Delibera/zione 07/04/1993 | Edilone.it

Delibera/zione 07/04/1993

Delibera/zione 07/04/1993 - Criteri per la ripartizione dei fondi relativi a programma generale di metanizzazione del Mezzogiorno. Gazzetta Ufficiale 21/05/1993 n. 117

Delibera/zione 07/04/1993
Criteri per la ripartizione dei fondi
relativi a programma generale di metanizzazione del Mezzogiorno.

Gazzetta Ufficiale 21/05/1993 n. 117

IL COMITATO
INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto l’art. 11
della legge 28 novembre 1980, n. 734, e successive
modificazioni ed
integrazioni, concernenti il programma generale di
metanizzazione del
Mezzogiorno.

Visto l’art. 37 della legge 14 maggio 1981, n. 219,
concernente i
programmi integrativi speciali di
metanizzazione;

Visto il decreto-legge 31 agosto 1987, n. 364,
convertito, con
modificazioni, nella legge 29 ottobre 1987, n. 445,
concernente il
rifinanziamento del programma generale di
metanizzazione del
Mezzogiorno;

Visto l’art. 24 della legge 9
gennaio 1991, n. 10, che prevede
disposizioni concernenti la
metanizzazione del Mezzogiorno;

Vista la tabella D della legge 23
dicembre 1992, n. 500, con la quale
e’ stata rifinanziata la legge n.
784/80 con uno stanziamento per il
1993 di 50 miliardi di
lire;

Visto l’art. 14 del decreto-legge n. 48 del 2 marzo 1993, che
prevede
il versamento da parte della Cassa depositi e prestiti dei
mezzi
finanziari temporaneamente messi a sua disposizione con il
decreto del
Ministro del tesoro del 27 aprile 1982 (pubblicato nella
Gazzetta
Ufficiale n. 200 del 22 luglio 1982), nella misura
determinata da
parte di questo Comitato, onde consentire la
prosecuzione del
programma operativo di metanizzazione delle regioni
dell’obiettivo l,
approvato con decisione della Commissione CEE n. C
(89) 2259/3 del 21
dicembre 1989;

Visto l’art. 13 del decreto
legislativo 3 aprile 1993, n. 96, che
stabilisce che l’attivita’
istruttoria prevista dalla legge n. 784/80
venga svolta, secondo le
direttive del CIPE, dal Ministero
dell’industria, del commercio e
dell’artigianato;

Visto il comma 3 dell’art. 19 del medesimo decreto
legislativo n.96/93
che demanda al commissario liquidatore per
l’Agenzia per la promozione
dello sviluppo del Mezzogiorno le
operazioni di trasferimento alle
amministrazioni competenti delle
attivita’ gia svolte dall’Agenzia con
il relativo personale;

Vista
la propria delibera del 27 febbraio 1981, con la quale e’ stata

approvata la prima fase del programma generale del Mezzogiorno, e

successive modificazioni ed integrazioni;

Vista la propria delibera
del 16 dicembre 1981, con la quale e’
stato approvato il programma
integrativo speciale di metanizzazione
per le regioni Campania e
Basilicata, e successive modificazioni ed
integrazioni;

Viste le
proprie delibere del 25 ottobre 1984, del 18 dicembre 1986 e
dell’11
febbraio 1988, con le quali e’ stato approvato il programma
generale
di metanizzazione del Mezzogiorno e l’articolazione dello
stesso in
piu’ interventi operativi sulla base delle risorse
finanziarie
stanziate;

Viste le proprie delibere del 21 dicembre 1989, del 30
luglio 1991 e
del 12 agosto 1992, con le quali sono stati definiti i
criteri per
l’istruttoria delle domande di finanziamento relative al
programma
generale di metanizzazione del Mezzogiorno, sono state
assegnate su
base regionale le risorse finanziarie disponibili e sono
state
apportate alcune modifiche tecniche a detto programma;

Vista
la propria delibera del 25 marzo 1992 concernente il programma
di
metanizzazione della regione Sardegna;

Vista la propria delibera del
30 dicembre 1992, con la quale e’ stata
stabilita la priorita’ di
finanziamento delle azioni relative ai
programmi statali e regionali
cofinanziati dalla Comunita’ europea
sugli altri interventi
ordinari;

Ritenuto opportuno utilizzare i residui stanziamenti allo
stato
attuale disponibili a fronte dei programmi di cui alle delibere
di
questo Comitato del 27 febbraio 1981 e del 21 dicembre 1989;

Visti i regolamenti del Consiglio delle Comunita’ europee n. 2052
del
24 giugno 1988, n. 4253 del 19 dicembre 1988 e n. 4254 del 19
dicembre
1988, con i quali sono state definite le nuove linee di
intervento del
fondo europeo di sviluppo regionale;

Su proposta del
Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, d’intesa
con il Ministro del bilancio e della
programmazione economica e per
gli interventi straordinari nel
Mezzogiorno;

Udita la relazione del
Ministro dell’industria, del commercio e

dell’
artigianato;
Delibera:

l. Per consentire la prosecuzione del
programma operativo di
metanizzazione delle regioni dell’obiettivo l,
approvato con
decisione della Commissione CEE n. C (89) 2259/3 de121
dicembre 1989,
e’ determinata in lire 100 miliardi la somma che la
Cassa depositi
e prestiti deve versare sul fondo di rotazione di cui
all’art. 5 della
legge 16 aprile 1987, n. 183, con prelievo dai mezzi
finanziari
temporaneamente messi a sua disposizione con il decreto
del Ministro
del tesoro del 27 aprile 1982 citato in premessa.

