Direttiva CEE 05/12/1997 | Edilone.it

Direttiva CEE 05/12/1997

Direttiva CEE 05/12/1997 n. 97 - Ventitreesimo adeguamento al progresso tecnico della direttiva 67/548/CEE dei Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura delle sostanze pericolose.

Direttiva CEE 05/12/1997 n. 97
Ventitreesimo adeguamento al progresso
tecnico della direttiva 67/548/CEE dei Consiglio concernente il
ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed
amministrative relative alla classificazione, all’imballaggio e
all’etichettatura delle sostanze pericolose.

La Commissione
delle Comunità europee, visto i I trattato che istituisce la Comunità
europea, vista la direttiva 67/548/CEE dei Consiglio, dei 27 giugno
1967, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative,
regolamentari ed amministrative relative alla classificazione,
all’imballaggio e all’etichettatura delle sostanze pericolose,
modificata da ultimo dalla direttiva 96/56/CE dei Parlamento europeo e
dei Consiglio, in particolare l’articolo 28, considerando che
l’allegato I della direttiva 67/548/CEE contiene un elenco di sostanze
pericolose e dettagli relativi alla classificazione e ali
‘etichettatura per ogni sostanza o gruppi di sostanze; considerando
che studi di laboratorio indicano che alcune fibre artificiali vetrose
(silicati) presentano effetti cancerogeni; che le indagini
epidemiologiche hanno suscitato preoccupazione circa gli effetti sulla
salute delle fibre artificiali vetrose (silicati), considerando che
l’elenco delle sostanze pericolose figurante nell’allegato I deve
essere pertanto adattato e completato, in particolare per inserirvi
alcune fibre artificiali vetrose (silicati) e che occorre pertanto
modificare la prefazione dell’allegato I per inserirvi le note e le
disposizioni specifiche per l’identificazione, la classificazione e
l’etichettatura delle fibre artificiali vetrose (silicati),
considerando che, allo stato delle conoscenze attuali, sembra
giustificato in presenza di certe circostanze escludere che alcune
fibre artificiali vetrose (silicati) siano classificate come
cancerogene, considerando che questa possibilità sarà riesaminata alla
luce di sviluppi tecnici e scientifici, in particolare nell’area delle
prove di screening della cancerogenesi; considerando che in alcune
disposizioni degli allegati I e VI alla direttiva 67/548/CEE dei
Consiglio, figura la sigla “CES’; considerando che l’articolo & dei
trattato sull’Unione europeo ha sostituito i termini “Comunità
economica europea” con i termini “Comunità europea”; che occorre
pertanto sostituire nelle suddette disposizioni la sigla “CEE” con la
sigla “CP; considerando che la direttiva 96/56/CE dei Parlamento
europeo e dei Consiglio ha modificato di conseguenza le disposizioni
degli articoli 21 e 23 della direttiva 67/548/CEE dei Consiglio e
consente l’immissione sul mercato di sostanze pericolose la cui
etichetta reca il “numero CEE e la dicitura “etichettatura CEE fino al
31 dicembre 2000; considerando che le disposizioni previste dalla
presente direttiva sono conformi al parere dei comitato per
l’adeguamento al progresso tecnico delle direttive miranti
all’eliminazione degli ostacoli tecnici cigli scambi nel settore delle
sostanze e dei preparati pericolosi, ha adottato la presente
direttiva:

Articolo 1 (4)

Articolo 2

Nel corso dei periodo di
cinque anni dall’entrata in vigore della presente direttiva, la
Commissione voluterà gli sviluppi scientifici e adotterà misure per
cancellare o modificare la nota Q.

Articolo 3

l. &li Stati membri
mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari ed
amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva non
più tardi dei 16 dicembre 1998. Essi ne informano immediatamente la
Commissione. Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni,
queste contengono un riferimento alla presente direttiva o sono
corredate da un siffatto riferimento all’atto della pubblicazione
ufficiale. Le modalità dei riferimento sono decise dogli Stati
membri.

2. In derogo alla disposizione di cui all’articolo 1, gli
Stati membri permettono fino al 31 dicembre 2000 l’immissione sul
mercato di sostanze la cui etichettatura reca il “numero CEC” e la
dicitura “etichettatura CEC”.

Articolo 4

La presente direttiva entra
in vigore il terzo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta
Ufficiale delle Comunità europee.

Articolo 5

Gli Stati membri sono
destinatari della presente direttiva. Fatto a Bruxelles. il 5 dicembre
1997.

Per la Commissione
Ritt Bjerregaard
membro della
Commissione

Allegato (5)

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 13 dicembre
1997, n. L 343. Entrato in vigore il 16 dicembre 1997.
(2) Termine di
recepimento: vedi articolo 3.
(3) Testo rilevante ai fini dei SEE.
(4)
Il testo dei presente articolo è riportato in modifica alla direttiva
67/548/CEE.
(5) Il testo dell’allegato è riportato in modifica alla
direttiva 67/548/CEE.

Direttiva CEE 05/12/1997

Edilone.it