Decreto Ministeriale 15/07/1966 | Edilone.it

Decreto Ministeriale 15/07/1966

Decreto Ministeriale 15/07/1966 - Determinazione delle attività delle sostanze radioattive ai fini della classificazione degli esercizi commerciali, di cui all'art. 32 del decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 1964, n. 185. Gazzetta Ufficiale 03/09/1966 n. 219

Decreto Ministeriale 15/07/1966
Determinazione delle attività delle
sostanze radioattive ai fini della classificazione degli esercizi
commerciali, di cui all’art. 32 del decreto del Presidente della
Repubblica 13 febbraio 1964, n. 185.
Gazzetta Ufficiale 03/09/1966 n.
219

IL MINISTRO PER L’INDUSTRIA E

PER IL COMMERCIO,

di concerto
con

IL MINISTRO PER L’INTERNO,

IL MINISTRO PER IL LAVORO E

LA
PREVIDENZA SOCIALE

e

IL MINISTRO PER LA SANITA’

Vista la legge
14 ottobre 1957, n. 1203, concernente la ratifica e l’esecuzione del
Trattato istitutivo della Comunità europea dell’energia atomica;

Vista la legge 31 dicembre 1962, n. 1860, sull’impiego pacifico
dell’energia nucleare;

Vista la legge 11 agosto 1960, n. 933,
concernente la istituzione del Comitato nazionale per l’energia
nucleare;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 13
febbraio 1964, n. 185, sulla sicurezza degli impianti e protezione
sanitaria dei lavoratori e delle popolazioni contro i pericoli delle
radiazioni ionizzanti derivanti dall’impiego pacifico dell’energia
nucleare;

Ritenuta la necessità di fissare, ai sensi dell’art. 32
del citato decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 1964,
n. 185, l’attività in curie delle sostanze radioattive conservate nei
contenitori di trasporto integri ai fini della classificazione degli
esercizi commerciali nelle categorie A e B indicate nello stesso art.
32;

Udito il Comitato nazionale per l’energia nucleare;

Udito il
Consiglio interministeriale di coordinamento e consultazione per i
problemi relativi alla sicurezza nucleare e alla protezione sanitaria
della popolazione e dei lavoratori, di cui all’art. 10 del citato
decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 1964, n. 185;

Decreta:

Art. 1

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 32 del
decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 1964, n. 185,
l’esercizio del commercio è classificato nella categoria A quando,
ferma restando la condizione fissata dallo stesso art. 32 concernente
la integrità dei contenitori di trasporto, la quantità totale di
radioattività delle sostanze radioattive presente in ogni singolo
deposito, magazzino, ufficio ed ogni altra sede in genere
dell’esercizio è inferiore ai seguenti valori:

1) 10 millicurie per
uno dei seguenti nuclidi radioattivi:

Radio 226 (Ra226); Attinio 227
(Ac227); Torio 228 (Th228); Torio 230 (Th230); Protoattinio 231
(Pa231); Nettunio 237 (Np237); Plutonio (Pu238); Plutonio 239 (Pu239);
(come emettitori alfa sotto forma di sorgenti standard); Plutonio 240
(Pu240); Americio 241 (Am241); Plutonio 242 (Pu242); Americio 243
(Am243); Curio 243 (Cm243); Curio 244 (Cm244); Curio 245 (Cm245);
Curio 246 (Cm246); Californio 249 (Cf249); Californio 250 (Cf250);
Californio 252 (Cf252).

2) 1 curie per uno dei seguenti nuclidi
radioattivi:

Stronzio 90 (Sr90); Cerio 144 (Ce144); Europio 154
(Eu154); Piombo 210 (Pb210); Polonio 210 (Po210); Radon 222 (Rn222);
Radio 223 (Ra223); Radio 224 (Ra224); Torio 227 (Th227); Radio 228
(Ra228); Attinio 228 (Ac228); Protoattinio 230 (Pa230); Uranio 230
(U230); Uranio 232 (U232); Uranio 233 (U233); Uranio 234 (U234);
(l’Uranio arricchito in U235 e il contenente U234 appartiene al gruppo
3); Uranio 236 (U236); Plutonio 241 (Pu241); Curio 242 (Cm242);
Berchelio 249 (Bk249);