2.
L’importo complessivo di lire 215 miliardi a valere per lire 50

miliardi sullo stanziamento previsto dalla tabella D della legge n.

500/92, per lire 63 miliardi sulle risorse non utilizzate di cui alla

delibera di questo Comitato del 27 febbraio 1981, per lire 2 miliardi

sulle risorse non utilizzate di cui al punto 5 della delibera CIPE
del
21 dicembre 1989 e per lire 100 miliardi sulle disponibilita’ di
cui
al punto precedente viene destinato:

a) al finanziamento delle
reti urbane di distribuzione dei comuni per
lire 155 miliardi di cui
124 miliardi per contributi in conto capitale
e 31 miliardi per
contributi in conto interessi, salvo compensazioni.
Detta somma e’
ripartita tra le regioni interessate, secondo i criteri
adottati con
le precedenti delibere di questo Comitato del 21 dicembre
1989 e 12
agosto 1992, come indicato nell’allegata tabella A che
costituisce
parte integrante della presente delibera;

b) alla realizzazione delle
opere di allacciamento da parte dell’ENI
S.p.a. per lire 60
miliardi.

3. E’ abrogato il punto 4.1, comma 6, della delibera di
questo
Comitato del 27 febbraio 198l.

4. Le domande di finanziamento
non presentate al 31 dicembre 1992,
relativamente a secondi lotti
delle grandi reti urbane (delibera CIPE
27 febbraio 1981), vengono
rinviate al successivo biennio di cui al
punto 3 della delibera di
questo Comitato dell’11 febbraio 1988.

5. In considerazione della
necessita’ di acquisire i residui contribu-
ti comunitari a suo tempo
assegnati, i comuni inclusi nei programmi
di cui alle delibere di
questo Comitato 27 febbraio 1981 e 16 dicembre
1981 i cui termini di
ultimazione delle opere previste nei decreti del
Ministro del tesoro
siano scaduti, dovranno far pervenire al
commissario liquidatore per
l’Agenzia per la promozione dello sviluppo
del Mezzogiorno e, in
relazione al trasferimento delle funzioni, al
Ministero
dell’industria, del commercio e dell’artigianato, la
documentazione
finale, prevista dalla normativa, entro sei mesi dalla
data di
pubblicazione della presente delibera nella Gazzetta
Ufficiale.
Decorso tale termine il Ministro del tesoro dichiarera’ la
decadenza
dei benefici dei contributi (come previsto al punto 5,
comma 2, della
delibera CIPE del 27 febbraio 1981).

6. Il termine di cui al punto 9
della propria delibera del 30 luglio
1991, gia’ rinviato al 30
novembre 1992 con la delibera del 12 agosto
1992, e’ definitivamente
prorogato a sessanta giorni dalla
pubblicazione della presente
delibera nella Gazzetta Ufficiale.

7. Il termine per la presentazione
delle domande di finanziamento, con
allegato il progetto esecutivo da
parte dei capoluoghi di provincia
della regione Sardegna, di cui alla
propria delibera del 25 marzo 1992
concernente il programma di
metanizzazione regionale, e’ prorogato
al 31 luglio 1993.

8. Per
quanto altro non previsto dalla presente delibera, e per quanto

compatibili, si applicano le disposizioni delle delibere di questo

Comitato del 27 febbraio 1981, 16 dicembre 1981, 27 apri1e 1984, 25

ottobre 1984, 18 dicembre 1986, 11 febbraio 1988, 21 dicembre 1989,
30
luglio 1991 e 12 agosto 1992.

Roma, 7 aprile 1993

Il Presidente
delegato: ANDREATTA

TABELLA A

PROGRAMMA DI METANIZZAZIONE DEL
MEZZOGIORNO FONDI 1993

(Fondo di rotazione di cui all’art. 5. della
legge 183/1987, tabella
D, della legge n. 500/l992, economie
stanziamenti delibere CIPE 27
febbraio 1981 e 21 dicembre 1989).

³
Programma ³ ³
³ operativo 1987/89: ³ ³ Limiti regionali
³ popolazione
³ Percentuale di ³ delle risorse
³ residente al ³ distribuzione ³
disponibili
Regione ³ 1987 da servire ³ regionale ³ (155 miliardi)

— — —
Abruzzo…… 255.785 4,7 7,3
Molise……. 57.077 1,1
1,7
Campania….. 1.501.699 27,8 43,1
Puglia……. 698.866 12,9
20,0
Basilicata… 185.847 3,4 5,3
Calabria….. 921.580 17,0
26,3
Sicilia…… 1.791.482 33,1 51,3
——— —– —–
Totali…
5.412.336 100,0 155,0

Nota: All’ENI S.p.a. vengono destinati 60
miliardi per la realizza-
zione delle opere di allacciamento.

Delibera/zione 07/04/1993

Edilone.it