ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA: CIRCOLARE 1 agosto 2002, n.30 | Edilone.it

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA: CIRCOLARE 1 agosto 2002, n.30

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA: CIRCOLARE 1 agosto 2002, n.30 - Trattamento di fine rapporto. (GU n. 203 del 30-8-2002)

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

CIRCOLARE 1 agosto 2002, n.30

Trattamento di fine rapporto.

Alla Presidenza del Consiglio dei
Ministri
Al Consiglio di Stato
Alla Corte dei conti
All’Avvocatura dello Stato
Al Ministero del lavoro e politiche
sociali
Al Ministero dell’economia e delle
finanze
A tutti i Ministeri – Gabinetto
Alle Amministrazioni autonome dello
Stato
Agli enti iscritti alla CPDEL, CPS,
CPI
Alle Corti d’appello
Alle Universita’ degli studi
Alla direzione centrale organi
collegiali Inpdap
Ai dirigenti generali centrali e
compartimentali Inpdap
Ai dirigenti centrali e periferici
Inpdap
Ai coordinatori delle consulenze
professionali Inpdap
Alle Organizzazioni sindacali
nazionali
Agli enti di patronato
Alla Associazione nazionale comuni
italiani

Sono state segnalate dalle sedi provinciali dell’Istituto e dagli
enti iscritti – in particolare dalle amministrazioni scolastiche –
talune problematiche di carattere interpretativo ed operativo in
materia di trattamento di fine rapporto per la cui soluzione si
ritiene necessario fornire ulteriori chiarimenti e precisazioni ad
integrazione di quanto gia’ puntualizzato con circolare n. 11 del 12
marzo 2001.
Ai fini di una piu’ agevole lettura della presente circolare va
premesso che per trattamenti di fine servizio (d’ora in avanti TFS)
si intendono sia l’indennita’ di buonuscita di cui al decreto del
Presidente della Repubblica n. 1032/1973 spettante al personale delle
amministrazioni statali sia l’indennita’ premio di servizio di cui
alla legge n. 152/1968 spettante ai dipendenti degli enti locali e a
quelli del comparto della sanita’.
Per trattamento di fine rapporto (d’ora in avanti TFR) si intende
invece la prestazione regolata in base all’art. 2120 del codice
civile.

