ISTITUTO NAZIONALE PER STUDI ED ESPERIENZE DI ARCHITETTURA NAVALE | Edilone.it

ISTITUTO NAZIONALE PER STUDI ED ESPERIENZE DI ARCHITETTURA NAVALE

ISTITUTO NAZIONALE PER STUDI ED ESPERIENZE DI ARCHITETTURA NAVALE - DISPOSIZIONE 6 maggio 2003: Regolamento sull'organizzazione delle strutture, sul personale e sulla dirigenza. (Disposizione n. 1). (GU n. 138 del 17-6-2003)

ISTITUTO NAZIONALE PER STUDI ED ESPERIENZE DI ARCHITETTURA NAVALE

DISPOSIZIONE 6 maggio 2003

Regolamento sull’organizzazione delle strutture, sul personale e
sulla dirigenza. (Disposizione n. 1).

IL PRESIDENTE
Visto l’art. 10, comma 2, del decreto legislativo 29 settembre
1999, n. 381;
Visto l’art. 8, comma 4, della legge 9 maggio 1989, n. 168;
Vista la deliberazione del consiglio direttivo dell’Istituto
nazionale per studi ed esperienze di architettura navale n. 393 in
data 5 novembre 2002, relativa all’adozione del regolamento
sull’organizzazione delle strutture, sul personale e sulla dirigenza
dell’Istituto nazionale per studi ed esperienze di architettura
navale;
Viste le note prot. n. N1 0990 del 6 marzo 2003 del Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti e prot. n. 8/16196/D.XI.42 del
31 marzo 2003 del Ministero della difesa, che non contengono rilievi
in ordine predetto regolamento deliberato dal consiglio direttivo
nella seduta del 5 novembre 2002;
Dispone:
E’ emanato l’unito regolamento sull’organizzazione delle strutture,
sul personale e sulla dirigenza dell’Istituto nazionale per studi ed
esperienze di architettura navale.
La presente disposizione sara’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana ai sensi dell’art. 8, comma 4, della legge
9 maggio 1989, n. 168, ed entrera’ in vigore il giorno della sua
pubblicazione.
Roma, 6 maggio 2003
Il presidente: Pisi