3) 200 curie per uno dei seguenti nuclidi
radioattivi:

Idrogeno 3 (H3); Berillio 7 (Be7); Carbonio 14 (C14);
Fluoro 18 (F18); Sodio 22 (Na22); Sodio 24 (Na24); Silicio 31 (Si31);
Fosforo 32 (P32); Zolfo 35 (S35); Cloro 36 (Cl36); Argon 37 (Ar37);
Cloro 38 (Cl38); Argon 41 (Ar41); Potassio 42 (K42); Calcio 45 (Ca45);
Scandio 46 (Sc46); Scandio 47 (Sc47); Calcio 47 (Ca47); Scandio 48
(Sc48); Vanadio 48 (V48); Cromo 51 (Cr51); Manganese 52 (Mn52);
Manganese 54 (Mn54); Ferro 55 (Fe55); Manganese 56 (Mn56); Cobalto 57
(Co57); Cobalto 58m (Co58m); Cobalto 58 (Co58); Nichel 59 (Ni59);
Ferro 59 (Fe59); Cobalto 60 (Co60); Nichel 63 (Ni63); Rame 64 (Cu64);
Nichel 65 (Ni65); Zinco 65 (Zn65); Zinco 69m (Zn69m); Zinco 69 (Zn69);
Germanio 71 (Ge71); Gallio 72 (Ga72); Arsenico 73 (As73); Arsenico 74
(As74); Selenio 75 (Se75); Arsenico 76 (As76); Arsenico 77 (As77);
Bromo 82 (Br82); Cripton 85m (Kr85m); Cripton 85 (Kr85); Stronzio 85m
(Sr85m); Stronzio 85 (Sr85); Rubidio 86 (Rb86); Rubidio 87 (Rb87);
Cripton 87 (Kr87); Stronzio 89 (Sr89); Ittrio 90 (Y90); Ittrio 91m
(Y91m); Ittrio 91 (Y91); Stronzio 91 (Sr91); Stronzio 92 (Sr92);
Ittrio 92 (Y92); Ittrio 93 (Y93); Zirconio 93 (Zr93); Niobio 93m
(Nb93m); Zirconio 95 (Zr95); Niobio 95 (Nb95); Tecnezio 96m (Tc96m);
Tecnezio 96 (Tc96); Tecnezio 97m (Tc97m); Tecnezio 97 (Tc97); Zirconio
97 (Zr97); Niobio 97 (Nb97); Rutenio 97 (Ru97); Tecnezio 99m (Tc99m);
Tecnezio 99 (Tc99); Molibdeno 99 (Mo99); Rutenio 103 (Ru103); Rodio
103m (Rh103m); Palladio 103 (Pd103); Rodio 105 (Rh105); Rutenio 105
(Ru105); Argento 105 (Ag105); Rutenio 106 (Ru106); Palladio 109
(Pd109); Cadmio 109 (Cd109); Argento 110m (Ag110m); Argento 111
(Ag111); Indio 113m (In113m); Stagno 113 (Sn113); Indio 114m (In114m);
Indio 115m (In115m); Indio 115 (In115); Cadmio 115m (Cd115m); Cadmio
115 (Cd115); Antimonio 122 (Sb122); Antimonio 124 (Sb124); Antimonio
125 (Sb125); Stagno 125 (Sn125); Tellurio 125m (Te125m); Iodio 126
(I126); Tellurio 127m (Te127m); Tellurio 127 (Te127); Iodio 129
(I129); Tellurio 129m (Te129m); Tellurio 129 (Te129); Bario 131
(Ba131); Cesio 131 (Cs131); Iodio 131 (I131); Tellurio 131m (Te131m);
Xenon 131m (Xe131m); Tellurio 132 (Te132); Iodio 132 (I132); Iodio 133
(I133); Xenon 133 (Xe133); Iodio 134 (I134); Cesio 134m (Cs134m);
Cesio 134 (Cs134); Cesio 135 (Cs135); Iodio 135 (I135); Xenon 135
(Xe135); Cesio 136 (Cs136); Cesio 137 (Cs137); Bario 140 (Ba140);
Lantanio 140 (La140); Cerio 141 (Ce141); Praseodimio 142 (Pr142);
Cerio 143 (Ce143); Praseodimio 143 (Pr143); Neodimio 144 (Nd144);
Promezio 147 (Pm147); Samario 147 (Sm147); Neodimio 147 (Nd147);
Neodimio 149 (Nd149); Promezio 149 (Pm149); Samario 151 (Sm151);
Europio 152 (Eu152 9,2 ore); Europio 152 (Eu152 13 anni); Samario 153
(Sm153); Gadolinio 153 (Gd153); Europio 155 (Eu155); Gadolinio 159
(Gd159); Terbio 160 (Tb160); Disprosio 165 (Dy165); Disprosio 166
(Dy166); Olmio 166 (Ho166); Erbio 169 (Er169); Tulio 170 (Tm170);
Tulio 171 (Tm171); Erbio 171 (Er171); Itterbio 175 (Yb175); Lutezio
177 (Lu177); Afnio 181 (Hf181); Tanalio 182 (Ta182); Renio 183
(Re183); Tungsteno 185 (W185); Osmio 185 (Os185); Renio 186 (Re186);
Renio 187 (Re187); Tungsteno 187 (W187); Renio 188 (Re188); Renio
naturale (Re Nat.); Iridio 190 (Ir190); Osmio 191m (Os191m); Osmio 191
(Os191); Platino 191 (Pt191); Iridio 192 (Ir192); Osmio 193 (Os193);
Platino 193m (Pt193m); Platino 193 (Pt193); Iridio 194 (Ir194); Oro
196 (Au196); Mercurio 197m (Hg197m); Mercurio 197 (Hg197); Platino
197m (Pt197m); Platino 197 (Pt197); Oro 198 (Au198); Oro 199 (Au199);
Tallio 200 (Tl200); Tallio 201 (Tl201); Tallio 202 (Tl202); Piombo 203
(Pb203); Mercurio 203 (Hg203); Tallio 204 (Tl204); Bismuto 206
(Bi206); Bismuto 207 (Bi207); Bismuto 210 (Bi210); Astato 211 (At211);
Piombo 212 (Pb212); Bismuto 212 (Bi212); Radon 220 (Rn220); Torio 231
(Th231); Torio 232 (Th232); Protoattinio 233 (Pa233); Torio 234
(Th234); Torio naturale (Th Nat.); Uranio 235 (U235); Uranio 238
(U238); Uranio naturale (U. Nat.); Nettunio 239 (Np239).