1. Personale in regime di TFR.
Sono obbligatoriamente in regime di TFR:
a) tutti i dipendenti assunti con contratto di lavoro a tempo
determinato in essere al 30 maggio 2000 (data di entrata in vigore
del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 dicembre
1999) o stipulato successivamente;
b) tutti i dipendenti assunti con contratto di lavoro a tempo
indeterminato dopo il 31 dicembre 2000 (cfr. decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri 2 marzo 2001).
Conservano, pertanto, il diritto al TFS tutti i dipendenti assunti
a tempo indeterminato nella pubblica amministrazione entro il 31
dicembre 2000, anche in caso di successivo passaggio – a qualsiasi
titolo – da un ente ad un altro purche’ tale passaggio avvenga senza
soluzione di continuita’ e sempre con contratto a tempo
indeterminato.
E’ in regime di TFS pure il personale assunto a tempo indeterminato
precedentemente al 1 gennaio 2001, anche se solo ai fini giuridici
(esempio: personale scolastico assunto a tempo indeterminato con
decorrenza giuridica 1 settembre 2000 e decorrenza economica 1
settembre 2001).
Eventuali servizi resi a tempo determinato nel periodo
intercorrente tra la nomina giuridica e quella economica danno
diritto, sussistendo le condizioni di legge, al TFR. Il pagamento del
TFR potra’ pero’ essere subito effettuato solo se tra la risoluzione
del rapporto di lavoro a tempo determinato e la decorrenza economica
di quello a tempo indeterminato ci sia almeno un giorno di
interruzione.
Esempio:
nomina giuridica a tempo indeterminato dal 1 settembre 2000,
decorrenza economica a tempo indeterminato dal 1 settembre 2001:
1) contratto di lavoro a tempo determinato dal 1 febbraio al 30
giugno 2001: il TFR puo’ essere subito corrisposto;
2) contratto di lavoro a tempo determinato dal 1 febbraio al 31
agosto 2001: il TFR, rivalutato ai sensi di legge, sara’ corrisposto
all’atto della definitiva cessazione dal servizio a tempo
indeterminato.
Il personale docente di religione, titolare di un contratto di
lavoro rinnovato annualmente, per la particolarita’ della posizione
giuridica rivestita, se gia’ iscritto ai fini TFS mantiene tale
iscrizione. Se il docente e’ assunto dopo il 31 dicembre 2000 e’ in
regime di TFR.
Ai sensi dell’art. 59, comma 56, della legge n. 449/1997 il
personale in regime di TFS puo’ esercitare l’opzione per il passaggio
al TFR.
Secondo quanto previsto dall’art. 1 del decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri 20 dicembre 1999 tale opzione avviene mediante
sottoscrizione del modulo di adesione ad un “fondo pensione”.
Pertanto solo chi chiede di associarsi ad un Fondo puo’ esercitare
l’opzione per il passaggio al TFR.
Rimangono al momento in regime di TFS, quale che sia la data della
loro assunzione nella pubblica amministrazione, i magistrati
ordinari, amministrativi e contabili; gli avvocati ed i procuratori
dello Stato; il personale militare e delle forze armate di polizia;
il personale della carriera diplomatica e prefettizia; i professori
ed i ricercatori universitari, nonche’ i dipendenti degli enti che
svolgono la loro attivita’ nelle materie contemplate dall’art. 1 del
decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 17 luglio 1947,
n. 691, e dalle leggi n. 281/1985 e n. 287/1990 (personale della
Borsa, Consob, ecc.).
Con specifici interventi legislativi o regolamentari per tali
categorie si procedera’, cosi’ come avvenuto per il personale
contrattualizzato, alla attuazione delle disposizioni relative al TFR
dei pubblici dipendenti “con riferimento ai conseguenti adeguamenti
della struttura retributiva e contributiva del personale
interessato”.

2. Diritto al TFR.
Il diritto al TFR sorge alla risoluzione di un contratto di lavoro
della durata minima di quindici giorni continuativi nell’arco di un
mese.
Cio’ significa che nell’ipotesi di un servizio continuativo di
almeno quindici giorni effettuato pero’ nell’arco di due mesi
(esempio: dal 20 aprile al 4 maggio) il lavoratore non matura il
diritto alla prestazione.
Piu’ servizi, ognuno dei quali inferiore ai quindici giorni, ma
prestati senza soluzione di continuita’ con obbligo di iscrizione
all’Istituto, fanno maturare il diritto al TFR qualora ovviamente la
loro durata complessiva sia almeno di quindici giorni in un mese.
Nel caso in particolare del personale della Scuola, i contratti di
lavoro inferiori ai quindici giorni, anche se stipulati con istituti
scolastici diversi, si sommano al fine del raggiungimento della
durata minima di servizio necessaria per acquisire il diritto al TFR,
a condizione che tra l’uno e l’altro contratto non ci sia soluzione
di continuita’, vale a dire non ci sia nemmeno un giorno – non
importa se festivo o feriale – non coperto da contratto.
Il TFR va corrisposto d’ufficio; il lavoratore non deve quindi
presentare alcuna istanza per ottenere la prestazione ma limitarsi a
sottoscrivere la dichiarazione riportata nel quadro “G” del nuovo
mod. TFR/1 che sara’ quanto prima divulgato.
Ai sensi dell’art. 2948 del codice civile il diritto al TFR e’
soggetto a prescrizione quinquennale decorrente dal giorno in cui
tale diritto puo’ essere fatto valere e quindi da quello in cui sorge
il diritto al pagamento della prestazione (vedi punto 3).

Incidenza delle assenze non retribuite sul diritto al TFR.
Se nel corso di un rapporto di lavoro della durata minima di
quindici giorni nel mese, il dipendente usufruisce di uno o piu’
giorni di assenza non retribuita cui ha diritto per legge o per
contratto (congedo straordinario, sciopero, ecc.), tali assenze non
influiscono sul diritto al TFR, ma esclusivamente sul trattamento
economico da prendere a base di calcolo della prestazione, che sara’
rapportato alla retribuzione di attivita’ spettante.

