MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 2 marzo 2006 | Edilone.it

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 2 marzo 2006

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 2 marzo 2006 - Caratteristiche tecniche dei caschi protettivi prescritti per i soggetti di eta' inferiore ai 14 anni nell'esercizio della pratica dello sci alpino e dello snowboard. (GU n. 162 del 14-7-2006)

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 2 marzo 2006
Caratteristiche tecniche dei caschi protettivi prescritti per i
soggetti di eta’ inferiore ai 14 anni nell’esercizio della pratica
dello sci alpino e dello snowboard.

IL MINISTRO DELLA SALUTE
di concerto con
IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Vista la legge 24 dicembre 2003, n. 363, recante «Norme in materia
di sicurezza nella pratica di sport invernali da discesa e da fondo»,
con particolare riguardo al suo art. 8, comma 1, che istituisce
l’obbligo per i soggetti di eta’ inferiore ai 14 anni di indossare un
casco protettivo nell’esercizio della pratica dello sci alpino e
dello snowboard;
Visto altresi’ l’art. 8, comma 3 della medesima legge che delega il
Ministro della salute, di concerto con il Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti, a stabilire con proprio decreto le
caratteristiche tecniche dei caschi protettivi dei soggetti di eta’
inferiore ai 14 anni per l’esercizio della pratica dello sci alpino e
dello snowboard, a determinare le modalita’ di omologazione, gli
accertamenti della conformita’ della produzione e l’effettuazione dei
controlli;
Sentita la Federazione italiana sport invernali, nella sua qualita’
di organo competente del Comitato olimpico nazionale italiano – CONI;
Visto il decreto legislativo 4 dicembre 1992, n. 475, di attuazione
della direttiva 89/686/CEE del Consiglio in materia di ravvicinamento
delle legislazioni nazionali degli Stati membri relative ai
dispositivi di protezione individuale;
Visto il decreto legislativo 2 gennaio 1997, n. 10, di attuazione
delle direttive 93/68/CEE, 93/95/CEE e 96/58/CEE relative ai
dispositivi di protezione individuale;
Considerate le prescrizioni tecniche contenute nelle norme UNI EN
1077:1998 relative ai caschi per sci alpino;

Decreta:

Art. 1.
1. I caschi protettivi prescritti per i soggetti di eta’ inferiore
ai 14 anni nell’esercizio della pratica dello sci alpino e dello
snowboard rispondono alle prescrizioni tecniche contenute nelle norme
UNI EN 1077:1998.

Art. 2.
1. Al fine di assicurare un appropriato livello di protezione degli
utilizzatori, i caschi protettivi da indossarsi nell’esercizio della
pratica dello sci alpino e dello snowboard da parte dei soggetti
minori di 14 anni sono realizzati conformemente alla ultima versione
della norma armonizzata di riferimento.
2. Per tali caschi e’ prescritta la conformita’ all’ultima versione
aggiornata, sulla base del progresso tecnico e del miglioramento dei
criteri di sicurezza, della citata norma UNI EN: 1077 di riferimento.

Art. 3.
1. I caschi protettivi sono contrassegnati dal marchio CE.
2. Il fabbricante o il suo rappresentante stabilito nel territorio
comunitario presenta a richiesta delle autorita’ competenti la
dichiarazione e l’attestato di conformita’ come previsto dalle norme
vigenti sui dispositivi di sicurezza individuale.

Art. 4.
1. In caso di inadempienza del fabbricante ai fini di cui all’art.
3, comma 2, valgono le prescrizioni dell’art. 7, commi 6 e 8 del
decreto legislativo 4 dicembre 1992, n. 475.

Art. 5.
1. Il Ministro della salute riconosce l’opportunita’ di promuovere,
di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti,
programmi di ricerca e studio finalizzati al miglioramento delle
caratteristiche tecniche dei caschi per la protezione dell’estremita’
cefalica dei soggetti di eta’ inferiore a 14 anni, al fine di
contribuire all’adeguamento della normativa internazionale al
progresso tecnico in materia di sicurezza dei caschi di cui all’art.
1.
Roma, 2 marzo 2006

Il Ministro della salute
Storace

Il Ministro delle infrastrutture
e dei trasporti
Lunardi

Registrato alla Corte dei conti il 7 giugno 2006
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 3, foglio n. 371.

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 2 marzo 2006

Edilone.it