Designazione dell'«Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro | Edilone.it

Designazione dell’«Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro

Designazione dell'«Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro - Dipartimento omologazione e certificazione» quale organismo notificato per la certificazione dei recipienti a pressione trasportabili, ai sensi del decreto legislativo 2 febbraio 2002, n. 23.
Decreto Ministeriale

 IL CAPO DEL DIPARTIMENTO dei
trasporti terrestri
e per i sistemi informativi e statistici

Visto il decreto legislativo 2 febbraio 2002, n.
23, ed in particolare l’art. 8 che prevede la designazione di
organismi notificati per lo svolgimento delle attività di
certificazione per i recipienti a pressione trasportabili;
Visto il decreto del Ministero dell’industria, del commercio e
dell’artigianato e del Ministero del lavoro e della previdenza
sociale, di concerto con il Ministero degli affari esteri ed il
Ministero dei trasporti del 12 novembre 1982, che ha dato facoltà
all’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro –
Dipartimento omologazione e certificazione, già Associazione nazionale
controllo combustione, di espletare i controlli in materia di
attrezzature a pressione trasportabili;
Visto il decreto dirigenziale del 20 luglio 2001 che, nelle more
del recepimento della direttiva 1999/36/CE, ha dato facoltà
all’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro –
Dipartimento omologazione e certificazione di espletare le attività
tecnico-amministrative contenute nella precitata norma comunitaria;
Visto il decreto dirigenziale del 2 aprile 2003 concernente le
procedure per la designazione degli organismi notificati e autorizzati
non dipendenti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ai
sensi del decreto legislativo 2 febbraio 2002, n. 23;
Viste le domande presentate dal’Istituto superiore per la prevenzione
e la sicurezza del lavoro, con sede legale in via Urbana, n. 167 –
Roma del 28 gennaio 2004 e del 17 febbraio 2004;
Considerato che detto Istituto è stato costituito, quale ente tecnico
del Ministero della sanità, con la finalità di espletare la funzione
della prevenzione e della sicurezza del lavoro ed i servizi ad essa
correlati, in particolare per quanto concerne la verifica, il collaudo
e la certificazione dei recipienti a pressione, anche trasportabili;
Tenuto conto che il precitato Istituto dalla sua costituzione, opera
con continuità nel settore della certificazione dei recipienti a
pressione trasportabili, e che per tale attività ha acquisito la
professionalità e la competenza richiesta;
Tenuto conto altresì delle considerazioni espresse dalla Commissione
TPED con nota prot. n. 513-647 MOT2/U del 26 febbraio 2004; Decreta:

Art. 1.

1. L’Istituto superiore per la prevenzione e la
sicurezza del lavoro – Dipartimento omologazione e certificazione, con
sede in via Urbana, 167 – Roma, è designato quale organismo notificato
ai sensi dell’art. 8 del decreto legislativo 2 febbraio 2002, n.
23. L’organismo rilascia la certificazione di conformità delle
attrezzature a pressione trasportabili ai requisiti essenziali di
sicurezza in applicazione delle procedure di valutazione previste
dall’allegato IV, parte I, parte II e parte III del decreto
legislativo 2 febbraio 2002, n. 23.Art. 2.

1. L’attività di certificazione di cui all’art. 1
deve essere svolta secondo le forme, modalità e procedure stabilite
nel decreto legislativo 2 febbraio 2002, n. 23, e nel decreto
dirigenziale 2 aprile 2003. Tale attività deve peraltro essere
svolta nel rispetto dei requisiti e con il mantenimento della
struttura dell’organismo, nonché dell’organizzazione e gestione del
personale e delle risorse strumentali, come individuati nella
documentazione presentata, conformemente a quanto disposto dalla
Commissione per la valutazione dei requisiti di idoneità necessari per
la designazione degli organismi notificati ed autorizzati che ha
condotto l’istruttoria. È fatta salva la possibilità di modificare
elementi o procedure previa approvazione da parte del Dipartimento dei
trasporti terrestri e per i sistemi informativi e statistici.
2. Con periodicità trimestrale, copia integrale delle certificazioni
rilasciate è inviata al competente ufficio del Dipartimento dei
trasporti terrestri e per i sistemi informativi e statistici.Art. 3.

1. La presente designazione ha validità di tre anni
dalla data di pubblicazione del presente decreto.
2. Durante il periodo di validità della designazione il Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti – Dipartimento dei trasporti
terrestri e per i sistemi informativi e statistici può effettuare
verifiche atte a stabilire la permanenza dei requisiti dell’organismo.
3. Gli atti relativi all’attività di certificazione, ivi compresi i
rapporti di prova, devono essere conservati per un periodo non
inferiore a dieci anni.Art. 4.

1. Ove, nel corso dell’attività di certificazione
sia accertato, a seguito di verifica o per altra via, che l’organismo
non abbia mantenuto i requisiti essenziali di cui all’art. 2, comma 1
del presente decreto la designazione è oggetto di immediata
sospensione o revoca in applicazione dell’art. 11 del decreto
dirigenziale 2 aprile 2003.
2. Per quanto non espressamente specificato valgono le disposizioni
del decreto 2 febbraio 2002, n. 23, e del decreto dirigenziale 2
aprile 2003.
Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.

Designazione dell’«Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro

Edilone.it