Esempio:

=====================================================================
| | Retribuzione |
| Retribuzione | spettante |
|mensile utile ai| detratto un |
Durata del | fini TFR |giorno di congedo|
contratto nel | comprensiva | straordinario | Retribuzione
mese | rateo 13a | senza assegni |utile ai fini TFR
=====================================================================
Dal 1 al 30 | euro 1.549,37 |euro 1.497,73 (L.|euro 1.497,73 (L.
aprile 2002 | (L. 3.000.000) | 2.900.000) | 2.900.000)

Contratto a part-time.
Un contratto di lavoro part-time (verticale od orizzontale) della
durata minima di quindici giorni nel mese fa sorgere il diritto al
TFR, che sara’ calcolato sulla base della retribuzione spettante per
l’orario di servizio in concreto svolto.

=====================================================================
| Retribuzione | |
|mensile utile ai| |
| fini TFR ad | |
Durata del | orario intero | |
contratto nel | comprensiva | | Retribuzione
mese | rateo 13a | Orario |utile ai fini TFR
=====================================================================
| | Part- time |
| Euro 1.549,37 | orizzontale a | Euro 774,69
Dal 1 al 30 | (L. 3.000.000) | 9/18 | (L. 1.500.000)
———————————————————————
| | Part- time |
| | verticale a |
| | giorni alterni |
| Euro 1.549,37 | (3 gg. a | Euro 774,69
Dal 1 al 30 | (L. 3.000.000) | settimana su 6) | (L. 1.500.000)

=====================================================================
| Retribuzione | |
| annua utile ai | |
| fini TFR ad | |
| orario intero | | Retribuzione
Durata del | comprensiva | | annua utile ai
contratto | rateo 13a | Orario | fini TFR
=====================================================================
Dal 1 gennaio al| euro 18.592,45 |Ciclico (un mese |euro 6.197,48 (L.
31 dicembre |(L. 36.000.000) | ogni 3) | 12.000.000)

Contrariamente a quanto avviene per l’indennita’ premio o per
l’indennita’ di buonuscita, quindi, ai fini TFR il servizio reso a
part-time non si contrae rapportandolo ad orario intero e la
retribuzione da prendere a base di calcolo e’ quella effettiva e non
quella virtuale prevista per il tempo pieno.

3. Pagamento del TFR.
Il diritto al pagamento del TFR sorge alla risoluzione del
contratto di lavoro, purche’ il dipendente non ne abbia sottoscritto
un altro (sia a tempo determinato che a tempo indeterminato)
decorrente dal giorno immediatamente successivo alla scadenza del
primo con un ente obbligato ad iscrivere i propri dipendenti
all’INPDAP ai fini TFS o TFR.
In tal caso l’iscritto avra’ diritto al pagamento al verificarsi
della prima interruzione di almeno un giorno tra un contratto e
l’altro ovvero all’atto della definitiva cessazione dal servizio.

Termini di pagamento del TFR.
L’INPDAP deve provvedere al pagamento del TFR entro gli stessi
termini previsti dalla legge n. 140/1997 per il pagamento del TFS.
Pertanto, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro per
limiti di eta’, di servizio, per inabilita’ e per decesso, le
amministrazioni sono tenute ad inviare il mod. TFR/1 entro quindici
giorni dalla risoluzione del rapporto di lavoro e l’Istituto e’
obbligato a corrispondere la prestazione entro i successivi novanta
giorni.
In caso di risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi altra
motivazione diversa da quelle sopra indicate, il pagamento del TFR
non potra’ avvenire prima che siano decorsi centottanta giorni dalla
cessazione dal servizio, termine entro il quale le amministrazioni
devono inviare il modello TFR/1.
In caso di rapporto di lavoro a tempo determinato che si risolva
alla scadenza dei termini fissati contrattualmente, la risoluzione
del rapporto si considera avvenuta per “limiti di servizio” e il
pagamento della prestazione dovra’ essere effettuato entro i
successivi centocinque giorni (15 + 90).
Laddove, viceversa, un rapporto di lavoro a tempo determinato si
risolva per dimissioni o per destituzione antecedentemente alla
scadenza dei termini contrattuali, il pagamento non potra’ avvenire
prima di centottanta giorni.
Poiche’ la mancata osservanza dei termini di pagamento comporta
l’obbligo della corresponsione degli interessi di mora, le
amministrazioni iscritte avranno cura di inviare i modelli TFR/1 nel
rispetto delle anzidette scadenze.