La lettera
m apposta ad alcuni simboli indica: metastabile.

4) 2000 curie per
uno qualsiasi dei nuclidi di cui ai punti precedenti, quando si
presenti sotto forma di un solido compatto, non friabile, insolubile
nell’acqua, non reagente con l’aria o con l’acqua e di cui nessuna
parte ha un punto di fusione inferiore a 538 gradi centigradi.

L’esercizio del commercio di Uranio naturale (o impoverito) e di
Torio naturale è in ogni caso classificato nella categoria A.

Art. 2

Ai fini dell’applicazione dell’art. 1 del presente decreto, i
nuclidi radioattivi che non figurano negli elenchi riportati ai punti
1), 2) e 3) dello stesso articolo, devono essere considerati
appartenenti all’elenco di cui al punto 1) del suddetto art. 1.

Art.
3

In caso di più nuclidi radioattivi elencati sotto un medesimo
punto del precedente art. 1, la quantità totale di radioattività
rilevante ai fini del citato articolo è data dalla somma delle
quantità di ciascun nuclide radioattivo.

In caso di più nuclidi
radioattivi elencati sotto distinti punti al precedente art. 1, la
condizione prevista al citato articolo si verifica allorchè la somma
dei rapporti tra le quantità di radioattività di ciascun nuclide e le
quantità limite fissate per ciascuno di essi è inferiore all’unità.

Art. 4

In tutti gli altri casi l’esercizio del commercio è
classificato nella categoria B.

Art. 5

Le disposizioni del
presente decreto, si applicano anche quando le sostanze radioattive
sono contenute in apparecchi, in apparecchiature e in ogni altro
dispositivo in genere.

Decreto Ministeriale 15/07/1966

Edilone.it