggio 2003

Recepimento della direttiva 2002/27/CE della Commissione del 13 marzo
2002 recante modifica della direttiva 98/53/CE che fissa metodi per
il prelievo di campioni e metodi d’analisi per il controllo ufficiale
dei tenori massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari.

IL MINISTRO DELLA SALUTE
Vista la direttiva 2002/27/CE della Commissione del 13 marzo 2002
recante modifica della direttiva 98/53/CE che fissa metodi per il
prelievo dei campioni e metodi d’analisi per il controllo ufficiale
dei tenori massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari;
Ritenuto di dover procedere al recepimento della direttiva
sopracitata;
Visto il regolamento CE n. 466/2001 della Commissione dell’8 marzo
2001 che definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti
nelle derrate alimentari;
Visto il regolamento CE n. 472/2002 della Commissione del 12 marzo
2002 che modifica il regolamento CE n. 466/2001 che definisce i
tenori massimi di taluni contaminanti presenti nelle derrate
alimentari;
Visto il decreto 23 dicembre 2000 recante il recepimento della
direttiva 98/53/CE della Commissione che fissa metodi per il prelievo
dei campioni e metodi d’analisi per il controllo ufficiale dei tenori
massimi di taluni contaminanti nei prodotti alimentari, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 33 del 9 febbraio 2001;
Visto l’art. 21 della legge 30 aprile 1962, n. 283;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1980, n.
327, ed in particolare l’art. 9;
Ritenuto di dover modificare ed integrare il citato decreto
23 dicembre 2000;
Visto il parere della Commissione per la determinazione dei metodi
ufficiali di analisi di cui all’art. 21 della legge 30 aprile 1962,
n. 283, espresso nella seduta del 27 marzo 2003;
Decreta:
Art. 1.
Il decreto 23 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
33 del 9 febbraio 2001, e’ modificato come segue.
A) All’allegato I sono apportate le seguenti modifiche:
1) il punto 4.1.1 e’ sostituito dal seguente:
«4.1.1. Peso del campione elementare.
Il peso del campione elementare e’ di circa 300 grammi, a meno che
esso non sia definito diversamente al punto 5 del presente allegato e
ad eccezione delle spezie, nel cui caso il peso del campione
elementare e’ di circa 100 grammi. Nel caso delle confezioni al
dettaglio, il peso del campione elementare dipende dal peso della
confezione stessa»;
2) al punto 5.1., dopo la voce «cereali», e’ aggiunta la voce
«spezie»;
3) la tabella 2 «Suddivisione delle partite in sottopartite in
funzione del prodotto e del peso della partita», e’ completata come
segue:

=====================================================================
| |Peso o numero | |
| | delle | Numero di |
| Peso della | sottopartite | campioni | Campione
Prodotto|partita (in t)| (n) | elementari |globale (in kg)
=====================================================================
Spezie |>= 15 |25 tonnellate |100 |10
———————————————————————
|< 15 |- |10-100 (*) |1-10 (*) ---- (*) In funzione del peso della partita (cfr. 4.2 o 5.3). 4) al punto 5.2, dopo la frase «cereali (partita >= 50
tonnellate)» e’ aggiunta la seguente voce: «spezie»;
5) al punto 5.2.1, lettera d), e’ aggiunta, in fine, la seguente
frase: «Nel caso delle spezie, il peso del campione globale non
supera i 10 kg e la divisione in campioni di laboratorio non e’
pertanto necessaria.»;
6) al punto 5.2.2, lettera b), la frase di seguito riportata:
«Per arachidi, i frutti a guscio ed i fichi secchi destinati alla
cernita o ad altri trattamenti fisici», e’ sostituita dalla seguente:
«Per le arachidi, i frutti a guscio ed i fichi secchi destinati alla
cernita o ad altri trattamenti fisici e le spezie»;
7) al punto 5.5.2.2, la seguente frase: «Le grandi partite devono
essere suddivise in sottopartite come indicato al punto 5.2 per i
cereali.», e’ sostituita dalla seguente: «Le grandi partite devono
essere suddivise in sottopartite come indicato nella tabella 2 di cui
al punto 5.1.»;
8) e’ aggiunto, in fine, il seguente punto 6:
«6. Prelievo di campioni nella fase del commercio al dettaglio.
Quando possibile, il prelievo di campioni su prodotti alimentari
nella fase del commercio al dettaglio deve essere effettuato seguendo
le disposizioni di campionamento indicate in precedenza. Se cio’ non
e’ possibile possono essere seguite altre procedure di prelievo
efficaci nella fase del commercio al dettaglio, a condizione che esse
garantiscano una sufficiente rappresentativita’ della partita oggetto
di campionamento.».
B) L’allegato II e’ modificato come segue:
1) lo schema riportato al punto 4.3 e’ sostituito dal seguente:

=====================================================================
| Intervallo di | Intervallo | Valore massimo
Criterio | concentrazione | raccomandato | ammesso
=====================================================================
Valore sul |tutte le | |
bianco |concentrazioni |trascurabile |
———————————————————————
Recupero |0,01-0,05 | |
aflatossina M1 |(micro)g/kg |60 a 120% |
———————————————————————
|> 0,05 | |
|(micro)g/kg |70 a 110% |
———————————————————————
Recupero | | |
aflatossine B1 |< 1,0 | | B2 G1 G2 |(micro)g/kg |50 a 120% | --------------------------------------------------------------------- |1-10 (micro)g/kg|70 a 110% | --------------------------------------------------------------------- |> 10 (micro)g/kg|80 a 110% |
———————————————————————
| | |2 x il valore
| |secondo |derivato
|tutte le |l’equazione di |dell’equazione di
Precisione RSDR |concentrazioni |Horwitz |Horwitz

La precisione RSDr puo’ essere calcolata come pari a 0,66 x RSDR,
quest’ultima ottenuta alla concentrazione di interesse.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 31 maggio 2003
Il Ministro: Sirchia
Registrato alla Corte dei conti il 26 giugno 2003 Ufficio di
controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla persona e dei
beni culturali, registro n. 4 Salute, foglio n. 178

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 31 maggio 2003: Recepimento della direttiva 2002/27/CE della Commissione del 13 marzo 2002

Edilone.it