4. Retribuzione utile ai fini TFR.
Si rammenta che ai fini del TFR sono utili tutti gli emolumenti
valutabili nella base di calcolo del TFS nonche’ le ulteriori voci
retributive espressamente indicate nei contratti collettivi di
comparto.
In un contratto di lavoro della durata minima di quindici giorni
continuativi nel mese, il lavoratore, anche se il contributo e’
dovuto dal datore di lavoro sulla retribuzione effettivamente
corrisposta, ha diritto al TFR calcolato sulla retribuzione virtuale
riferita all’intero mese. Si ritiene utile riportare nello schema
seguente alcuni esempi indicativi di come debba essere determinata
tale retribuzione virtuale nelle differenti fattispecie che possono
in concreto verificarsi.

—-> Vedere Tabella in formato zip

In caso di due periodi di servizio prestati continuativamente,
con due differenti retribuzioni, e che sommati raggiungano un minimo
di quindici giorni ma non ricoprano l’intero arco del mese, lo
stipendio utile virtuale sul quale andra’ calcolato il TFR deriva
dalla seguente formula:

retribuzione utile = Q1 + Q2

dove Q1 = giorni effettivi lavorati nel primo periodo (es.: giorni
10) per retribuzione virtuale mensile del primo periodo (es.:
Euro 1.549,37 – L. 3.000.000)/giorni totali effettivamente lavorati
(es.: giorni 15) Euro 1.032,91 – L. 2.000.000;
Q2 = giorni effettivi lavorati nel secondo periodo (es.: giorni 5)
per retribuzione virtuale mensile del secondo periodo (es.:
Euro 2.324,06 – L. 4.500.000)/giorni totali effettivamente lavorati
(es.: giorni quindici) = Euro 774,69 – L. 1.500.000.
Pertanto la retribuzione virtuale utile ai fini del TFR sara’
pari ad Euro 1.807,60 (L. 3.500.000).
Se, viceversa, piu’ periodi di servizio prestati con continuita’
di iscrizione all’INPDAP a stipendio ed orari diversi ricoprano
l’intero arco temporale del mese, il TFR sara’ calcolato sulla somma
delle retribuzioni effettivamente percepite (esempio: tre contratti
decorrenti rispettivamente dal 1o al 10, dall’11 al 20 e dal 21 al 30
del mese con retribuzione di Euro 774,69 – L. 1.500.000 – il primo
contratto, Euro 1.549,37 – L. 3.000.000 – il secondo ed Euro 1.032,91
– L. 2.000.000 – l’ultimo, daranno diritto ad un TFR calcolato su
Euro 3.356,97 – L. 6.500.000).
Il TFR va calcolato sulla retribuzione virtuale intera anche in
caso di corresponsione di retribuzione ridotta per:
malattia;
messa in disponibilita’;
maternita’ (astensione obbligatoria nonche’ astensione
facoltativa per un periodo massimo complessivo tra i due genitori di
sei mesi fino a tre anni di vita del bambino – comma 2, lettera a,
art. 15, legge n. 1204/1971).
Limitatamente a tali fattispecie, anche il contributo a carico
del datore di lavoro deve essere calcolato sulla retribuzione
virtuale intera.
Si precisa che l’indennita’ per maternita’ corrisposta dopo la
risoluzione del rapporto di lavoro ai sensi dell’art. 17 della legge
n. 1204/1971 e successive modifiche ed integrazioni, non e’ utile ai
fini del TFR.
Per il personale del comparto scuola non e’ altresi’ utile ai
fini del TFR il periodo di nomina solo giuridica, nel caso in cui la
docente chiamata a prestare lavoro non assuma servizio nemmeno un
giorno perche’ gia’ in congedo obbligatorio per maternita’.

