Decreto Ministeriale 08/03/2002 | Edilone.it

Decreto Ministeriale 08/03/2002

Decreto Ministeriale 08/03/2002 -Modifiche alla tabella relativa alle zone climatiche di appartenenza dei comuni italiani, allegata al regolamento per gli impianti termici degli edifici, emanato con decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412. Gazzetta Ufficiale 03/04/2002 n. 78

Decreto Ministeriale 08/03/2002
Modifiche alla tabella relativa alle
zone climatiche di appartenenza dei comuni italiani, allegata al
regolamento per gli impianti termici degli edifici, emanato con
decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412.

Gazzetta Ufficiale 03/04/2002 n. 78

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA’
PRODUTTIVE
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto
1993, n.
412, recante il “Regolamento per la progettazione,
l’installazione,
l’esercizio e la manutenzione degli impianti termici
degli edifici ai
fini del contenimento dei consumi di energia, in
attuazione dell’art.
4, comma 4, della legge 9 gennaio 1991, n. 10”,
come modificato dal
decreto del Presidente della Repubblica 21
dicembre 1999, n. 551;
Visto in particolare l’art. 2, comma 2, del
citato decreto del
Presidente della Repubblica n. 412/1993, secondo
cui la tabella in
allegato A, recante i gradi-giorno dei comuni
italiani, puo’ essere
modificata ed integrata con decreto del Ministro
dell’industria, del
commercio e dell’artigianato (ora Ministro delle
attivita’
produttive), anche in relazione all’istituzione di nuovi
comuni, o
alle modificazioni dei territori comunali, avvalendosi
delle
competenze tecniche dell’ENEA ed in conformita’ ad
eventuali
metodologie fissate dall’UNI;
Visti i decreti del Ministro
dell’industria, del commercio e
dell’artigianato del 16 maggio 1995
pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 119
del 24 maggio 1995, del 6
ottobre 1997 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica
italiana n. 242 del 16 ottobre 1997, del 4
agosto 2000, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 206 del 4
settembre 2000, del 12 ottobre 2000 pubblicato
nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 251 del 26
ottobre 2000, del 3
aprile 2001 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica
italiana n. 111 del 15 maggio 2001, del 20 aprile
2001 pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.
116 del 21
maggio 2001 e del 31 maggio 2001 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale
della Repubblica italiana n. 156 del 7 luglio 2001
recanti
“Modificazioni ed integrazioni alla tabella relativa alle
zone
climatiche di appartenenza dei comuni italiani allegata
al
regolamento per gli impianti termici degli edifici, emanato
con
decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n.
412”;
Visti i decreti del Ministro delle attivita’ produttive del
2
luglio 2001 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica
italiana n. 236 del 10 ottobre 2001, del 3 luglio 2001
pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 237
dell’11
ottobre 2001, del 4 luglio 2001 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale
della Repubblica italiana n. 45 del 22 febbraio 2002, del 12
luglio
2001 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n.
239 del 13 ottobre 2001, del 3 settembre 2001 pubblicato
nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 241 del 16
ottobre
2001, del 13 settembre 2001 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della
Repubblica italiana n. 261 del 9 novembre 2001, del 6
novembre 2001
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 46
del 23 febbraio 2002, del 3 dicembre 2001 pubblicato
nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 3 del 4 gennaio
2002 e del 14
gennaio 2002 in corso di pubblicazione nella Gazzetta
Ufficiale della
Repubblica italiana recanti “Modificazioni ed
integrazioni alla
tabella relativa alle zone climatiche di
appartenenza dei comuni
italiani allegata al regolamento per gli
impianti termici degli
edifici, emanato con decreto del Presidente
della Repubblica 26
agosto 1993, n. 412”;
Vista la lettera del sindaco
del comune di Ponte nelle Alpi
(Belluno) protocollo n. 19913/UT del 23
ottobre 2001, con la quale,
nell’evidenziare elementi geografici,
altimetrici e climatici dei
comuni limitrofi, viene chiesta la
verifica dell’esattezza dei
parametri che hanno determinato
l’attribuzione del comune di Ponte
nelle Alpi alla zona climatica
E;
Viste le valutazioni tecniche dell’ENEA, comunicate con
nota
UDA/2002/432 del 25 febbraio 2002, dalle quali risulta che in
sede di
compilazione della tabella A allegata al decreto del
Presidente della
Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, e’ stato
presumibilmente commesso
un errore nel calcolo dei gradi-giorno da
attribuire oltre che al
comune di Ponte nelle Alpi anche ai tre comuni
limitrofi di Belluno e
di Farra d’Alpago e Puos d’Alpago, ambedue in
provincia di Belluno, e
che sulla base delle risultanze tecniche,
conformemente alla
metodologia fissata dal decreto citato, ai comuni
di Belluno, Ponte
nelle Alpi, Farra d’Alpago e Puos d’Alpago vanno
attribuiti
rispettivamente 3043, 3048, 3053 e 3091 gradi-giorni e di
conseguenza
ai due comuni di Ponte nelle Alpi e Farra d’Alpago va
modificata la
zona climatica da E ad F, mentre ai due comuni di
Belluno e di Puos
d’Alpago va confermata la zona climatica F.
Tenuto
conto che l’UNI non ha ancora fissato nuove metodologie
di
determinazione dei gradi-giorni;
Ritenuto di dover procedere alle
necessarie rettifiche della
tabella A al citato
regolamento;
Decreta:
Articolo unico
1. Nella tabella allegata A al
decreto del Presidente della
Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, le
indicazioni relative ai comuni
di Belluno, di Ponte nelle Alpi, di
Farra d’Alpago e di Puos d’Alpago
sono sostituite da quelle di seguito
elencate:

pr z gr-g alt comune
– – – – –
BL F 3043 389 Belluno
BL F
3048 392 Ponte nelle Alpi
BL F 3053 395 Farra d’Alpago
BL F 3091 419
Puos d’Alpago

Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 8 marzo 2002
Il Ministro:
Marzano

Decreto Ministeriale 08/03/2002

Edilone.it