MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 10 Maggio 2006 | Edilone.it

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 10 Maggio 2006

MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 10 Maggio 2006 - Procedimento relativo alla realizzazione delle opere di cui all'ordinanza contingibile e urgente del Ministro della salute 8 novembre 2005. Classificazione ai sensi dell'articolo 12 della legge n. 801/1977. (GU n. 172 del 26-7-2006 )

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 10 Maggio 2006

Procedimento relativo alla realizzazione delle opere di cui
all’ordinanza contingibile e urgente del Ministro della salute
8 novembre 2005. Classificazione ai sensi dell’articolo 12 della
legge n. 801/1977.

IL MINISTRO DELLA SALUTE
Visto l’art. 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale 18 agosto 1990, n. 192;
Visto l’art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica
27 giugno 1992, n. 352, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 luglio
1992, n. 177;
Visto il decreto ministeriale 31 luglio 1997, n. 353, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 17 ottobre 1997, n. 243;
Visto l’art. 12 della legge 24 ottobre 1977, n. 801, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale 7 novembre 1977, n. 303;
Visto il decreto-legge 1° ottobre 2005, n. 202, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale 1° ottobre 2005, n. 229 e convertito in legge, con
modificazioni, dall’art. 1, legge 30 novembre 2005, n. 244 (Gazzetta
Ufficiale 30 novembre 2005, n. 279), recante misure urgenti per la
prevenzione dell’influenza aviaria;
Vista l’ordinanza contingibile e urgente del Ministro della salute
in data 8 novembre 2005, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
17 gennaio 2006, n. 13, che autorizza l’adozione di alcune misure
straordinarie, necessarie a contenere e prevenire la diffusione sul
territorio nazionale di patologie infettive e diffusive;
Rilevato che, al fine di dare immediata e concreta applicazione
alla normativa sopra citata e’ stato, in particolare, disposto
l’approvvigionamento di massicce scorte di medicinali di raro
riscontro, vaccini ed altro materiale profilattico, l’istituzione di
un centro nazionale di lotta ed emergenza contro le malattie animali,
la realizzazione di un centro professionale di formazione per i
nuclei antisofisticazione e sanita’ e per il personale sanitario,
tecnico e amministrativo del ministero, da realizzare presso il
comprensorio, denominato «magazzino centrale del materiale
profilattico», sito in Roma, via dei Carri Armati, 13;
Considerato necessario assicurare un sistema di sicurezza globale
sia in riferimento allo stoccaggio di medicinali di raro riscontro e
vaccini, da utilizzare esclusivamente a scopi sanitari in vista di
misure preventive o curative ed in particolare in caso di pandemia ed
allarme, sia per quanto riguarda l’area, da destinare a centro
nazionale di lotta ed emergenza;
Dato atto che, nel sito individuato, e’ altresi’ allocata la sede
protetta del Ministro per la gestione delle crisi, realizzata a
seguito della normativa emanata dalla Presidenza del Consiglio dei
Ministri per affrontare la c.d. «emergenza bioterrorismo» e
assicurare la continuita’ dell’azione di Governo, nell’ambito di una
pianificazione nazionale antiterrorismo che, tra l’altro, prevede
particolari modalita’ di tutela per le alte cariche dello Stato;
Ravvisata la necessita’ di dare attuazione alle predette
disposizioni nel rispetto di particolari garanzie di sicurezza e
riservatezza dell’area in quanto, a lavori ultimati, il complesso
sara’ destinato a custodire una serie di atti, documenti e materiale
di indubbia rilevanza per la tutela di interessi nazionali
essenziali;
Ritenuto opportuno salvaguardare i principi e le istanze
organizzative fondamentali per l’ordine collettivo, individuando
un’area operativa riservata, protetta e resa idonea alle sopra citate
funzioni;
Considerato che, al fine di rispondere adeguatamente alle suddette
esigenze di tutela e segretezza, nonche’ di evitare la divulgazione
di notizie riservate riferibili allo stoccaggio di materiale o ad
avvenimenti comunque collegati alla sicurezza dell’area, appare
necessario classificare, ai sensi del dell’art. 12 della legge n.
801/1977 sia la fase di progettazione delle opere che i lavori di
realizzazione delle stesse;
Decreta:
Art. 1.
Il procedimento amministrativo relativo alla realizzazione delle
opere e al successivo stoccaggio di materiale profilattico, di cui
l’ordinanza contingibile e urgente del Ministro della salute in data
8 novembre 2005, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 17 gennaio 2006,
n. 13, deve essere tutelato e classificato ai sensi dell’art. 12
della legge 24 ottobre 1977, n. 801, recante disposizioni in merito
alla «Istituzione e ordinamento dei servizi per le informazioni e la
sicurezza e disciplina del segreto di Stato», pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale 7 novembre 1977, n. 303.

Art. 2.
Al fine di assicurare la difesa degli interessi pubblici richiamati
in premessa e, pertanto delle aree, dei documenti e delle attivita’
connessi, e’ fatto espresso divieto di diffondere, pubblicare o
divulgare a qualsiasi titolo notizie, atti, documenti e ogni altra
cosa relativi alla realizzazione dei lavori nel comprensorio
denominato «magazzino centrale del materiale profilattico», sito in
Roma, via dei Carri Armati,13;

Art. 3.
Il personale del Ministero e le societa’ e aziende impegnate in
studi, progettazioni, assistenza tecnica, nonche’ nei lavori di
realizzazione, ecc. dovranno essere abilitati con il rilascio della
certificazione denominata N.O.S. (nulla osta segretezza) al fine di
attestare il possesso dei requisiti di riservatezza e affidabilita’ e
secondo i criteri stabiliti nella politica di sicurezza della legge
n. 801/1977, necessari a salvaguardare la tutela di interessi
nazionali essenziali.
Roma, 10 maggio 2006
Il Ministro (ad interim): Berlusconi

MINISTERO DELLA SALUTE – DECRETO 10 Maggio 2006

Edilone.it