Servizi contemporanei.
In caso di servizi contemporanei, resi tutti con iscrizione
all’INPDAP, le diverse retribuzioni si sommano ai fini di un unico
TFR:
Esempio I – dipendente del comparto scuola con i seguenti
contratti:
scuola A: contratto dal 23 gennaio 2001 al 24 aprile 2001 per 9
ore su 18;
scuola B: contratto dal 25 gennaio 2001 al 20 aprile 2001 per 3
ore su 18;
scuola C: contratto dal 21 marzo 2001 al 9 giugno 2001 per 6
ore su 18.
Sara’ liquidato un unico TFR relativamente al periodo 1
febbraio-31 maggio 2001 sulla base della somma delle retribuzioni
percepite durante tale periodo per i tre contratti di lavoro. Si
rammenta che i periodi dal 23 al 31 gennaio 2001 e dal 1o al 9 giugno
2001 non sono utili ai fini TFR perche’ inferiori ai quindici giorni
nel mese.
Esempio II – dipendente del comparto scuola con i seguenti
contratti:
scuola A: contratto dal 1 aprile 2002 al 15 aprile 2002 per 5
ore su 18;
scuola B: contratto dal 13 aprile 2002 al 15 aprile 2002 per 12
ore su 18.
Sara’ liquidato un unico TFR relativamente al periodo 1 aprile
2002-30 aprile 2002 sulla base della retribuzione virtuale che si
ottiene raddoppiando la somma delle retribuzioni effettivamente
percepite per i due contratti di lavoro.
Esempio III – dipendente del comparto scuola con i seguenti
contratti:
scuola A: contratto dal 1 aprile 2002 al 15 aprile 2002 per 5
ore su 18;
scuola B: contratto dal 5 aprile 2002 al 28 aprile 2002 per 12
ore su 18.
Sara’ liquidato un unico TFR relativamente al periodo 1 aprile
2002-30 aprile 2002 sulla base della retribuzione virtuale che si
ottiene applicando la piu’ volte citata formula Q1 + Q2.
Il titolare di due contratti di lavoro contemporanei, di cui uno
a tempo indeterminato in regime di TFS e l’altro a tempo determinato
in regime di TFR, avra’ diritto al pagamento del TFR al momento della
risoluzione del rapporto di lavoro a tempo determinato sempreche’ non
stipuli un nuovo contratto il giorno successivo alla scadenza del
precedente.
Il TFS sara’ ovviamente corrisposto alla risoluzione del rapporto
di lavoro a tempo indeterminato.
5. Adempimenti degli enti iscritti.
Versamento dei contributi.
Come noto, la legge pone a totale carico dell’ente datore di
lavoro il contributo ai fini TFR.
Per gli enti locali e per quelli del comparto sanita’ tale
contributo ammonta al 6,10% della retribuzione utile e della I.I.S.
(entrambe calcolate nella misura dell’80%). Per le amministrazioni
statali il contributo ammonta al 9,60% della retribuzione utile
(calcolata nella misura dell’80%) e della I.I.S. (calcolata nella
misura del 48%).
In caso di rapporti di lavoro a tempo determinato le
amministrazioni iscritte sono tenute al versamento del contributo
anche per contratti inferiori ai quindici giorni continuativi nel
mese e che non fanno quindi sorgere il diritto al TFR.
Ove il dipendente interrompa l’iscrizione all’Istituto dopo
quindici giorni continuativi e prima della fine del mese, come
anticipato, l’onere del pagamento del TFR per l’intero mese fara’
carico all’INPDAP.
Poiche’ in caso di rapporto di lavoro a tempo determinato in atto
al 30 maggio 2000 l’INPDAP corrisponde il TFR relativo all’intera
durata del contratto, le amministrazioni – laddove non lo abbiano
gia’ fatto – dovranno provvedere alla regolarizzazione contributiva
per tutti i contratti di lavoro a tempo determinato in essere alla
suddetta data del 30 maggio 2000 e che siano iniziati dopo il 31
maggio 1999.
Laddove il contratto di lavoro a tempo determinato in essere al
30 maggio 2000 sia iniziato precedentemente al 31 maggio 1999, l’ente
dovra’ modificare solo l’imputazione del versamento (TFR anziche’
TFS), in quanto e’ gia’ in corso il pagamento del contributo perche’
e’ stato superato l’anno di servizio con l’iscrizione del dipendente.
Il TFS maturato al 30 maggio 2000 costituira’ la “prima quota”
del TFR sulla quale l’Istituto effettuera’ le rivalutazioni di legge.
Esempio: contratto di lavoro a tempo determinato decorrente dal 1
febbraio 1998 e con scadenza al 31 dicembre 2001. L’INPDAP calcolera’
il TFS maturato per il periodo dal 1 febbraio 1998 al 30 maggio 2000
e per il quale e’ gia’ stato versato il relativo contributo. Tale
importo costituira’ prima quota del TFR cui andranno aggiunte le
successive quote relative al periodo dal 31 maggio 2000 al 31
dicembre 2001.
Con informative n. l dell’11 gennaio 2001 e successive della
Direzione centrale entrate, sono state fornite le necessarie
indicazioni circa le modalita’ di versamento e regolarizzazione
contributiva per le nuove iscrizioni ai fini TFR.
Con circolare di prossima emanazione il Ministero
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca scientifica
fornira’ dettagliate istruzioni alle scuole in merito alle modalita’
di versamento dei contributi dovuti all’INPDAP, anche al fine di
regolarizzare tutte le pregresse posizioni.

