MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 11 luglio 2006 | Edilone.it

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 11 luglio 2006

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 11 luglio 2006 - Autorizzazione all'immissione in commercio del prodotto fitosanitario «Cantus», registrato al n. 12862. (GU n. 176 del 31-7-2006)

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 11 luglio 2006

Autorizzazione all’immissione in commercio del prodotto fitosanitario
«Cantus», registrato al n. 12862.

IL DIRETTORE GENERALE
del Dipartimento per la sanita’ pubblica veterinaria, la nutrizione e
la sicurezza degli alimenti

Visto l’art. 6 della legge 30 aprile 1962, n. 283, modificato
dall’art. 4 della legge 26 febbraio 1963, n. 441;
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, concernente
l’attuazione della direttiva 91/414/CEE in materia d’immissione in
commercio di prodotti fito-sanitari, nonche’ la circolare del
10 giugno 1995, n. 17 (supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale
n. 145 del 23 giugno 1995) concernenti «Aspetti applicativi delle
nuove norme in materia di autorizzazione di prodotti fitosanitari»;
Visto l’art. 4, comma 1, del sopracitato decreto legislativo
17 marzo 1995, n. 194, concernente condizioni per l’autorizzazione di
prodotti fitosanitari contenenti sostanze attive iscritte in allegato
I;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che detta norme
generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 aprile 2001, n.
290 concernente il regolamento di semplificazione dei procedimenti di
autorizzazione alla produzione, all’immissione in commercio e alla
vendita di prodotti fitosanitari e relativi coadiuvanti;
Visto il decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 65, corretto e
integrato dal successivo decreto del 28 luglio 2004 n. 260,
concernente l’attuazione delle direttive 1999/45/CE e 2001/60/CE
relative alla classificazione, all’imballaggio e all’etichettatura
dei preparati pericolosi;
Vista la domanda presentata il 26 febbraio 2002 e successive
integrazioni di cui l’ultima in data 4 novembre 2005 dall’impresa
BASF Italia S.p.a., con sede legale in Cesano Maderno (Milano), via
Marconato 8, diretta ad ottenere la registrazione provvisoria del
prodotto fitosanitario denominato BAS 510 01 F successivamente
ridenominato Cantus, contenente la sostanza attiva boscalid;
Vista la decisione della Commissione dell’Unione europea n.
2002/268/CE, pubblicata nella Gazzetta ufficiale L 92 del 9 aprile
2002 «che riconosce in linea di massima la conformita’ del fascicolo
trasmesso per un esame dettagliato in vista di un eventuale
inserimento della sostanza attiva boscalid nell’allegato I della
direttiva 91/414/CEE del Consiglio, relativa all’immissione in
commercio di prodotti fitosanitari»;
Visto il parere favorevole espresso in data 11 maggio 2006 dalla
commissione consultiva di cui all’art. 20 del decreto legislativo
17 marzo 1995, n. 194, relativo all’autorizzazione provvisoria per
tre anni del prodotto fitosanitario di cui trattasi;
Vista la nota dell’ufficio del 12 giugno 2006 con la quale sono
stati richiesti gli atti definitivi;
Vista la nota pervenuta in data 15 giugno 2006, da cui risulta che
la suddetta impresa ha ottemperato a quanto richiesto dall’ufficio;
Visto il versamento effettuato ai sensi del decreto ministeriale
9 luglio 1999;
Decreta:

A decorrere dalla data del presente decreto e per la durata di anni
tre, l’impresa BASF Italia S.p.a., con sede legale in Cesano Maderno
(Milano), via Marconato 8, e’ autorizzata ad immettere in commercio
il prodotto fitosanitario denominato Cantus, contenente la sostanza
attiva boscalid, con la composizione e alle condizioni indicate
nell’etichetta allegata al presente decreto.
L’autorizzazione e’ subordinata all’esito della valutazione della
Commissione europea circa l’inserimento della sostanza attiva
boscalid in allegato I della direttiva 91/414/CEE.
Per la sostanza attiva boscalid sono approvati i seguenti limiti
massimi di residui, che saranno inseriti nel provvedimento di
aggiornamento del decreto ministeriale 27 agosto 2004:

=====================================================================
Prodotti destinati |
all’alimentazione |Limiti massimi di residui (mg/kg)
=====================================================================
pero | 1
———————————————————————
pesco, nettarino, albicocco, |
ciliegio | 2
———————————————————————
susino | 1
———————————————————————
vite | uva: 2 – vino: 1
———————————————————————
melone, cocomero, zucca | 0,1
———————————————————————
zucchino, cetriolo | 0,2
———————————————————————
kiwi | 5
———————————————————————
fragola | 3
———————————————————————
pomodoro | 1
———————————————————————
peperone | 2
———————————————————————
lattughe e simili | 10

Il prodotto e’ confezionato nelle taglie da kg 0,1-0,2-1-1,2-5.
Il prodotto in questione e’ importato in confezioni pronte per
l’impiego dallo stabilimento dell’impresa BASF Aktiengesellschaft in
Ludwigshafen – Germania.
Il prodotto fitosanitario suddetto e’ registrato al n. 12862.
E’ approvata quale parte integrante del presente decreto
l’etichetta allegata, con la quale il prodotto deve essere posto in
commercio.
Il presente decreto sara’ notificato in via amministrativa
all’impresa interessata e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 11 luglio 2006
Il direttore generale: Borrello

—-> Vedere Allegato a pag. 39 in formato zip/pdf

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 11 luglio 2006

Edilone.it