Allegato
REGOLAMENTO SULL’ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE, SUL PERSONALE E
SULLA DIRIGENZA DELL’ISTITUTO NAZIONALE PER STUDI ED ESPERIENZE DI
ARCHITETTURA NAVALE
Titolo I
STRUTTURE
Art. 1.
Organizzazione dell’Istituto nazionale per studi
ed esperienze di architettura navale (INSEAN)
1. L’organizzazione dell’Istituto nazionale per studi ed
esperienze di architettura navale (INSEAN) si articola negli uffici
di diretta collaborazione con il presidente, negli uffici della
Direzione generale e nelle seguenti strutture di I livello
organizzativo:
a) unita’ scientifiche;
b) unita’ tecniche;
c) servizi amministrativi.
2. L’individuazione e la costituzione degli uffici, delle unita’
e dei servizi di cui al comma 1 e’ effettuata con deliberazione del
consiglio direttivo, su proposta del presidente, sentito il direttore
generale, previa acquisizione, per le unita’ scientifiche, del parere
del consiglio scientifico.
3. Con la stessa procedura di cui al comma 2 si provvede alla
soppressione o alla modifica dell’atto costitutivo degli uffici,
delle unita’ e dei servizi di cui al comma 1.
Art. 2.
Uffici di diretta collaborazione con il presidente
1. La determinazione dei compiti degli uffici di diretta
collaborazione con il presidente e’ effettuata con la deliberazione
di individuazione e costituzione degli uffici medesimi. Tali uffici
sono strutture di II livello organizzativo.
2. I responsabili degli uffici di diretta collaborazione con il
presidente dipendono funzionalmente dal presidente e svolgono la
propria attivita’ secondo le direttive da lui impartite.
Art. 3.
Uffici della direzione generale
1. Il direttore generale organizza lo svolgimento dei compiti di
cui all’art. 16 attraverso gli uffici della direzione generale. Tali
uffici sono strutture di II livello organizzativo.
2. Sono compiti degli uffici della direzione generale:
a) il supporto per il coordinamento delle attivita’ svolte
dalle unita’ scientifiche e dalle unita’ tecniche;
b) la prevenzione e protezione di cui al decreto legislativo
19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni e integrazioni;
c) la gestione del sistema di assicurazione della qualita’.
Art. 4.
Unita’ scientifiche
1. Le unita’ scientifiche svolgono attivita’ di ricerca teorica e
sperimentale nel campo dell’idrodinamica navale e marittima, ciascuna
relativamente alle tematiche individuate nell’atto costitutivo.
2. Le unita’ scientifiche possono svolgere attivita’ di ricerca
commissionate da soggetti esterni, pubblici e privati, nonche’
fornire servizi a contenuto scientifico e tecnologico a terzi in
regime di diritto privato.
3. Le unita’ scientifiche svolgono attivita’ di valorizzazione,
sviluppo precompetitivo e trasferimento tecnologico dei risultati,
nonche’ attivita’ di formazione, di alta formazione
postuniversitaria, di formazione permanente, continua e ricorrente,
di formazione superiore non universitaria.
4. Le attivita’ di cui al presente articolo sono svolte dalle
unita’ scientifiche direttamente o in collaborazione con strutture di
ricerca di universita’ e enti di ricerca, pubblici e privati,
italiani, stranieri e internazionali.
5. Ogni unita’ scientifica, su proposta del relativo direttore,
puo’ essere articolata in strutture di II livello organizzativo da
costituirsi con atto del direttore generale, sentito il presidente,
previo confronto con le organizzazioni sindacali, ai sensi dell’art.
9 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
modificazioni e integrazioni.
6. Con la stessa procedura di cui al comma 5 si provvede alla
soppressione o alla modifica dell’atto costitutivo delle strutture di
II livello organizzativo.
Art. 5.
Unita’ tecniche
1. Le unita’ tecniche sono strutture aventi il fine di
sviluppare, realizzare o gestire sistemi strumentali per le attivita’
dell’INSEAN, nonche’ di svolgere le attivita’ necessarie alla
realizzazione degli obiettivi programmatici generali dell’ente.
2. Ogni unita’ tecnica, su proposta del relativo direttore, puo’
essere articolata in strutture di II livello organizzativo da
costituirsi con atto del direttore generale, sentito il presidente,
previo confronto con le organizzazioni sindacali, ai sensi dell’art.
9 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
modificazioni e integrazioni.
3. Con la stessa procedura di cui al comma 3 si provvede alla
soppressione o alla modifica dell’atto costitutivo delle strutture di
II livello organizzativo.
Art. 6.
Servizi amministrativi
1. I servizi amministrativi svolgono:
a) i compiti amministrativi relativi alle funzioni
istituzionali dell’INSEAN;
b) i compiti relativi al personale e agli affari generali, il
servizio del patrimonio, i compiti relativi alla funzione di
ragioneria;
c) compiti di supporto agli organi dell’ente.
2. Ogni servizio amministrativo, su proposta del relativo
direttore, puo’ essere articolato in strutture di II livello
organizzativo da costituirsi con atto del direttore generale, sentito
il presidente, previo confronto con le organizzazioni sindacali, ai
sensi dell’art. 9 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e
successive modificazioni e integrazioni.
3. Con la stessa procedura di cui al comma 2 si provvede alla
soppressione o alla modifica dell’atto costitutivo delle strutture di
II livello organizzativo.
Art. 7.
Progetti
1. Le attivita’ delle unita’ scientifiche sono di norma
organizzate per progetti, individuati dal direttore generale nel
rispetto del piano triennale di attivita’ e dei suoi aggiornamenti;
per ogni progetto e’ nominato un responsabile. La nomina e’
effettuata con atto del direttore generale, su proposta dei direttori
interessati.
2. Per i progetti di cui all’art. 15, comma 1, lettere c) e d)
del regolamento di organizzazione generale e di funzionamento degli
organi e’ nominato responsabile di progetto il ricercatore o il
tecnologo che ha predisposto il progetto, salvo diverse motivate
esigenze di tipo organizzativo.
3. Il responsabile di progetto svolge i seguenti compiti:
a) cura l’attuazione del progetto;
b) provvede alla gestione del personale eventualmente assegnato
al progetto;
c) svolge ogni altro compito ad esso attribuito dal
provvedimento di nomina.
4. Il personale sia delle unita’ scientifiche che delle unita’
tecniche collabora con i responsabili di progetto e puo’ essere posto
temporaneamente alle loro dipendenze funzionali.
Titolo II
DOTAZIONE ORGANICA
Art. 8.
Dotazione organica
1. La dotazione organica individua, in coerenza con il piano
triennale di attivita’, le esigenze di personale in rapporto alle
attivita’, ai compiti istituzionali ed alla organizzazione
dell’INSEAN.
2. La dotazione organica e’ determinata con deliberazione del
consiglio direttivo, su proposta del presidente, sentito il direttore
generale.
3. La dotazione organica e’ ridefinita periodicamente e comunque
con cadenza triennale, in occasione della definizione del piano
triennale di attivita’, nonche’ quando risulti necessario a seguito
di riorganizzazione delle strutture o in caso di attribuzione di
nuove funzioni.
4. La dotazione organica e’ determinata previo confronto con le
organizzazioni sindacali, ai sensi dell’art. 9 del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni e
integrazioni.

[Continua nel file zip allegato]

ISTITUTO NAZIONALE PER STUDI ED ESPERIENZE DI ARCHITETTURA NAVALE

Edilone.it