MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 18 settembre 2009 | Edilone.it

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 18 settembre 2009

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 18 settembre 2009 - Istituzione della Consulta delle Associazioni dei consumatori e dei produttori in materia di sicurezza alimentare. (09A12775) (GU n. 253 del 30-10-2009 )

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

DECRETO 18 settembre 2009

Istituzione della Consulta delle Associazioni dei consumatori e dei
produttori in materia di sicurezza alimentare. (09A12775)

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE
E DELLE POLITICHE SOCIALI

Visto il regolamento (CE) 28 gennaio 2002, n. 178, del Parlamento
europeo e del Consiglio – che stabilisce i principi e i requisiti
generali della legislazione alimentare, istituisce l’Autorita’
europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della
sicurezza alimentare – ed in particolare il considerandum 22 nonche’
gli articoli 9 e 42 concernenti la necessita’ di consultazioni con
consumatori e produttori;
Visto il decreto-legge 1° ottobre 2005, n. 202, recante «misure
urgenti per la prevenzione dell’influenza aviaria», convertito, con
modificazioni, dalla legge 30 novembre 2005, n. 244, ed in
particolare l’art. 1, che, tra l’altro, istituisce il Dipartimento
della sanita’ pubblica veterinaria, la nutrizione e la sicurezza
degli alimenti;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2003, n.
129, come modificato dal decreto del Presidente della Repubblica 14
marzo 2006, n. 189, che – nel disciplinare l’organizzazione e le
competenze del Dipartimento della sanita’ pubblica veterinaria, la
nutrizione e la sicurezza degli alimenti – istituisce, tra l’altro,
il Segretariato nazionale della valutazione del rischio della catena
alimentare, cui sono affidate, in particolare, anche le funzioni
relative alla Consulta delle Associazioni dei consumatori e dei
produttori in materia di sicurezza alimentare;
Visto il decreto del Ministro della salute 12 settembre 2003 e
successive modificazioni, di individuazione degli uffici dirigenziali
di livello non generale, che attribuisce all’ufficio III del predetto
Segretariato lo svolgimento delle nominate funzioni relative alla
Consulta delle Associazioni dei consumatori e dei produttori in
materia di sicurezza alimentare;
Ravvisata la necessita’ di procedere all’istituzione della predetta
Consulta;
Considerato che il Piano sanitario nazionale 2006-2008, adottato
con decreto del Presidente della Repubblica 7 aprile 2006, indica,
tra gli obiettivi prioritari di salute del Servizio sanitario
nazionale, la sicurezza alimentare e la nutrizione;
Considerato, altresi’, che per il perseguimento di detti obiettivi
di protezione della salute e di rafforzamento della capacita’ di
scelta del cittadino puo’ essere utile un maggior coinvolgimento
delle Associazioni dei consumatori e dei produttori;
Rilevato, sulla base di quanto precede, che la predetta Consulta si
connota come il momento di condivisione e di confronto con il mondo
produttivo e con la societa’ civile intorno ai temi sicurezza
alimentare e nutrizionale;
Visto il decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, ed in
particolare l’art. 137, che prevede l’istituzione dell’elenco delle
Associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello
nazionale, presso il Ministero dello sviluppo economico ed il
relativo aggiornamento;
Visto il decreto direttoriale del Ministero dello sviluppo
economico 5 novembre 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
277, del 26 novembre 2008, di ultimo aggiornamento del predetto
elenco;
Vista la legge 30 dicembre 1986, n. 936, recante norme sul
Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro, ed in particolare
l’art. 13, concernente la designazione di rappresentanti delle
categorie produttive e di componenti in organismi pubblici a
carattere nazionale;
Visto il decreto ministeriale 23 maggio 2008, concernente delega di
attribuzioni del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche
sociali per taluni atti di competenza dell’amministrazione al
Sottosegretario di Stato, on.le Francesca Martini;
Decreta:

Art. 1.

Istituzione della Consulta delle Associazioni dei consumatori e dei
produttori in materia di sicurezza alimentare

1. E’ istituita, presso il Segretariato nazionale della valutazione
del rischio della catena alimentare, la Consulta delle Associazioni
dei consumatori e dei produttori in materia di sicurezza alimentare.

Art. 2.

Compiti

1. La Consulta di cui all’art. 1, e’ il Tavolo di confronto tra le
Istituzioni pubbliche e le Associazioni dei consumatori e dei
produttori in materia di sicurezza alimentare e di corretta
alimentazione.
2. La Consulta ha il compito di:
favorire lo scambio di informazioni tra le Associazioni dei
consumatori e dei produttori al fine di facilitare le capacita’ di
scelta del cittadino per un consumo consapevole e una dieta corretta;
fornire elementi di valutazione utili alla presa di decisioni da
parte del Comitato strategico di indirizzo, ai sensi dell’art. 3,
comma 2, del decreto interministeriale 26 luglio 2007;
contribuire alle iniziative di comunicazione disposte dagli organi
competenti.

Art. 3.

Composizione

1. La Consulta e’ presieduta dal capo del Dipartimento per la
sanita’ pubblica veterinaria, la nutrizione e la sicurezza degli
alimenti del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche
sociali o suo delegato, ed e’ composta da:
direttore del segretariato nazionale della valutazione del rischio
della catena alimentare, direttore della direzione generale della
sicurezza degli alimenti e della nutrizione, direttore della
direzione generale della sanita’ animale e del farmaco veterinario,
direttore della direzione generale della prevenzione sanitaria del
Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali o loro
delegati;
un rappresentante del Ministero dello sviluppo economico o suo
delegato;
un rappresentante del Ministero delle politiche agricole,
alimentari e forestali o suo delegato;
un rappresentante del Ministero dell’ambiente e tutela del
territorio e del mare o suo delegato;
sette rappresentanti delle Regioni e Province autonome, designati
dalla Conferenza delle Regioni e Province autonome o loro delegati;
un rappresentante per ciascuna delle Associazioni dei consumatori
ed utenti presenti nell’elenco istituito presso il Ministero dello
sviluppo economico o loro delegati;
un numero – equivalente a quello dei rappresentanti di cui al
punto precedente – di rappresentanti delle Associazioni dei
produttori designati dal Consiglio nazionale dell’economia e del
lavoro o loro delegati.
2. Alle riunioni della Consulta possono essere invitati a
partecipare esperti nelle materie inserite all’ordine del giorno.
3. Le funzioni di segreteria sono svolte dall’Ufficio III del
Segretariato nazionale della valutazione del rischio della catena
alimentare del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche
sociali.

Art. 4.

Funzionamento

1. Il Presidente dispone la convocazione – a cadenza, di norma,
quadrimestrale – della Consulta e formula l’ordine del giorno; la
segreteria della Consulta predispone la documentazione necessaria per
la discussione e redige i relativi verbali.
2. La Consulta puo’ articolare i propri lavori per tavoli tematici.
3. Il Presidente rappresenta la Consulta nei rapporti con l’esterno
e comunica in nome e per conto della stessa.

Art. 5.

Durata

1. I rappresentanti dei Ministeri dello sviluppo economico, delle
politiche agricole, alimentari e forestali e dell’ambiente e tutela
del territorio e del mare, delle Regioni e Province autonome, delle
Associazioni dei consumatori e delle Associazioni dei produttori,
restano in carica tre anni.

Art. 6.

Oneri

1. Il funzionamento della Consulta non comporta oneri a carico del
bilancio del Ministero del lavoro, salute e politiche sociali.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 18 settembre 2009

p. Il Ministro
il Sottosegretario di Stato
Martini

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 18 settembre 2009

Edilone.it