Decreto Ministeriale 26/02/2002 | Edilone.it

Decreto Ministeriale 26/02/2002

Decreto Ministeriale 26/02/2002 - Determinazione dei consumi medi dei prodotti petroliferi impiegati in lavori agricoli, orticoli, in allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nelle coltivazioni sotto serra ai fini dell'applicazione delle aliquote ridotte o dell'esenzione dell'accisa. Gazzetta Ufficiale 20/03/2002 n. 67

Decreto Ministeriale 26/02/2002
Determinazione dei consumi medi dei
prodotti petroliferi impiegati in lavori agricoli, orticoli, in
allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nelle coltivazioni
sotto serra ai fini dell’applicazione delle aliquote ridotte o
dell’esenzione dell’accisa.
Gazzetta Ufficiale 20/03/2002 n.
67

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Visto il
decreto 24 febbraio 2000, emanato in attuazione dell’art.
1, comma 4
del decreto-legge 15 febbraio 2000, n. 21, convertito con
legge 24
aprile 2000, n. 92, il quale reca la determinazione dei
consumi medi
dei prodotti petroliferi impiegati in lavori agricoli,
orticoli, in
allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nella
florovivaistica
ai fini dell’applicazione delle aliquote ridotte o
dell’esenzione di
accisa, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 53
del 4 marzo
2000;
Visto il decreto 9 marzo 2001, il quale reca
modifiche
all’articolato ed all’allegato 1 del decreto
soprarichiamato;
Vista la legge 28 dicembre 2001, n. 448 (legge
finanziaria 2002),
che all’art. 9, comma 9, prevede entro il 28
febbraio 2002 la
rideterminazione con decreto del Ministro delle
politiche agricole e
forestali dei quantitativi medi dei prodotti
petroliferi per ettaro e
per tipo di coltivazione di cui al decreto 24
febbraio 2000 predetto;
Visto l’art. 13, comma 3 della predetta legge
n. 448, che esenta da
accisa per l’anno 2002 il gasolio utilizzato
nelle coltivazioni sotto
serra;
Considerate le richieste di ulteriori
modifiche ed integrazioni dei
decreti di cui sopra pervenute dalle
regioni e province autonome
sulla base di motivate esigenze;
Ritenuto
opportuno procedere alle modifiche ed integrazioni di cui
sopra
emanando per praticita’ degli utilizzatori un nuovo
provvedimento
abrogativo dei precedenti, volto ad accrescere la
coerenza interna
degli stessi ed a migliorarne ulteriormente
l’aderenza alle
diversificate realta’ e condizioni produttive
rispettando il criterio
della standardizzazione;
Sentito l’Ente nazionale per la
meccanizzazione agricola;
Sentito il Ministro dell’economia e delle
finanze;
Acquisito il parere favorevole della Conferenza permanente
per i
rapporti fra lo Stato, le regioni e le province autonome di
Trento e
Bolzano nella seduta del 14 febbraio 2002;

Decreta:
Art.
1.

Determinazione dei consumi medi dei prodotti petroliferi da
ammettere
all’impiego agevolato in agricoltura

1. I consumi medi
standardizzati di gasolio da ammettere
all’impiego agevolato in lavori
agricoli, orticoli, in allevamento,
nella silvicoltura e piscicoltura
e nelle coltivazioni sotto serra di
cui alle premesse, intese queste
ultime quali produzioni vegetali
protette definiti dal parametro
ettaro coltura, ovvero da altri
parametri, sono determinati
nell’allegato 1 annesso al presente
decreto.
2. Le assegnazioni,
riferite ai consumi di cui al comma precedente,
sono concesse agli
aventi diritto per i valori medi standardizzati
indicati nell’allegato
1 previa corrispondente richiesta e
dichiarazione di avvenuto impiego;
nel caso di affidamento di
determinati lavori ad imprese
agromeccaniche o ad altri soggetti, di
utilizzo di tecniche colturali
semplificate ovvero di esecuzione di
lavori non direttamente collegati
al ciclo produttivo, gli aventi
diritto richiedono un quantitativo di
gasolio pari a quello indicato
nell’allegato 1 per ciascuna
lavorazione da effettuare.
3. I consumi per le singole operazioni
colturali riportati
nell’allegato 1 sono applicati anche nel caso di
eventuali
maggiorazioni concesse dalle regioni e province autonome
in
applicazione del seguente art. 2.
4. I consumi relativi alla
silvicoltura, alle colture, agli
allevamenti, alla prima
trasformazione dei prodotti agricoli, agli
impianti ed ai lavori non
previsti nell’allegato 1 sono determinati
per i singoli interventi da
apposite tabelle approntate da ciascuna
regione o provincia autonoma,
tenendo conto, per quanto possibile,
dei consumi stabiliti
nell’allegato 1, comunicate al Ministero delle
politiche agricole e
forestali.
5. I consumi relativi a macchine alimentate a benzina
sono
determinati per i singoli interventi da apposite tabelle,
approntate
da ciascuna regione o provincia autonoma con riferimento
alle
attivita’ produttive praticate, comunicate al Ministero
delle
politiche agricole e forestali.
6. Le regioni e le province
autonome per le determinazioni dei
consumi previste ai commi 4 e 5,
nonche’ per le maggiorazioni
previste al seguente art. 2 e per le
rassegnazioni derivanti da
particolari situazioni non previste
dall’art. 2, possono sentire le
organizzazioni professionali agricole
maggiormente rappresentative e
quelle delle imprese agromeccaniche e,
allorche’ reso disponibile,
fanno riferimento al prontuario di consumi
che su incarico del
Ministero delle politiche agricole e forestali
sara’ formulato
dall’Ente nazionale per la meccanizzazione agricola
d’intesa con le
regioni e province autonome.

Art 2.

Maggiorazioni
dei consumi

1. Le regioni e le province autonome possono disporre
le
maggiorazioni di cui all’allegato 1, punti 19 e 20, quando
ricorrono
le condizioni ivi riportate.
2. Per altre particolari
condizioni presenti sul proprio
territorio, quali:
a) acclivita’ e
frammentazione per i trasferimenti aziendali,
trasporto dei prodotti
agricoli e lavorazioni;
b) condizioni climatiche particolari per
l’irrigazione, il
riscaldamento delle serre e degli allevamenti;
c)
elevate profondita’ delle falde da cui attingere e
specificita’
colturali per l’irrigazione;
d) siccita’ e alluvioni;
e) ordinamenti e
tecniche colturali particolari localmente in
uso,
le regioni e le
province autonome possono disporre motivate
maggiorazioni delle
attribuzioni di cui all’allegato 1, entro la
misura massima del 100%
oltre le maggiorazioni previste dal medesimo
allegato, punti 19 e 20,
dandone comunicazione al Ministero delle
politiche agricole e
forestali.

Art. 3.

Norme finali

1. I decreti ministeriali 24
febbraio 2000 e 9 marzo 2001 sono
abrogati.
2. Con successivo decreto
si potra’ procedere alla modifica del
presente provvedimento e
dell’annesso allegato 1.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 26 febbraio
2002
Il Ministro: Alemanno

Decreto Ministeriale 26/02/2002

Edilone.it