Disposizioni applicative del Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 459, art. 11, comma 3, in merito alla compilazione del libretto delle verifiche per i controlli periodici da parte delle A.S.L. | Edilone.it

Disposizioni applicative del Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 459, art. 11, comma 3, in merito alla compilazione del libretto delle verifiche per i controlli periodici da parte delle A.S.L.

Disposizioni applicative del Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 459, art. 11, comma 3, in merito alla compilazione del libretto delle verifiche per i controlli periodici da parte delle A.S.L. - Circolare 25 giugno 1997, n. 162054
Circolare

A seguito della pubblicazione sulla G.U. n. 154 del
4.7.1997 della circolare del Ministero dell’Industria del Commercio e
dell’Artigianato di cui all’oggetto, che si trasmette in allegato, si
riportano appresso i necessari chiarimenti tecnici ed amministrativi
al fine della attuazione delle disposizioni in essa contenute e che
dovranno essere messe in atto alla data di ricezione della presente
circolare. Di conseguenza le disposizioni emanate con la circolare n.
90/96 sono abrogate. – Tutte le macchine denunciate in
conformità all’art. 11 – comma 3 del DPR 459/96 devono essere
immatricolate secondo le modalità previste dalla circolare n.
8/97 e con le procedure già note provvedendo eventualmente alla
regolarizzazione della denuncia. – Devono essere attivate, per le
macchine del punto 1, le procedure di addebito secondo le
modalità vigenti e con le tariffe in vigore di cui al D.M. 8
maggio 1996 (Tariffa XI p.ti 2,3,4 e 5). – Il servizio deve essere
effettuato secondo le procedure già esplicitate nella circolare
n. 64/94 e successive integrazioni. Per quanto riguarda la
compilazione del verbale di I verifica "Libretto delle
verifiche" non possono essere richiesti all’utente dati
costruttivi, ma devono essere riportati esclusivamente i dati
caratteristici rilevabili direttamente sulla macchina o desumibili dal
manuale delle istruzioni d’uso a corredo della macchina stessa;
l’eventuale non rilevabilità o non riscontrabilità dal
manuale di istruzione di qualche dato deve essere indicata alla
corrispondente voce del libretto. Per l’espletamento del servizio
devono essere utilizzati i modelli già in dotazione dei
Dipartimenti, sovrapponendo alla voce "Omologazione" la voce
"1a verifica". – I Dipartimenti periferici devono inviare
agli organi di vigilanza competenti per territorio gli elenchi delle
denuncie di cui all’art 11 – comma 3 del DPR 459/96, contenenti la
data della denuncia, il nome della ditta, il tipo di apparecchio, il
numero di fabbrica e la località di installazione, al fine di
consentire ai suddetti organi di vigilanza l’esercizio della loro
attività. – Per le macchine già in servizio provviste di
Libretto di immatricolazione e messe a disposizione dopo aver subito
modifiche costruttive o variazioni di modalità di utilizzo, i
Dipartimenti periferici devono accettare le relative denuncie solo se
tali modifiche costruttive o variazioni di utilizzo hanno comportato
la marcatura CE della macchina in conformità al combinato
disposto dell’art. 1, commi 3 e 4 e dell’art. 11, comma 3 del DPR
459/96. – Qualora l’intervento su macchina omologata non comporti
"nuova immissione sul mercato" o "nuova messa in
servizio", la verifica sarà di competenza esclusiva degli
organi di vigilanza territoriale. A tale proposito i Dipartimenti
periferici ed il Dipartimento centrale omologazione terranno a
disposizione degli organi di vigilanza le documentazioni depositate
agli atti dell’istituto. – Al fine di una rapida definizione delle
pratiche di omologazione di apparecchi di sollevamento materiali in
giacenza presso i Dipartimenti periferici, l’esame della
documentazione presentata ai sensi della circolare del Ministero del
lavoro n. 77/76 dovrà vertere nel controllo della sola
completezza formale di quanto richiesto dalla circolare stessa. A
chiarimento di alcune problematiche operative si allega la nota
tecnica CE 1. La presente circolare deve essere portata a conoscenza
di tutto il personale addetto al servizio.

Disposizioni applicative del Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 459, art. 11, comma 3, in merito alla compilazione del libretto delle verifiche per i controlli periodici da parte delle A.S.L.

Edilone.it