Iscrizione al Fondo credito.
Con legge n. 662 del 23 dicembre 1996, art. 1, comma 245, e’
stata istituita la gestione unitaria per le prestazioni creditizie
agli iscritti all’INPDAP, che ha trovato esecuzione nel regolamento
di cui al decreto 28 luglio 1998, n. 463 (Gazzetta Ufficiale n. 5
dell’8 gennaio 1999).
La medesima legge finanziaria, all’art. 1, commi 242 e 243, ha
individuato quali destinatari della gestione i dipendenti gia’
iscritti al Fondo di previdenza e credito di cui al testo unico delle
norme sulle prestazioni previdenziali a favore dei dipendenti civili
e militari dello Stato (decreto del Presidente della Repubblica 29
dicembre 1973, n. 1032), e gli iscritti alle casse di previdenza,
confluite nell’INPDAP.
Alla luce della succitata disciplina ed in considerazione del
mutato quadro normativo con l’estensione ai pubblici dipendenti del
trattamento di fine rapporto di cui all’art. 2120 del codice civile,
introdotto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20
dicembre 1999, modificato dal decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri 2 marzo 2001, l’obbligo di versamento del contributo per
le prestazioni creditizie, per tutti i dipendenti delle pubbliche
amministrazioni (quindi anche per quelli dello Stato), sussiste dalla
data di iscrizione all’Istituto che coincide con la data di
decorrenza del trattamento economico di attivita’, derivante sia da
contratti a tempo indeterminato che da quelli a tempo determinato per
periodi anche inferiori a quindici giorni.
Il contributo da destinare al Fondo, pari allo 0,35%, da
calcolare e trattenere al lavoratore sulla stessa retribuzione
imponibile ai fini pensionistici, deve essere versato a cura delle
amministrazioni iscritte alla CPDEL, CPS, CPI, CPUG, previa
compilazione della denuncia mensile (circolare n. 1/2000 – allegato
2) seguendo le modalita’ dettate per i contributi obbligatori
(indicando la cassa credito) sulla contabilita’ speciale di tesoreria
provinciale n. 1011 o sulla tesoreria centrale (conto infruttifero n.
21039) per gli enti con rapporti di girofondi (inf. Direzione entrate
n. 2 del 22 febbraio 2002).
Nelle more della realizzazione della gestione informatizzata dei
dati dei dipendenti dello Stato, le amministrazioni dello Stato
procederanno direttamente al versamento del contributo “credito”
sulle contabilita’ suddette gia’ aperte.
Si ricorda che per i dipendenti cessati dalla iscrizione e
nuovamente iscritti, il periodo della precedente iscrizione e’ utile
per il conseguimento del diritto alle prestazioni creditizie e
sociali.

