Forma delle 'Perizie giurate' redatte dai funzionari tecnici delle amministrazioni statali, delle regioni, ecc. | Edilone.it

Forma delle ‘Perizie giurate’ redatte dai funzionari tecnici delle amministrazioni statali, delle regioni, ecc.

Forma delle 'Perizie giurate' redatte dai funzionari tecnici delle amministrazioni statali, delle regioni, ecc. - Quesito
Lettera Circolare

Con riferimento alla nota sopradistinta, concernente il quesito
in oggetto, si comunica quanto segue. La dizione ”perizia giurata“,
contenuta nell’art. 4 della legge 818/84 (Vedi pagina 173),
sembrerebbe porre qualche problema interpretativo in relazione alla
provenienza di detta perizia. Infatti, se redatta da liberi
professionisti, assume la forma prevista dalla legge, mentre se posta
in essere da funzionari dei ruoli tecnici delle Amministrazioni
statali delle regioni o altri enti locali, assume la forma di una
attestazione che, senz’altro, può considerarsi equiparata alla
precedente in ottemperanza al principio della piena legalità e
correttezza dell’azione amministrativa.
Il rilascio di attestazioni di conformità di impianti o macchinari
alle disposizioni legislative in materia di prevenzione incendi è
consentito ai funzionari dei ruoli tecnici dell’Amministrazione in
virtù del D.M. 16.5.86 che, nel preambolo, garantisce, altresì,
circa la veridicità delle rilevazioni effettuate dai tecnici
incaricati.
Non si dovrebbe quindi intravedere disparità di trattamento tra chi si
rivolge al professionista privato, tenuto alla redazione di perizia
giurata e l’Amministrazione che affida l’incarico ad un proprio
tecnico abilitato all’espletamento di una perizia, in ragione
dell’Ufficio in cui svolge l’attività professionale.
In entrambe le ipotesi summenzionate, la differenza non consiste nel
titolo che abilita al rilascio di certificazioni a fini di prevenzione
incendi, bensì nella norma rivestita da dette certificazioni.
Ne discende una equiparazione delle due forme di perizia che, sebbene
provenienti da soggetti diversi, sono assimilabili anche in funzione
delle conseguenze che ne possono scaturire, a seguito di eventuali
dichiarazioni mendaci.
Difatti, sia in un caso che nell’altro, esisterebbe una presunzione
”iuris tantum“ di legalità dell’atto posto in essere, sia esso nella
forma della perizia giurata (professionista privato) che nella
attestazione rilasciata da tecnico incaricato dall’Amministrazione, in
quanto anche per quest’ultima vige la presunzione di legittimità
dell’atto amministrativo e della legalità dell’azione, secondo il
disposto dell’art. 97 comma I della Costituzione.
Pertanto, ad avviso dello scrivente, la dichiarazione resa da
funzionario tecnico, all’uopo specificamente incaricato
dall’Amministrazione di appartenenza, ha la stessa validità formale di
quella rilasciata da liberi professionisti con le modalità della
perizia giurata.

Forma delle ‘Perizie giurate’ redatte dai funzionari tecnici delle amministrazioni statali, delle regioni, ecc.

Edilone.it