Adeguamento stipendi personale in regime di TFR.
Per assicurare l’uguaglianza della retribuzione netta e delle
trattenute fiscali tra i dipendenti in regime di TFS e quelli in
regime di TFR, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
20 dicembre 1999 ha stabilito che lo stipendio tabellare lordo del
personale in regime di TFR sia diminuito di un importo pari a quello
che il personale con diritto al TFS ha e mantiene a suo carico per
quest’ultima prestazione.
Lo stipendio lordo cosi diminuito viene poi figurativamente
incrementato dello stesso importo ai fini della determinazione della
base di calcolo del trattamento di pensione e del TFR.

Esempio:

—-> Vedere Esempio in formato zip
(*) Non e’ stato quantificato l’importo della IIS
perche’, com’e’ noto, diversa e’ la quota di tale voce
retributiva da assoggettare a contribuzione ai fini IPS e
ai fini dell’indennita’ di buonuscita. (*) Importo da
prendere a base di calcolo del TFS.
(***) Importo da prendere a base di calcolo del TFR.

La diminuzione della retribuzione lorda prevista dal decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri 20 dicembre 1999 deve essere
effettuata solo sugli importi stipendiali effettivamente corrisposti
e anche nel caso in cui il contratto di lavoro sia di durata
inferiore ai quindici giorni continuativi nel mese e non faccia
pertanto sorgere il diritto al TFR.
Esempi:
I. rapporto di lavoro dal 1o al 10 giugno 2002: va effettuata
la diminuzione dello stipendio lordo spettante per tale periodo di
servizio anche se il dipendente non ha maturato il diritto al TFR;
II. rapporto di lavoro dal 27 gennaio al 3 luglio 2002: la
diminuzione va effettuata sugli stipendi spettanti per il periodo
27 gennaio-3 luglio 2002 anche se i periodi dal 27 al 31 gennaio e
dal 1o al 7 luglio non sono utili ai fini del TFR.
III. rapporto di lavoro dal 1o al 20 aprile 2002: la
diminuzione va effettuata sulla retribuzione lorda effettivamente
spettante anche se il TFR sara’ calcolato sulla retribuzione virtuale
dell’intero mese.
Le amministrazioni che non hanno provveduto alla diminuzione
degli stipendi lordi dei dipendenti in regime di TFR sono creditrici
nei loro confronti del maggior stipendio netto corrisposto e nei
confronti dell’Erario delle maggiori somme trattenute e versate a
titolo di IRPEF.
L’INPDAP, su richiesta degli enti datori di lavoro, potra’
provvedere al recupero dei maggiori importi stipendiali corrisposti
ovvero del contributo per il Fondo credito solo a condizione che il
lavoratore interessato autorizzi tale recupero con propria
dichiarazione scritta.

Compilazione ed invio modelli TFR/1 e TFR/2.
Gli enti devono provvedere alla compilazione e all’invio
all’INPDAP dei modelli TFR/1 per tutti i rapporti di lavoro a tempo
determinato in atto al 30 maggio 2000 o sorti successivamente nonche’
per quelli a tempo indeterminato che abbiano fatto maturare il
diritto al TFR (cfr. punto 1).
Il nuovo sistema informativo dell’INPDAP prevede che tutte le
prestazioni a carico dell’Istituto vengano liquidate dalla sede
provinciale nel cui territorio l’iscritto ha la propria residenza.
Per il comparto scuola, in caso di servizi continuativi resi
presso scuole diverse, competente alla compilazione del mod. TFR/1 ed
al suo invio all’INPDAP e’ la scuola presso la quale il dipendente ha
prestato l’ultimo servizio.
In caso di adeguamento stipendiale in applicazione di contratti
collettivi di lavoro con effetto retroattivo, le amministrazioni
provvederanno alla compilazione e all’invio del mod. TFR/2 e l’INPDAP
procedera’ alla riliquidazione del TFR.
Le amministrazioni non dovranno allegare ai modelli TFR/1 e TFR/2
compilati in ogni loro parte, alcun altro documento. E’ fatta
ovviamente salva la facolta’ della sede competente alla liquidazione
di chiedere, nel caso in cui avesse perplessita’ sulla corretta
applicazione delle norme da parte dell’amministrazione di
appartenenza, la documentazione necessaria alla definizione della
pratica.

6. Riscatti.
Come e’ noto, la normativa che disciplina il TFS consente di
riscattare, previo pagamento di un “contributo” a totale carico del
dipendente, alcuni periodi e/o servizi che altrimenti non sarebbero
valutabili.
Le norme del codice civile che regolano la liquidazione del TFR
non prevedono invece l’istituto del riscatto. Una eccezione e’ pero’
contemplata per i dipendenti pubblici dall’art. 1, comma 9, del
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 20 dicembre 1999
che ha disposto che il personale in servizio a tempo determinato alla
data del 30 maggio 2000, e quindi obbligatoriamente in regime di TFR,
possa chiedere il riscatto di periodi di servizio svolti a tempo
determinato precedentemente a quelli relativi al contratto in essere
alla suddetta data del 30 maggio 2000, purche’ detti servizi non
abbiano fatto sorgere il diritto all’iscrizione all’INPDAP (ex
gestione ENPAS o ex gestione INADEL) ne’ abbiano dato luogo ad alcun
tipo di liquidazione.
Al di la’ dei suddetti servizi nessun altro periodo e/o servizio
puo’ essere riscattato ai fini TFR.
Le modalita’ per la richiesta di riscatto sono le stesse previste
per il TFS. La relativa domanda va pertanto presentata in costanza di
servizio.
Il periodo riscattato, quantificato in termini di somma da
accantonare, andra’ a costituire quota di TFR a decorrere dal
novantesimo giorno successivo alla data della determinazione di
riscatto e sara’ valorizzato con il primo TFR da percepire.
Il personale che, pur essendo in regime di TFR, non era in
servizio a tempo determinato alla data del 30 maggio 2000 non ha
diritto ad alcun tipo di riscatto.
La somma corrispondente al periodo riscattato sara’ rivalutata
annualmente secondo le norme del codice civile (1,50 per cento in
misura fissa piu’ lo 0,75 per cento dell’aumento dell’indice dei
prezzi al consumo accertato dall’ISTAT).
Ai dipendenti, invece, in regime di TFS, nominati giuridicamente
a tempo indeterminato prima del 1 gennaio 2001, si applicano le norme
in materia di riscatto in vigore per il trattamento di buonuscita e
di indennita’ premio di servizio.
Non sono oggetto di riscatto, quindi, per i dipendenti dello
Stato, gli eventuali periodi a tempo determinato intercorrenti tra la
nomina giuridica e quella economica che hanno fatto sorgere il
diritto al TFR.
Esempio:
nomina giuridica a tempo indeterminato dal 1 settembre 2000 e
decorrenza economica a tempo indeterminato dal 1 settembre 2001:
I. contratto di lavoro a tempo determinato dal 27 aprile 2001
al 7 luglio 2001: l’interessato puo’ riscattare ai fini TFS i periodi
dal 1 settembre 2000 al 30 aprile 2001 e dal 1 luglio 2001 al 31
agosto 2001 (i periodi dal 27 al 30 aprile 2001 e dal 1o al 7 luglio
2001 anche se lavorati, non sono utili ai fini TFR);
II. contratti di lavoro a tempo determinato dal 1o al 14
giugno 2001 e dal 18 al 31 luglio 2001: l’interessato puo’ riscattare
l’intero periodo dal 1 settembre 2000 al 31 agosto 2001 perche’ i
contratti di lavoro svolti a tempo determinato, inferiori ai quindici
giorni continuativi nel mese, non hanno fatto sorgere il diritto al
TFR.
Tutte le precedenti indicazioni in contrasto con la presente
circolare non sono applicabili.
Roma, 1 agosto 2002
Il direttore generale: Simi

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA: CIRCOLARE 1 agosto 2002, n.30

Edilone.it